Vaccini anti Covid, Scaccabarozzi (Farmindustria): “si corre contro il tempo per produzione adeguata”.

Redazione1
di Redazione1 febbraio 14, 2021 22:22

Vaccini anti Covid, Scaccabarozzi (Farmindustria): “si corre contro il tempo per produzione adeguata”.

Allo stato attuale le dosi di vaccini anti-Covid somministrate nel nostro Paese sono oltre 2.770mila, con oltre 1.240mila persone vaccinate con due dosi. Il 9 febbraio è stata pubblicata la nuova versione del piano vaccinale che conferma le sei tappe in ordine decrescente di rischio. Si partirà dai 2 milioni di “estremamente vulnerabili”, compresi in 12 “aree di patologia” (tra cui anche disabilità fisica e intellettiva) per concludere con i 29 milioni di persone tra 16 e 54 anni. Ieri ha preso il via anche in Italia la somministrazione del vaccino di AstraZeneca. Intanto sono attesi un aumento delle forniture complessive all’Unione europea e probabilmente una rimodulazione delle quote nazionali – oggi all’Italia spetta il 13,46% – mentre gli esperti sottolineano la necessità di accelerare la campagna vaccinale, ma c’è il problema costituito dalla disponibilità reale delle dosi ((AgenSir).

Il 10 febbraio la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha espresso apprezzamento per l’andamento della campagna vaccinale nel nostro Paese ma ha ammesso: “Abbiamo sottovalutato la difficoltà della produzione di massa… In un certo senso, la scienza ha superato l’industria”. Concorda Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria e amministratore delegato di Janssen Italia, gruppo Johnson & Johnson, che dice al Sir: “Fortunatamente la corsa contro il tempo per arrivare ai vaccini è stata vinta. Ora si corre contro il tempo per averne una produzione adeguata”.

Circa la possibilità di aumentarne la produzione industriale, c’è da ammettere che da quando, nel gennaio di un anno fa, la Cina aveva messo a disposizione della comunità scientifica la sequenza del Sars-Cov-2, si è fatto davvero in fretta, considerando che di norma per un vaccino ci vogliono diversi anni. La produzione è partita ma non può essere già a regime. Va sottolineato inoltre che se abbiamo i vaccini nel momento in cui l’autorizzazione è arrivata, è perché molte aziende si sono assunte il rischio di produrli in anticipo. Tra sei mesi–un anno, le industrie saranno probabilmente a regime ma occorre tenere conto anche di una domanda mondiale di diversi miliardi di dosi.

Nel panorama europeo l’industria farmaceutica italiana è al primo posto per produzione, ma non sempre ci sono bioreattori disponibili. Molte aziende hanno fatto scouting a livello mondiale per cercare industrie compatibili con la produzione di vaccini. Alcune fasi del processo potranno essere eseguite anche in Italia. Ad esempio un impianto di Anagni è in grado di fare l’infialamento, che sembra un processo banale ma deve essere effettuato a determinate condizioni. Altre aziende italiane si sono proposte per effettuare alcune parti della produzione. Vi sono contatti in corso.

Riguardo all’idea di liberare i brevetti per accelerare i tempi, c’è da dire che non servirebbe. Togliere il brevetto non significherebbe avere i vaccini domani. Non tutte le aziende farmaceutiche dispongono dei bioreattori indispensabili, inoltre il brevetto è sinonimo di ricerca: non può essere abolito perché la ricerca richiede investimenti di tempo, persone, risorse economiche. Il brevetto è una garanzia senza la quale nessuno farebbe ricerca.

Alcune aziende – AstraZeneca e Johnson & Johnson – hanno messo a disposizione i vaccini in maniera non profit, praticamente a prezzo di costo. La Commissione europea ha fatto una cosa straordinaria e senza precedenti: una negoziazione centrale con contratti di prelazione con sei aziende per un miliardo e mezzo di vaccini, per garantirne una distribuzione equa ed evitarne l’accaparramento da parte di alcuni Paesi rispetto ad altri.

Del miliardo e mezzo di dosi già prenotate, e degli ulteriori 700 milioni, all’Italia spetta il 13,46% , con contratti firmati prima ancora che la ricerca fosse conclusa, prima di sapere se sarebbe andata a buon fine e senza conoscere i tempi di autorizzazione. Nei contratti si parla di opzione su un miliardo e mezzo di vaccini e di impegno da parte delle aziende a fare tutto il possibile per fornirli, ma non sono indicate date di consegna. La Commissione europea lo ha specificato: le aziende stanno facendo il massimo ma non è possibile fare una previsione. In dirittura d’arrivo il vaccino Johnson & Johnson che sembra funzionare anche sulle varianti.

 

 

 

Redazione da Ag, di i.

Redazione1
di Redazione1 febbraio 14, 2021 22:22

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 156:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login