Terremoto in Croazia, Papa Francesco prega per le vittime. La Cei stanzia 500 mila euro dall’8xmille.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 2, 2021 19:58

Terremoto in Croazia, Papa Francesco prega per le vittime. La Cei stanzia 500 mila euro dall’8xmille.

Sono gravissimi i danni prodotti dal terremoto che il 29 dicembre ha colpito la Croazia: la cattedrale danneggiata, distrutte diverse chiese, la cittadina di Petrinja presenta un terribile scenario di distruzione, almeno sette le vittime accertate e decine di feriti, ma il bilancio è destinato a salire, si cercano i dispersi. L’epicentro del sisma è stato localizzato a una cinquantina di chilometri a sud di Zagabria con effetti devastanti. E’ la scossa più violenta degli ultimi 140 anni.

Un appello alla solidarietà verso le persone colpite dal terremoto, “perché il cuore umano è aperto al bene” (Sir). E’ l’auspicio che arriva dall’arcivescovo di Zagabria, card. Josip Bozanic, dopo il devastante sisma che ha colpito la capitale e la regione di Sisak con magnitudo di 6,2 causando morti, feriti e danni materiali. “In questa prova Dio mostrerà una nuova speranza che diventa evidente in modo particolare nei tempi difficili. Il mio appello di solidarietà è soprattutto nei confronti delle famiglie, dei bambini, dei giovani, anziani e dei malati”, ha aggiunto. Inoltre il cardinale ha ordinato lo stanziamento di un aiuto urgente per le persone colpite dallo sisma, l’assistenza sarà fornita tramite la Caritas dell’arcidiocesi di Zagabria che la farà arrivare alla diocesi di Sisak per i bisognosi.

Dalla biblioteca del Palazzo apostolico vaticano, durante l’udienza generale del 30 dicembre, il messaggio solidale di Papa Francesco: “Ieri un terremoto ha provocato vittime e danni ingenti in Croazia. Esprimo la mia vicinanza ai feriti e a chi è stato colpito dal sisma. Prego in particolare per quanti hanno perso la vita e per i loro familiari. Auspico che le autorità del Paese, aiutate dalla Comunità internazionale, possano presto alleviare le sofferenze della cara popolazione croata”.

È il secondo terremoto che colpisce la Croazia, dopo quello di Zagabria del 22 marzo che ha danneggiato la cattedrale. Il Cardinale Josip Bozanic, arcivescovo di Zagabria, ha subito inviato un messaggio di sostegno alle vittime del terremoto, e determinato lo stanziamento urgente di aiuti per la diocesi di Sisak, da distribuire attraverso la Caritas dell’arcidiocesi di Zagabria e quella dell’arcidiocesi di Sisak.Il vescovo Vlado Kosic di

Sisak ha proclamato per oggi e domani due giornate di digiuno e preghiera per quello che definisce “un grande male”. “Esprimendo le condoglianze alle famiglie delle vittime – scrive il vescovo Kosic in un messaggio pubblicato sul sito della diocesi – preghiamo per i morti! Inoltre, molti dei nostri sono rimasti senza casa e vivono nella paura di nuovi terremoti, la demolizione e la distruzione delle loro proprietà, l’unica casa che hanno”. Preghiamo per avere la forza di sopportare tutto fedelmente e che in questa tragedia rimaniamo tutti coraggiosi e solidali”.

La Presidenza della Cei ha deciso lo stanziamento di 500mila euro dai fondi dall’8xmille, che i

cittadini destinano alla Chiesa cattolica, come prima forma di aiuto alle vittime del terremoto che sta colpendo la Croazia. È quanto si legge in un comunicato della Cei diffuso oggi. “C’è molta preoccupazione” si legge nel testo che riprende informazioni di Caritas Italiana, “per i danni che questo terremoto potrebbe avere sulla popolazione, dal momento che si tratta di una zona densamente popolata: la città di Zagabria e le sue aree periferiche contano 1 milione di abitanti. La Croazia si trovava già in una problematica situazione a causa della pandemia, che aveva costretto il Paese a un lockdown a partire da fine novembre, con oltre 4.000 nuovi contagi e 90 vittime al giorno.

“La Chiesa che è in Italia esprime cordoglio e vicinanza alla popolazione croata e assicura la propria preghiera per le vittime, i loro familiari e i feriti: il Signore possa lenire le sofferenze di questo momento” afferma la presidenza della Cei. Lo stanziamento è destinato, attraverso Caritas Italiana, a far fronte ai beni di prima necessità: cibo, farmaci, assistenza medica, kit igienico-sanitari, alloggi temporanei. Intanto, Caritas Italiana continua a seguire con apprensione l’evolversi della situazione e ha intensificato i contatti con Caritas Croazia. Per sostenere gli interventi della Caritas per le popolazioni colpite dal terremoto consultare www.caritas.it.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 2, 2021 19:58

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 69:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login