“Fratelli tutti”, dall’enciclica di Papa Francesco: “amicizia sociale” per curare un mondo malato

Redazione1
di Redazione1 ottobre 5, 2020 23:16

“Fratelli tutti”, dall’enciclica di Papa Francesco: “amicizia sociale” per curare un mondo malato

Per un mondo malato, e non solo di Covid, è la fraternità che si ispira al modello del Buon Samaritano la terapia che propone Papa Francesco nella sua terza enciclica, firmata ad Assisi sulla tomba di Francesco e diffusa nel giorno della festa del Santo (da SIR). Nel quarto capitolo propone una “governance per le migrazioni”. Nel quinto Bergoglio mette in guardia dal “populismo irresponsabile” tracciando l’identikit del “buon politico”. Auspica una riforma dell’Onu, affermando che “Il mercato da solo non risolve tutto”. “La Shoah non va dimenticata, mai più la guerra” il suo fermo ammonimento. Ed esorta alla gentilezza citando una canzone di Vinicius de Moraes.

Nel tracciare la vera via della pace, Papa Francesco nella sua terza enciclica “Fratelli tutti” scrive: “È possibile desiderare un pianeta che assicuri terra, casa e lavoro a tutti. Questa è la strategia, non quella stolta e miope di seminare timore e diffidenza nei confronti di minacce esterne. Parla poi di “amicizia sociale” come via per “sognare e pensare ad un’altra umanità”, seguendo la logica della solidarietà e della sussidiarietà per superare l’”inequità” planetaria già denunciata nella Laudato si’. “Se si tratta di ricominciare, sarà sempre a partire dagli ultimi”, è la ricetta del Papa per il mondo post-Covid. La terapia è la fratellanza, il testo di riferimento è il documento di Abu Dhabi e il modello è quello del Buon Samaritano, che prende su di sé “il dolore dei fallimenti, invece di fomentare odi e risentimenti”.

Il Coronavirus, che ha fatto irruzione in maniera improvvisa nelle nostre vite, “ha messo in luce le nostre false sicurezze” e la nostra “incapacità di vivere insieme”, denuncia Francesco sulla scorta del suo magistero durante la pandemia: “Che non sia stato l’ennesimo grave evento storico da cui non siamo stati capaci di imparare”, l’appello per il dopo-Covid: “Che non ci dimentichiamo degli anziani morti per mancanza di respiratori. Che un così grande dolore non sia inutile. Che facciamo un salto verso un nuovo modo di vivere e scopriamo una volta per tutte che abbiamo bisogno e siamo debitori gli uni degli altri”. “Siamo più soli che mai”, la constatazione di partenza.

La “cultura dello scarto” è stigmatizzata ancora una volta dal Papa: Vittime, in particolare, le donne, che con crimini come la tratta – insieme ai bambini – vengono “private della libertà e costrette a vivere in condizioni assimilabili a quelle della schiavitù”. “La connessione digitale non basta per gettare ponti, non è in grado di unire l’umanità”,

il rimprovero al mondo della comunicazione in rete, dove pullulano “forme insolite di aggressività, di insulti, maltrattamenti, offese, sferzate verbali fino a demolire la figura dell’altro”. I circuiti chiusi delle piattaforme, in cui ci si incontra solo tra simili con la logica dei like, “facilitano la diffusione di informazioni e notizie false, fomentando pregiudizi e odio”.

Arrivare ad “una governance globale per le migrazioni”. È l’auspicio del quarto capitolo, dedicato interamente alla questione dei migranti, da “accogliere, promuovere, proteggere e integrare”, ribadisce Francesco. “Piena cittadinanza” e rinuncia “all’uso discriminatorio del termine minoranze”, l’indicazione per chi è arrivato già da tempo ed inserito nel tessuto sociale. “La vera qualità dei diversi Paesi del mondo si misura da questa capacità di pensare non solo come Paese, ma anche come famiglia umana.

Una cosa è essere a fianco del proprio “popolo” per interpretarne il “sentire”, un’altra cosa è il “populismo”. Nel quinto capitolo, dedicato alla politica, il Papa stigmatizza l’”insano populismo” che consiste “nell’abilità di qualcuno di attrarre consenso allo scopo di strumentalizzare politicamente la cultura del popolo, sotto qualunque segno ideologico, al servizio del proprio progetto personale e della propria permanenza al potere”. No, allora, al “populismo irresponsabile”, ma anche all’accusa di populismo “verso tutti coloro che difendono i diritti dei più deboli della società”.

“La politica è più nobile dell’apparire, del marketing, di varie forme di maquillage mediatico”, ammonisce Francesco tracciando l’identikit del “buon politico”, le cui “maggiori preoccupazioni non dovrebbero essere quelle causate da una caduta nelle inchieste”: “E quando una determinata politica semina l’odio e la paura verso altre nazioni in nome del bene del proprio Paese, bisogna preoccuparsi, reagire in tempo e correggere immediatamente la rotta”.

“Il mercato da solo non risolve tutto”, mette in guardia Francesco, che chiede di ascoltare i movimenti popolari e auspica una riforma dell’Onu, per evitare che sia delegittimato. “Occorre esercitarsi a smascherare le varie modalità di manipolazione, deformazione e occultamento della verità negli ambiti pubblici e privati”. Ne è convinto il Papa, che puntualizza: “Ciò che chiamiamo ‘verità’ non è solo la comunicazione di fatti operata dal giornalismo”, e nemmeno semplice “consenso tra i vari popoli, ugualmente manipolabile”. Oggi, ad un “individualismo indifferente e spietato” e al “relativismo” – la tesi di Francesco – “si somma il rischio che il potente o il più abile riesca a imporre una presunta verità”.

“La Shoah non va dimenticata”. “Mai più la guerra”, mai più bombardamenti a Hiroshima e Nagasaki, “no” alla pena di morte. Bergoglio lo ripete, nella parte finale dell’enciclica, in cui si sofferma sull’importanza della memoria e la necessità del perdono ed esortando alla gentilezza. Come San Francesco, ciascuno di noi deve riscoprire la capacità e la bellezza di chiamarsi “fratello” e “sorella”. Perché nessuno si salva da solo, come ha detto il 266° successore di Pietro il 27 marzo scorso, in una piazza San Pietro deserta e bagnata dalla pioggia.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 5, 2020 23:16

RSS aleteia

  • I pericoli dell’attivismo nella vita interiore
    È cosa lodevole lavorare per Dio, ma attenzione a non ricadere nell’attivismo – come se volessimo “dimostrare di meritarci” la salvezza. Cerchiamo piuttosto di consolidare il nostro essere interiore prima di lanciarci nelle opere esteriori. The post I pericoli dell’attivismo nella vita interiore appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Jean-Michel Castaing
  • Un innamorato che non ha conosciuto le distanze, ma le ha percorse: san Domenico di Guzman
    O lumen Ecclesiae1 Luce della Chiesa, Dottore di verità, Rosa di pazienza, Avorio di castità,gratuitamente hai effuso l’acqua della sapienza:predicatore della grazia, ricongiungi anche noi tra i beati del cielo. Prega per noi, Santo padre Domenico.E saremo degni delle promesse di Cristo. PreghiamoTi supplichiamo Dio onnipotente, per intercessione di San Domenico nostro Padre, di sollevarci […]
    Padre Bruno Esposito, OP
  • Emma Torre: “Mio padre ha vinto questo premio anche se non c’è più”
    Si è svolta ieri sera la 66ima edizione della cerimonia dei David di Donatello, kermesse che celebra il meglio del cinema italiano. Uno dei momenti più commoventi della serata è stato quando la giovanissima Emma Torre è salita sul palco per ritirare il premio al posto del papà, lo sceneggiatore Mattia Torre, morto nel 2019. Un […]
    Annalisa Teggi
  • Pronti per un tour virtuale di una cappella in onore di San Giuseppe?
    Il 6 maggio, il Santuario Nazionale di Nostra Signora Aparecida è stato il luogo scelto per la preghiera mondiale per la fine della pandemia. Su Aleteia avete potuto seguire questa celebrazione dal vivo dall’emblematico santuario situato a San Paolo, in Brasile, come tutta la “maratona” convocata da Papa Francesco per il mese di maggio. Il […]
    Pablo Cesio
  • 5 idee ispiratrici sull’amicizia tratte dalle Scritture
    Il Vangelo ci ricorda quanto sia rivoluzionario il rapporto di Cristo con l’umanità. Egli ci ha offerto un modello radicalmente nuovo per accostarci a Dio attraverso l’amicizia. Comprendere il ruolo spirituale dell’amicizia ha un grande impatto sul modo in cui pratichiamo la nostra fede. La maggior parte delle culture antiche credeva in molti dèi, e […]
    Theresa Civantos Barber
  • La Santa Sede chiede di vaccinare i sacerdoti esposti a rischi
    “Un sacerdote che sia fedele alla sua vocazione e alla sua missione, e che quindi si spenda esercitando il proprio ministero in parrocchia, nelle carceri, negli ospedali, potrebbe essere considerato come parte di una ‘categoria a rischio’, per lo svolgimento di un servizio ‘socialmente utile’”. Lo afferma il Cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per […]
    Mirko Testa
  • Il Papa all’udienza generale: è bello rivedersi faccia a faccia
    Il Papa torna a presiedere l’udienza generale con la presenza dei fedeli. Le sue parole risuonano, tra volti di pellegrini di vari Paesi del mondo, dal Cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico. Sono contento di riprendere questo incontro faccia a faccia, perché vi dico una cosa: non è bello parlare davanti al niente, a […]
    Vatican News
  • La lettera di dimissioni di un’addetta alle pulizie diventa virale per una ragione importante
    Dopo 35 anni in cui ha pulito uffici, Julie Cousins è finalmente andata in pensione, ma prima di andarsene voleva essere certa che i suoi datori di lavoro comprendessero l’importanza di trattare con rispetto qualsiasi persona. Secondo suo figlio Joe, la donna ha lasciato una lettera che ha sottolineato gli atteggiamenti che l’hanno addolorata portandola […]
    Cerith Gardiner
  • Qual è il nostro destino? avere la stessa gloria di Cristo
    In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cristiano morto a 7 anni di tumore: mamma, come si fa ad andare in Paradiso?
    Oggi vi racconto la storia di Cristiano, un bambino salito al Cielo a soli sette anni a causa di un tumore al cervello, il 5 aprile 2016. Cristiano era appassionato di pittura e colori, ha disegnato fino al giorno prima di morire. Ultimo di sei fratelli, adorava andare a scuola, giocare a calcio, e non […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 13:
    • 111:
    maggio: 2021
    L M M G V S D
    « Apr    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login