“Fratelli tutti”, dall’enciclica di Papa Francesco: “amicizia sociale” per curare un mondo malato

Redazione1
di Redazione1 ottobre 5, 2020 23:16

“Fratelli tutti”, dall’enciclica di Papa Francesco: “amicizia sociale” per curare un mondo malato

Per un mondo malato, e non solo di Covid, è la fraternità che si ispira al modello del Buon Samaritano la terapia che propone Papa Francesco nella sua terza enciclica, firmata ad Assisi sulla tomba di Francesco e diffusa nel giorno della festa del Santo (da SIR). Nel quarto capitolo propone una “governance per le migrazioni”. Nel quinto Bergoglio mette in guardia dal “populismo irresponsabile” tracciando l’identikit del “buon politico”. Auspica una riforma dell’Onu, affermando che “Il mercato da solo non risolve tutto”. “La Shoah non va dimenticata, mai più la guerra” il suo fermo ammonimento. Ed esorta alla gentilezza citando una canzone di Vinicius de Moraes.

Nel tracciare la vera via della pace, Papa Francesco nella sua terza enciclica “Fratelli tutti” scrive: “È possibile desiderare un pianeta che assicuri terra, casa e lavoro a tutti. Questa è la strategia, non quella stolta e miope di seminare timore e diffidenza nei confronti di minacce esterne. Parla poi di “amicizia sociale” come via per “sognare e pensare ad un’altra umanità”, seguendo la logica della solidarietà e della sussidiarietà per superare l’”inequità” planetaria già denunciata nella Laudato si’. “Se si tratta di ricominciare, sarà sempre a partire dagli ultimi”, è la ricetta del Papa per il mondo post-Covid. La terapia è la fratellanza, il testo di riferimento è il documento di Abu Dhabi e il modello è quello del Buon Samaritano, che prende su di sé “il dolore dei fallimenti, invece di fomentare odi e risentimenti”.

Il Coronavirus, che ha fatto irruzione in maniera improvvisa nelle nostre vite, “ha messo in luce le nostre false sicurezze” e la nostra “incapacità di vivere insieme”, denuncia Francesco sulla scorta del suo magistero durante la pandemia: “Che non sia stato l’ennesimo grave evento storico da cui non siamo stati capaci di imparare”, l’appello per il dopo-Covid: “Che non ci dimentichiamo degli anziani morti per mancanza di respiratori. Che un così grande dolore non sia inutile. Che facciamo un salto verso un nuovo modo di vivere e scopriamo una volta per tutte che abbiamo bisogno e siamo debitori gli uni degli altri”. “Siamo più soli che mai”, la constatazione di partenza.

La “cultura dello scarto” è stigmatizzata ancora una volta dal Papa: Vittime, in particolare, le donne, che con crimini come la tratta – insieme ai bambini – vengono “private della libertà e costrette a vivere in condizioni assimilabili a quelle della schiavitù”. “La connessione digitale non basta per gettare ponti, non è in grado di unire l’umanità”,

il rimprovero al mondo della comunicazione in rete, dove pullulano “forme insolite di aggressività, di insulti, maltrattamenti, offese, sferzate verbali fino a demolire la figura dell’altro”. I circuiti chiusi delle piattaforme, in cui ci si incontra solo tra simili con la logica dei like, “facilitano la diffusione di informazioni e notizie false, fomentando pregiudizi e odio”.

Arrivare ad “una governance globale per le migrazioni”. È l’auspicio del quarto capitolo, dedicato interamente alla questione dei migranti, da “accogliere, promuovere, proteggere e integrare”, ribadisce Francesco. “Piena cittadinanza” e rinuncia “all’uso discriminatorio del termine minoranze”, l’indicazione per chi è arrivato già da tempo ed inserito nel tessuto sociale. “La vera qualità dei diversi Paesi del mondo si misura da questa capacità di pensare non solo come Paese, ma anche come famiglia umana.

Una cosa è essere a fianco del proprio “popolo” per interpretarne il “sentire”, un’altra cosa è il “populismo”. Nel quinto capitolo, dedicato alla politica, il Papa stigmatizza l’”insano populismo” che consiste “nell’abilità di qualcuno di attrarre consenso allo scopo di strumentalizzare politicamente la cultura del popolo, sotto qualunque segno ideologico, al servizio del proprio progetto personale e della propria permanenza al potere”. No, allora, al “populismo irresponsabile”, ma anche all’accusa di populismo “verso tutti coloro che difendono i diritti dei più deboli della società”.

“La politica è più nobile dell’apparire, del marketing, di varie forme di maquillage mediatico”, ammonisce Francesco tracciando l’identikit del “buon politico”, le cui “maggiori preoccupazioni non dovrebbero essere quelle causate da una caduta nelle inchieste”: “E quando una determinata politica semina l’odio e la paura verso altre nazioni in nome del bene del proprio Paese, bisogna preoccuparsi, reagire in tempo e correggere immediatamente la rotta”.

“Il mercato da solo non risolve tutto”, mette in guardia Francesco, che chiede di ascoltare i movimenti popolari e auspica una riforma dell’Onu, per evitare che sia delegittimato. “Occorre esercitarsi a smascherare le varie modalità di manipolazione, deformazione e occultamento della verità negli ambiti pubblici e privati”. Ne è convinto il Papa, che puntualizza: “Ciò che chiamiamo ‘verità’ non è solo la comunicazione di fatti operata dal giornalismo”, e nemmeno semplice “consenso tra i vari popoli, ugualmente manipolabile”. Oggi, ad un “individualismo indifferente e spietato” e al “relativismo” – la tesi di Francesco – “si somma il rischio che il potente o il più abile riesca a imporre una presunta verità”.

“La Shoah non va dimenticata”. “Mai più la guerra”, mai più bombardamenti a Hiroshima e Nagasaki, “no” alla pena di morte. Bergoglio lo ripete, nella parte finale dell’enciclica, in cui si sofferma sull’importanza della memoria e la necessità del perdono ed esortando alla gentilezza. Come San Francesco, ciascuno di noi deve riscoprire la capacità e la bellezza di chiamarsi “fratello” e “sorella”. Perché nessuno si salva da solo, come ha detto il 266° successore di Pietro il 27 marzo scorso, in una piazza San Pietro deserta e bagnata dalla pioggia.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 5, 2020 23:16

RSS aleteia

  • Il coraggioso ministero di Madre Czacka a favore dei non vedenti
    Róża Czacka era nata il 22 ottobre 1876 in una nobile famiglia polacca, avendo il titolo ufficiale di contessa. Ricevette un’ottima istruzione, ma poi un incidente cambiò radicalmente la sua vita. A 22 anni cadde da cavallo, rimanendo immediatamente cieca. Vennero consultati vari medici, ma fu presto evidente che non si poteva fare nulla. Il […]
    Philip Kosloski
  • Gruppo pro-vita denuncia la censura di Google
    Live Action, un gruppo attivista pro-vita, sostiene di essere oggetto della censura di Google. In un comunicato stampa, il presidente di Live Action, Lila Rose, ha affermato che Google ha smesso di gestire gli annunci pubblicitari pro-vita del gruppo. “Su richiesta di attivisti abortisti, Google ha BANDITO tutti gli annunci pro-vita di Live Action, inclusi […]
    Zelda Caldwell
  • Il sacerdote 30enne che è anche pompiere volontario
    Padre Pierre Fouquier, vicario parrocchiale e pompiere volontario negli ultimi tre anni, non impiega molto ad arrivare dalla caserma dei vigili del fuoco di Joué-lès-Tours alla sua parrocchia di Saint Marc, a Indre-et-Loire (Francia centro-occidentale). Il sacerdote dedica quasi 75 ore al mese al suo impegno volontario tra i vigili del fuoco, e bisogna andare […]
    Lauriane Vofo Kana
  • Come potrà Dio far sì che io raggiunga l’impossibile?
    Una fede senza opere è una fede morta. Ascolto oggi: “A che serve, fratelli miei, se uno dice di aver fede ma non ha opere? Può la fede salvarlo? Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e mancano del cibo quotidiano, e uno di voi dice loro: «Andate in pace, scaldatevi e saziatevi», […]
    Carlos Padilla
  • Stati Uniti: fino a settembre, già 40 attacchi contro chiese cattoliche
    Sono già 40 gli attacchi registrati contro chiese cattoliche in territorio statunitense nel corso del 2021. La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) ha divulgato sul suo sito un rapporto che elenca le chiese cattoliche attaccate nel Paese dal maggio 2020, giungendo ad almeno 95 episodi, considerando solo i casi conosciuti e confermati. […]
    Francisco Vêneto
  • Vite ascetiche, passioni azzerate, corpi poco curati: così è l’Uomo Angelico
    Vivere come gli angeli: il cristiano che aspira alla perfezione, non può fermarsi su niente. Allontana tutti gli ostacoli, rompe tutti i lacci che gli impediscono di correre verso la patria. San Giovanni Crisostomo ci invita a contemplare lo splendido esempio delle tre grandi figure di asceti: Elia, Eliseo e San Giovanni Battista, modelli di […]
    don Marcello Stanzione
  • Il tabernacolo più alto del mondo si trova a Madrid?
    Al 33° piano di uno dei grattacieli che costituiscono parte dello skyline della capitale spagnola si trova una cappella decisamente singolare. Per sette anni ho vissuto con la mia famiglia nella zona settentrionale di Madrid. Spesso dovevo prendere la macchina per arrivare al centro della città per qualche questione amministrativa. Accedendo dalla strada di Burgos […]
    Pilar Velilla Flores
  • Frodo, Sam e gli Hobbit esistono e vivono in Abruzzo
    Tolkien, più realtà che fantasia In una caverna sotto terra viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca, umida, piena di resti di vermi e di trasudo fetido, e neanche una caverna arida, spoglia, sabbiosa, con dentro niente per sedersi o da mangiare: era una caverna hobbit, cioè comodissima. Da Lo Hobbit Lo Hobbit […]
    Annalisa Teggi
  • Hanno perso le due figlie negli attentati di Parigi: “Non abbiamo conosciuto Dio fino alla loro morte”
    L’11 novembre 2015, Anna si è recata a Parigi da Barcellona, dove risiedeva, per fare una sorpresa alla madre per il suo compleanno. Arrivata nella Ville Lumière, è uscita a cena con la sorella, ma sono state crivellate a colpi di kalashnikov dai terroristi. I genitori, rendendosi contro che l’attacco aveva avuto luogo vicino alla […]
    Violeta Tejera
  • Affetto da paralisi cerebrale, è tassista, papà e scrittore. E voi, di cosa vi lamentate? (FOTO)
    Salvador percorre le strade di Guadalajara (Jalisco, Messico) sul suo taxi nel traffico intenso, portando i passeggeri da un lato all’altro della metropoli. Le persone si sorprendono per il fatto che una persona affetta da paralisi sia il loro autista, alcune oppongono resistenza, ad altre non importa l’aspetto di questo eroe, altre ancora vanno molto […]
    Jesús V. Picón

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 164:
    • 150:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login