All’angelus, Papa Francesco: “La famiglia è un tesoro prezioso da sostenere e tutelare”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 30, 2019 23:09

All’angelus, Papa Francesco: “La famiglia è un tesoro prezioso da sostenere e tutelare”

La famiglia, oggi, si trova a dover affrontare molteplici difficoltà, che tendono a  compromettere il ruolo di cellula prima della società che essa rappresenta per il bene comune. Le profonde trasformazioni avvenute negli ultimi decenni, infatti, hanno portato ad una degenerazione dei legami fra i membri del nucleo familiare. Nella società di oggi c’è sempre meno tempo da dedicare ad un’istituzione che riveste una funzione importante nella formazione dei giovani.

Tra i fattori di crisi, già negli anni ’80, Giovanni Paolo II riscontrava le gravi difficoltà circa il rapporto di autorità fra genitori e figli, il problema della trasmissione dei valori, il numero crescente di divorzi, l’aborto, l’instaurarsi di una «mentalità contraccettiva». A questo si  associano: la maggiore instabilità delle coppie, una continua diminuzione delle unioni a lunga durata, la denatalità, l’impossibilità di garantire stabilità alla vita lavorativa, con la costrizione a prorogare i progetti a lungo termine, nell’attesa delle condizioni economiche sufficienti per poterli realizzare. Infine, il serio problema di coppia: la mancanza di dialogo. 

 Nella maggior parte dei casi, oggi, la fede non è considerata un fattore importante nella strutturazione e nel sano sviluppo della famiglia. Ne ha richiamato l’importanza, all’Angelus di domenica, parlando della Sacra Famiglia, Papa Francesco.

La famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe si inserisce “nell’ambito della santità che è dono di Dio ma, al tempo stesso, è libera e responsabile adesione al progetto di Dio. Così è stato per la famiglia di Nazareth: essa fu totalmente disponibile alla volontà di Dio”. Lo ha detto il Papa stamane in occasione della recita dell’Angelus.

Francesco focalizza l’attenzione su Maria e sulla sua “docilità all’azione dello Spirito Santo: quando si rende conto che Dio la chiama ad una altra missione, non esita a proclamarsi sua serva. Di Lei Gesù esalterà la grandezza non tanto per il suo ruolo di madre, ma per la sua obbedienza a Dio”. Maria si affida totalmente a Dio: “nel silenzio medita, riflette e adora l’iniziativa divina. La sua presenza ai piedi della croce consacra questa totale disponibilità”. Anche Giuseppe è contraddistinto dal silenzio: “non parla – spiega il Papa – ma agisce obbedendo. Sotto la guida di Dio, Giuseppe allontana la sua famiglia dalle minacce di Erode”.

“La Santa Famiglia – prosegue il Pontefice – solidarizza così con tutte le famiglie del mondo obbligate all’esilio, solidarizza con tutti coloro che sono costretti ad abbandonare la propria terra a causa della repressione, della violenza, della guerra”. Gesù, infine, “è la volontà del Padre: in Lui c’è stato soltanto sì. La Famiglia di Nazareth rappresenta una risposta corale alla volontà del Padre: i tre componenti di questa famiglia si aiutano reciprocamente a scoprire il progetto di Dio. Tu nella famiglia sai comunicarti o sei come quei ragazzi che a tavolo chattano col telefonino? Dobbiamo riprendere la comunicazione in famiglia, questo è un compito per oggi”.

“La Santa Famiglia – è l’auspicio di Papa Francesco – possa essere modello delle nostre famiglie, affinché genitori e figli si sostengano a vicenda nell’adesione al Vangelo, fondamento della santità della famiglia”.

Al termine dell’Angelus, il Papa ha rivolto il pensiero alle vittime “dell’orribile attentato di ieri, a Mogadiscio, in Somalia, dove nell’esplosione di un’autobomba, sono state uccise oltre 70 persone”.

“La famiglia è un tesoro prezioso e bisogna sempre sostenerla e tutelarla, avanti! Finiamo l’anno in pace e in famiglia, comunicando l’uno con l’altro”, ha concluso il Pontefice.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 30, 2019 23:09


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco su Tv2000: con i morti si può parlare, ma loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti
  • Fate la comunione spirituale a casa come ci insegnano Sant’Alfonso e Papa Francesco
    Predisponete il vostro cuore e recitate queste preghiere: riceverete così, spiritualmente, il Corpo di Cristo I cristiani, in questi giorni di forzata permanenza a casa, a causa della diffusione del coronavirus, con difficoltà riescono ad attingere sacramentalmente al Corpo e al Sangue di Cristo, ma possono ricevere spiritualmente l’Eucaristia secondo una consolidata tradizione cattolica. Predisponendosi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Durante una peste mortale, Papa Gregorio ebbe una visione consolatrice di San Michele Arcangelo
    L’apparizione fu una risposta diretta alle preghiere incessanti del Papa per il suo popolo Alla fine del VI secolo una grave peste devastò la città di Roma, reclamando anche la vita di Papa Pelagio II. Fu un’epoca difficile per i cittadini romani, e quando Papa Gregorio I venne eletto a guidare la Chiesa decise di […]
    Philip Kosloski
  • 27 anni d’amore per la moglie che non vede e non parla
    Avguštin Maučec ha lasciato il lavoro per assistere Irena, che ha subìto lesioni irreversibili a causa di un incidente poco dopo il matrimonio Quando Avguštin ha pronunciato la formula matrimoniale in cui prometteva a Irena di esserle fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarla e onorarla tutti […]
    Dolors Massot
  • Come sarà la vita dopo il Coronavirus?
    Mentre il mondo si ritrova in stato d’emergenza, un prete della diocesi di Bordeaux s’interroga su quel che succederà “dopo”, quando il mondo riprenderà la sua vita normale. A che cosa somiglierà allora la nostra vita? E tutto s’è fermato… Questo mondo lanciato come un bolide nella sua corsa folle, questo mondo di cui sapevamo […]
    Pierre Alain Lejeune
  • Camici bianchi: adesso eroi, ma dopo?
    Il prezzo a breve e lungo termine che il personale sanitario in trincea per tutti noi rischia di pagare. In questi giorni così difficili assistiamo ad uno straordinario afflato popolare verso il personale sanitario che è in prima linea ad affrontare il terribile nemico invisibile con cui il Paese sta combattendo da circa un mese. Già […]
    Silvia Lucchetti
  • L’Anima Christi, preghiera perfetta per la Comunione spirituale
    “Non permettere che io mi separi da te” Usata in genere come preghiera dopo che ci si è comunicati, l’Anima Christi può anche essere utilizzata come preghiera di Comunione spirituale quando non si può ricevere l’Eucaristia nella Santa Comunione. Si crede che questa preghiera sia stata scritta nel XIV secolo da Papa Giovanni XXIII, ma […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 33:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login