Natale in terra di persecuzione. P. Hanna: “Subiamo di continuo violenze”. “La nascita di Gesù è l’unica speranza che ci sostiene”.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 23, 2019 23:25

Natale in terra di persecuzione. P. Hanna: “Subiamo di continuo violenze”. “La nascita di Gesù è l’unica speranza che ci sostiene”.

Nell’approssimarsi dell’ormai vicinissima festività del Natale, viene da riflettere su alcune dolorose situazioni che, ai giorni nostri, caratterizzano la celebrazione di questa fondamentale festività cristiana. Mentre da

 Siria, Presepe di  Knayeh

un lato la maggior parte di noi, tra convivialità, pranzi, scambi di auguri e di regali, si accinge a vivere il Natale in modo gioioso, o almeno sereno, dall’altro, invece, c’è purtroppo la triste realtà dei tantissimi poveri, ammalati e sofferenti, nel grave disagio di non poter festeggiare la gioiosa ricorrenza come vorrebbero. Ma ancor peggio, c’è anche la gravissima condizione in cui versano moltissimi altri cristiani: costretti a celebrare il Natale in terra di persecuzione!  

 Le 210 famiglie cristiane dei tre villaggi dell’Oronte, nella zona di Idlib, nord della Siria, controllata dal fronte jihadista Hayat Tahrir al-Sham, filo Al-Qaeda, vivranno un Natale privo di luci e di colori. Costretti a stare dentro la loro chiesa priva di croce perché a loro è

padre Hanna Jallouf.

vietato mostrare simboli religiosi. E’ La testimonianza del loro parroco, padre Hanna Jallouf.

“La capanna di Gesù in primo piano e sullo sfondo il palazzo di Erode. Il nostro posto è vicino alla grotta del Salvatore, davanti a lui che nasce e non nel palazzo del re Erode. Siamo la gente che ha paura, che è povera, che ha freddo, ha fame. Siamo con i nostri fratelli siriani che soffrono dopo lunghi anni di una guerra che non accenna a finire”.

Il Natale dei villaggi cristiani nella valle dell’Oronte, Knayeh, Yacoubieh e Gidaideh, padre Hanna Jallouf, 66 anni, francescano siriano della Custodia di Terra Santa, lo racconta così: descrivendo al Sir il presepe posto ai piedi dell’altare della sua chiesa di san Giuseppe a Knayeh, dove è parroco. Un modo concreto per fare proprio l’appello di Papa Francesco a riscoprire questo “segno semplice e mirabile” che manifesta “il grande mistero della nostra fede” in un mondo che “cancella i segni cristiani”. Insieme al confratello Luai Bsharat, sono gli unici religiosi cristiani rimasti in queste zone.

Siamo nella zona di Idlib, nord della Siria, ultimo bastione degli oppositori al presidente siriano Assad e dei terroristi islamisti si sta combattendo, probabilmente, la battaglia finale tra l’esercito del presidente Assad, affiancato da russi e iraniani.  A farne le spese ancora una volta la popolazione civile: decine di migliaia i siriani, in maggioranza donne, anziani e bambini, in fuga dopo aver abbandonato le proprie abitazioni. In questo fronte di guerra vivono oggi circa 210 famiglie cristiane, ripartite nei tre villaggi della Valle che prima della guerra, cominciata nel 2011, avevano in tutto oltre 5000 abitanti. “Oggi – dice padre Hanna – siamo rimasti in 700. Sono tutti fuggiti a causa della guerra. Speriamo di vivere il Natale con un pizzico di serenità. Me lo auguro soprattutto per i più piccoli che sono coloro che stanno pagando il prezzo più alto della guerra”.

Senza luci ma con la Luce. Ed è proprio ai bambini che quest’anno il parroco ha pensato in maniera particolare. “Il Natale è la loro festa – dice padre Hanna -. Ognuno di loro riceverà in dono un presepe da portare in casa. Si tratta di piccoli presepi realizzati a mano che saranno anche esposti in una piccola mostra allestita dentro i locali parrocchiali. Abbiamo organizzato delle feste in cui regaleremo loro anche qualche giocattolo, dolci e vestiti. Sono gesti semplici che qui però valgono moltissimo. Significa infatti ri-assaporare un po’ di serenità, donare qualche sorriso, e ritrovarsi insieme uniti in Gesù”.

“Saranno questi gli unici segni visibili della nostra fede che non possiamo esprimere all’esterno perché ci è vietato. È per questo motivo che le nostre chiese non hanno le croci sui tetti. Non ci saranno nemmeno luminarie e alberi a dare luce al nostro Natale. Nemmeno una candela sul davanzale delle nostre case”.

I divieti non impediranno alle famiglie cristiane di ritrovarsi in chiesa. “L’appuntamento per tutti – spiega padre Hanna – è per il 24

Siria, Knayeh convento di san Giuseppe

dicembre alle 17 per la messa di Natale e alle 9.30 del mattino del giorno dopo. Il mio confratello, padre Luai, invece, celebrerà a Yacoubieh il 24 alle ore 16 e il 25 alle ore 9. I fedeli di Gidaideh verranno per le messe a Knaye. Nel loro villaggio non hanno una chiesa dove celebrare. Molte chiese, infatti, sono state trasformate in stalle”.

La grotta e il palazzo. La scelta, ancora una volta, anche per questo Natale è tra la grotta del Bambino e il Palazzo di Erode. “Il nostro cuore è pesante – ammette padre Hanna – perché in tanti anni di guerra abbiamo visto gente uccisa, rapita, ferita, case distrutte ma restiamo saldi nella speranza che un giorno tutto questo finirà, che saremo liberati dall’unico Salvatore che è Cristo. Cristo è la nostra ancora di salvezza.

Per questo preghiamo per la pace in Siria, per tutti i siriani, per la pace anche interiore, necessaria per sostenere le difficoltà del momento”. Poi una preghiera particolare: “Preghiamo anche per voi che siete in Occidente che vivete questa guerra in maniera indiretta. Preghiamo per tutte le vittime provocate da attentati compiuti sul vostro suolo”. “Non suoneremo campane, non accenderemo luci, ma faremo risuonare nelle messe di Natale il messaggio di speranza di Cristo, l’unico di cui possiamo fidarci”.

“Abbiamo visto passare tanti finti salvatori – conclude padre Hanna – Gesù invece resta e il suo regno di pace è per sempre. In lui anche la sofferenza di questi anni trova un senso. Siamo nella terra di san Paolo che ci esorta a sperare contro ogni speranza. Buon Natale”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 23, 2019 23:25


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Domenica delle Palme: tutorial per realizzare in casa i rami con i vostri bambini
    Prendete carta, forbici, colori, spillatrice… chiamate i bambini e mettetevi all’opera! Proprio ieri raccontavo a mia figlia Linda Maria che la prima messa a cui ha partecipato nella sua vita è stata quella della domenica delle palme di due anni fa. Glielo dicevo con un pizzico di nostalgia perché ora, con la pandemia in corso, non […]
    Silvia Lucchetti
  • Una quarentena per parlare con mia moglie
    La vita serena di una coppia che vive l’isolamento in casa per evitare il contagio del coronavirus Ricordo quando mi hai detto “Andiamo a salutare il sole” e ti ho accompagnata in giardino, dove hai chiuso gli occhi inspirando la brezza mattutina mentre io iniziavo a pensare alla fitta agenda che mi aspettava quel giorno. […]
    Orfa Astorga
  • Non tornano a casa per prendersi cura degli anziani
    Eroi che danno il meglio di sé. Uomini e donne mostrano in questi giorni tristi la loro umanità più luminosa Navighiamo in un mare di dubbi che ci tolgono la tranquillità. Stiamo soffrendo disorientati di fronte a una pandemia di dimensioni planetarie e non sappiamo dove stiamo andando. Incertezza, paura, la macchina produttiva che decelera […]
    Ignasi de Bofarull
  • “Veglierò su di te per quello che hai fatto”: le ultime parole all’infermiera che l’ha assistita
    Una signora ricoverata all’Ospedale San Luigi di Orbassano di Torino sta per morire a causa del Covid. L’infermiera le permette di salutare la sua famiglia tramite videochiamata dal suo cellulare. “Grazie, veglierò su di te per quello che hai fatto” le dice e poco dopo chiude gli occhi. Il sindaco di Volvera, un piccolo comune […]
    Silvia Lucchetti
  • Don Paolo, sull’auto del Comune, gira per i paesi a recitare il Rosario
    “E’ un modo per essere presente, per farmi sentire”. Un’iniziativa, molto utile al tempo del coronavirus, che è stata gradita dai fedeli “Passerò io, da solo, a portare la preghiera del Rosario! Voi, se volete, aprite le finestre e uscite sui balconi…” – ha scritto Don Paolo Padrini in un post sulla sua pagina Facebook. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Don Alberto Ravagnani: digiuna dal cellulare, torna libero! (VIDEO)
    Basta un’ora. Questo è l’esercizio che ci propone. Eh, dai, ma cosa vuoi che cambi? Prova. Tirarsi la zappa sui piedi: parlare di digiuno dallo smartphone e vivere di visualizzazioni? Certo, non siamo sprovveduti, dai. Aleteia “vive” sui social, con collegamenti più da mobile che da desktop, per giunta. Raggiungiamo milioni di persone con i […]
    Paola Belletti
  • 12 santi che vi faranno innamorare dell’Eucaristia
    La Messa ri-presenta l’unico sacrificio di Cristo, e celebrarla significa tornare misticamente nel Cenacolo e sul Golgota. L’effetto di questo mistero tuttavia non è un intimistico solipsismo, bensì il rafforzamento dell’unione ecclesiale (detta appunto “comunione”). In un momento gravemente critico anche sul piano spirituale è bene saper scegliere guide sicure. È degno di nota come […]
    Giovanni Marcotullio
  • “Cristo” di oggi: 4 storie di dedizione fino alla morte
    Álvaro Iglesias, Anas al Basha, Maximiliano Kolbe, Ignacio Echeverría: esistono ancora persone “normali” che danno tutto L’amore è sempre una scelta. Una scelta che coinvolge tutta la nostra vita. Nell’enciclica Deus Caritas Est, Papa Benedetto XVI segnala: “Siccome Dio ci ha amati per primo (cfr 1 Gv 4, 10), l’amore adesso non è più solo […]
    Luisa Restrepo
  • Breve preghiera per la guarigione spirituale
    Non dimenticate di chiedere a Dio di guarire la vostra anima e di riportare la pace nella vostra vita Se la salute del corpo è estremamente importante, quello che è ancora più vitale è la salute dell’anima. Il nostro destino eterno dipende dallo stato della nostra anima quando moriremo, e dal fatto di essere aperti […]
    Philip Kosloski
  • Un sacerdote ti ha bloccato su Facebook. Ha peccato di poca carità?
    Padre Gabriel Vila Verde: “Ogni profilo è privato. Appartiene a quel qualcuno che non può diventare un bersaglio” Sul suo profilo personale di Facebook, rete sociale in cui è piuttosto popolare tra i cattolici, padre Gabriel Vila Verde ha spiegato che è giusto bloccare le persone che non sanno comportarsi con rispetto e civiltà: “Lo […]
    Gabriel Vila Verde

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 8:
    • 278:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login