Natale in terra di persecuzione. P. Hanna: “Subiamo di continuo violenze”. “La nascita di Gesù è l’unica speranza che ci sostiene”.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 23, 2019 23:25

Natale in terra di persecuzione. P. Hanna: “Subiamo di continuo violenze”. “La nascita di Gesù è l’unica speranza che ci sostiene”.

Nell’approssimarsi dell’ormai vicinissima festività del Natale, viene da riflettere su alcune dolorose situazioni che, ai giorni nostri, caratterizzano la celebrazione di questa fondamentale festività cristiana. Mentre da

 Siria, Presepe di  Knayeh

un lato la maggior parte di noi, tra convivialità, pranzi, scambi di auguri e di regali, si accinge a vivere il Natale in modo gioioso, o almeno sereno, dall’altro, invece, c’è purtroppo la triste realtà dei tantissimi poveri, ammalati e sofferenti, nel grave disagio di non poter festeggiare la gioiosa ricorrenza come vorrebbero. Ma ancor peggio, c’è anche la gravissima condizione in cui versano moltissimi altri cristiani: costretti a celebrare il Natale in terra di persecuzione!  

 Le 210 famiglie cristiane dei tre villaggi dell’Oronte, nella zona di Idlib, nord della Siria, controllata dal fronte jihadista Hayat Tahrir al-Sham, filo Al-Qaeda, vivranno un Natale privo di luci e di colori. Costretti a stare dentro la loro chiesa priva di croce perché a loro è

padre Hanna Jallouf.

vietato mostrare simboli religiosi. E’ La testimonianza del loro parroco, padre Hanna Jallouf.

“La capanna di Gesù in primo piano e sullo sfondo il palazzo di Erode. Il nostro posto è vicino alla grotta del Salvatore, davanti a lui che nasce e non nel palazzo del re Erode. Siamo la gente che ha paura, che è povera, che ha freddo, ha fame. Siamo con i nostri fratelli siriani che soffrono dopo lunghi anni di una guerra che non accenna a finire”.

Il Natale dei villaggi cristiani nella valle dell’Oronte, Knayeh, Yacoubieh e Gidaideh, padre Hanna Jallouf, 66 anni, francescano siriano della Custodia di Terra Santa, lo racconta così: descrivendo al Sir il presepe posto ai piedi dell’altare della sua chiesa di san Giuseppe a Knayeh, dove è parroco. Un modo concreto per fare proprio l’appello di Papa Francesco a riscoprire questo “segno semplice e mirabile” che manifesta “il grande mistero della nostra fede” in un mondo che “cancella i segni cristiani”. Insieme al confratello Luai Bsharat, sono gli unici religiosi cristiani rimasti in queste zone.

Siamo nella zona di Idlib, nord della Siria, ultimo bastione degli oppositori al presidente siriano Assad e dei terroristi islamisti si sta combattendo, probabilmente, la battaglia finale tra l’esercito del presidente Assad, affiancato da russi e iraniani.  A farne le spese ancora una volta la popolazione civile: decine di migliaia i siriani, in maggioranza donne, anziani e bambini, in fuga dopo aver abbandonato le proprie abitazioni. In questo fronte di guerra vivono oggi circa 210 famiglie cristiane, ripartite nei tre villaggi della Valle che prima della guerra, cominciata nel 2011, avevano in tutto oltre 5000 abitanti. “Oggi – dice padre Hanna – siamo rimasti in 700. Sono tutti fuggiti a causa della guerra. Speriamo di vivere il Natale con un pizzico di serenità. Me lo auguro soprattutto per i più piccoli che sono coloro che stanno pagando il prezzo più alto della guerra”.

Senza luci ma con la Luce. Ed è proprio ai bambini che quest’anno il parroco ha pensato in maniera particolare. “Il Natale è la loro festa – dice padre Hanna -. Ognuno di loro riceverà in dono un presepe da portare in casa. Si tratta di piccoli presepi realizzati a mano che saranno anche esposti in una piccola mostra allestita dentro i locali parrocchiali. Abbiamo organizzato delle feste in cui regaleremo loro anche qualche giocattolo, dolci e vestiti. Sono gesti semplici che qui però valgono moltissimo. Significa infatti ri-assaporare un po’ di serenità, donare qualche sorriso, e ritrovarsi insieme uniti in Gesù”.

“Saranno questi gli unici segni visibili della nostra fede che non possiamo esprimere all’esterno perché ci è vietato. È per questo motivo che le nostre chiese non hanno le croci sui tetti. Non ci saranno nemmeno luminarie e alberi a dare luce al nostro Natale. Nemmeno una candela sul davanzale delle nostre case”.

I divieti non impediranno alle famiglie cristiane di ritrovarsi in chiesa. “L’appuntamento per tutti – spiega padre Hanna – è per il 24

Siria, Knayeh convento di san Giuseppe

dicembre alle 17 per la messa di Natale e alle 9.30 del mattino del giorno dopo. Il mio confratello, padre Luai, invece, celebrerà a Yacoubieh il 24 alle ore 16 e il 25 alle ore 9. I fedeli di Gidaideh verranno per le messe a Knaye. Nel loro villaggio non hanno una chiesa dove celebrare. Molte chiese, infatti, sono state trasformate in stalle”.

La grotta e il palazzo. La scelta, ancora una volta, anche per questo Natale è tra la grotta del Bambino e il Palazzo di Erode. “Il nostro cuore è pesante – ammette padre Hanna – perché in tanti anni di guerra abbiamo visto gente uccisa, rapita, ferita, case distrutte ma restiamo saldi nella speranza che un giorno tutto questo finirà, che saremo liberati dall’unico Salvatore che è Cristo. Cristo è la nostra ancora di salvezza.

Per questo preghiamo per la pace in Siria, per tutti i siriani, per la pace anche interiore, necessaria per sostenere le difficoltà del momento”. Poi una preghiera particolare: “Preghiamo anche per voi che siete in Occidente che vivete questa guerra in maniera indiretta. Preghiamo per tutte le vittime provocate da attentati compiuti sul vostro suolo”. “Non suoneremo campane, non accenderemo luci, ma faremo risuonare nelle messe di Natale il messaggio di speranza di Cristo, l’unico di cui possiamo fidarci”.

“Abbiamo visto passare tanti finti salvatori – conclude padre Hanna – Gesù invece resta e il suo regno di pace è per sempre. In lui anche la sofferenza di questi anni trova un senso. Siamo nella terra di san Paolo che ci esorta a sperare contro ogni speranza. Buon Natale”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 23, 2019 23:25


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco ha autorizzato il miracolo: Carlo Acutis sarà beato!
    Attribuita all’intercessione di Carlo, la guarigione di un bambino brasiliano. In festa la Chiesa di Assisi, dove è sepolto: esultano tanti giovani suoi devoti Il 21 febbraio 2020, Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Cardinale Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Durante l’Udienza, il Sommo Pontefice ha autorizzato la medesima Congregazione […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Dove trovare la forza per porgere l’altra guancia?
    Tra le passioni che corrompono e gli animi che si infiammano, spesso possiamo desiderare la vendetta ed essere lenti a offrire misericordia Il 2 ottobre 2006, Charles Carl Roberts IV, guidato evidentemente da un rancore che si portava dietro da decenni, ha preso in ostaggio un gruppo di 11 ragazzine Amish in una scuola con […]
    Padre Patrick Briscoe
  • Ogni coro angelico ha un compito diverso: dai “sottomessi” ai “miracolosi”
    Ecco “cosa fanno” gli angeli in cielo, secondo quanto ci hanno tramandato le Sacre Scritture Gli spiriti celesti sono divisi in 3 gerarchie di cui ognuna è divisa essa stessa in 3 ordini differenti, che, dalla loro riunione formano quello che si chiama i nove cori degli Angeli. La prima gerarchia comprende i Serafini, i […]
    don Marcello Stanzione
  • Cos’è l’effetto dogville? Perchè il Papa lo “cita”?
    La «città del cane» non può non ricordare certi spazi online umanizzati, nei quali le sfumature lasciano il posto al bianco o al nero, a un’idea o al suo esatto contrario. Il “legame” con i migranti Una comunicazione più umana e meno violenta, più accogliente e meno discriminatoria. Ne parla Massimiliano Padula in “Comunica il […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il nuovo strumento della Chiesa cattolica per porre fine alla fame: il machine learning
    Il Catholic Relief Services ha testato il programma in uno dei Paesi africani più colpiti Quasi sette milioni di persone nella Nazione sudafricana dello Zimbabwe rischiano la fame per via della siccità prolungata e dell’aumento dell’inflazione. Lo scorso anno, il Famine Early Warning Systems Network (FEWSNET) ha predetto il peggioramento della siccità e della fame […]
    John Burger
  • Corto animato: dire addio quando c’è ancora amore è difficile, ma a volte è necessario
    di Silvana Ramos Anche a me è capitato di porre fine a una relazione con qualcuno che amavo molto, con cui avevo fatto dei progetti, sognato storie e progettato un futuro insieme. Terminare una relazione del genere è molto doloroso, ancor più quando non accade perché l’amore o l’affetto è scomparso, ma perché uno o […]
    Catholic Link
  • Come la vera umiltà porta ad avere più fiducia in se stessi
    Una persona umile è sorprendentemente più coraggiosa e sicura di sé, perché la sua forza non risiede in se stessa L’umiltà è una virtù a trabocchetto, perché spesso pensiamo che significhi dover avere un punto di vista negativo su se stessi. Pensiamo che la persona veramente umile sia quella che si nasconde timorosa in un […]
    Philip Kosloski
  • Martina Colombari: Dio mi ha insegnato a non alzare muri
    La showgirl racconta il suo rapporto con la fede e la famiglia a “io Credo” su Tv2000. “Ho imparato ad accettare quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno” «Ogni tanto chiedo a Dio ‘Dove sei? E perché stai facendo questo?’. Poi, dico ok, se è successo è perché doveva succedere, quindi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Una bottiglietta di acqua santa del Titanic conteneva un messaggio di arrivederci
    Jeremiah Burke, un irlandese di 19 anni, era a bordo del Titanic per andare da due sorelle che erano già emigrate negli Stati Uniti. Era accompagnato dalla cugina Nora Hegarty. Era il più giovane di sette figli, e fino a quel momento aveva lavorato nella fattoria di famiglia. Le sue sorelle si erano stabilite a […]
    Patty Knap
  • Papa Francesco tira le orecchie ai “finti” cristiani e ci spiega come scovarli
    “Un uomo che crede in Dio, che ha delle idee chiare sulla redenzione, anche crede in satana, sa che satana esiste, ma si ferma alla porta degli inferi, fa dei calcoli” «La fede va sempre trasmessa in dialetto». Lo afferma Papa Francesco nella seconda puntata del programma ‘Io credo’ in onda su Tv2000 (canale 28 […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Incontro Cei su Mediterraneo: card. Bassetti, “consegneremo al Papa un documento sostanzioso” 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Un punto d’appoggio sostanzioso”. Così il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, durante la conferenza stampa al termine dell’incontro promosso dalla Chiesa italiana a Bari ha definito il documento conclusivo dei lavori che i 58 vescovi cattolici provenienti da 20 Paesi delle sponde del Mediterraneo consegneranno Papa. Sarà il […]
  • Incontro Cei su Mediterraneo: Vaccari (Rondine), “Cittadella della pace capace di di intervenire in contesti di crisi” 22 febbraio 2020
    “Siamo onorati che la Cittadella della Pace sia stata individuata come realtà capace di intervenire in contesti di crisi per generare processi che mettano al centro la formazione alla leadership come presupposto per lo sviluppo sostenibile delle comunità locali e globali” lo ha detto al Sir il presidente di Rondine, Franco Vaccari, commentando l’opera-segno lanciata […]
  • Incontro Cei su Mediterraneo: card. Bassetti, “questa è stata solo la prima tappa” 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Questa è stata solo la prima tappa”. Ad annunciarlo – confermando le parole dette ieri da mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, vicepresidente della Cei e coordinatore del Comitato organizzatore – è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, durante la conferenza stampa conclusiva dell’incontro “Mediterraneo, frontiera […]
  • Papa Francesco: ha ricevuto questa mattina in udienza il presidente della Repubblica di Azerbaigian, Ilham Aliyev 22 febbraio 2020
    Nella mattinata di oggi papa Francesco ha ricevuto in udienza, nel Palazzo apostolico in Vaticano, il presidente della Repubblica di Azerbaigian, Ilham Aliyev, il quale ha successivamente incontrato il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e il segretario per i Rapporti con gli Stati mons. Paul Richard Gallagher. “Nel corso dei cordiali colloqui in Segreteria di […]
  • ++ Coronavirus Covid-19: mons. Cacucci (Bari), “non ci sono segnali di allarme” ++ 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Io credo che non bisogna creare allarmi”. Così mons. Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, ha risposto alle domande dei giornalisti sull’allarme Coronvirus Covid-19, il cui contagio si sta purtroppo diffondendo anche in Italia. Interpellato, a margine dell’incontro in corso al Castello Svevo,  a proposito di eventuali variazioni per la messa con cui il Papa […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: in mostra il Codex Purpureus Rossanensis 22 febbraio 2020
    (da Bari) Tra quelli rimasti dell’epoca, il Codex Purpureus Rossanensis è quello più completo al mondo, simbolo e testimonianza del passaggio della civiltà bizantina nel Sud Italia. Una copia del prezioso originale, ospitato dal Museo diocesano di Rossano Calabro, è in questi giorni a disposizione dei partecipanti all’incontro in corso al Castello Svevo di Bari, nella sala […]
  • Cause dei Santi: c’è anche Carlo Acutis tra i nuovi santi e beati 22 febbraio 2020
    C’è anche il Servo di Dio Carlo Acutis, nato il 3 maggio 1991 a Londra e morto il 12 ottobre 2006 a Monza, tra i nuovi santi e beati che verranno presto proclamati. Ieri, infatti –riferisce la Sala Stampa della Santa Sede – il Papa ha ricevuto in udienza il card. Angelo Becciu, prefetto della […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: card. Sandri, “come un colpo di aratro” 22 febbraio 2020
    “Una miniatura incastonata nel Rotolo dell’Exultet”, ma anche “un colpo di aratro che ha smosso un terreno indurito e ha sollevato pensieri sepolti ma non spenti da una secolare esperienza storica”. Il card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione delle Chiese orientali, ha fatto riferimento alla definizione data al pellegrinaggio di Paolo VI in Terra Santa […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: card. Bagnasco (Ccee), “da Bari ci sia un messaggio che sia recepito” da chi ha in mano il destino dei popoli 21 febbraio 2020
    Da Bari riparte “un senso di ecumenismo, di pace intensamente desiderata. Speriamo che anche da questo incontro ci sia un messaggio che sia recepito dai decisori e dai responsabili di questi valori”. Lo ha detto il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee), parlando questo pomeriggio a […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo. Roccucci: “L’irrilevanza non è il destino dei cristiani” 21 febbraio 2020
    (da Bari) “L’irrilevanza non è il destino dei cristiani. Non lo è neanche nel Mediterraneo del XXI secolo”. Adriano Roccucci, nella relazione ha aperto la terza giornata di lavori dell’incontro “Mediterraneo frontiera di pace”, promosso dalla Cei a Bari, ha lanciato un vero e proprio appello ai vescovi delle due sponde del Mare Nostrum. “Nel […]

Commenti recenti

     

    • 45:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login