Carabiniere ucciso a Roma, mons. Marcianò (ordinario militare): “Risorga il senso di giustizia, legalità, dovere e fraternità”

Redazione1
di Redazione1 agosto 1, 2019 00:41

Carabiniere ucciso a Roma, mons. Marcianò (ordinario militare): “Risorga il senso di giustizia, legalità, dovere e fraternità”

Enorme l’ondata di dolore, rabbia e commozione suscitata dal tragico evento in cui ha perso la vita il carabiniere Mario Cerciello Rega, a Roma, ucciso a coltellate a piazza Cavour mentre era in servizio nelle prime ore di venerdì notte. Tantissimi i cittadini accorsi per rendere omaggio al feretro del vicebrigadiere dei carabinieri, esposto nella camera ardente allestita nella cappella di piazza del Monte della Pietà. Sopra la bara del militare, avvolta in una bandiera tricolore, è stata posta una sua foto in divisa e un cero; a rendergli gli onori militari, un picchetto di quattro carabinieri in alta uniforme. Accanto alla moglie Rosa Maria, impietrita dal dolore, i famigliari della vittima seduti a semicerchio attorno al feretro.

Poi folla, dolore, rabbia e commozione a Somma Vesuviana, ai funerali di Mario Cerciello Rega, nella chiesa di Santa Croce dove si era sposato circa un mese fa. Sulla bara la foto del matrimonio e una maglia del Napoli, di cui Mario era appassionato tifoso. Ha presieduto la concelebrazione l’arcivescovo Santo Marcianò, Ordinario militare per l’Italia. Il feretro è entrato in chiesa salutato da un lungo applauso, portato a spalla da 6 carabinieri, scortati da 4 colleghi in alta uniforme.

“Quanto è accaduto è ingiusto! E l’essere qui, professare la nostra fede in Cristo Risorto, non ci esime, anzi ci obbliga, alla denuncia di ciò che è ingiusto. Ci spinge, oggi, a levare un grido che si unisce alle tante e diverse voci che in questi giorni hanno formato un unico coro, testimoniando la straordinarietà dell’uomo e del carabiniere Mario, ma anche chiedendo che venga fatta giustizia e che eventi come questo non accadano più”, ha detto mons. Santo Marcianò, l’ordinario militare per l’Italia, a Somma Vesuviana, nell’omelia della celebrazione delle esequie del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso a Roma con 11 coltellate, nella notte del 26 luglio mentre, con un collega, era impegnato in una operazione in borghese.

L’ordinario ha celebrato le esequie del vicebrigadiere nella chiesa di Santa Croce, in Santa Maria del Pozzo, dove poco più di un mese fa si era sposato con Maria Rosaria. “Era la festa di sant’Antonio e Mario – sappiamo – aveva scelto quella data per sentire ancora più vicino suo padre Antonio dal Cielo – ha aggiunto l’arcivescovo -. Oggi Mario ci chiama nuovamente, questa volta lui dal Cielo, e noi, che ancora facciamo fatica a crederci, siamo riuniti da un dolore improvviso, straziante, che sentiamo ingiusto”.

Ancora un’esclamazione nelle parole dell’ordinario: “Basta! Basta piangere servitori dello Stato, giovani figli di una Nazione che sembra aver smarrito quei valori per i quali essi arrivano a immolare la vita”. “La morte di Mario risveglia in noi, in qualche modo, la nostalgia del sapore buono di valori come la legalità, la solidarietà, il coraggio, la pace…, troppo spesso sostituito dai sapori estremi del benessere, della violenza, delle dipendenze, che alterano il gusto della vita e non rendono capaci di custodirla”. “Mario ha creduto che non c’è giustizia senza rispetto della vita; ha saputo gustare la sua vita con pienezza e gioia, vivere e morire per custodire la vita altrui”.

“Fate anche voi, responsabili della cosa pubblica, della vita degli altri il senso della vostra vita, ha continuato mons. Marcianò, consapevoli che quanto operate o non operate è rivolto a uomini concreti: a cittadini e stranieri, a uomini e donne delle Forze Armate e Forze dell’Ordine, ai quali non possiamo non rinnovare il grazie e l’incoraggiamento della Chiesa e della gente. E se voi e tutti noi sapremo meglio imparare, da uomini come Mario, il senso dello Stato e del bene comune, l’Italia risorgerà”. E concludendo, “Risorga il senso della giustizia, della legalità, del dovere e della fraternità, a partire dagli uomini delle istituzioni, chiamati a riscoprire l’alto senso etico della propria responsabilità, rifuggendo politiche di interessi, conflitti e corruzione, e perseguendo le autentiche priorità del proprio impegno”.

Su cosa significhi “Essere moglie di carabiniere”, Rosa Maria, la vedova, ha letto tra le lacrime un testo su questo tema, un post che circola da anni su Facebook tra mogli e fidanzate dei militari.

Mario è stato un servitore dello Stato “morto per tutelare i diritti di tutti, anche di una persona arrestata: insieme con lui chiediamo rispetto per tutti gli altri carabinieri che fanno il suo stesso lavoro” – ha detto il Comandante dell’Arma dei carabinieri Giovanni Nistri, “Vorrei che il rispetto sia per tutta l’Arma, che serve lo Stato quotidianamente. Ricordiamo i 953 carabinieri feriti negli ultimi anni. Pensiamo che Mario era libero dal servizio, con abiti civili”. “Da volontario si spendeva quanto si spendeva da carabiniere: facendo il volontario, dando da mangiare ai poveri, accompagnava i malati a Lourdes. Era un esempio per tutti noi”.

A concluso del rito funebre, l’Ordinario militare Santo Marcianò ha ricordato come oggi “l’Italia intera sia in lutto”. Il feretro è stato portato a spalla fuori della chiesa, tra gli applausi scroscianti dei presenti.

 

 

 

 

Redazione da A. di I.

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 1, 2019 00:41


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Fidanzamenti frustrati: perché scelgo sempre male?Fidanzamenti frustrati: perché scelgo sempre male?
    Concentrarsi su un modello di scelta basato sull’amore vero che integra l’emozione con le motivazioni ragionevoli È probabilmente la cosa più importante che ci hanno proposto nella vita, ma nonostante questo continuiamo a prendere decisioni sbagliate quando si tratta di scegliere la persona con cui coinvolgerci in una relazione amorosa a lungo termine. Dopo tutto, […]
    Cecilia Zinicola
  • Con quale intenzione faccio le cose?
    Chi sono io per giudicare le intenzioni altrui? Spesso non so se l’intenzione con cui faccio le cose è quella che manifesto al farle o se ce n’è un’altra nascosta. Non so se c’è un unico motivo o ce ne sono vari. Non so nemmeno se le mie motivazioni sono quelle giuste. Mi costa sapere […]
    Carlos Padilla
  • “Finalmente potrò confessarmi!” 38 domande per fare meglio l’esame di coscienza
    di padre Juan Carlos Vásconez Quando ci manca la Confessione! All’inizio della quarantena, di fronte alla difficoltà ad andare in chiesa, Papa Francesco ci ha esortati dicendo: “Se tu non trovi un sacerdote per confessarti, parla con Dio, è tuo padre, e digli la verità: ‘Signore ho combinato questo, questo, questo… Scusami’, e chiedigli perdono […]
    Catholic Link
  • Perché pensare ad un amore di gioventù è pericoloso per la coppia?
    Gli amori di gioventù sono come un salvagente sentimentale a cui ci si aggrappa ad ogni delusione o momento di dubbio. Ma pensare al passato a volte può essere pericoloso. Come dire addio allora al nostro primo amore che tormenta la mente e mette a dura prova la nostra vita matrimoniale? Marie-Noël Florant “Ho rincontrato […]
    Edifa
  • Qui Salomè ha danzato e ha chiesto la testa di Giovanni Battista (FOTO)
    Scoperto il bagno rituale più grande di Macheronte, un sito archeologico eccezionale I bagni rituali ebraici (mikva’ot) sono piscine per l’immersione usate nella purificazione rituale, simili a quelle usate in alcune tradizioni cristiane per il Battesimo. Il bagno rituale più grande scoperto finora in Giordania è stato oggetto di scavi nel 2016 nel palazzo del […]
    Daniel R. Esparza
  • L’unica cosa vera de “I due Papi”
    Riflessioni sulla fortunatissima pellicola targata Netflix con Anthony Hopkins e Jonathan Pryce: la narrazione delle “due ecclesiologie antitetiche” è un usato garantito della divulgazione ecclesiale, però diventa insostenibile appena si voglia appoggiarla a un minimo di fondatezza documentaria. Invece c’è un’altra cosa che i documenti dicono… Non mi ero interessato a “I due Papi”, anche […]
    Giovanni Marcotullio
  • La preghiera da dire dopo un litigio con il proprio coniuge
    Per ricominciare su nuove basi dopo un litigio tra marito e moglie, perché non recitare una preghiera di riconciliazione? Comunicare con calma e cercare di capire l’altro è la chiave per fare pace con il proprio coniuge dopo un litigio, certo, ma la preghiera può anche aiutare a disinnescare definitivamente un conflitto. Padre François Banvillet, […]
    Anna Ashkova
  • Verginità, celibato e castità non sono la stessa cosa!
    di Daniel Torres Cox Verginità, celibato e castità non sono la stessa cosa. Hanno sicuramente dei punti in comune, e questo può farli confondere, ma non si identificano. In questo articolo, cercheremo di esporre brevemente in cosa consiste ciascun concetto. 1. Verginità: valorizzare la persona La verginità è la condizione di colui che non ha […]
    Catholic Link
  • 5 suggerimenti per navigare in mezzo alle tormente secondo monsignor Munilla
    di Mauricio Montoya Mi sono imbattuto in un podcast (il numero 31885) di monsignor Munilla in cui ci offre cinque consigli per affrontare le difficoltà, sottolineando come nelle prove dobbiamo essere consapevoli della molteplicità dei doni di cui disponiamo nella nostra vita. I doni sono la presenza della grazia di Dio nella nostra anima. Non […]
    Catholic Link
  • Allattamento, co-sleeping and more: domande e risposte
    Sempre molto informata e con tante letture da consigliarci, abbiamo tempestato di domande la nostra ostetrica Rachele Sagramoso, che, essendo anche una super mamma di famiglia numerosa, ci porta tanto del suo vissuto e delle sue utilissime fonti, per venire al nodo di alcune questioni davvero spinose e di pratiche più o meno dubbie nella gestione […]
    Martha, Mary and Me

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 110:
    • 185:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login