Cristiani perseguitati, la drammatica sofferenza della Chiesa cattolica in Eritrea

Redazione1
di Redazione1 luglio 27, 2019 20:16

Cristiani perseguitati, la drammatica sofferenza della Chiesa cattolica in Eritrea

Quella dei Cristiani perseguitati nel mondo è una condizione costante e dolorosa, il più spesso caratterizzata da violenza impressionante che rimane sommersa nel silenzio generale. Un fenomeno mondiale di notevoli proporzioni, per cui il Papa ha più volte ribadito che le violenze verso i cristiani sono più numerose oggi che nei primi tempi della Chiesa. “Il mondo odia i cristiani – ha affermato il Pontefice –  per la stessa ragione per cui ha odiato Gesù, perché Lui ha portato la luce di Dio e il mondo preferisce le tenebre per nascondere le sue opere malvagie”. Di recente, da una fonte locale giungono le dolorose notizie sulla grave sofferenza della Chiesa cattolica in Eritrea.

«Ci hanno impedito di offrire quel poco che riuscivamo a dare, in luoghi in cui nessuno si prende cura della popolazione, neanche lo Stato. Se il governo ci costringerà a chiudere anche le scuole i nostri sacerdoti e le nostre religiose troveranno un modo per sopravvivere. Ma il popolo come farà?». È l’amaro interrogativo posto da una fonte vicina alla Chiesa eritrea – che per motivi di sicurezza preferisce restare anonima – durante una conversazione con Aiuto alla Chiesa che Soffre. «Il tutto – continua la fonte – avviene nell’indifferenza. Ma il mondo ci vede? Oppure si accorge dell’Eritrea soltanto quando si parla dei nuovi migranti che giungono sulle coste italiane?».

La situazione nel Paese africano è drammatica. Nelle ultime settimane sono stati chiusi 22 centri sanitari di proprietà di congregazioni religiose o diocesi cattoliche, in nome di una legge del 1995 mediante la quale lo Stato si impone come unico gestore delle opere sociali. Altri 8 centri cattolici erano già stati confiscati tra il 2017 e il 2018. «Come potrà il governo portare avanti questo servizio, quando negli ospedali statali mancano attrezzature e risorse adeguate?».

Le strutture dovrebbero divenire pubbliche, ma come spiega la fonte «non vi è stato alcun trasferimento: gli agenti si sono limitati a sigillare tutto privando la popolazione di un servizio vitale. I pazienti erano di ogni fede, noi cattolici in Eritrea siamo appena il 5%». Oltre a ciò, in molti casi assieme agli ambulatori sono stati posti i sigilli anche alle attigue residenze delle religiose, le quali si sono dovute trasferire in altre case delle rispettive congregazioni. Per molte di loro non è neanche possibile lasciare il Paese, perché il governo non permette alle donne sotto i 40 anni e agli uomini sotto i 50 che non hanno prestato servizio militare di recarsi all’estero.

Al momento è forte il timore per la sorte delle 50 scuole, dalle elementari alle superiori, e gli oltre 100 asili nido gestiti dalla Chiesa cattolica in Eritrea. Maggiori certezze sulla sorte degli istituti si potranno avere a settembre, con l’inizio del nuovo anno scolastico. Una decina di anni fa, senza alcun preavviso, gli alunni di una scuola gestita da una congregazione di suore erano stati tutti trasferiti ad istituti statali. La scuola cattolica è stata riaperta soltanto quattro anni dopo.

Lo scorso anno è stato chiuso anche l’unico istituto per seminaristi e religiose. «Adesso non esiste alcuna struttura in cui i candidati al sacerdozio e al noviziato possono studiare. La polizia ha anche arrestato una suora ed un sacerdote perché si rifiutavano di fornire il nome degli studenti». Inoltre, il governo ha disposto che tutti gli alunni, inclusi quelli delle scuole cattoliche, debbano obbligatoriamente frequentare l’ultimo anno delle superiori in un istituto militare. «Gli studenti che non frequentano quest’ultimo anno non ottengono un diploma. Anche le religiose che operavano nei centri sanitari confiscati non hanno alcun titolo di studio e dunque non hanno possibilità di lavorare in altri ospedali».

Diversa la situazione della Chiesa ortodossa che da oltre 10 anni ha ceduto all’imposizione di consegnare allo Stato tutte le offerte e i cui sacerdoti percepiscono infatti un salario da parte del governo. È successo nel 2006 quando il patriarca Antonios è stato posto agli arresti domiciliari, condizione in cui tutt’ora si trova, e sostituito con un patriarca scelto dal regime. «Hanno tentato lo stesso con noi cattolici ma abbiamo rifiutato. La nostra Chiesa è l’unica voce indipendente e per questo diamo molto fastidio alle autorità. Ma se elimineranno la nostra presenza, chi penserà al popolo eritreo?», conclude la fonte.

 

 

 

Redazione da Ag di I.

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 27, 2019 20:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Non vedo un povero ma un uomo dal valore infinito
    Dalla tratta dei piccoli campioni di calcio nei villaggi africani alle scuole negli slum del Kenya: dal Meeting di Rimini le ipotesi di speranza di Rose Busingye, infermiera in Uganda, e di Damiano Tommasi, Presidente dell'Associazione Italiana Calciatori.Le molte ferite che ancora piagano il continente africano rischiano di ridursi, agli occhi dell’opinione pubblica, alle immagini […]
    Annalisa Teggi
  • Chiacchiericcio & Maldicenza: peccati gravi e troppo frequentemente trascurati
    I peccati della lingua, come i giudizi temerari o le critiche infondate, sono spesso eretti a virtù, col pretesto di denunciare un male (reale o supposto). Essi commettono in realtà la più terribile delle ingiustizie: l’attentato all’onore altrui. Meditare l’Epistola di san Giacomo sarebbe un buon modo per occupare intelligentemente qualche ora della nostra estate, […]
    Jean-François Thomas s.J.
  • Donazione organi, legge del 1999: dopo 20 anni la firma del Ministro sul decreto attuativo
    Nel giorno delle dimissioni del Premier Conte, la firma di Giulia Grillo, Ministro della Salute. Tutti donatori fino a prova contraria o meglio se non dichiariamo apertamente il nostro dissenso, previa chiara e completa informazione. Proprio il passaggio che è rimasto incompiuto fino ad ora. Ciò nonostante l'Italia è uno dei Paesi dove si dona […]
    Paola Belletti
  • Cos’è il selficidio? morire di selfie inseguendo lo scatto che più “figo” non si può!
    Una interessante chiave di lettura dell’epidemia di morti per selficidio: sacrificio estremo di sé sull'altare dell'Io.Un articolo molto interessante apparso su Il Foglio a firma di Mattia Ferraresi ci informa di una recente ricerca apparsa sul Journal of Family Medicine and Primary Care che ha posto le basi per un nuovo capitolo dell’epidemiologia: la morte […]
    Silvia Lucchetti
  • Papa Francesco: basta cristiani ipocriti, la vera conversione arriva alle tasche
    All’udienza generale, nell’aula Paolo VI, il Pontefice prosegue le catechesi dedicate agli Atti degli Apostoli, soffermandosi sul tema: “La comunione integrale nella comunità dei credenti”La “vera conversione” arriva “alle tasche”: un cuore davvero toccato dal Signore “è generoso con gli altri” e “aiuta i più deboli”. E’ una delle riflessioni offerte da Papa Francesco nel […]
    Vatican News
  • Il bello di complicarsi la vita. Zanetti tra fede, sport e solidarietà
    Nel salone Intesa Sanpaolo B3, Zanetti è stato accolto con entusiasmo per l’incontro “Vincere ma non solo. Crescere nella vita per raggiungere i propri obiettivi”, presentato da Andrea Simoncini, dell’Università degli studi di Firenze e membro del Cda del Meeting. Il titolo ha ripreso quello dell’ultimo libro del calciatore che prima di intervenire si è impegnato in un […]
    Meeting di Rimini
  • Cos’è e cosa dice la “legge del mare”. 10 cose da sapere
    Un corpus giuridico complesso e variegato completato dalle linee guida dell'Onu. Dal "luogo sicuro" all'obbligo di prestare soccorso, dal coordinamento delle operazioni di salvataggio alle responsabilità del capitano della nave che lo compie “Uomo a mare!”, ovvero salvare la vita dei naufraghi, costituisce un preciso obbligo degli Stati? E c’è e cos’è una “legge del mare”, […]
    Agi
  • Respinto anche l’appello: il cardinale Pell resta in carcere per pedofilia
    Il Vaticano: restano le misure già emesse dal Papa nei suoi confronti Il cardinale George Pell è colpevole. La Corte Suprema di Victoria, in Australia, ha confermato la sentenza di condanna resa nota a febbraio nel processo in primo grado per abusi sessuali su minori. I legali del porporato dispongono di 28 giorni per presentare […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Conte si è dimesso. Iniziano le consultazioni al Quirinale
    Mattarella sentirà per primi il presidente emerito Napolitano e i presidenti di Camera e Senato. Poi toccherà ai partiti. Che si presentano all'appuntamento divisi, anche al loro interno Giuseppe Conte si è dimesso. Al termine di una lunga giornata al Senato, il presidente del Consiglio, come preannunciato, è salito al Colle per rimettere il mandato nelle mani del Capo […]
    Agi
  • Gennaio 1994: con i primi ragazzi accolti vivemmo un’esperienza indescrivibile!
    Facemmo un ritiro insieme a persone "speciali". Nel giorno della festa del battesimo di Gesù scese una grazia dall’alto per cui anche i cuori più duri si scioglievano. Ci ritrovammo tutti in lacrime di commozione, di gioia e di pentimento che solo Dio può suscitare. di Chiara Amirante Nel gennaio 1994 con i primi ragazzi […]
    Credere

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 20:
    • 205:
    agosto: 2019
    L M M G V S D
    « Lug    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login