Cristiani perseguitati, la drammatica sofferenza della Chiesa cattolica in Eritrea

Redazione1
di Redazione1 luglio 27, 2019 20:16

Cristiani perseguitati, la drammatica sofferenza della Chiesa cattolica in Eritrea

Quella dei Cristiani perseguitati nel mondo è una condizione costante e dolorosa, il più spesso caratterizzata da violenza impressionante che rimane sommersa nel silenzio generale. Un fenomeno mondiale di notevoli proporzioni, per cui il Papa ha più volte ribadito che le violenze verso i cristiani sono più numerose oggi che nei primi tempi della Chiesa. “Il mondo odia i cristiani – ha affermato il Pontefice –  per la stessa ragione per cui ha odiato Gesù, perché Lui ha portato la luce di Dio e il mondo preferisce le tenebre per nascondere le sue opere malvagie”. Di recente, da una fonte locale giungono le dolorose notizie sulla grave sofferenza della Chiesa cattolica in Eritrea.

«Ci hanno impedito di offrire quel poco che riuscivamo a dare, in luoghi in cui nessuno si prende cura della popolazione, neanche lo Stato. Se il governo ci costringerà a chiudere anche le scuole i nostri sacerdoti e le nostre religiose troveranno un modo per sopravvivere. Ma il popolo come farà?». È l’amaro interrogativo posto da una fonte vicina alla Chiesa eritrea – che per motivi di sicurezza preferisce restare anonima – durante una conversazione con Aiuto alla Chiesa che Soffre. «Il tutto – continua la fonte – avviene nell’indifferenza. Ma il mondo ci vede? Oppure si accorge dell’Eritrea soltanto quando si parla dei nuovi migranti che giungono sulle coste italiane?».

La situazione nel Paese africano è drammatica. Nelle ultime settimane sono stati chiusi 22 centri sanitari di proprietà di congregazioni religiose o diocesi cattoliche, in nome di una legge del 1995 mediante la quale lo Stato si impone come unico gestore delle opere sociali. Altri 8 centri cattolici erano già stati confiscati tra il 2017 e il 2018. «Come potrà il governo portare avanti questo servizio, quando negli ospedali statali mancano attrezzature e risorse adeguate?».

Le strutture dovrebbero divenire pubbliche, ma come spiega la fonte «non vi è stato alcun trasferimento: gli agenti si sono limitati a sigillare tutto privando la popolazione di un servizio vitale. I pazienti erano di ogni fede, noi cattolici in Eritrea siamo appena il 5%». Oltre a ciò, in molti casi assieme agli ambulatori sono stati posti i sigilli anche alle attigue residenze delle religiose, le quali si sono dovute trasferire in altre case delle rispettive congregazioni. Per molte di loro non è neanche possibile lasciare il Paese, perché il governo non permette alle donne sotto i 40 anni e agli uomini sotto i 50 che non hanno prestato servizio militare di recarsi all’estero.

Al momento è forte il timore per la sorte delle 50 scuole, dalle elementari alle superiori, e gli oltre 100 asili nido gestiti dalla Chiesa cattolica in Eritrea. Maggiori certezze sulla sorte degli istituti si potranno avere a settembre, con l’inizio del nuovo anno scolastico. Una decina di anni fa, senza alcun preavviso, gli alunni di una scuola gestita da una congregazione di suore erano stati tutti trasferiti ad istituti statali. La scuola cattolica è stata riaperta soltanto quattro anni dopo.

Lo scorso anno è stato chiuso anche l’unico istituto per seminaristi e religiose. «Adesso non esiste alcuna struttura in cui i candidati al sacerdozio e al noviziato possono studiare. La polizia ha anche arrestato una suora ed un sacerdote perché si rifiutavano di fornire il nome degli studenti». Inoltre, il governo ha disposto che tutti gli alunni, inclusi quelli delle scuole cattoliche, debbano obbligatoriamente frequentare l’ultimo anno delle superiori in un istituto militare. «Gli studenti che non frequentano quest’ultimo anno non ottengono un diploma. Anche le religiose che operavano nei centri sanitari confiscati non hanno alcun titolo di studio e dunque non hanno possibilità di lavorare in altri ospedali».

Diversa la situazione della Chiesa ortodossa che da oltre 10 anni ha ceduto all’imposizione di consegnare allo Stato tutte le offerte e i cui sacerdoti percepiscono infatti un salario da parte del governo. È successo nel 2006 quando il patriarca Antonios è stato posto agli arresti domiciliari, condizione in cui tutt’ora si trova, e sostituito con un patriarca scelto dal regime. «Hanno tentato lo stesso con noi cattolici ma abbiamo rifiutato. La nostra Chiesa è l’unica voce indipendente e per questo diamo molto fastidio alle autorità. Ma se elimineranno la nostra presenza, chi penserà al popolo eritreo?», conclude la fonte.

 

 

 

Redazione da Ag di I.

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 27, 2019 20:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Sterilità: quali sono le altre fecondità della coppia?
    Quando i coniugi non riescono ad avere un figlio, spesso si domandano perché il Signore li abbia uniti. E se la fecondità non si riducesse solo al generare figli?  di padre Alain Bandelier I coniugi che non riescono a concepire un figlio si chiedono spesso: per che scopo? Per quale frutto? Alla fine qual è […]
    Edifa
  • Come fare più spazio allo stupore nella propria vita?
    Qualunque età abbiamo, dobbiamo rendere lode per il Creato e crescere nella capacità di vedere il mondo come un dono di Dio di Christine Ponsard Ogni giorno, quotidiani, radio e televisione effondono ondate di lamentele su varie catastrofi, al punto che rischiamo di dimenticare di saperci stupire. Si dice che le belle storie “non vendono”, […]
    Edifa
  • Padre Maurizio Botta: “Io sono stanco della parola Vangelo!” (VIDEO)
    Ecco la prima catechesi del mattino di sabato 19 ottobre scorso, a San Paolo Fuori le Mura. E’ di Padre Maurizio, Vice parroco a Santa Maria in Vallicella, Prefetto dell’Oratorio secolare San Filippo Neri, da alcuni anni collabora anche con l’Ufficio catechistico della Diocesi di Roma. E’ un sacerdote e la prima cosa che colpisce […]
    Paola Belletti
  • Statuine e riti indigeni al Sinodo? Ecco cosa non avete ancora letto
    Preparavamo quest’intervista da quasi una settimana: il vile attentato alla sensibilità religiosa delle delegazioni amazzoniche pellegrine a Roma (delitto contro il Diritto Canonico e contro la legge non scritta dell’ospitalità) ha reso piú complessi i contatti e gli scambi, ma ora possiamo offrirvi il resoconto di una conversazione intensa e utile a capire molte cose. […]
    Giovanni Marcotullio
  • Sister Gerard Fernandez, 35 anni a pregare coi condannati a morte a Singapore
    Riconosciuta dalla BBC tra le 100 donne fonte d’ispirazione del 2019, questa suora cattolica ha visto un barlume di speranza nei cuori macchiati dei crimini più atroci. Sono gli ultimi mesi di questo 2019 e qualcuno comincia a fare bilanci e scattare foto ricordo. La BBC, ad esempio, ha stilato un elenco di 100 donne […]
    Annalisa Teggi
  • Vale la pena andare al cinema per vedere “Grazie a Dio”? Un alto prelato lo raccomanda
    La pellicola nei cinema dal 17 ottobre racconta gli abusi di un prete della diocesi di Lione e il processo che vede implicato anche il cardinale Barbarin, suo superiore Una voce in controtendenza nella Chiesa sul film “Grazie a Dio“. La pellicola del regista François Ozon, dal 17 ottobre nei cinema di tutta Italia, è […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 miti sulla castità che ci hanno perseguitato tutta la vita
    di Daniel Torres Cox Se oggi si celebrasse una festa della sessualità, sicuramente nessuno inviterebbe a ballare la castità. Sarebbe una di quelle che appena arrivano a una festa vengono guardate con la coda dell’occhio mentre la gente continua a farsi i fatti propri. Viene ignorata, fingendo che non ci sia. Non è decisamente popolare. […]
    Catholic Link
  • Un sacerdote autistico offre consigli ai penitenti autistici e ai loro confessori
    Oltre al nervosismo abituale, ci sono le nostre difficoltà sensoriali o sociali, ma questi suggerimenti possono aiutare Le persone affette da autismo rappresentano tra l’1,5% e il 2% della popolazione. Io faccio parte di quel gruppo. Con l’aumento della consapevolezza dell’autismo, si sta sviluppando, seppur lentamente, anche una maggiore sensibilità pastorale nei confronti delle nostre […]
    Padre Matthew Schneider, LC
  • Il metodo di un francescano per vincere alla lotteria
    Aveva un dono molto particolare ed ha voluto condividerlo Nella chiesa dei Cappuccini a Roma, Santa Maria della Concezione, tra il 1831 e il 1846 viveva un frate di nome Pacifico molto popolare e cercato dalla gente, non tanto per il suo carisma da bravo francescano, ma perché aveva un dono molto particolare: era capace […]
    Maria Paola Daud
  • Il consiglio di San Giovanni Paolo II per i momenti in cui la vita è stressante
    di Brenton Cordeiro Se la vostra vita è piena di ansia e tensione, una soluzione ovvia è offrire quello che state passando a Cristo nella preghiera. In un bellissimo podcast, il dottor Edward Sri ci mostra come possiamo farlo riprendendo la famosa frase di Papa San Giovanni Paolo: “Non abbiate paura… Spalancate le porte a […]
    Catholic Link

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 1043:
    • 1015:
    ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    Login