MESSINA – La chiesa di S. Eustochia

admin
di admin maggio 28, 2015 21:17

MESSINA – La chiesa di S. Eustochia

Santa_Eustochia_001

La chiesa di S. Eustochia

II Monastero e la chiesa di Montevergine sorgono in via XXIV Maggio, l’antica Via dei Monasteri, per volere di Eustochia Smeralda Calafato, intorno al 1464. Progettata dall’architetto Nicolò Francesco Maffei, la struttura ha subìto negli anni vari rimaneggiamenti a causa dei danni dovuti alla rivoluzione antispagnola e dai vari terremoti che ne hanno alterato l’originaria forma. L’attuale costruzione (1934) è dell’ing. Francesco Barbaro,che, tenendo conto delle nuove misure antisismiche, ne riprodusse l’antica architettura, riutilizzando anche alcuni resti dell’antíca struttura.

Alla chiesa, in stile romanico modernizzato, si accede da una scalinata balaustrata a due rampe di ispirazione barocca che conduce al portale in pietra con timpano aggettante sormontato da una elegante finestra. L’interno, caratterizzato da finissimi intarsi marmorei, è ad unica navata con quattro altari laterali divisi da lesene, in cui sono posti i quadri di San Francesco che riceve le stimmate (opera di Michele Panebianco), di San Biagio, di Gaetano Corsini, e di Santa Chiara; mentre il quarto altare presenta uno stupendo Crocifisso. Sull’altare maggiore ammiriamo la tela del Quagliata raffigurante la Vergine con il Bambino e i santi Francesco e Chiara; in alto e il corpo incorrotto di Santa Eustochia.

Inoltre, appaiono interessanti gli stemmi appartenenti a diverse famiglie messinesi che si distinsero per le generose donazioni a favore della Chiesa e del Monastero di Montevergine. II soffitto è a volta, dipinto di bianco, con finestroni ornati da stucchi; un tempo invece era riccamente affrescato con ]’Assunzione di Maria, opera purtroppo perduta nel terremoto del 1908, de grande artista messinese Letterio Paladino.

Dirigendosi poi verso la cappella, la prima cosa che s’incontra è un quadro ad olio su tela di un artista ignoto, raffigurante la Beata Eustochia che stringe a se un grande crocifisso.

Santa Eustochia Smeralda Calafato nacque a Messina il 25 Marzo 1934 in località Santissima Annunziata da una ricca e nobile famiglia, fu la madre, fervente cristiana, a trasmettere alla figlia i valori della religione. Fin da giovanissima mostrò l’indole che la caratterizzava, occupandosi insieme alla madre alla cura degli umili e degli ammalati; la povertà fu sua regola di vita che a quel tempo andava diffondendosi in Sicilia sulla scia del movimento francescano che ella ammirò e mise in pratica intensamente.

All’età di circa 15 anni Smeralda entrò nel monastero delle Clarisse di S. Maria di Basicò, ove prese il nome di suor Eustochia. Qui però la Santa non trovò ciò che desiderava, cioè una vita fatta di rinunzie e adesione totale alla prima regola di S. Chiara, poiché nel monastero vivevano tante nobili fanciulle abituate ad una vita accomodante e la badessa del tempo, Suor Milloso, era forse troppo invischiata in faccende temporali che dispiacevano alla Santa.

Fu cosi che Ella fondò con altre consorelle tra cui Suor Jacoba Pollicino, sua biografa e amica, il Monastero di Montevergine. Diventò madre spirituale del convento, educò, istruì e formò le consorelle alla vita francescana indirizzando i loro spiriti alla meditazione della Passione di Cristo, all’umiltà e alla preghiera, all’amore per il Cristo in Croce.

La Santa desiderava soffrire come soffrì Gesù, e questo suo ardente desiderio la portò a mortificare il suo corpo: a portare il cilicio stretto in vita; ad occuparsi dei lavori più umili, a digiunare spesso, a indossare vestiti ruvidi e scomodi e dormire a terra.

Possedeva diversi carismi, tra cui la preveggenza e la guarigione; molti sono gli episodi rilevanti che meriterebbero menzione, durante i quali ella preavvertiva  catastrofi o avvenimenti importanti che stavano per accadere, o per i miracolosi interventi su infermi che miracolosamente guarivano dopo essere entrati in contatto con le sue lacrime.  Eustochia morì nel suo monastero nel 1485, e tutt’oggi, col suo corpo incorrotto e ben visibile, si trova sotto l’abside della Chiesa che prende il suo nome.

 

All’interno della Cappella troviamo fra l’altro:

 

  • II corpo semicorrotto di suor Jacoba Pollicino
  • Una lapide che ricorda il riconoscimento del culto di Papa Pio VI (1782 beatificazione)
  • Lapide di granito che ricorda la bomba inesplosa del 1943
  • Marmo a ricordo della visita di Maria Elisabetta madre del Re Ferdinando II
  • Legno del cipresso al quale la Santa usava appoggiarsi durante la preghiera
  • 150 quadri del Prof. Impallomeni che illustrano la vita della Santa
  • Testamento e Regola di Santa Chiara
  • Due urne contenenti i teschi della madre e della sorella della Beata

 

          Angela Millecro

admin
di admin maggio 28, 2015 21:17
Scriva un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti ancora, ma Lei potrebbe essere il primo a commentare questo articolo

Scriva un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare gli articoli.

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 96:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login