MESSINA Terra di santi – L’edificante messaggio di suor Alfonsa: un’eroica vita di sofferenza offerta per amore

Redazione1
di Redazione1 luglio 20, 2019 20:13

MESSINA Terra di santi – L’edificante messaggio di suor Alfonsa: un’eroica vita di sofferenza offerta per amore

Il prezioso patrimonio storico, tradizionale e spirituale, che costituisce il fondamento identitario della nostra collettività, da cui derivano i grandi valori religiosi e culturali che ci rendono consapevoli di orgogliosa appartenenza, si va arricchendo di personaggi eccellenti che hanno intrapreso il cammino verso la canonizzazione. Tra gli appartenenti alla eletta schiera di anime consacrate che onorano Messina, conferendole la caratteristica di terra propiziatrice di santità, suor Alfonsa Bruno spicca per il carisma della sofferenza accettata e offerta per amore di Dio, così come descritto nel libro di Castagna. Ce ne fornisce una gradevole sintesi Fenia Abate.

 “Credo al dolore, come dono di Dio… Credo al suo immenso valore… Credo al dolore accettato… Credo al dolore offerto … col sorriso sulle labbra…”. Sono le parole di una preghiera scritta da Suor Maria Alfonsa Bruno.

Affermazioni assurde per chi, all’idea del dolore, sente ribellare tutto se stesso con ogni fibra del proprio corpo. Ossia per ogni essere umano. Soprattutto se appartenente ad una società come quella di oggi che, vista l’impossibilità di eliminarla, ha messo al bando la sofferenza come una vergogna lesiva della “dignità” umana.

Invece, proprio in questa società è vissuta una donna che ha testimoniato con la propria vita che vivere il dolore accettandolo col sorriso sulle labbra non è una follia, ma diventa la fonte di un’energia potente che impedisce al dolore di schiacciarci permettendoci di rendere ancor più proficua la propria vita, oltre che di viverla con gioia. Ed è ciò che suor Maria Alfonsa Bruno ha fatto, come apprendiamo dal libro “La Cattedra a rotelle” di Umberto Castagna, Ed. SanPaolo.

Oltre che una biografia temporale, che riferisce il susseguirsi degli avvenimenti più importanti della vita terrena (dal 1937 al 1994) di questa donna messinese consacrata a Dio, questo libro è anche, e soprattutto, una biografia spirituale che ripercorre il cammino di formazione di quest’anima che è riuscita, grazie alla sua fede, non solo a non farsi bloccare, ma neanche minimamente limitare dalla sofferenza fisica, prodotta da una invalidante patologia cronica e progressiva, nella realizzazione della sua missione di evangelizzazione, per cui è in corso il processo di canonizzazione. Infatti, anche se in modo diverso da come aveva progettato al momento di prendere i voti, ha portato avanti e concretizzato la sua vocazione, il suo desiderio di aiutare gli altri e di portarli a Dio.

Non percorrendo terre lontane, come aveva immaginato e come aveva appena iniziato a fare subito dopo la sua consacrazione, ma nella sua stessa città, inchiodata su una carrozzina in un angolo della Chiesa del suo Istituto. Costretta per più di vent’anni sulla sedia a rotelle da un’artrite reumatoide deformante anchilosante, malattia irreversibile, senza speranza di guarigione e con atroci prospettive di sofferenza, al punto (come leggiamo nel libro di U. Castagna) da far dire al medico del St. John Hospital di Steubenville che gliela aveva diagnosticata, “preghi il suo Dio che la faccia morire presto”, Suor Alfonsa ha reagito accettando la realtà e dando, quindi, un senso alla propria sofferenza.

Ha fatto, cioè, diventare quella carrozzina il mezzo di cui servirsi per svolgere il suo apostolato, ovvero il suo “trono regale”, come la definiva scherzando lei stessa, o la “cattedra a rotelle” come la definisce l’autore. Leggiamo, infatti, che, in base alla testimonianza di numerosissime persone, da lei si irradiava una forza irresistibile, che attraeva tutti coloro che entravano in quella Chiesa, e li affascinava con la sua serenità, col suo sorriso, con la sua grande saggezza. Porgeva il suo orecchio attento all’ascolto di tutte le sofferenze umane, ridando a quei fratelli e a quelle sorelle che gliele affidavano la forza di andare avanti, placando le loro angosce con i suoi consigli e con il suo sostegno, donando sollievo al loro animo tormentato dal dolore e, in particolar modo, trasmettendo loro la sua gioia, il suo grande amore per Dio e per il prossimo.

Ma soprattutto ristrutturando il loro concetto di dolore, e portandoli a vederlo in un’ottica diversa: non come una tegola piombata inaspettatamente sulla testa e a cui istintivamente ci si ribella con rabbia e disperazione, ma come qualcosa che fa parte della condizione umana e che ha un significato e un valore inestimabile.

Al termine della lettura di questo libro, dal profondo del cuore sale spontaneamente un: “Grazie, suor Serenità, per il tuo messaggio”.

 

Fenia Abate

 

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 20, 2019 20:13


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Fatti bello come se andassi in chiesa! Consigli per prepararsi alla Pasqua in casa (VIDEO)
    Sarà sicuramente una Pasqua diversa, è vero, ma possiamo viverla al meglio attraverso i suggerimenti di don Alberto Ravegnani. All’inizio della quarantena abbiamo provato tutti un grande desiderio di preghiera, una forte ricerca di Dio, un bisogno profondo di parlare con Lui ed ascoltarlo. Attraverso i social e la tv abbiamo potuto recitare il Rosario, […]
    Silvia Lucchetti
  • Persone perbene: la più grande risorsa dell’Italia di fronte a questa crisi
    In tempi di coronavirus, parla l’imprenditore Sauro Pellerucci, ideatore del progetto: “Io Sono Una Persona Perbene” In questi giorni di grande crisi l’Italia reagisce offrendo la migliore versione di sé stessa, mostrando quel volto e quella forza che spesso sembravano essere sopiti.  Ed ecco che vediamo alla ribalta delle cronache tante storie di brave persone, […]
    Silvia Costantini
  • Camminate dove ha camminato Gesù nei giorni precedenti la sua crocifissione
    In questa Settimana Santa, fate dei tour virtuali di Gerusalemme, dal Giardino del Gestemani alla chiesa del Santo Sepolcro Ogni Settimana Santa, per avvicinarsi a Gesù nei giorni precedenti la sua crocifissione e la sua gloriosa resurrezione, i cristiani si riuniscono in chiesa per ascoltare le letture del Vangelo che descrivono la sua Passione. Quest’anno, […]
    Zelda Caldwell
  • Il ristorante è chiuso, ma la cucina è aperta per i poveri
    In ogni circostanza ciascuno può sempre decidere cosa fare del tempo che gli è dato: c’è chi ha unito in modo virtuoso la chiusura del proprio locale di ristorazione e il bisogno di chi si è ritrovato a patire la fame.  Si comincia a vedere gente che ha fame perché non può lavorare, perché non […]
    Annalisa Teggi
  • Inginocchiati di fronte al coniuge, ai figli e lavagli i piedi chiedendo perdono
    Chi è solo può farlo magari al telefono, con le persone più vicine. Credetemi, sarà un Giovedì Santo meraviglioso! “Approfittando del momento presente…”. Sono certo che oggi il Signore stupirà tutti noi. Viene nell’intimità del Cenacolo che sono le nostre case, si inginocchia dinanzi a noi e si dona sino alla fine per perdonarci e […]
    Don Antonello Iapicca
  • Stupefacente: l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci in carne ed ossa
    Il regista-creatore Armondo Linus Acosta ha unito il talento di tre italiani vincitori del premio Oscar per dare forma in un “quadro che vive” il capolavoro leonardesco sin nei suoi minimi dettagli. Come si è svolta l’Ultima Cena di Gesù? Anzi, come l’ha immaginata e dipinta uno degli artisti più grandi della storia, Leonardo da […]
    Jesús Colina
  • La Santa Messa nella Cena del Signore per il Giovedì Santo
    Le celebrazioni del Giovedì e Venerdì Santo, la Messa della Veglia e della Domenica: così tutto è stato ripensato per accompagnare i fedeli in tempo di pandemia Questo Giovedì Santo, Papa Francesco non presiederà la Messa del Crisma con i sacerdoti di Roma: la celebrazione si terrà a crisi finita. La Messa in Coena Domini, […]
    Aleteia
  • Il nemico numero uno sarà il neoliberismo
    Il mondo che verrà secondo l’economista Stefano Zamagni di Marco Bellizi   Nel “nuovo mondo” del dopovirus il nemico numero uno sarà il liberismo. E insieme ad esso, almeno in Italia, la burocrazia, l’ostinazione nel rifiutare il principio di sussidiarietà, la resistenza alle opportunità che la tecnologia ha dimostrato di poter fornire. Nonostante questo compito […]
    L'Osservatore Romano
  • Perché quest’anno la Settimana Santa sarà diversa
    Se ci saranno alcuni cambiamenti nella liturgia, molto resta uguale La Pasqua non cambia. A differenza di alcune feste della Chiesa che possono essere trasferite ad altri giorni, la celebrazione della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo è legata alla festa ebraica della Pasqua. Il nostro ricordo annuale di questi eventi sacri segue il cambiamento […]
    Padre Patrick Briscoe
  • Disegni di Gesù da stampare e colorare nella Settimana Santa
    Potranno aiutare i vostri bambini a contemplare l’Ultima Cena e le scene della Passione e Morte di Gesù I bambini amano molto colorare i disegni, e in questa Settimana Santa in casa potete stampare molte immagini tratte da Dibujos para catequesis che permetteranno loro di pregare mentre colorano l’Ultima Cena o il Giovedì Santo o […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 191:
    • 149:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login