MESSINA Terra di santi – L’edificante messaggio di suor Alfonsa: un’eroica vita di sofferenza offerta per amore

Redazione1
di Redazione1 luglio 20, 2019 20:13

MESSINA Terra di santi – L’edificante messaggio di suor Alfonsa: un’eroica vita di sofferenza offerta per amore

Il prezioso patrimonio storico, tradizionale e spirituale, che costituisce il fondamento identitario della nostra collettività, da cui derivano i grandi valori religiosi e culturali che ci rendono consapevoli di orgogliosa appartenenza, si va arricchendo di personaggi eccellenti che hanno intrapreso il cammino verso la canonizzazione. Tra gli appartenenti alla eletta schiera di anime consacrate che onorano Messina, conferendole la caratteristica di terra propiziatrice di santità, suor Alfonsa Bruno spicca per il carisma della sofferenza accettata e offerta per amore di Dio, così come descritto nel libro di Castagna. Ce ne fornisce una gradevole sintesi Fenia Abate.

 “Credo al dolore, come dono di Dio… Credo al suo immenso valore… Credo al dolore accettato… Credo al dolore offerto … col sorriso sulle labbra…”. Sono le parole di una preghiera scritta da Suor Maria Alfonsa Bruno.

Affermazioni assurde per chi, all’idea del dolore, sente ribellare tutto se stesso con ogni fibra del proprio corpo. Ossia per ogni essere umano. Soprattutto se appartenente ad una società come quella di oggi che, vista l’impossibilità di eliminarla, ha messo al bando la sofferenza come una vergogna lesiva della “dignità” umana.

Invece, proprio in questa società è vissuta una donna che ha testimoniato con la propria vita che vivere il dolore accettandolo col sorriso sulle labbra non è una follia, ma diventa la fonte di un’energia potente che impedisce al dolore di schiacciarci permettendoci di rendere ancor più proficua la propria vita, oltre che di viverla con gioia. Ed è ciò che suor Maria Alfonsa Bruno ha fatto, come apprendiamo dal libro “La Cattedra a rotelle” di Umberto Castagna, Ed. SanPaolo.

Oltre che una biografia temporale, che riferisce il susseguirsi degli avvenimenti più importanti della vita terrena (dal 1937 al 1994) di questa donna messinese consacrata a Dio, questo libro è anche, e soprattutto, una biografia spirituale che ripercorre il cammino di formazione di quest’anima che è riuscita, grazie alla sua fede, non solo a non farsi bloccare, ma neanche minimamente limitare dalla sofferenza fisica, prodotta da una invalidante patologia cronica e progressiva, nella realizzazione della sua missione di evangelizzazione, per cui è in corso il processo di canonizzazione. Infatti, anche se in modo diverso da come aveva progettato al momento di prendere i voti, ha portato avanti e concretizzato la sua vocazione, il suo desiderio di aiutare gli altri e di portarli a Dio.

Non percorrendo terre lontane, come aveva immaginato e come aveva appena iniziato a fare subito dopo la sua consacrazione, ma nella sua stessa città, inchiodata su una carrozzina in un angolo della Chiesa del suo Istituto. Costretta per più di vent’anni sulla sedia a rotelle da un’artrite reumatoide deformante anchilosante, malattia irreversibile, senza speranza di guarigione e con atroci prospettive di sofferenza, al punto (come leggiamo nel libro di U. Castagna) da far dire al medico del St. John Hospital di Steubenville che gliela aveva diagnosticata, “preghi il suo Dio che la faccia morire presto”, Suor Alfonsa ha reagito accettando la realtà e dando, quindi, un senso alla propria sofferenza.

Ha fatto, cioè, diventare quella carrozzina il mezzo di cui servirsi per svolgere il suo apostolato, ovvero il suo “trono regale”, come la definiva scherzando lei stessa, o la “cattedra a rotelle” come la definisce l’autore. Leggiamo, infatti, che, in base alla testimonianza di numerosissime persone, da lei si irradiava una forza irresistibile, che attraeva tutti coloro che entravano in quella Chiesa, e li affascinava con la sua serenità, col suo sorriso, con la sua grande saggezza. Porgeva il suo orecchio attento all’ascolto di tutte le sofferenze umane, ridando a quei fratelli e a quelle sorelle che gliele affidavano la forza di andare avanti, placando le loro angosce con i suoi consigli e con il suo sostegno, donando sollievo al loro animo tormentato dal dolore e, in particolar modo, trasmettendo loro la sua gioia, il suo grande amore per Dio e per il prossimo.

Ma soprattutto ristrutturando il loro concetto di dolore, e portandoli a vederlo in un’ottica diversa: non come una tegola piombata inaspettatamente sulla testa e a cui istintivamente ci si ribella con rabbia e disperazione, ma come qualcosa che fa parte della condizione umana e che ha un significato e un valore inestimabile.

Al termine della lettura di questo libro, dal profondo del cuore sale spontaneamente un: “Grazie, suor Serenità, per il tuo messaggio”.

 

Fenia Abate

 

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 20, 2019 20:13


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco: chi fa la guerra non sa dominare le proprie passioni
    “Quando si accoglie la Legge di Dio nel cuore si capisce che bisogna abbandonare uno stile di vita fatto di promesse non mantenute”, di passioni che travolgono. All’Angelus in Piazza San Pietro, Francesco ricorda che non amare il prossimo significa uccidere se stessi, che l’amore di Gesù aiuta a vincere i sentimenti egoistici e possessivi […]
    Vatican News
  • Nel 2022 il prossimo Sinodo dei vescovi. Il tema all’esame di Francesco
    Fra due anni, in autunno, si svolgerà la XVI Assemblea generale ordinaria. Francesco lo ha deciso in occasione della riunione della Segreteria del Sinodo. Al Pontefice è stata presentata una terna di possibili argomenti La prossima Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi è indetta “per l’autunno 2022”, in modo da assicurare un “maggior coinvolgimento” […]
    Vatican News
  • Sei frustrato per quello che ti manca e non valorizzi ciò che hai?
    Ossessionarti per quello che non hai ti acceca Il giorno in cui mi sono laureata è stato uno dei più tristi della mia vita. Avevo conseguito il titolo tanto sognato per anni prima di entrare all’università e per altrettanti studiando e lavorando per ottenerlo. E finalmente eccolo lì, ma non sapevo cosa fare. Avevo raggiunto […]
    Maria José Fuenteálamo
  • Ecco perché essere single non significa solitudine o tristezza
    di María Belén Andrada “E il fidanzato?”. Spesso negli incontri familiari qualche zia indiscreta pone questa temuta domanda. “Non c’è”, rispondiamo, e vorremmo aggiungere “Sono single, sola con me stessa, sola contro il mondo”. Beh, forse no, è un po’ esagerato. Oggi, però, vorrei parlarvi di come affrontare il tema dell’essere single, come guardarsi in […]
    Catholic Link
  • Angeli sotto forma di “personaggi misteriosi”, che hanno salvato la vita delle persone
    “Tim pregò: “Dio mio, solo voi potete venirci in aiuto”. Subito, i ragazzi scorsero una macchina che si affiancò ad essi. Da dove veniva?” Numerosi libri attuali riportano le esperienze di contemporanei che affermano di essere stati, in un modo o in un altro, contattati da un personaggio misterioso in cui essi hanno riconosciuto un […]
    don Marcello Stanzione
  • Perché la Madonna è stata concepita senza peccato?
    Comprendere il dogma dell’Immacolata Concezione L’8 dicembre la Chiesa celebra la solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria, e spiega che per essere la Madre del Salvatore Maria è stata arricchita da Dio “di doni degni di una così grande missione”. Al momento dell’Annunciazione, l’angelo Gabriele la saluta come “piena di grazia”; ovvero senza peccato, colei […]
    Felipe Aquino
  • 109 anni di normalità e una certezza: «La fede è la chiave della mia vita»
    Jewell Hutson vive in una modesta casa in Texas, è stata una maestra per 50 anni, si è sposata e ha avuto un figlio. Ora è vedova e nessuno le ha mai sentito pronunciare cose cattive sugli altri. Una troupe televisiva entra in una piccola casa di quartiere. Che sarà successo? Un efferato delitto? Ormai […]
    Annalisa Teggi
  • Casa per casa: la messa “itinerante” di don Alfredo Levis
    Il parroco, per limiti di età diventato collaboratore parrocchiale, è stato l’ “inventore”, in provincia di Belluno, di un nuovo modo di far avvicinare le famiglie indigenti a Cristo Sono tanti i parroci di montagna che d’inverno vanno a celebrare la Messa in casa di anziani o ammalati, in continuo aumento. Come a Sospirolo e […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “L’angelo era una bellissima donna”. Le visioni della veggente di Akita
    Suor Agnese Katsuko Sasagawa racconta la prima volta che ha visto uno spirito celeste, quando era in ospedale a Myoko: insieme avrebbero recitato la corona del Rosario In Giappone, in relazione coi prodigi che si produssero dal 1973 al 1981 su di una statua della Vergine Maria “Signora di tutti i popoli” nella comunità delle […]
    don Marcello Stanzione
  • 11 consigli di Santa Teresa di Gesù per una buona vita di preghiera
    “Non parlare mai male di nessuno, e non ascoltare mai, a meno che non si tratti di se stesso” Nella sua opera “Preghiere di tutti i tempi della Chiesa”, il professor Felipe Aquino elenca questi 11 consigli per la vita di preghiera, dati da una delle più grandi mistiche della storia del cristianesimo: Santa Teresa […]
    Aleteia Brasil

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 261:
    • 237:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login