Alessandra Smerilli: Nella società di oggi abbiamo bisogno di Chiesa in ascolto

Redazione1
di Redazione1 luglio 11, 2019 22:22

Alessandra Smerilli: Nella società di oggi abbiamo bisogno di Chiesa in ascolto

= Suor Alessandra Smerilli, religiosa delle Figlie di Maria Ausiliatrice, Docente di Economia presso la Pontificia facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium”, affronta il tema della crisi della società attuale e del ruolo che la Chiesa è chiamata a svolgere = (A.Monda/Osservatore Romano/ 04 lugl. 2019).

Giuseppe De Rita (presidente del Censis) su queste pagine ha affermato che per il buon governo c’è bisogno di due autorità: una civile e una spirituale-religiosa. Quella civile garantisce la sicurezza, quella spirituale offre un orizzonte di senso. L’uomo ha bisogno di tutte e due le cose.  Quale potrebbe essere il ruolo della Chiesa nell’attuale situazione italiana?

Sono d’accordo con quanto afferma De Rita, anche se vedo la situazione italiana in questo momento abbastanza complessa e delicata. C’è sempre stato, e credo ci sarà sempre un bisogno di sicurezza e al tempo stesso di un orizzonte di senso. Ma due autorità sono sufficienti a garantire questo quando la società è un corpo? Oggi avvertiamo disgregazione, mancanza di fiducia nelle istituzioni.  In Italia abbiamo tanti microcosmi a volte non comunicanti tra di loro, le appartenenze si fanno più deboli e mutano in continuazione. Di fronte a tutto questo credo che innanzitutto la Chiesa ne debba prendere atto con coraggio e senza nostalgia. In secondo luogo è la trama delle relazioni sociali e spirituali che va ricostruita. E questo lo si fa mettendosi con umiltà accanto alle persone lì dove sono, nella logica di una Chiesa missionaria.

Durante i lavori del Sinodo sui giovani di ottobre 2018 è emersa l’icona dei discepoli di Emmaus come chiave di lettura di una Chiesa a misura di giovani. Credo sia anche l’icona di una Chiesa a misura della contemporaneità: Gesù si fa incontro, cammina con i discepoli, suscita domande e ascolta. In Italia abbiamo bisogno di una Chiesa in ascolto, vicina alla gente, che si ferma nei villaggi, e quindi nelle periferie. Tutto questo è già in atto, ma forse va fatto con più decisione, nella comprensione che siamo davanti a un mondo, soprattutto di giovani, che da noi non si aspetta nulla e che non ha le categorie per interpretare parole e segni che per noi sono forse scontati. Saranno le nostre parole a dover cambiare? Lo potremo comprendere solo insieme e mettendoci in ascolto.

La società italiana oggi sembra dominata dal rancore. Da dove nasce questo rancore? De Rita dà una sua lettura, quasi un lutto per quello che non c’è stato, una promessa mancata, un futuro che sembra incrinato. La situazione economica e sociale in Italia è preoccupante, ma la narrazione che ne viene fatta è avvilente e preoccupa ancora di più: sembra che non abbiamo scampo, e questo ci indigna, ci fa sentire rassegnati e aumenta il rancore. E il rancore porta anche ad una colpevolizzazione di chi non ce la fa. Se una persona è povera, se disoccupata, se rimane indietro, è colpa sua. Una non bene intesa cultura del merito porta a legare il successo e la realizzazione nella vita ai propri sforzi. Ma sappiamo bene che non è così.

Recenti ricerche citano il cosiddetto paradosso della meritocrazia: processi di selezione meritocratica che enfatizzano il valore del merito, finiscono per generare “vincitori” che tendono ad escludere altri. Basta solo l’idea dell’essere più abili di altri a rendere le persone più favorevoli a esiti non equi. Quando il successo è determinato dal merito, ogni vittoria può essere vista come il riflesso delle virtù e del valore di una persona.

Tra gli imprenditori di successo ci sono molte persone premiate solo dal caso, e tra i falliti ci sono molti che hanno semplicemente trovato il vento sfavorevole. Questo non vuol dire che le persone di successo non abbiano meriti, ma che il legame tra merito e risultato è solo debole e indiretto. Sentirsi persone di successo perché meritevoli crea meccanismi di esclusione. Il clima attuale inoltre, è favorevole ad una grande confusione in termini di lettura della situazione, ma anche di soluzioni. Abbiamo bisogno di chiarezza di pensiero, di unire le forze migliori, di mettere mano da una parte ai problemi più gravi, come quello della povertà giovanile e della conseguente emigrazione, accompagnata dal costante calo delle nascite. Dall’altra parte è necessario comprendere che le soluzioni non possono essere di breve, brevissimo periodo, per poter invertire la rotta.

Il punto è che i malesseri italiani hanno soprattutto radici interne, quali per esempio corruzione, evasione fiscale, lentezze burocratiche e difficoltà a fare rete. Cercare il nemico fuori di noi da combattere è più facile, ma non risolverà i nostri problemi più gravi. E paradossalmente il dare risalto all’identità non sta diventando un collante sociale. Anzi, ci mette gli uni contro gli altri, in una guerra tra poveri, perché le identità sono tante e come a cerchi concentrici: superata una soglia ci sarà sempre qualcuno che può essere escluso dal cerchio.

Il Papa propone ormai da anni il tema, anzi il metodo, della sinodalità, cioè il camminare insieme, il conoscersi, il fare qualcosa insieme, alto e basso che si intrecciano armoniosamente. Si avverte però un po’ di fatica a capire bene come realizzare questa sinodalità all’interno della Chiesa e della società, come mai?

La sinodalità è un’istanza del Concilio Vaticano II che ancora stenta a prendere corpo. Camminare insieme richiede una grande capacità di ascolto, quell’ascolto vero che cambia tutti coloro che partecipano al dialogo. Capire che la Chiesa non è la Cei o il Vaticano ma il popolo di Dio. Una condizione necessaria per dar vita a processi sinodali è quella di un grande distacco da se stessi, di apertura e disponibilità ad ascoltare insieme la voce dello Spirito.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 11, 2019 22:22


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco: chi fa la guerra non sa dominare le proprie passioni
    “Quando si accoglie la Legge di Dio nel cuore si capisce che bisogna abbandonare uno stile di vita fatto di promesse non mantenute”, di passioni che travolgono. All’Angelus in Piazza San Pietro, Francesco ricorda che non amare il prossimo significa uccidere se stessi, che l’amore di Gesù aiuta a vincere i sentimenti egoistici e possessivi […]
    Vatican News
  • Nel 2022 il prossimo Sinodo dei vescovi. Il tema all’esame di Francesco
    Fra due anni, in autunno, si svolgerà la XVI Assemblea generale ordinaria. Francesco lo ha deciso in occasione della riunione della Segreteria del Sinodo. Al Pontefice è stata presentata una terna di possibili argomenti La prossima Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi è indetta “per l’autunno 2022”, in modo da assicurare un “maggior coinvolgimento” […]
    Vatican News
  • Sei frustrato per quello che ti manca e non valorizzi ciò che hai?
    Ossessionarti per quello che non hai ti acceca Il giorno in cui mi sono laureata è stato uno dei più tristi della mia vita. Avevo conseguito il titolo tanto sognato per anni prima di entrare all’università e per altrettanti studiando e lavorando per ottenerlo. E finalmente eccolo lì, ma non sapevo cosa fare. Avevo raggiunto […]
    Maria José Fuenteálamo
  • Ecco perché essere single non significa solitudine o tristezza
    di María Belén Andrada “E il fidanzato?”. Spesso negli incontri familiari qualche zia indiscreta pone questa temuta domanda. “Non c’è”, rispondiamo, e vorremmo aggiungere “Sono single, sola con me stessa, sola contro il mondo”. Beh, forse no, è un po’ esagerato. Oggi, però, vorrei parlarvi di come affrontare il tema dell’essere single, come guardarsi in […]
    Catholic Link
  • Angeli sotto forma di “personaggi misteriosi”, che hanno salvato la vita delle persone
    “Tim pregò: “Dio mio, solo voi potete venirci in aiuto”. Subito, i ragazzi scorsero una macchina che si affiancò ad essi. Da dove veniva?” Numerosi libri attuali riportano le esperienze di contemporanei che affermano di essere stati, in un modo o in un altro, contattati da un personaggio misterioso in cui essi hanno riconosciuto un […]
    don Marcello Stanzione
  • Perché la Madonna è stata concepita senza peccato?
    Comprendere il dogma dell’Immacolata Concezione L’8 dicembre la Chiesa celebra la solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria, e spiega che per essere la Madre del Salvatore Maria è stata arricchita da Dio “di doni degni di una così grande missione”. Al momento dell’Annunciazione, l’angelo Gabriele la saluta come “piena di grazia”; ovvero senza peccato, colei […]
    Felipe Aquino
  • 109 anni di normalità e una certezza: «La fede è la chiave della mia vita»
    Jewell Hutson vive in una modesta casa in Texas, è stata una maestra per 50 anni, si è sposata e ha avuto un figlio. Ora è vedova e nessuno le ha mai sentito pronunciare cose cattive sugli altri. Una troupe televisiva entra in una piccola casa di quartiere. Che sarà successo? Un efferato delitto? Ormai […]
    Annalisa Teggi
  • Casa per casa: la messa “itinerante” di don Alfredo Levis
    Il parroco, per limiti di età diventato collaboratore parrocchiale, è stato l’ “inventore”, in provincia di Belluno, di un nuovo modo di far avvicinare le famiglie indigenti a Cristo Sono tanti i parroci di montagna che d’inverno vanno a celebrare la Messa in casa di anziani o ammalati, in continuo aumento. Come a Sospirolo e […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “L’angelo era una bellissima donna”. Le visioni della veggente di Akita
    Suor Agnese Katsuko Sasagawa racconta la prima volta che ha visto uno spirito celeste, quando era in ospedale a Myoko: insieme avrebbero recitato la corona del Rosario In Giappone, in relazione coi prodigi che si produssero dal 1973 al 1981 su di una statua della Vergine Maria “Signora di tutti i popoli” nella comunità delle […]
    don Marcello Stanzione
  • 11 consigli di Santa Teresa di Gesù per una buona vita di preghiera
    “Non parlare mai male di nessuno, e non ascoltare mai, a meno che non si tratti di se stesso” Nella sua opera “Preghiere di tutti i tempi della Chiesa”, il professor Felipe Aquino elenca questi 11 consigli per la vita di preghiera, dati da una delle più grandi mistiche della storia del cristianesimo: Santa Teresa […]
    Aleteia Brasil

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 260:
    • 237:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login