#ComunitàConvergenti, le difese dal potere degli algoritmi che guidano le strategie dei social network

Redazione1
di Redazione1 maggio 13, 2019 17:53

#ComunitàConvergenti, le difese dal potere degli algoritmi che guidano le strategie dei social network

Negli ultimi tempi si discute molto di come gli algoritmi, di fatto, condizionino sempre più la nostra vita digitale, e dunque come una parte sempre più consistente della nostra esistenza, del nostro tempo, venga assorbita in un circuito di interazioni guidato da un’intelligenza artificiale sconosciuta, il cui “motore” è fornito dai nostri dati personali. E si cerca come scongiurare il pericolo concreto di rimanere imprigionati in un ambito di interconnessioni automaticamente dirette, secondo un procedimento sistematico di calcolo che lede in gran parte la libera possibilità di sceglierne la direttiva. Di questa importante problematica, che pone anche quesiti di carattere identitario, relazionale, sociale e morale, si è parlato in modo approfondito, ad Assisi, nel recente Convegno #ComunitàConvergenti, dalle social network communities alla comunità umana, svolto dal 9 all’11 maggio.

Della società digitale con i suoi diritti, doveri e poteri, ha parlato Antonello Soro, presidente Garante per la protezione dei dati personali: “Le straordinarie potenzialità delle nuove tecnologie esigono uno statuto di regole capace di restituire alla persona quella centralità altrimenti negata dall’economia digitale, fondata sullo sfruttamento dei dati”.  “Il 95% degli internauti si concentra sullo 0.03% dei contenuti potenzialmente disponibili, per effetto della gerarchizzazione delle notizie determinata dai motori di ricerca, in base a criteri tutt’altro che neutri perché desunti anche dal nostro comportamento on line”, è il grido d’allarme dell’esperto. Di qui la necessità di “tutelare i profili”, per arginare lo strapotere dei “giganti” dell’economia digitale e governare gli algoritmi.

Lo sfruttamento dei dati è la materia prima di un nuovo capitalismo estrattivo alimentato da frammenti, spesso delicatissimi, della nostra vita. La stessa rete sta subendo una trasformazione radicale, perdendo la sua capacità generativa con il rischio di ridursi a quei minimi interstizi che residuano nell’incrocio di piattaforme sempre più estese e potenti, alimentate dagli utenti, spesso ignari di cedere, in cambio di utilità piccole o grandi, frammenti della propria libertà. Ma la monetizzazione dei dati personali e, con essi, dell’identità individuale non è il solo rischio cui un utilizzo incontrollato delle nuove tecnologie può portare, in assenza di un governo lungimirante che ne orienti lo sviluppo in funzione della persona.

L’algoritmo apprende dal nostro comportamento passato e rafforza, e conferma, le nostre opinioni, indebolendo quell’etica del dubbio che è il presupposto necessario del rispetto delle diversità e di ogni altra attitudine democratica. La bolla di filtri autoreferenziale in cui ci muoviamo rischia, dunque, di renderci sempre più intolleranti verso le differenze, negando il pluralismo informativo e le stesse straordinarie opportunità di arricchimento cognitivo che pure la rete potrebbe offrire.

Don Ivan Maffeis, sottosegretario della Cei e direttore dell’Uffizio nazionale per le comunicazioni sociali, parlando di “convergenza” e “intermediazione”, antidoto ad “algoritmi”, ha detto che la deriva da contrastare è quella di “una comunità difensiva”, in virtù della quale “ci si richiude in cerchie ristrette o nei propri gusci protettivi”. Oggi, infatti, per Maffeis, siamo di fronte a “comunità che sembrano avere il bisogno di un pericolo, di una minaccia per rafforzarsi”: e in rete questa tendenza è più evidente, come denuncia il Papa quando parla della “community” come di “un aggregato di individui caratterizzati da legami deboli”.

“Se quella che è una finestra sul mondo diventa uno specchio narcisistico, non è colpa della rete: tutti noi siamo partecipi della cultura digitale”, ha precisato il direttore dell’Ucs facendo notare che “i social media sono diventati il nostro tessuto connettivo: la nostra biografia, i nostri testi, le nostre applicazioni, la colonna sonora della nostra vita, quasi uno storytelling di noi stessi”. Di qui la necessità di “ripensare il linguaggio” della comunicazione, tenendo conto “del rapporto paritario, e non più semplicemente passivo, con il destinatario”. Papa Bergoglio ha indicato anche il rischio di rendere gli utenti della rete degli eremiti sociali: paradossalmente, proprio la società della comunicazione globale rischia di non conoscere più la relazione umana, mentre “la rete non è alternativa ma complementare all’incontro con carne ossa. Bisogna riappropriarsi, in forma nuova, di un ruolo di intermediazione differente da quello degli algoritmi”.

Vincenzo Corrado, direttore del Sir appena nominato e vicedirettore dell’Ufficio Cei per le comunicazioni sociali, ha tenuto a sottolineare, provocatoriamente, che “La disinformazione è parte di noi. Ci siamo assuefatti alla riduttività con cui si leggono i fatti, compresi quelli religiosi”. “Non ci chiediamo più ciò che è vero o falso, se una notizia è vera o falsa”, ha proseguito il relatore: “Sono domande che iniziano a cadere anche in chi esercita la nostra professione, visto la velocità sempre crescente del flusso di informazioni in cui siamo immersi”. “Nei destinatari dell’informazione sta venendo meno la passione per la verità”, è il grido d’allarme di Corrado: “e spesso è colpa nostra, perché non riusciamo più a trasmetterla. Se una cosa è vera o verosimile non interessa: nessuno si pone più la domanda se qualcosa sia reale o no, se accada veramente”. “Per avere un clic in più, ci stiamo autotradendo”, è la tesi di Corrado: “Se non riusciamo più a trasmettere la passione per la verità, finiremo per perdere la nostra coscienza, che è la cosa più importante”. In realtà, invece, “i social nascono per favorire la comunità”, come scrive Papa Francesco.

E’ fondamentale essere “attori non solo della propria esperienza”, ma “capaci di rompere le logiche degli algoritmi e dei circuiti chiusi”. È uno dei progetti di “cittadinanza mediale” portato avanti dall’Aiart, e raccontata dal suo presidente, Giovanni Baggio, nell’ultima giornata del Convegno Cei: “Oggi siamo tutti produttori di comunicazione”, ha fatto notare il relatore, sottolineando l’urgenza di “educare non solo all’uso delle nuove tecnologie, ma a ciò che mettiamo in rete”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I. 

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 13, 2019 17:53


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Tiziano Ferro: nella lettera al Corriere parla del compagno e del suo Dio “simpatico”
    Certo, se intendiamo un Dio piacione e accomodante allora facciamo bene a distaccarci dalle sue affermazioni. Eppure ha ragione: Dio è il solo in grado di soffrire, sentire con noi e non ci chiede pegno perché ha pagato Lui. Quanto allora soffrirà con i bambini commissionati e strappati alle madri per consegnarli a coppie, etero […]
    Paola Belletti
  • Non è poi così superfluo chiedersi se Dio c’entra anche coi peli superflui
    Ci scrive una lettrice e il suo dubbio estetico è un'occasione tutt'altro che scontata per ricordarci Chi ci rende davvero liberi di essere profondi quando occorre e altrettanto leggeri quando bisogna esserlo. Salve, sono una lettrice abituale del vostro sito. Mi sono imbattuta nell’articolo riguardante la chirurgia estetica o comunque, in generale, di effettuare cambiamenti […]
    Annalisa Teggi
  • «Io Guarirò. Sei storie di vita oltre l’abuso e il male»
    L’Ultimo libro di Don Fortunato Di Noto (Meter) con la prefazione di Don Maurizio Patriciello: “Nessuno vorrebbe sentire, Don Di Noto lo grida da 30 anni" Padre Maurizio Patriciello, conosciuto come il Parroco della Terra dei Fuochi, nella lunga prefazione al libro scrive: “Ci sono giorni in cui gli uomini ritrovano la forza per ridare […]
    Associazione Meter
  • Suor Plautilla, la suora pittrice del Rinascimento
    In una delle epoche più brillanti della storia dell'arte, solo una manciata di donne artiste ha spiccato, e tra loro un'unica religiosa, lodata anche da VasariIl Rinascimento è stata una delle epoche più brillanti della storia dell’arte, ma nella lunga lista di pittori e scultori figura solo una manciata di donne artiste. Tra queste una […]
    Sandra Ferrer
  • In & Out dalla Chiesa: quando e come si smette di “essere cattolici”?
    Come si fa a capire quando si è dentro e quando si è fuori dalla comunità dei credenti? La questione è tanto delicata quanto – paradossalmente – poco decidibile: sulla scorta del grande Origene di Alessandria, però, cerchiamo di offrire qualche strumento di pensiero. Memento, Domine, famulorum famularumque tuarum et omnium circumstantium, quorum tibi fides […]
    Giovanni Marcotullio
  • Cinquant’anni fa l’Angelus di Paolo VI per la missione dell’uomo sulla luna
    Il 21 luglio 1969, l'astronauta americano Neil Armstrong diventava il primo uomo a camminare sulla luna. Negli Angelus del 13 e del 20 luglio, Paolo VI parla dell'impresa ormai prossima, esaltando lo storico traguardo ma senza dimenticare i drammi che continuano a sconvolgere la terraCinquant’anni fa, il 13 luglio 1969, Paolo VI dedicava l’Angelus domenicale […]
    Vatican News
  • L’unico sacerdote rimasto in una città invasa dallo Stato Islamico
    Ora invita i cristiani rifugiatisi altrove a tornareMosul è una delle città più importanti dell’Iraq e una di quelle che hanno subìto maggiormente gli orrori sanguinosi perpetrati dai fanatici dello Stato Islamico, orda jihadista che ha proclamato un califfato nella regione e ha imposto alla popolazione un regime di terrore che si è prolungato per […]
    Aleteia
  • Trova Dio dove forse non lo hai cercato
    Se senti che la famiglia ti allontana dalla crescita nella vita dello Spirito, chiediti se non è forse una vita che il Signore sta usando per portarti ai vertici dell'unione mistica...C’è una domanda che risuona con forza: “E chi è il mio prossimo?” Intendo come prossimo chi mi è vicino. Colui che mi interessa. Colui […]
    Carlos Padilla
  • Cari uomini, date nuovo vigore e bellezza al corteggiamento!
    Innamorarsi è un'avventura meravigliosa: non è avere una ragazza, ma amare proprio e solo lei. Allora corteggiala sul serio, scrivile, chiamala, sorprendila. Quando il nonno Piero tornò da Nikolajewka, aveva ventun’anni, una pallottola nell’occhio (quindi la testa tutta fasciata), il congelamento ad entrambi i piedi (che gli ritornò per tutti gli inverni, per tutta la […]
    Sei di tutto
  • Monica e Luca intendono abortire: hanno perso casa e lavoro. Ma la vita alla fine vince!
    Paola Bonzi accoglie prima di tutto il dolore, le fatiche e le difficoltà delle donne e degli uomini che si presentano nel suo ufficio. Sono tante le coppie che scelgono l'aborto per seri problemi di sostentamento. Grazie alla donazione testamentaria il CAV può offrire una casa a questa famiglia così provata. Ci metteranno un po' […]
    Paola Bonzi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 8:
    • 313:
    luglio: 2019
    L M M G V S D
    « Giu    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login