MESSINA – Montevergine, celebrato solennemente il 534° “Dies Natalis” di S. Eustochia Smeralda. Atto di affidamento della città alla Santa. Accesa Lampada votiva.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 25, 2019 11:21

MESSINA – Montevergine, celebrato solennemente il 534° “Dies Natalis” di S. Eustochia Smeralda. Atto di affidamento della città alla Santa. Accesa Lampada votiva.

Il rinnovarsi dell’atto di devozione dei messinesi verso la Santa tanto amata, la cui mistica figura, da tanti secoli, irradia da Montevergine una luminosa spiritualità, per tante anime propiziatrice di grazie, ispiratrice di vita spirituale e vocazione religiosa, si incentra in un’antica e radicata tradizione di religiosità da cui Messina trae una forte impronta identitaria. L’affidamento della città al potere di intercessione della grande mistica francescana, che è gran parte del nostro patrimonio storico culturale, oltre ad essere segno di  devozione e fede è anche fattore di coesione sociale, rafforzamento e valorizzazione della nostra identità collettiva, che è motivo di orgogliosa appartenenza. Ora, nel segno di questa spiritualità che ci accomuna, ci piace condividere quanto  racconta dell’avvenimento, in esauriente sintesi, Rachele Gerace (A.M.).  

(da Gazzetta del Sud)

Messina ha rinnovato l’atto di affidamento a S. Eustochia Smeralda Calafato “madre di vocazioni alla vita consacrata, in ascolto dell’uomo del suo tempo, donna di speranza, carità e pace, di servizio umile e generoso, attenta ai poveri, gli ammalati e gli emarginati, premurosa con i bisognosi”. Una festa grande quella di ieri pomeriggio in occasione del 534mo “dies natalis”, condivisa dall’abbadessa madre Maria Agnese Pavone e la comunità delle clarisse con i fedeli devoti e la cittadinanza tutta “in un contesto di semplice spiritualità”.

La solenne celebrazione che, al Monastero di Montevergine ha radunato attorno all’arcivescovo mons. Giovanni Accolla il Prefetto, il Primo cittadino di Messina e quelli di alcuni comuni della Città Metropolitana, le autorità civili, militari e accademiche, i rappresentanti delle arciconfraternite e degli ordini equestri e i volontari del Nucleo diocesano di Protezione civile, è stata “espressione rinnovata di fede e attaccamento a colei che, abbadessa per sempre, continua attraverso il suo corpo incorrotto a essere presente in messo a noi”, come ha sottolineato il cappellano mons. Pietro Aliquò.

“Ci affidiamo alla tua preghiera per essere ‘tempo e spazio’ di crescita nella fede, nella libertà, nella giustizia e nella solidarietà; aiutaci a essere operatori di pace e speranza verso quanti faticano nella ricerca di lavoro, casa e giustizia”: queste le parole che le comunità hanno rivolto alla Santa nell’atto di affidamento pronunciato all’inizio della celebrazione.

È stato il Primo cittadino di Messina ad accendere la lampada votiva, con l’olio donato quest’anno dal sindaco di Itala. Il prezioso manufatto, commissionato dalla Fondazione “Uberto Bonino e Maria Sofia Pulejo” in occasione del 30mo anniversario di canonizzazione della clarissa che ricorre quest’anno e realizzato dal maestro argentiere messinese Francesco Cosio, è stato portato all’altare dal presidente della Fondazione Lino Morgante e collocato, al termine della celebrazione, ai piedi di S. Eustochia.

Un impegno silenzioso e costante quello delle religiose di Montevergine, “anima nascosta della città, lampade accese che ardono perennemente”, come le ha definite l’arcivescovo nella sua omelia, lodando il loro operato ed esortando i messinesi a “sentire il profumo della grazia di santità di Eustochia e gli altri santi messinesi, che, donandosi al Signore e ai fratelli, hanno incarnato l’annuncio del Vangelo”.

Per diffondere il carisma della “Santa in piedi” al di là di ogni sacralizzazione, quest’anno le clarisse hanno voluto realizzare la “peregrinatio Eustochiae” con la sua reliquia,

una croce in legno contenente le lacrime di sangue sgorgate dal volto 5 giorni dopo la morte. “Quelle lacrime – ha detto mons. Accolla – continuano a fecondare il terreno della vita degli uomini, esprimendo la pienezza dell’amore”.

L’animazione liturgica del rito, concelebrato fra gli altri da mons. Aliquò, dal decano del Capitolo protometropolitano della Basilica Cattedrale di Messina mons. Angelo Oteri e dal primo cappellano capo della Marina Militare don Andrea Di Paola, è stata affidata alla corale “Eugenio Arena” diretta dal maestro Giulio Arena.

 

Rachele Gerace

Redazione1
di Redazione1 gennaio 25, 2019 11:21


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Un medico nel focolaio di Alzano Lombardo: nel volto dei miei colleghi la vittoria di Cristo
    Da primario di ortopedia, Luca Salvi viene catapultato nel pieno dell’emergenza coronavirus. Nuovi protocolli, nuovi assetti, tutto riconvertito per fronteggiare la richiesta crescente dovuta all’espandersi del contagio. E in questa prova la riscoperta di sè, del valore dei legami, del senso del lavoro e dell’amicizia. Dal carisma di Don Giussani una capacità di sguardo nuova […]
    Paola Belletti
  • Coronavirus: come accompagnare i più piccoli nel lutto
    Da diverse settimane, ogni giorno, i bambini si confrontano con la morte sugli schermi televisivi. Il Covid-19 ha infatti già mietuto molte vittime. Ma quando il dolore colpisce una persona molto cara, è una tragedia insopportabile. Più che per un adulto, la morte di una persona cara è devastante nella la vita di un bambino. […]
    Edifa
  • La Corona di Spine di Cristo è sopravvissuta a guerre, rivoluzioni e all’incendio di Notre-Dame
    Le spine della reliquia della Crocifissione si ritrovano in collezioni delle chiese e perfino al British Museum Un anno fa ci si è preoccupati molto per la Corona di Spine di Cristo. Quando un incendio ha quasi distrutto la cattedrale di Notre-Dame, a Parigi, è stato il primo oggetto che un sacerdote indomito è corso […]
    Lucien de Guise
  • Quello che Dio vuole da noi in questo momento è purificarci
    Come interpretare la Bibbia? Cosa dice all’uomo di oggi? Quali perle nascondono i suoi testi? Oscar García Aguado è un sacerdote di Madrid autore di due brevi opere: Aprende a manejar la Biblia. Aproximación al Antiguo Testamento e Aprende a manejar la Biblia. Para disfrutar del Nuevo Testamento. Si tratta di due libri nati da […]
    Alvaro Real
  • I santuari d’Europa per un tour virtuale di Pasqua
    Il COMECE lancia un nuovo servizio nei giorni del Triduo Pasquale per aiutare i fedeli d’Europa Nel contesto dell’attuale pandemia di Covid-19 e dell’impossibilità per molti di partecipare fisicamente alle celebrazioni e ai momenti di preghiera della Chiesa, giovedì 9 aprile 2020, pochi giorni prima di Pasqua, viene lanciato dal COMECE – l’unione delle conferenze […]
    Lucandrea Massaro
  • Vivete la Via Crucis a casa con i vostri figli
    Molti cristiani dovranno vivere il Venerdì Santo senza poter uscire di casa. Ecco consigli e idee per organizzare una Via Crucis a casa con i figli. di Christine Ponsard  Molte famiglie vivranno la Settimana Santa isolati nelle loro case e non potranno andare in chiesa. Tra tutto ciò che viene proposto in questa settimana per […]
    Edifa
  • Una meditazione del Venerdì Santo per trovare la via della santità
    Il Venerdì Santo la Chiesa commemora la Crocifissione e la Morte di Gesù sulla croce. Come il Buon Ladrone crocifisso accanto a Cristo imploriamo la Sua misericordia. di Christine Ponsard Non si può capire in cosa consiste la santità senza guardare all’unico santo canonizzato da Gesù stesso: il Buon Ladrone. Non sappiamo quasi nulla di […]
    Edifa
  • «Diaconato femminile: necessario un rapporto dinamico con la tradizione», parla Anne-Marie Pelletier
    «Non sono sicura che ci sia molto da guadagnare nel particolarizzare il ministero» di donne già al servizio della Chiesa, confida con prudenza Anne-Marie Pelletier, nominata membro della nuova Commissione di studio sul diaconato femminile appena creata da Papa Francesco. Abbiamo intervistato la teologa francese, che si rallegra di vedere che la questione viene ancora […]
    Claire Guigou
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    La lettura può accompagnarci a guardare quelle zone più esposte del nostro io che chiedono aiuto. Brancolare e tentennare sono i verbi che descrivono le mie giornate in quarantena con la famiglia. La fase propositiva-entusiasta del «organizzerò cose fantastiche!» è passata; pesa la fatica – oggettivamente piccola ma non insignificante – di gestire la casa, […]
    Annalisa Teggi
  • Su coronavirus e peste: Dio è con noi, non contro di noi
    La storia delle pesti ci lascia con una speranza inaspettata: in mezzo a questi mali naturali, Dio ci fa sapere che è il Signore Il 6 dicembre 1666, sulla scia dello scoppio della Morte Nera che uccise il 15% della popolazione inglese, il reverendo Josiah Hunter di York pronunciò un sermone intitolato “L’Orrore della Peste”. […]
    Gabriel Torretta, O.P.

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 203:
    • 216:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login