MESSINA – Montevergine, celebrato solennemente il 534° “Dies Natalis” di S. Eustochia Smeralda. Atto di affidamento della città alla Santa. Accesa Lampada votiva.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 25, 2019 11:21

MESSINA – Montevergine, celebrato solennemente il 534° “Dies Natalis” di S. Eustochia Smeralda. Atto di affidamento della città alla Santa. Accesa Lampada votiva.

Il rinnovarsi dell’atto di devozione dei messinesi verso la Santa tanto amata, la cui mistica figura, da tanti secoli, irradia da Montevergine una luminosa spiritualità, per tante anime propiziatrice di grazie, ispiratrice di vita spirituale e vocazione religiosa, si incentra in un’antica e radicata tradizione di religiosità da cui Messina trae una forte impronta identitaria. L’affidamento della città al potere di intercessione della grande mistica francescana, che è gran parte del nostro patrimonio storico culturale, oltre ad essere segno di  devozione e fede è anche fattore di coesione sociale, rafforzamento e valorizzazione della nostra identità collettiva, che è motivo di orgogliosa appartenenza. Ora, nel segno di questa spiritualità che ci accomuna, ci piace condividere quanto  racconta dell’avvenimento, in esauriente sintesi, Rachele Gerace (A.M.).  

(da Gazzetta del Sud)

Messina ha rinnovato l’atto di affidamento a S. Eustochia Smeralda Calafato “madre di vocazioni alla vita consacrata, in ascolto dell’uomo del suo tempo, donna di speranza, carità e pace, di servizio umile e generoso, attenta ai poveri, gli ammalati e gli emarginati, premurosa con i bisognosi”. Una festa grande quella di ieri pomeriggio in occasione del 534mo “dies natalis”, condivisa dall’abbadessa madre Maria Agnese Pavone e la comunità delle clarisse con i fedeli devoti e la cittadinanza tutta “in un contesto di semplice spiritualità”.

La solenne celebrazione che, al Monastero di Montevergine ha radunato attorno all’arcivescovo mons. Giovanni Accolla il Prefetto, il Primo cittadino di Messina e quelli di alcuni comuni della Città Metropolitana, le autorità civili, militari e accademiche, i rappresentanti delle arciconfraternite e degli ordini equestri e i volontari del Nucleo diocesano di Protezione civile, è stata “espressione rinnovata di fede e attaccamento a colei che, abbadessa per sempre, continua attraverso il suo corpo incorrotto a essere presente in messo a noi”, come ha sottolineato il cappellano mons. Pietro Aliquò.

“Ci affidiamo alla tua preghiera per essere ‘tempo e spazio’ di crescita nella fede, nella libertà, nella giustizia e nella solidarietà; aiutaci a essere operatori di pace e speranza verso quanti faticano nella ricerca di lavoro, casa e giustizia”: queste le parole che le comunità hanno rivolto alla Santa nell’atto di affidamento pronunciato all’inizio della celebrazione.

È stato il Primo cittadino di Messina ad accendere la lampada votiva, con l’olio donato quest’anno dal sindaco di Itala. Il prezioso manufatto, commissionato dalla Fondazione “Uberto Bonino e Maria Sofia Pulejo” in occasione del 30mo anniversario di canonizzazione della clarissa che ricorre quest’anno e realizzato dal maestro argentiere messinese Francesco Cosio, è stato portato all’altare dal presidente della Fondazione Lino Morgante e collocato, al termine della celebrazione, ai piedi di S. Eustochia.

Un impegno silenzioso e costante quello delle religiose di Montevergine, “anima nascosta della città, lampade accese che ardono perennemente”, come le ha definite l’arcivescovo nella sua omelia, lodando il loro operato ed esortando i messinesi a “sentire il profumo della grazia di santità di Eustochia e gli altri santi messinesi, che, donandosi al Signore e ai fratelli, hanno incarnato l’annuncio del Vangelo”.

Per diffondere il carisma della “Santa in piedi” al di là di ogni sacralizzazione, quest’anno le clarisse hanno voluto realizzare la “peregrinatio Eustochiae” con la sua reliquia,

una croce in legno contenente le lacrime di sangue sgorgate dal volto 5 giorni dopo la morte. “Quelle lacrime – ha detto mons. Accolla – continuano a fecondare il terreno della vita degli uomini, esprimendo la pienezza dell’amore”.

L’animazione liturgica del rito, concelebrato fra gli altri da mons. Aliquò, dal decano del Capitolo protometropolitano della Basilica Cattedrale di Messina mons. Angelo Oteri e dal primo cappellano capo della Marina Militare don Andrea Di Paola, è stata affidata alla corale “Eugenio Arena” diretta dal maestro Giulio Arena.

 

Rachele Gerace

Redazione1
di Redazione1 gennaio 25, 2019 11:21


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Papa apre a donne lettori e accoliti? Cosa significa?
    Innovazione? Eversione? A ben guardare, il motu proprio “Spiritus Domini” del Santo Padre appare piuttosto un atto di ferma restaurazione storica e teologica. Un insigne domenicano ci guida nel capire perché. Con la Lettera Apostolica Spiritus Domini dell’11 gennaio 2021, papa Francesco ha aperto alle donne il lettorato e l’accolitato. Ci si potrebbe domandare che […]
    Thomas Michelet
  • Il Cristo di ghiaccio: in ricordo delle vittime di Rigopiano
    Padre Maurizio Patriciello nel quarto anniversario della tragedia di Rigopiano: “Fratelli e sorelle che a Rigopiano avete trovato la morte, riposate in pace” In ricordo delle vittime di Rigopiano: abbiamo sprimentato in questi giorni l’amarissimo sapore del limite. Abbiamo sofferto e pregato. Vi abbiamo tenuto compagnia di giorno e di notte, fratelli e sorelle imprigionati […]
    Padre Maurizio Patriciello
  • Don Patriciello: “Genitore 1 e Genitore 2 mi ricorda le addizioni in prima elementare”
    Bufera sulle parole del parroco giornalista di Caivano per aver bocciato il provvedimento del ministero dell’Interno che cancella “madre” e “padre” su alcuni documenti dei minorenni Don Maurizio Patriciello nell’occhio del ciclone per avere espresso contrarietà a alla nuova dicitura “Genitore 1” e “Genitore 2” al posto di “madre” e “padre”, da apporre su alcuni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il beato Alberione e la prodigiosa “semina” delle medaglie di San Giuseppe
    Il beato Giacomo Alberione era devotissimo di San Giuseppe. E’ rimasta testimonianza di un prodigio avvenuto sui terreni che ospitarono i primi istituti di vita religiosa fondati dal beato Il beato Giacomo Alberione era molto devoto a San Giuseppe. Di questa devozione sono rimaste numerose testimonianze. In particolare quella di un prodigio avvenuto su terreni […]
    don Marcello Stanzione
  • Enrico Vanzina: mio fratello è morto con il rosario donatogli dal Papa tra le mani
    Il regista racconta che la fede lo ha aiutato moltissimo quando ha perso il fratello. E nell’ultimo periodo il suo sguardo è rivolto a San Francesco Enrico Vanzina, Papa Francesco e quel regalo che fino all’ultimo ha stretto tra le mani, prima di morire, suo fratello Carlo. Lo racconta a In Terris Enrico, noto sceneggiatore, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • L’amore per i bambini di Giovanni Paolo I
    A Canale d’Agordo, nella Chiesa parrocchiale, è collocata una statua di Albino Luciani (Papa Giovanni Paolo I) con un bambino che accarezza e tiene in mano la mitria, opera di Riccardo Cenedese a dimostrazione di quanto amava ‘soprattutto i bambini’ e quanto i bambini lo aiutavano con la loro imprevedibilità e spontaneità. Da alcune testimonianze […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Blue Monday? Vieni, cara tristezza, a parlarci di noi!
    Alessandro D’Avenia, proprio di lunedì, non smette di offrirci occasione di riflettere e di tornare con una presa più forte alla nostra vita di questi giorni, così faticosi e così pieni di una grazia speciale. La tristezza è una buona notizia Oggi Alessandro D’Avenia dal suo ultimo banco sul CorSera ha parlato proprio di quello […]
    Paola Belletti
  • Comunione in mano o in bocca, cos’è che conta?
    Stiamo parlando di cose importanti ma non fondamentali, e stiamo dimenticando l’essenziale… Mia moglie ed io siamo tornati alle Messe virtuali per via della ferrea quarantena in vigore nel nostro Paese, Panama. Tutti i pomeriggi, dopo aver preso il caffè con il pane caldo con burro e marmellata, ci sediamo ad ascoltare la Messa. Questo […]
    Claudio De Castro
  • Restituiscono l’auto rubata a una disabile: “Anche noi abbiamo un cuore”
    I ladri, oltre a restituire la vettura, hanno lasciato un biglietto di scuse. La raccolta fondi per aiutare la donna derubata sarà ora impiegata per comprare un’auto che altri disabili potranno noleggiare gratuitamente. Un gesto insolito e degno di nota: un’auto rubata il 13 gennaio è stata restituita il 16 gennaio con le scuse da […]
    Annalisa Teggi
  • Cos’è il tabernacolo, e perché visitarlo dà tanta pace?
    Una risposta efficace alla domanda relativa a cosa fare nei momenti difficili che stiamo vivendo nel mondo Mi appassiona parlare e scrivere della presenza reale e vera di Gesù VIVO nel tabernacolo. Alcuni si chiedono cosa sia il tabernacolo e perché ne parlo tanto – o meglio, chi vi abita. Il tabernacolo è il punto […]
    Claudio De Castro

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 100:
    • 145:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login