IRAQ – Cristiani perseguitati. Il Natale annunciato dal campanile di San Taddeo distrutto dagli estremisti dell’Isis

Redazione1
di Redazione1 dicembre 25, 2018 01:57

IRAQ – Cristiani perseguitati. Il Natale annunciato dal campanile di San Taddeo distrutto dagli estremisti dell’Isis

Anche se distrutto, il campanile di san Taddeo, a Karamles, diffonde il gioioso messaggio di pace del Santo Natale, che rincuora i fedeli di una parrocchia attaccata dai fanatici estremisti dell’Isis. Messaggio, proveniente da un Paese in preda ad una atroce guerra civile, che nonostante tutto irradia nel mondo il segnale confortante della vittoriosa nascita del Salvatore, il figlio di Dio.

Adesso, dopo uno dei tanti attacchi distruttivi, per cui numerose chiese sono state incendiate, case distrutte e fedeli uccisi, nel villaggio cristiano di Karamles, nella Piana di Ninive (Iraq), per questo Natale la chiesa di San Taddeo tornerà a riempirsi di fedeli. Distrutta e profanata dallo Stato Islamico è stata ricostruita dai parrocchiani che hanno lasciato intatto solo ciò che resta del campanile come segno di vittoria. “La presenza cristiana è ancora forte e chi voleva cancellarla a colpi di mitra e di coltelli è stato sconfitto” dice il parroco caldeo, padre Paolo Mekko.

È rimasto solo lo scheletro della torre del vecchio campanile a raccontare la distruzione e la profanazione subite dalla chiesa parrocchiale di San Taddeo (Addaï), ad opera dello Stato islamico (Isis), nel villaggio di Karamles, uno dei tanti della Piana di Ninive abitati dai cristiani costretti alla fuga dai miliziani del califfo Al Baghdadi, nel 2014. “Ma il suono delle campane è sempre lo stesso. Sono il nostro richiamo.

Dopo 4 anni la chiesa, totalmente riedificata, tornerà per la prima volta a riempirsi di fedeli per celebrare il Natale. Tenuto volutamente fuori dall’opera di ricostruzione, il campanile oggi ricorda che la presenza cristiana è ancora forte e chi voleva cancellarla a colpi di mitra e di coltelli è stato sconfitto”. Ma non è l’unico ricordo di quelle distruzioni. All’interno della navata è stata realizzata una grande teca che raccoglie i resti dei libri liturgici, statue, oggetti di culto e arredi sacri della chiesa profanata dall’Isis.

“Non vogliamo restare fermi al passato ma nemmeno dimenticare ciò che è accaduto. Il nostro sguardo è rivolto al futuro”. Anche perché le famiglie cristiane continuano lentamente a rientrare nelle loro terre e case, man mano che vengono risistemate, a Karamles come a Qaraqosh, Bartella, Tellskuf, Batnaya e Bashiqa. C’è un moto di orgoglio in padre Paolo Mekko, parroco caldeo di san Taddeo, mentre racconta al Sir “la gioia di tornare a celebrare il Natale nella nostra chiesa parrocchiale. L’anno scorso, di questi tempi, qui c’era solo un cantiere aperto, così abbiamo festeggiato il Natale in un grande salone dove erano stati allestiti l’altare e il presepe”.

Ma questa volta non sarà così. La chiesa riedificata è stata ufficialmente inaugurata lo scorso 7 dicembre, festa di santa Barbara, patrona di Karamles,  dichiara il parroco, ed “è tornata a splendere in tutta la sua bellezza. La nostra comunità, formata ad oggi da 330 famiglie caldee, adesso ha una nuova casa dove pregare e ritrovarsi”. In questi giorni i giovani della parrocchia stanno lavorando alacremente per realizzare l’albero, il presepe e le luminarie.

“Il presepe è all’esterno della chiesa parrocchiale così che tutti possano ammirarlo, ospitato dentro una casetta di legno. In questo modo – spiega padre Paolo che domenica 23 dicembre sarà ordinato corepiscopo (vicario episcopale) – vogliamo richiamare il tema della chiesa come casa di tutti. Vicino al presepe abbiamo allestito anche un grande albero, una stella luminosa e tante luci come non se ne vedevano da anni. Tutto per creare un clima di fraternità e di gioia di cui abbiamo davvero molto bisogno. Celebrare in assoluta sicurezza è per noi davvero un passo importante”.

Tutta la comunità parrocchiale di Karamles si radunerà il 24 dicembre alle ore 21 in chiesa per la celebrazione della messa. Durante la liturgia – rivela il parroco – faremo una processione con il Bambino e lo deporremo nella mangiatoia. Poi, al termine della celebrazione, nel piazzale esterno, avrà luogo il rito del “fuoco dei pastori”.

“Accenderemo un grande falò che vuole essere segno della nascita di Cristo e del calore che sprigiona la sua venuta. Con tutti i fedeli pregheremo per chiedere a Dio il dono della pace e della riconciliazione per l’Iraq. Chiederemo il ritorno di tutte le altre famiglie cristiane che sono ancora lontane”.

Ed è proprio in questa prospettiva che padre Mekko vede la visita in Iraq, in questi giorni fino al 28 dicembre, del segretario di Stato vaticano, card. Pietro Parolin. A Baghdad il cardinale incontrerà rappresentanti del governo e rappresentanti delle chiese d’Oriente.

“La sua presenza ci spinge a sperare che la visita di Papa Francesco possa essere una reale possibilità”. Ed è proprio in questa prospettiva che padre Mekko vede la visita , in questi giorni fino al 28 dicembre,del segretario di Stato vaticano in Iraq, dove, a Baghdad, incontrerà rappresentanti del governo e rappresentanti delle chiese d’Oriente. “La presenza del card. Parolin ci spinge a sperare che la visita di Papa Francesco possa essere una reale possibilità”. “Sarebbe un sogno per i cristiani iracheni e per tutto il nostro Paese” dice il parroco.

 

 

Redazione da A.di I.

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 25, 2018 01:57


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Compravendita immobile del Vaticano a Londra: svelata la truffa, arrestato broker
    In manette Gianluigi Torzi. Contestati vari episodi di estorsione, peculato, truffa aggravata e autoriciclaggio Il 5 giugno l’Ufficio del Promotore di Giustizia del Tribunale Vaticano, al termine dell’interrogatorio del broker Gianluigi Torzi, che era assistito dai propri legali di fiducia, ha spiccato nei suoi confronti mandato di cattura. Coinvolta una rete du funzionari Il provvedimento, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Litigi da fidanzati: preavviso di una possibile separazione?
    Il tempo del fidanzamento non è necessariamente questo viaggio romantico-idilliaco di cui gli sposi a volte parlano con nostalgia. Litigi, esitazioni, anche momentanei allontanamenti esistono! Ma questo non significa che bisogna pensare subito alla rottura. di Denis Sonet Durante un fidanzamento, i giovani innamorati non sempre navigano nella felicità. Lo stress, le discussioni e i […]
    Edifa
  • I 10 Comandamenti di una famiglia numerosa e felice
    Una famiglia numerosa suscita spesso ammirazione e domande: com’è la vita quotidiana? Come è organizzato lo spazio? Ognuno riesce a trovare il suo posto? La risposta è semplice: crescere quattro o cinque figli, o anche più, richiede una buona organizzazione e il rispetto di alcune regole. di Stephanie Combe I genitori di famiglie numerose sono […]
    Edifa
  • Quando l’adozione avvicina a Dio
    Sapevate che alcuni santi sono stati adottati e che altri genitori santi hanno adottato dei bambini? Una bella opportunità per chiedere, attraverso la loro intercessione, un aiuto o un sostegno per chi vive in situazioni di adozione delicate Anche se il patrono dei bambini adottati è San Guglielmo di Rochester, del XII secolo, le famiglie […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Serie tv e documentari come su Netflix. Ma con un “taglio” cristiano: è nata VatiVision
    La piattaforma multimediale, funziona con la stessa logica di Netflix e tramite un app è visibile anche sugli smartphone. Da Padre Pio a Lourdes: ecco i contenuti proposti Nasce VativVision, una piattaforma di distribuzione streaming di film, documentari e serie televisive relativi al mondo cattolico, dai Papi ai Musei vaticani, dai film per famiglie alle […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Reddito minimo garantito o reddito universale di base?
    Il Papa ha lanciato un sasso e smosso le acque, sta alle forze sociali, ai laici, ai movimenti e alla politica trovare una soluzione, specie in questo periodo In occasione della Pasqua, il Papa ha inviato un messaggio, noto come “Lettera ai movimenti popolari” con cui da tempo il pontefice ha intessuto un dialogo, parlando […]
    Lucandrea Massaro
  • «Dal luminoso verde sono stati creati cielo e terra e tutta la bellezza del mondo»
    Al mondo intero che oggi abbraccia la causa del «verde» nella Giornata Mondiale dell’Ambiente osiamo proporre la sfida di un’ecologia integra, totale e innamorata: la viriditas di Santa Ildegarda. Ho riscoperto grazie a mia figlia quanto sia bello fare i puzzle. Non dico che possa diventare una forma di preghiera, ma sicuramente può essere un’attività […]
    Annalisa Teggi
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Un giorno non lontano si troverà come il bruto delle caverne. Le caverne saranno alti grattacieli pieni di macchine meravigliose, ma lo spirito dell’uomo sarà quello del bruto delle caverne […] Signore, se è questo ciò che accadrà, cosa possiamo fare noi?”. Il Cristo sorrise: “Ciò che fa il contadino quando il fiume travolge gli […]
    Paola Belletti
  • La missione di una psichiatra sopravvissuta al virus: aiuto i miei colleghi a combattere gli incubi
    Le confidenze di Daniela Borella, una psichiatra cremonese guarita dal Covid-19, che oggi sostiene i colleghi reduci dalla trincea. “Li faccio parlare, li ascolto, cerco di aiutarli a riprendersi in mano la propria vita” Tra le tante storie di medici che si sono duramente confrontati con l’epidemia da coronavirus c’è anche quella di una psichiatra, […]
    Silvia Lucchetti
  • Giornata Mondiale dell’Ambiente, il Papa: la cura delle nostre vite e la natura sono connesse
    E i vescovi: pandemia è il segno di un mondo malato. La “Laudato Si” sia la nostra bussola! Il 5 giugno è il 46esimo anniversario del World Environment Day, la Giornata Mondiale per l’Ambiente. E’ stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 15 dicembre 1972 con la Risoluzione 2994. Il motto scelto per questa edizione […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 49:
    • 189:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login