Enzo Bianchi: nella Chiesa di oggi è tempo di “discernimento comunitario”. No a “narcisismo moralistico” e relazioni esclusiviste

Redazione1
di Redazione1 settembre 28, 2018 18:25

Enzo Bianchi: nella Chiesa di oggi è tempo di “discernimento comunitario”. No a “narcisismo moralistico” e relazioni esclusiviste

Enzo Bianchi, il fondatore della comunità monastica di Bose, è convinto che nel tempo in cui viviamo “L’esigenza del discernimento si fa sempre più urgente. E se la Chiesa nel suo passato ha soprattutto meditato ed esperito il discernimento personale, oggi è venuto il tempo di ricercare ed esperire il discernimento comunitario, ecclesiale e, di conseguenza, sinodale”. Con le sue dichiarazioni – rilasciate a inviato Sir – Enzo Bianchi tiene a precisare che “quest’operazione difficile e faticosa deve soprattutto estendersi anche alla vita ecclesiale, alle relazioni tra le Chiese e al momento in cui viviamo”. Sulla base di questa convinzione, egli ritiene che ai nostri giorni il discernimento comunitario si impone come una novità urgente da praticare proficuamente.

E se la Chiesa nel suo passato ha soprattutto meditato ed esperito il discernimento personale, oggi è venuto il tempo soprattutto di ricercare ed esperire il discernimento comunitario, ecclesiale e, di conseguenza, sinodale”. Noi per duemila anni abbiamo soprattutto cercato, parlato e meditato sul discernimento individuale, da Origene ai padri del deserto fino ad Ignazio da Loyola. Ma abbiamo tralasciato il discernimento comunitario ecclesiale. Oggi si impone e Papa Francesco certamente insiste sul discernimento, ma parla del discernimento ecclesiale, di tutta la Chiesa. Perché se la Chiesa deve fare un cammino sinodale, il discernimento è la condizione “sine qua non” per poter fare un cammino insieme; e che con urgenza si estenda  alla vita ecclesiale, alla relazioni tra Chiese…
Una tale necessità lo vediamo nella Chiesa cattolica perché, nella misura in cui si vuole che il Popolo di Dio diventi davvero una comunità di soggetti ecclesiali che abbiano una piena soggettività di fede e di evangelizzazione, si impone questo discernimento. Ma lo si vede anche nei rapporti tra le Chiese. E anche, in questi giorni, la difficoltà che sta sorgendo tra Patriarcato di Costantinopoli e Chiesa russa riguardo le Chiesa in Ucraina richiede un’operazione di discernimento, ciò che non solo è secondo la volontà di Dio ma ciò che è secondo il bene comune.

Ciò che è il bene della mia Chiesa ma anche quello dell’altra Chiesa. Si tratta di un cammino, per certi versi nuovo, ma che va assolutamente percorso. E con urgenza. Ne va di mezzo la presenza del cristianesimo e della Chiesa nel futuro dell’umanità e del mondo.

È da questa urgenza che, per esempio, nasce la scelta di Papa Francesco di indicare “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” come tema della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi.
Dovremmo non pensare che tutto converge sui giovani e sulla vocazione. Perché allora si tradirebbe l’intenzione di Papa Francesco.

Tutta la Chiesa va in discernimento. E tra i problemi che si pongono ci sono certamente la presenza dei giovani nella Chiesa – e che oggi sono la parte mancante – e i loro cammini delle differenti vocazioni che devono fare. Però il primo punto è il discernimento. Bisogna stare attenti, perché si mette molta enfasi sulla vocazione e sui giovani e si considera il discernimento come se fosse solo strumentale verso la scelta vocazionale. Il discernimento è un’operazione molto più ampia: sia che sia ecclesiale che personale, non sempre è in vista della vocazione ma è in vista del bene comune, in vista di ciò che Dio ci chiede, in vista dei segni dei tempi da decifrare, delle urgenze dei luoghi da assumere. È un discernimento molto più complesso quello cui ci chiede il Papa di riflettere e celebrare nel Sinodo.

Rispetto al discernimento, una figura chiave è quella del padre spirituale che sembra attraversare oggi un periodo di crisi. Come superare questa situazione? Il problema è che i credenti sottovalutano l’importanza del discernimento o che questo è un esercizio a cui non sono più allenati?
Credo che i fedeli non siano più abituati a fare discernimento. E poi, purtroppo, abbiamo avuto ahimè i direttori di coscienza che hanno lasciato dietro di sé un cattivo ricordo. Allora, oggi, riprendere la figura del padre spirituale – o meglio ancora, dell’accompagnatore spirituale – è diventata un’operazione difficile. Si ha paura di qualcuno che venga a spiare la nostra vita, che venga a costringere la nostra libertà. E, certamente, c’è una tentazione in molti padri spirituali di dire a chi si rivolge loro “a te a cui lo Spirito Santo dice nulla, io ti dico…” come se lo Spirito Santo parlasse solo a loro. Queste sono patologie di questo ministero, bisogna riflettere. Ma bisogna riprenderlo perché è un grande ministero di visionarietà: si tratta di suscitare domande, stimoli, ispirazioni. Non costringere, non imporre, non chiedere niente contro la propria libertà e contro la propria coscienza.

Singoli e comunità sembrano sempre meno interessanti ad una lettura della storia personale e collettiva. Perché ciò è avvenuto e come aiutarli a ritrovare il gusto di leggere i segni dei tempi?
Si tratta di aiutarli a capire l’importanza della comunione e della solidarietà con gli uomini e la storia.

Il problema è che oggi c’è un individualismo anche molto narcisista e tutto questo impedisce qualcosa che si deve fare insieme che è, certamente, anche il discernimento, lo sperare insieme, il preparare un futuro per il mondo e per la Chiesa insieme.

Come invertire la rotta?
È un processo di lunga educazione, ma bisogna avere il coraggio di dire no al narcisismo imperante e fare uscire le persone da se stesse in vista di un cammino di comunione e non egocentrico e semplicemente per il benessere di se stessi.

Sono molto preoccupato anche della spiritualità cattolica dominante, che mi sembra un teismo vago, cattolico, antropologico e moraleggiante teso al benessere di sé. Questo non è più cristianesimo! Nel cristianesimo al centro c’è Cristo, non il benessere di sé. Perché altrimenti gli uomini della Scrittura come Geremia sarebbero fuori da ogni possibilità di comunione con Dio e di essere veri uomini di Dio. Ma, oggi, la spiritualità di molti padri spirituali va in quel senso e non è più cristiana. Non ha più Cristo al centro, ma soprattutto il proprio benessere. Domina un narcisismo moralistico.

 

 

Redazione da sito di informazione

 

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 28, 2018 18:25


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Assemblea Cei: obbligo morale di denunciare gli abusi sui minori
    Oltre alla tutela dei minori l'Assemblea Cei ha affrontato la difficile situazione nelle zone terremotate: il premier italiano Conte vedrà i 26 vescovi del Centro Italia. Il card. Bassetti: un Sinodo della Chiesa italiana richiede tempi lunghiLa Chiesa italiana intensifica la lotta agli abusi su minori e soggetti deboli. Si è chiusa in Vaticano l’Assemblea […]
    Vatican News
  • Le danze irlandesi producono sorprendenti benefici per chi soffre di Parkinson
    Un altro incontro virtuoso tra scienza e tradizione: il ritmo dei balli comunitari irlandesi tramandati dal medioevo aiuta il cervello a superare alcuni impedimenti neurologici nell'andatura.La tradizione è considerata spesso una fantasma da cui le nostre case dovrebbero essere disinfestate. Roba vecchia e stantia, zavorra ormai desueta di cui liberarsi. Chesterton era di altro parere […]
    Annalisa Teggi
  • Don Fabio Rosini, Abramo, i migranti: la Bibbia secondo Neri Marcorè
    L'attore e regista marchigiano racconta in che modo è stato ispirato dalle Sacre Scritture Ospite lo scorso 2 maggio alla serata inaugurale del Festival Biblico di Vicenza, il regista e attore Neri Marcorè è un cultore delle Sacre Scritture. Marcorè, intervistato da Famiglia Cristiana (23 maggio), cita una sua recente lettura: «Ho appena concluso un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Anime e clichés: c’è un professionista che “aggiusta” la gente fotografandola
    Veterano della fotografia formatosi trent’anni fa presso l’istituto Louis Lumière, Pedro Lombardi ha scelto di mettere il suo talento a servizio dell’umano. Nel 2009 l’Associazione ASMAE di suor Emmanuelle si rivolge a lui: fu l’elemento scatenante di un’avventura al cuore dell’anima umana. Grazie a un atelier fotografico appositamente concepito e realizzato, l’artista riesce a riparare, […]
    Louise Alméras
  • Crocifissa e flagellata come Gesù: Santa Giulia ha resistito a chi le chiedeva di rinnegare la sua fede
    Il martirio è da brividi. Ma non tutti gli storici concordano su come si sarebbero svolti i fatti In Italia quello di Giulia è uno dei nomi femminili più popolari. Della Santa omonima (420-450), però, poco o nulla si sa, se non l’ essenziale: all’abiura della fede cristiana preferì il martirio. È una Passio alquanto […]
    Gelsomino Del Guercio
  • FOTO ESCLUSIVE: Volete dare un’occhiata all’interno di una clausura domenicana?
    In soli 12 mesi, le religiose del New Jersey sono riuscite a progettare e finanziare l'espansione del loro monastero“E come pensate di raccogliere il denaro necessario per questo progetto, sorella?”, hanno chiesto riferendosi alla proposta di espandere il loro antico monastero. La religiosa ha risposto sorridendo: “Dio provvederà!” E così è stato. Il 17 maggio, […]
    Jeffrey Bruno
  • La bellezza è inutile: è per questo che vale così tanto!
    L’amore non conserva, non calcola, non pensa a quello che resta, e per questo è bello. L’amore richiede uno spreco, la bellezza è uno spreco, ma per questo è così importante, perché ci fa comprendere come ragiona Dio.di Anna Mazzitelli Copio dal libro scritto da un mio amico, che inviterò tutti a comprare appena vedrà […]
    Piovono Miracoli 2.0
  • I testimoni che hanno visto lottare Natuzza Evolo contro il demonio
    Le ricostruzioni di Italia Giampà e del professore Marinelli sono agli atti del processo di beatificazione della mistica calabrese Natuzza Evolo, la mistica calabrese morta in concetto di santità il primo novembre 2009, nelle sua lunga vita, non ebbe a che fare solo con gli angeli buoni, ma purtroppo anche con gli spiriti maligni. Natuzza […]
    don Marcello Stanzione
  • Studenti di un’università cattolica vivono per un semestre in un monastero trecentesco
    Gli allievi dell'Università Francescana di Steubenville vanno ad abitare nella Kartause, un monastero certosino sulle Alpi austriacheIl pittoresco villaggio di Gaming è adagiato alle pendici delle Alpi austriache. Ogni anno centinaia di studenti dell’Università Francescana di Steubenville vi si recano per il loro semestre all’estero. Gli allievi vivono, pregano e imparano nel gioiello di Gaming, […]
    Carissa Pluta
  • E mentre l’uomo parla di eutanasia, la Madonna va in visita agli ammalati
    Il mese di maggio è tempo di processioni, la Madonna che visita le nostre strade e si avvicina alle nostre ferite ci ricorda che la ricerca del bene ci porta a incontrare Dio, mentre la venerazione del benessere ci chiude in trappole mortali.Ogni anno qui a Crotone potete assistere ad una processione davvero significativa. È […]
    Sposi&spose di Cristo

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 0:
    • 122:
    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login