FIUMEDINISI – Luogo incantevole dei colli Peloritani, tra “il magico e il leggendario”, dove scorre il “fiume di Dioniso”

Redazione1
di Redazione1 settembre 11, 2018 08:15

FIUMEDINISI – Luogo incantevole dei colli Peloritani, tra “il magico e il leggendario”, dove scorre il “fiume di Dioniso”

Un interessate lavoro di ricerca linguistica che oltre alla dotta spiegazione dei toponimi che lo caratterizzano, ci fa scoprire il ricco patrimonio storico, religioso, monumentale e naturalistico di uno stupendo Paese dei Peloritani di origine greca. Componente significativa della costellazione di siti antichi e prestigiosi, che compongono e contraddistinguono il variegato “mosaico” identitario del Territorio Messinese. (A.M.)  

Ci sono toponimi che appaiono interessanti anche nel nome che portano.

Fiumedinisi, comune in provincia di Messina, potrebbe sembrare il “fiume di un tale Niso” e la voce dialettale corrispondente, Ciuminisi, rafforzerebbe questo significato: ciumi “fiume” i “di” Nisi “Niso”. Invece Dinisi era un nome unico e significava Dioniso. Dioniso con il tempo divenne Niso, un ipocoristico aferetico, cioè un vezzeggiativo a cui era stata tolta la sillaba iniziale, come si vede da Valle del Nisi e dal nome fiumedinisani o fiumenisani, in dialetto ciuminisani,per indicare gli abitanti.

Troviamo citato, nell’anno 1096 (Dizionario di Toponimastica,1990), il flume Dionysii e nel 1034 un Casalis Fluminis Dionysii (Amari 1859, 36). Secondo la tradizione Fiumedinisi corrisponde a una colonia fondata dai greci, nel VII secolo, di nome Nisa, la ninfa, che secondo la mitologia greca allevò Dioniso. Anche la sorgente “Vacco” che rifornisce d’acqua il comune di Fiumedinisi, significava “Bacco”, come i romani chiamavano Dioniso.

Dioniso era il dio delle piante, dell’estasi, del vino e della danza, la divinità della forza produttiva della terra e della linfa vitale della natura, tutto ciò che non mancava a Fiumedinisi. Ma a dare linfa vitale alla cittadina concorrevano tante altre risorse. Intanto la sua posizione.

Fiumedinisi sorge nella Valle del torrente omonimo ad un’altezza di 190 metri s.l.m. e il suo territorio si estende dalla collina fino alla cima più alta dei monti Peloritani, il monte Scuderi (m. 1253), dalla cui vetta, pianeggiante come una terrazza naturale, il panorama spazia dall’Etna sino all’Aspromonte, dallo Ionio al Tirreno. Monte Scuderi è un luogo magico e leggendario e molte sono le storie fantastiche che si raccontano, alla base delle quali c’è la presenza nei suoi anfratti misteriosi, della Truvatura, “tesoro nascosto” da creature soprannaturali, che non permettono all’uomo di scoprirla. Dal 1998 è stata creata La Riserva naturale di Fiumedinisi e del monte Scuderi. L’area protetta presenta rocce e minerali di grande valore geologico, una flora impreziosita dall’ erica arborea e dalla vegetazione a roverella; nella fauna regnano varie tipologie di animali e splendidi uccelli, come la coturnice di Sicilia, bell’esemplare di fauna selvatica dell’Isola.

Proprio in quanto ricca di acque e giacimenti minerari, Fiumedinisi attrasse greci, romani e arabi. Furono proprio gli arabi a creare opere di canalizzazione per l’irrigazione dei campi e per una nuova agricoltura, pistacchio, lino, gelso, cotone, melone, e a edificare, come fortezza, il castello Belvedere, in un luogo strategico, a m.750, che domina tutta la valle del Nisi. L’attività nelle miniere era già ai tempi dei Greci. Ma tutti i popoli le sfruttarono. Pare che re Ruggero II (1095-1194) utilizzò l’oro delle miniere per rivestire i capitelli del Duomo di Messina. Un ruolo importante nell’economia di Fiumedinisi lo ebbe la  lavorazione e il commercio della seta, già dal XII, XIII secolo, ma soprattutto tra la fine del Quattrocento e il Seicento.

Il periodo di maggiore splendore per Fiumedinisi fu quando divenne feudo dei baroni Colonna, che ricevettero l’abitato dal re Martino nel 1392, periodo di sviluppo economico e di pace, che durò fino al XVI e XVII secolo.  Quando durante la rivolta antispagnola di Messina del 1674-78, Fiumedinisi rimase fedele alla corona spagnola, i messinesi considerarono il paese come il loro peggiore nemico, e per rappresaglia lo assalirono e distrussero, compiendo varie nefandezze. Carlo II, per riconoscenza agli abitanti, lo ricostruì. Ma non ebbe il tempo di risorgere, che fu presto devastato da nuove sciagure, la peste del 1743 e l’alluvione del 1855, che distrussero gran parte del paese. Ma Fiumedinisi aveva ancora risorse indistruttibili, le miniere, che diedero lavoro fino al 1960, quando si estinse l’attività, l’agricoltura, l’abbondanza delle acque, la vera grande ricchezza di Fiumedinisi.

Il territorio è attraversato da molte fiumare e sorgenti naturali, come la Santissima, che ha origine in zona montuosa tra Fiumedinisi e Monforte San Giorgio, da cui parte un acquedotto che fornisce Messina e la sorgente “Vacco”, dalla quale parte quello che rifornisce il Comune di Fiumedinisi .

Il patrimonio monumentale della cittadina è uno dei più ricchi della zona ionica: il Castello Belvedere del IX sec.; il Palazzo della Zecca, di stile barocco, costruito nel 1669, spostando la sede di Messina a Fiumedinisi; la Chiesa di San Pietro, del XII-XIII secolo, di cui l’elemento più importante è il Campanile dell’XI secolo, antica torre di avvistamento; la Chiesa di San Nicola di Bari che durante il Medioevo fu probabilmente la Chiesa madre di Fiumedinisi; la Chiesa della Beata Vergine del Carmine del 1769; la Chiesa della Madonna delle Grazie, fine XVII sec., sul cui Sagrato vengono benedetti i defunti prima di essere tumulati nel Camposanto; la Chiesa di S. Anna, detta a Nunziatella del XII sec., meta di pellegrinaggio nella festa dell’Annunciazione; la Chiesa di S. Antonio Abate , in contrada Motta, con il particolare Portale Secentesco; la piccola Chiesa della SS. Trinità, un Santuario, meta di pellegrinaggio da centinaia di anni, il primo sabato e domenica di settembre.

Ma il monumento religioso più importante rimane il Santuario Maria SS. Annunziata, Chiesa Madre di Fiumedinisi, che risale al XII secolo. Intorno alla metà del XV sec., la Chiesa fu ampliata e, nei secoli seguenti si arricchì di opere d’arte di grande valore. Nel 1635, sul lato sinistro della Chiesa, fu edificato il Campanile, danneggiato dall’assedio messinese nell’ottobre del 1676 e dopo un paio di secoli, la notte del 25 marzo 1908, a causa di un incendio. Gli spagnoli avevano dedicato la chiesa alla Beata Vergine della Purificazione. Dopo il restauro, la Chiesa fu dedicata a Maria SS. Annunziata e, il 25 marzo 1976, divenne Santuario Diocesano ( cfr. http://www.comune.fiumedinisi.me.it/index.html).

Il santuario presenta nelle fiancate laterali 28 merlature con figure antropomorfe che, secondo una credenza del luogo, servivano ad allontanare gli spiriti del male. Ogni anno, a marzo, si svolge la festa patronale per Maria SS. Annunziata, con la processione della Madonna, dell’Arcangelo Gabriele e del Reliquiario in argento del Capello della Madonna. Il ferragosto con la processione della Vara, simile a quello messinese, ma con

personaggi veri si svolge la seconda domenica di agosto. La vigilia, di sera, vengono fatti “i Viaggi”, una processione di fedeli in ginocchio, tra la chiesa di San Pietro e quella dell´Annunziata. La Vara è un carro votivo in legno e ferro che risale al Seicento, dedicato all’Annunciazione del Signore, portata a spalla da circa 150 “devoti portatori”, tutti vestiti di bianco. Sulla Vara ci sono tre bambini, scelti fra i paesani, che personificano il Padre Eterno, la Madonna, l´Arcangelo Gabriele. oltre all’arciprete di Fiumedinisi, al vescovo di Messina e ai tre “Mastri”, eredi delle famiglie fiumedinisane che negli anni hanno contribuito alla costruzione della Vara. Partecipano alla festa ranni gente proveniente dai paesi della Valle del Nisi e centinaia di fiumedinisani che provengono da varie parti del mondo.

Bisognerebbe darsi da fare per focalizzare l’attenzione del mondo verso un centro di grande storia culturale e di incredibili ricchezze naturali. Può contribuirvi il turismo religioso, favorito dalla fede dei cittadini, dalla presenza di tante chiese e santuari e dalle bellezze naturali del luogo, che attraggono gente da ogni parte del mondo. Così come le popolazioni straniere hanno sfruttato in passato, per il loro arricchimento, tutte le possibilità che Fiumedinisi e i suoi dintorni offrivano loro, così oggi i fiumenisani, i soli possessori ormai di quella terra, meritano di essere incoraggiati e sostenuti, ove sia il caso, a incrementare e utilizzare al meglio le preziose risorse del loro paese.

 

Lucia Abbate

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 11, 2018 08:15


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Israele e gli Emirati arabi uniti hanno firmato un accordo di pace
    L’annuncio rende gli Emirati Arabi Uniti il primo Stato arabo del Golfo a dichiarare la normalizzazione. Decisiva la mediazione del presidente Trump, che annuncia la cerimonia di firma “nelle prossime settimane” alla Casa Bianca. La condanna di Hamas e Jihad islamica Israele e gli Emirati Arabi Uniti hanno raggiunto uno storico accordo che porterà a una piena […]
    Agi
  • Come sto resistendo ai “terribili due” anni della mia bambina
    5 suggerimenti per affrontare nel modo migliore la fase in cui il figlio comincia ad affermare la propria autonomia con i capricci e i “no” Quando è nato il mio secondo figlio, la primogenita non aveva ancora compiuto 2 anni: avrebbe spento le candeline solo tre mesi e mezzo più tardi. Tutto è andato per […]
    Silvia Lucchetti
  • 3 cose da sapere per rendere efficace una preghiera di intercessione
    Quante volte ci capita di invocare un santo o una persona in odore di santità chiedendogli una grazia speciale? I Vangeli ci offrono esempi di preghiera di intercessione quando ci presentano gli eventi della guarigione del servo del centurione (Mt 8,5-13) e della figlia della donna cananea (Mt 15,21-28), ad opera di Gesù. Nella preghiera […]
    Gelsomino Del Guercio
  • San Francesco in 4k: il documentario in onda a Ferragosto
    Sabato 15 agosto, su Rai1 alle ore 17.40, andrà in onda “Il folle di Dio” Sabato 15 agosto, su Rai1 alle ore 17.40, andrà in onda “Il folle di Dio“, un documentario sulla vita di San Francesco, il santo di tutti gli italiani e di tutti i cristiani del mondo. Il documentario, girato in 4k, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Facciamo un bel ripasso sui metodi naturali?
    La donna ha chiari sintomi del funzionamento del proprio corpo ma la regolazione naturale della fertilità non è una faccenda solo femminile, ma un percorso di consapevolezza e affettività della coppia. Di Agnese Messina Quando si parla di metodi naturali si parla sempre al plurale, perché diversi sono stati gli studi effettuati per dare risposte in merito […]
    Mogli e mamme per vocazione
  • Vivete lontano dal vostro figlioccio? Ecco come svolgere il vostro ruolo di padrino
    Essere scelti come padrino o madrina di un bambino è una grande gioia, ma è anche una grande responsabilità: come possiamo assumercela quando abitiamo lontano? Il giorno del battesimo, ci impegniamo, come padrino e madrina, ad aiutare i genitori del nostro figlioccio ad “educarlo nella fede e ad insegnargli ad osservare i Comandamenti, affinché ami […]
    Edifa
  • 5 santi liberati dal carcere grazie all’intervento dei loro angeli
    Da san Valentino a san Teodoro: si tramandano azioni clamorose degli spiriti celesti durante la prigionia Talvolta i santi angeli non si accontentano di incoraggiare i martiri e di cicatrizzare le loro piaghe; essi rompono le loro catene e rendono loro la libertà. E’ così che essi liberano dalla loro prigione san Valentino, vescovo di […]
    don Marcello Stanzione
  • Marco, Camilla, Samuele, Nicolò ed Elia volevano vedere meglio le stelle
    Il tragico incidente a Castelmagno nel cuneese: vite giovanissime strappate alla vita nel pieno della spensieratezza estiva. Nell’ultimo post di Camilla si legge: “Come fanno le onde a ripartire sempre?” Erano saliti più in alto, perché fosse più buio, per vedere meglio le stelle sul Monte Fauniera sopra il santuario di San Magno a Calstelmagno, […]
    Annalisa Teggi
  • “Voglio fare il chierichetto”. Chi può diventarlo, cosa fa e a cosa serve?
    di Mauricio Montoya Abbiamo visto spesso bambini e giovani che aiutano all’altare durante la celebrazione dell’Eucaristia, ed è comune confondere il termine “chierichetto” con quello di “accolito”. Il primo indica un servizio pastorale che si esercita all’altare, mentre il secondo è il ministero a cui si accede nel cammino di preparazione al sacerdozio, e viene […]
    Catholic Link
  • “La terza vittima”. Perché si dimentica la figura dell’uomo quando si parla di aborto?
    di Carlos G. Romero S (40 Giorni per la Vita Colombia) Esistono due domande molto profonde che vale la pena di non dimenticare e che possono essere formulate in vari modi: le donne vogliono davvero essere lasciate sole nella decisione di abortire? Le donne sono state sole quando hanno preso la decisione di abortire? In […]
    Catholic Link

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Responsum Congregazione Dottrina Fede. Su Battesimo questione non meramente rubricista, ma teologico-sacramentale 13 agosto 2020
    Il 6 agosto scorso, la Congregazione per la Dottrina della Fede (Cdf) si è pronunciata riguardo la richiesta di chiarimenti sulla validità o meno del battesimo conferito con formule differenti rispetto a quella indicata nei libri liturgici, in particolare con l’utilizzo della formula “Noi ti battezziamo nel nome del Padre e del Figlio e dello […]
  • Papa Francesco: in tempo di Covid-19 un magistero di accompagnamento e condivisione 13 agosto 2020
    “Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti”. Sono le parole, già consegnate alla storia, pronunciate dal Papa in una piazza San Pietro deserta e bagnata dalla […]
  • Papa Francesco: “Arrampicarsi nella vita distrugge l’armonia, occhi attenti verso chi soffre” 12 agosto 2020
    Denuncia una “visione distorta della persona”, uno sguardo che “ignora la sua dignità”. Poi, chiede di guardare il prossimo “come un fratello e non come un estraneo”. Così Papa Francesco, durante l’udienza generale di oggi, trasmessa in streaming dalla biblioteca del Palazzo apostolico vaticano, indica che “il coronavirus non è la sola malattia da combattere”. […]
  • Papa Francesco: udienza, “imitare il luminoso esempio di generosa adesione a Cristo” di santa Chiara 12 agosto 2020
    “Abbiamo celebrato ieri la memoria di Santa Chiara d’Assisi: vi invito ad imitare il suo luminoso esempio di generosa adesione a Cristo”. Lo ha detto Papa Francesco, al momento dei saluti ai pellegrini in lingua italiana, oggi, al termine dell’udienza generale trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca del Palazzo apostolico vaticano. “Il mio pensiero va […]
  • Papa Francesco: udienza, “abbiamo bisogno di un’armonia sociale, l’egoismo la distrugge” 12 agosto 2020
    “Noi siamo sociali, abbiamo bisogno di vivere in quest’armonia sociale. Ma quando c’è l’egoismo il nostro sguardo non va agli altri, alla comunità, ma torna su noi stessi e questo ci fa brutti, cattivi, distrugge l’armonia”. Lo ha detto Papa Francesco, nell’udienza generale di oggi, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca privata, continuando il nuovo […]
  • Papa Francesco: udienza, “no a indifferenza e individualismo, guardare i bisogni e i problemi degli altri” 12 agosto 2020
    “La pandemia ha messo in risalto quanto siamo tutti vulnerabili e interconnessi. Se non ci prendiamo cura l’uno dell’altro, a partire dagli ultimi, da coloro che sono maggiormente colpiti, incluso il creato, non possiamo guarire il mondo”. Lo ha detto Papa Francesco, nell’udienza generale di oggi, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca privata, continuando il […]
  • Chiara di Assisi, donna umana ed evangelica 11 agosto 2020
    Chiara di Assisi, donna vissuta nel XIII secolo, ancora oggi con la sua esperienza può essere significativa per gli uomini e le donne del nostro tempo che sembrano aver sfilacciato i contorni della propria identità, perso il senso dell’esistenza, dello spazio e del tempo e vivono le relazioni spesso in superficie. È una donna di […]
  • Papa Francesco: battezza le gemelline siamesi separate al Bambin Gesù. La mamma gli scrive 11 agosto 2020
    La visita dentro San Pietro, un’immensità vista per la prima volta che schiaccia quasi, ma che si arresta davanti alla statua della Madonna che stringe Gesù senza vita. All’improvviso il resto dell’immensità perde d’interesse, mentre si accende di getto una domanda su quel “corpo incolpevole” di Cristo che ricorda “il corpo delle mie figlie negate […]
  • Coronavirus Covid-19: Sacro Convento Assisi, completato screening sui frati. Altri 10 trovati positivi 10 agosto 2020
    “È stato completato lo screening sulla Comunità dei novizi, che era già stata isolata, e sulla Comunità dei frati del Sacro Convento di Assisi. Sono risultati positivi, oltre agli otto novizi già noti, altri 10 francescani”. A darne notizia è stato il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato. “Al […]
  • Papa Francesco: all’Angelus, “preghiamo per il popolo in Libano che soffre tanto” 9 agosto 2020
    “La catastrofe di martedì scorso chiama tutti, a partire dai libanesi, a collaborare per il bene di questo amato Paese. Il Libano ha un’identità peculiare, frutto dell’incontro di varie culture, emersa nel corso del tempo come un modello del vivere insieme. Certo, questa convivenza ora è molto fragile, ma prego perché, con l’aiuto di Dio […]

Commenti recenti

     

    • 15:
    • 183:
    agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login