GENOVA – Sotto le macerie del ponte, un racconto drammatico commovente ed edificante che fa riflettere

Redazione1
di Redazione1 settembre 5, 2018 12:29

GENOVA – Sotto le macerie del ponte, un racconto drammatico commovente ed edificante che fa riflettere

(Da un racconto fatto ad Annalisa Teggi del Corriere)

“Dio ha conservato un nido per noi” sotto il ponte crollato

Sepolti vivi per 4 ore a testa in giù tra le macerie del ponte Morandi di Genova, sono stati salvati. Ora Natalya e Eugeniu si sposano per ringraziare Dio di questo miracolo.

Il crollo del ponte Morandi di Genova ha oscurato l’estate italiana, ci ha ricordato quello che dovremmo comunque sapere: siamo pellegrini su un sentiero accidentato, non padroni di una sfera di cristallo infrangibile. Ci sono state 43 vittime, feriti e sfollati a centinaia. Ci sono stati dei superstiti e non c’è una regola, una dritta celeste, un oracolo che possa “spiegare” la ragione di una morte ingiusta per alcuni, e di un miracolo per altri. C’è il mistero portentoso di Dio, vogliamo guardare senza paraocchi la sfida: il destino di ognuno è un frutto maturo per il bene del mondo nella forma unica (e amata dal principio dei tempi) che assume.

Era solo la seconda volta che Natalya Yelina passava per Genova, stava andando in vacanza in Provenza con il suo fidanzato Eugeniu Babin; erano partiti all’alba da Santa Maria Capua Vetere. Si sono trovati sul ponte Morandi e hanno vissuto il crollo sulla loro pelle, ritrovandosi vivi dopo un volo di chissà quanti metri, sepolti da una montagna di macerie. Vivi e a testa in giù … simbolicamente così simili a un neonato nel canale del parto.

Nascere di nuovo

La vita era da riconquistare, a quel punto. Non era scontato essere salvati, eppure erano insieme; insieme hanno gestito il dramma. Usare il clacson per farsi sentire, poi la propria voce fino all’ultimo fiato, poi la mano dei vigili del fuoco. Di nuovo fuori, finalmente, “a riveder le stelle” direbbe Dante.

Natalya e Eugeniu si sono raccontati a una giornalista del Corriere; ancora ricoverati sono lì con i loro corpi tumefatti e la voce limpida che parla di miracoli e speranza. Miracoli, al plurale, va detto. Lui, Eugeniu, ha pensato a ritroso a tutti i dettagli dell’evento:

Ma c’è anche la fortuna che il figlio di Natasha non sia venuto con noi in vacanza, come doveva essere in un primo momento. C’è che hanno sentito le nostre voci urlare da là sotto. C’è che non abbiamo perso sangue, conoscenza. E poi essere qui dentro: anche questo ha del miracoloso (dal Corriere)

Ricapitolare la propria vicenda non è insultare le altre vittime, ma essere coscienti del compito della gratitudine. La tragedia ha cambiato i loro occhi su quel giorno maledetto e sui giorni a venire, loro sanno di essere nati una seconda volta. In questa estate di drammatici incidenti autostradali, anche il camionista salvatosi dal rogo di Borgo Panigale ha dichiarato che è stata una rinascita tremenda: si è riproposto di festeggiare due volte il compleanno, il giorno della sua nascita biologica e il giorno della sua nascita da adulto in mezzo all’inferno di un’autostrada in fiamme.

Lamiere e calcinacci, il nido di Dio

“Dio ha conservato un nido per noi, per salvarci” confessa Natalya è lo stupore grato si fa cammino nuovo: fidanzati da 13 anni, lei e Eugeniu hanno deciso di sposarsi in chiesa per prendere in parola Dio, che in modo vertiginoso ha scosso il cuore dal torpore della normalità. La loro vicenda è emblematica, ma è anche così simile alla trama di ogni vita. Qualche anima malpensante alzerà il dito contro di loro, ricordando che potevano farlo prima, magari si dirà persino che lo fanno solo sull’onda emotiva del momento.

E dunque? Non siamo forse tutti così? Solo uno tsunami sarebbe capace di farci apprezzare l’alba monotona di ogni lunedì autunnale. Accettiamo, quindi, con umiltà e ironia la nostra coscienza imbolsita.

 

 

 

Redazione, da ag, i. Aleteia

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 5, 2018 12:29


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Un medico nel focolaio di Alzano Lombardo: nel volto dei miei colleghi la vittoria di Cristo
    Da primario di ortopedia, Luca Salvi viene catapultato nel pieno dell’emergenza coronavirus. Nuovi protocolli, nuovi assetti, tutto riconvertito per fronteggiare la richiesta crescente dovuta all’espandersi del contagio. E in questa prova la riscoperta di sè, del valore dei legami, del senso del lavoro e dell’amicizia. Dal carisma di Don Giussani una capacità di sguardo nuova […]
    Paola Belletti
  • Coronavirus: come accompagnare i più piccoli nel lutto
    Da diverse settimane, ogni giorno, i bambini si confrontano con la morte sugli schermi televisivi. Il Covid-19 ha infatti già mietuto molte vittime. Ma quando il dolore colpisce una persona molto cara, è una tragedia insopportabile. Più che per un adulto, la morte di una persona cara è devastante nella la vita di un bambino. […]
    Edifa
  • La Corona di Spine di Cristo è sopravvissuta a guerre, rivoluzioni e all’incendio di Notre-Dame
    Le spine della reliquia della Crocifissione si ritrovano in collezioni delle chiese e perfino al British Museum Un anno fa ci si è preoccupati molto per la Corona di Spine di Cristo. Quando un incendio ha quasi distrutto la cattedrale di Notre-Dame, a Parigi, è stato il primo oggetto che un sacerdote indomito è corso […]
    Lucien de Guise
  • Quello che Dio vuole da noi in questo momento è purificarci
    Come interpretare la Bibbia? Cosa dice all’uomo di oggi? Quali perle nascondono i suoi testi? Oscar García Aguado è un sacerdote di Madrid autore di due brevi opere: Aprende a manejar la Biblia. Aproximación al Antiguo Testamento e Aprende a manejar la Biblia. Para disfrutar del Nuevo Testamento. Si tratta di due libri nati da […]
    Alvaro Real
  • I santuari d’Europa per un tour virtuale di Pasqua
    Il COMECE lancia un nuovo servizio nei giorni del Triduo Pasquale per aiutare i fedeli d’Europa Nel contesto dell’attuale pandemia di Covid-19 e dell’impossibilità per molti di partecipare fisicamente alle celebrazioni e ai momenti di preghiera della Chiesa, giovedì 9 aprile 2020, pochi giorni prima di Pasqua, viene lanciato dal COMECE – l’unione delle conferenze […]
    Lucandrea Massaro
  • Vivete la Via Crucis a casa con i vostri figli
    Molti cristiani dovranno vivere il Venerdì Santo senza poter uscire di casa. Ecco consigli e idee per organizzare una Via Crucis a casa con i figli. di Christine Ponsard  Molte famiglie vivranno la Settimana Santa isolati nelle loro case e non potranno andare in chiesa. Tra tutto ciò che viene proposto in questa settimana per […]
    Edifa
  • Una meditazione del Venerdì Santo per trovare la via della santità
    Il Venerdì Santo la Chiesa commemora la Crocifissione e la Morte di Gesù sulla croce. Come il Buon Ladrone crocifisso accanto a Cristo imploriamo la Sua misericordia. di Christine Ponsard Non si può capire in cosa consiste la santità senza guardare all’unico santo canonizzato da Gesù stesso: il Buon Ladrone. Non sappiamo quasi nulla di […]
    Edifa
  • «Diaconato femminile: necessario un rapporto dinamico con la tradizione», parla Anne-Marie Pelletier
    «Non sono sicura che ci sia molto da guadagnare nel particolarizzare il ministero» di donne già al servizio della Chiesa, confida con prudenza Anne-Marie Pelletier, nominata membro della nuova Commissione di studio sul diaconato femminile appena creata da Papa Francesco. Abbiamo intervistato la teologa francese, che si rallegra di vedere che la questione viene ancora […]
    Claire Guigou
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    La lettura può accompagnarci a guardare quelle zone più esposte del nostro io che chiedono aiuto. Brancolare e tentennare sono i verbi che descrivono le mie giornate in quarantena con la famiglia. La fase propositiva-entusiasta del «organizzerò cose fantastiche!» è passata; pesa la fatica – oggettivamente piccola ma non insignificante – di gestire la casa, […]
    Annalisa Teggi
  • Su coronavirus e peste: Dio è con noi, non contro di noi
    La storia delle pesti ci lascia con una speranza inaspettata: in mezzo a questi mali naturali, Dio ci fa sapere che è il Signore Il 6 dicembre 1666, sulla scia dello scoppio della Morte Nera che uccise il 15% della popolazione inglese, il reverendo Josiah Hunter di York pronunciò un sermone intitolato “L’Orrore della Peste”. […]
    Gabriel Torretta, O.P.

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 204:
    • 216:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login