Se l’uomo plasma Dio a sua immagine e somiglianza a giustificazione delle sue aberrazioni

Redazione1
di Redazione1 maggio 21, 2018 18:33

Se l’uomo plasma Dio a sua immagine e somiglianza a giustificazione delle sue aberrazioni

Sono tanti i fatti che continuano a dimostrare l’esistenza di varie forme di incompatibilità e conflitto tra le due religioni monoteistiche dell’Islam e del Cristianesimo. Alcuni episodi, anche drammatici, come quello recente del padre che uccide la figlia perchè rifiuta il matrimonio preordinato e vuole invece sposare un uomo non musulmano. E così altri episodi simili in cui  giovani donne musulmane vengono bastonate o uccise in quanto troppo conformate ai costumi occidentali. Oppure le arroganti pretese di lotta al Crocifisso nelle scuole, negli ospedali, con la richiesta da parte di Istituzioni musulmane di sua abolizione nei luoghi pubblici e gesti di intolleranza pretenziosa ed offensiva verso i simboli della nostra fede.

Ebbene, tutto ciò oltre che molto spiacevole fa capire che così facendo il vecchio conflitto esistente tra Islamismo e Cristianesimo invece di essere pacificato viene piuttosto rinfocolato. Un conflitto antico e pericoloso che nei secoli scorsi ha avuto momenti molto critici e che è riesploso ultimamente, da parte musulmana, con i ben noti e gravissimi atti terroristici  messi in atto dagli integralisti fanatici che hanno provocato varie stragi a livello internazionale contro gente innocente.

Tutto ciò, naturalmente, spinge inevitabilmente a fare un confronto tra le due grandi religioni monoteistiche, e soprattutto tra le diverse modalità di rapporto che esse stabiliscono con le rispettive Divinita’ e con i seguaci di altre religioni. Sotto questo aspetto, dunque, ci sembra utile valutare  gli elementi di giudizio circa il tipo di relazione che nelle due religioni intercorre tra uomo e Dio, e tra credente e non credente.

Innanzitutto, considerando il rapporto che la Divinità riconosciuta dagli islamici stabilisce con i credenti, si nota una notevole differenza rispetto al rapporto che intercorre nel Cristianesimo. L’unico Dio infatti, che come quello dei cristiani si presenta come amore misericordioso, pace e giustizia, propone però i suoi comandamenti in modo molto diverso e contraddittorio. Infatti, mentre nel Cristianesimo la legge di Dio è proposta a tutti gli uomini in termini di libera scelta, lasciando dunque al soggetto la possibilità di rifiutarla, nell’Islamismo, invece, tale legge diventa oggetto di comando costrittivo. Inoltre nel Corano, il libro sacro scritto da Maometto per ispirazione divina, viene rimarcata la proclamazione della rivelazione profetica di carattere strettamente arabo. Pertanto l’Alleanza divina viene sancita soltanto con questo popolo, a cui Dio dà il comandamento di diffondere la sua fede, imponendola a tutti anche con la forza.

Da questo drastico mandato discende che il dovere primario di tutti gli islamici è quello di arrivare alla “Umma”, cioè allo Stato mondiale musulmano, anche, se necessario, mediante la guerra santa (jihad). E ciò viene sancito da inequivocabili versetti coranici che suscitano non poche perplessità sulle caratteristiche di una Divinità che per un verso esprime amore misericordioso, pace e giustizia, e dall’altro spinge all’imposizione anche violenta della sua legge, senza alcun rispetto della libertà dell’uomo cui è rivolta. Basta leggerne alcuni: “Uccidete gli idolatri dovunque li troviate, catturateli, assediateli, tendete loro agguati” (sura IX vers.5). “Combatteteli finchè non vi sia più ribellione e il culto sia quello del Dio” (II,193). “Combattete contro coloro che non credono in Dio e nell’Ultimo Giorno, che non vietano quel che Dio e il suo Messaggero hanno vietato. Combattete fra quelli cui fu data la Scrittura (ebrei e cristiani, ndr), coloro che non praticano la vera religione” (IX, 29). Comandamenti davvero incredibili, questi, che certamente non si addicono ad un Dio infinitamente buono e che, ovviamente, non possono non indurre forme di proselitismo segnate da orgoglio, arroganza e violenza.

Ora, facendo un confronto più’ addentro tra le due religioni, vediamo che nel Cristianesimo il comandamento di diffusione della fede va di pari passo con quello dell’amore per Dio e per il prossimo, estensibile ai diversi, ma anche ai nemici, nel pieno rispetto della loro libertà spirituale, escludendo ogni  pretesa e vendetta, mentre nell’Islamismo si osserva invece una situazione ben differente. Nei riguardi dei diversi, definiti “infedeli” anche se appartenenti ad altre fedi, prevale un atteggiamento di riprovazione e intolleranza che non esclude anche la morte di chi si oppone al dominio della fede islamica. Tutto ciò, ovviamente, non significa che ogni musulmano sia un fondamentalista violento, tuttavia questo atteggiamento fa comprendere che se l’Islamismo non può certo essere identificato col fondamentalismo, sarebbe però’ un errore escludere l’influenza di simili radici autoritarie in nome di Allah su certi comportamenti di fede musulmana nel pretendere drasticamente preclusioni, anche violente, verso i simboli di altre fedi.

Infine si rileva che nell’Islamismo, al contrario del Cristianesimo, la propensione alla violenza è favorita dalla consueta tendenza alla politicizzazione della religione, ma soprattutto dalla mancanza di unitarietà dottrinaria. Infatti, non esistendo struttura gerarchica e un magistero ufficiale, il Corano è soggetto alle diverse interpretazioni che le numerose Scuole religiose possono darne. Di conseguenza, chiunque può ergersi a interprete della volontà divina cui possono essere attribuiti intenti di parte, manipolazioni politiche, propositi di vendetta, varie proiezioni di umanità deteriore, e persino atti di fanatismo violento che nulla hanno a che vedere con la vera essenza di Dio. Che “è vita e sorgente di vita” –  come ha ribadito il Pontefice –  per cui “nessuno può uccidere in nome di Dio”, di cui va rifiutata ogni strumentalizzazione.

 

 

 

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 maggio 21, 2018 18:33


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Santa Teresa d’Avila mette in guardia sulla falsa pace degli amici del demonio
    Teresa d’Avila nacque in Spagna nel 1515 e morì ad Alba de Tormes il 4 ottobre 1582. Paolo VI la proclamò dottore della Chiesa. Consideriamo ora come si inseriscono gli Angeli eletti e quelli decaduti nel contesto della complessa esistenza di S.Teresa d’Avila, nelle sue vicende umane, nel suo cammino interiore, nelle sue esperienze mistiche. […]
    don Marcello Stanzione
  • Nennolina, la bambina mistica e sofferente che scriveva le letterine a Gesù
    "Tu perdonaci e fa’ che un giorno veniamo con te in Paradiso". Antonietta Meo, Nennolina, è morta a soli sette anni ma è un esempio di santità per i giovani di tutto il mondo. Ha vissuto la sua breve vita senza una gamba, tra mille difficoltàSanti giovanissimi, attratti come per osmosi dal messaggio di Dio […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Vi raccontiamo gli incontri con il diavolo di 5 preti esorcisti
    Da Don Alfonso Commod a Don Leone Iorio: manifestazioni sataniche avvenute in tutta Italia. Malefici e Massoneria come cause di venuta dei demoniCinque preti esorcisti raccontano il loro incontro con il diavolo. Lo fanno in Esorcisti (edizioni Sugarco) a cura di Marcello Stanzione. La particolarità di questi racconti è che si svolgono in varie zone […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Chiuso (per ora) il primo bordello dove si può fare sesso con le sexy robot
    Houston, Texas. L'apertura del cyber store del sesso ha scatenato le proteste dei gruppi religiosi e delle associazioni schierate contro il traffico sessuale. Si raccolgono firme per strada.In queste ultime settimane i quotidiani hanno riportato le cronache di tentativi quasi riusciti a Torino e Houston di apertura di bordelli di sexdolls, in cui i clienti […]
    Silvia Lucchetti
  • Cosa dice la Chiesa sulla recita del Rosario senza la contemplazione dei misteri?
    Il grande valore del Rosario e dei grani che lo compongono è la contemplazione dei misteri della vita di Gesù: gaudiosi, luminosi, gloriosi e dolorosi. Il Rosario è cristocentrico, non mariocentricoSe smettiamo di contemplare i misteri del Rosario, questo perde la sua bellezza, anche se la recita delle Ave Maria e dei Padre Nostro ha […]
    Felipe Aquino
  • Gladys Aylward, una madre per cento bambini
    Appassionata di mondo orientale e disposta a diffondere la Parola di Dio, divenne una delle missionarie più famose e amate della CinaGladys Aylward era una giovane inglese nata nell’inverno 1902 in una famiglia di umili origini. I suoi genitori riuscivano a malapena a mantenere lei e le sue due sorelle, per cui dovette aiutarli economicamente […]
    Sandra Ferrer
  • Ora Erin ha una figlia “grazie” alla migliore amica, diventata madre surrogata
    Dopo 6 aborti spontanei e nove fecondazioni in vitro Erin Boelhower è diventata madre perché l'amica Rachel si è offerta come madre surrogata, partorendo e poi allattando la piccola Scottie.La pratica dell‘utero in affitto è frutto di un delirio moderno che crede di poter ingabbiare il segreto della vita e riprodurlo a piacimento. In molti […]
    Annalisa Teggi
  • Evangelizzare non è proselitismo, è un atto d’amore
    Mentre Papa Francesco ha istituito un mese missionario straordinario per l’ottobre 2019, l’arcivescovo Giovanni Pietro Dal Toso, presidente delle Opere pontificie missionarie (OPM), è tornato sul senso dell’evangelizzazione. Ricordando che la Chiesa «non esiste se non per evangelizzare», egli ha spiegato che essa «non può privare gli uomini della Buona Notizia che essi sono amati […]
    Jesús Colina
  • La madre di Montini lo fece per la pianeta del figlio: lei trasformò l’abito nuziale in veste battesimale per i suoi bimbi
    Giuditta Alghisi confezionò una ricchissima ed elegante pianeta al figlio Giovanni Battista, futuro Paolo VI, per la sua prima Messa. Bérengère, sposata e madre di 5 figli, ha trasformato il suo abito da sposa in veste battesimale per i suoi figli. Un’idea originale e piena di senso per un capo d’abbigliamento carico di storia famigliare.In […]
    Giovanni Marcotullio
  • Lotti con tutti i tuoi impegni? Questa preghiera ti può aiutare
    Sono i momenti in cui lottiamo che contano di piùLa ricercatrice Brené Brown, esperta di temi legati a vergogna e vulnerabilità, scrive: “L’integrità è scegliere il coraggio rispetto al comfort; scegliere ciò che è giusto rispetto a ciò che è divertente, rapido o facile; e scegliere di mettere in pratica i nostri valori anziché limitarsi […]
    Sophia Swinford

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 67:
    • 172:
    ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login