Se l’uomo plasma Dio a sua immagine e somiglianza a giustificazione delle sue aberrazioni

Redazione1
di Redazione1 maggio 21, 2018 18:33

Se l’uomo plasma Dio a sua immagine e somiglianza a giustificazione delle sue aberrazioni

Sono tanti i fatti che continuano a dimostrare l’esistenza di varie forme di incompatibilità e conflitto tra le due religioni monoteistiche dell’Islam e del Cristianesimo. Alcuni episodi, anche drammatici, come quello recente del padre che uccide la figlia perchè rifiuta il matrimonio preordinato e vuole invece sposare un uomo non musulmano. E così altri episodi simili in cui  giovani donne musulmane vengono bastonate o uccise in quanto troppo conformate ai costumi occidentali. Oppure le arroganti pretese di lotta al Crocifisso nelle scuole, negli ospedali, con la richiesta da parte di Istituzioni musulmane di sua abolizione nei luoghi pubblici e gesti di intolleranza pretenziosa ed offensiva verso i simboli della nostra fede.

Ebbene, tutto ciò oltre che molto spiacevole fa capire che così facendo il vecchio conflitto esistente tra Islamismo e Cristianesimo invece di essere pacificato viene piuttosto rinfocolato. Un conflitto antico e pericoloso che nei secoli scorsi ha avuto momenti molto critici e che è riesploso ultimamente, da parte musulmana, con i ben noti e gravissimi atti terroristici  messi in atto dagli integralisti fanatici che hanno provocato varie stragi a livello internazionale contro gente innocente.

Tutto ciò, naturalmente, spinge inevitabilmente a fare un confronto tra le due grandi religioni monoteistiche, e soprattutto tra le diverse modalità di rapporto che esse stabiliscono con le rispettive Divinita’ e con i seguaci di altre religioni. Sotto questo aspetto, dunque, ci sembra utile valutare  gli elementi di giudizio circa il tipo di relazione che nelle due religioni intercorre tra uomo e Dio, e tra credente e non credente.

Innanzitutto, considerando il rapporto che la Divinità riconosciuta dagli islamici stabilisce con i credenti, si nota una notevole differenza rispetto al rapporto che intercorre nel Cristianesimo. L’unico Dio infatti, che come quello dei cristiani si presenta come amore misericordioso, pace e giustizia, propone però i suoi comandamenti in modo molto diverso e contraddittorio. Infatti, mentre nel Cristianesimo la legge di Dio è proposta a tutti gli uomini in termini di libera scelta, lasciando dunque al soggetto la possibilità di rifiutarla, nell’Islamismo, invece, tale legge diventa oggetto di comando costrittivo. Inoltre nel Corano, il libro sacro scritto da Maometto per ispirazione divina, viene rimarcata la proclamazione della rivelazione profetica di carattere strettamente arabo. Pertanto l’Alleanza divina viene sancita soltanto con questo popolo, a cui Dio dà il comandamento di diffondere la sua fede, imponendola a tutti anche con la forza.

Da questo drastico mandato discende che il dovere primario di tutti gli islamici è quello di arrivare alla “Umma”, cioè allo Stato mondiale musulmano, anche, se necessario, mediante la guerra santa (jihad). E ciò viene sancito da inequivocabili versetti coranici che suscitano non poche perplessità sulle caratteristiche di una Divinità che per un verso esprime amore misericordioso, pace e giustizia, e dall’altro spinge all’imposizione anche violenta della sua legge, senza alcun rispetto della libertà dell’uomo cui è rivolta. Basta leggerne alcuni: “Uccidete gli idolatri dovunque li troviate, catturateli, assediateli, tendete loro agguati” (sura IX vers.5). “Combatteteli finchè non vi sia più ribellione e il culto sia quello del Dio” (II,193). “Combattete contro coloro che non credono in Dio e nell’Ultimo Giorno, che non vietano quel che Dio e il suo Messaggero hanno vietato. Combattete fra quelli cui fu data la Scrittura (ebrei e cristiani, ndr), coloro che non praticano la vera religione” (IX, 29). Comandamenti davvero incredibili, questi, che certamente non si addicono ad un Dio infinitamente buono e che, ovviamente, non possono non indurre forme di proselitismo segnate da orgoglio, arroganza e violenza.

Ora, facendo un confronto più’ addentro tra le due religioni, vediamo che nel Cristianesimo il comandamento di diffusione della fede va di pari passo con quello dell’amore per Dio e per il prossimo, estensibile ai diversi, ma anche ai nemici, nel pieno rispetto della loro libertà spirituale, escludendo ogni  pretesa e vendetta, mentre nell’Islamismo si osserva invece una situazione ben differente. Nei riguardi dei diversi, definiti “infedeli” anche se appartenenti ad altre fedi, prevale un atteggiamento di riprovazione e intolleranza che non esclude anche la morte di chi si oppone al dominio della fede islamica. Tutto ciò, ovviamente, non significa che ogni musulmano sia un fondamentalista violento, tuttavia questo atteggiamento fa comprendere che se l’Islamismo non può certo essere identificato col fondamentalismo, sarebbe però’ un errore escludere l’influenza di simili radici autoritarie in nome di Allah su certi comportamenti di fede musulmana nel pretendere drasticamente preclusioni, anche violente, verso i simboli di altre fedi.

Infine si rileva che nell’Islamismo, al contrario del Cristianesimo, la propensione alla violenza è favorita dalla consueta tendenza alla politicizzazione della religione, ma soprattutto dalla mancanza di unitarietà dottrinaria. Infatti, non esistendo struttura gerarchica e un magistero ufficiale, il Corano è soggetto alle diverse interpretazioni che le numerose Scuole religiose possono darne. Di conseguenza, chiunque può ergersi a interprete della volontà divina cui possono essere attribuiti intenti di parte, manipolazioni politiche, propositi di vendetta, varie proiezioni di umanità deteriore, e persino atti di fanatismo violento che nulla hanno a che vedere con la vera essenza di Dio. Che “è vita e sorgente di vita” –  come ha ribadito il Pontefice –  per cui “nessuno può uccidere in nome di Dio”, di cui va rifiutata ogni strumentalizzazione.

 

 

 

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 maggio 21, 2018 18:33


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 5 buoni motivi per guardare la serie Suits
    Per una volta un contenuto tv è davvero buono, equilibrato, positivo. I buoni sono buoni, i cattivi non sono per niente affascinanti, l'amore è nella coppia, l'amicizia è un valore.Accendere la televisione è come passeggiare in trincea, non sai quando e dove, ma sicuramente ti spareranno. Tutto è ideologizzato, tutto è costruito affinché menti ingenue […]
    Martha, Mary and Me
  • Come posso accettare e perdonare la mia debolezza?
    Serve molta umiltà per accettare il perdono...È sempre possibile rinascere. Posso sempre tornare all’inizio del cammino già percorso. Servono sforzo, lotta e dedizione, è vero. È una decisione di testa, della volontà che dice che vuole e del cuore che abbraccia il primo passo compiuto. Ho mai dovuto tornare sui miei passi? Ho dovuto tornare […]
    Carlos Padilla
  • La missione è dire al mondo che la Verità ci tiene per mano
    Dissuaso dall'usare la parola "verità" per testimoniare il Vangelo, un sacerdote riscopre coi suoi alunni la grande novità del Cristianesimo: essere testimoni di un'esperienza di bene che cambia la vita.di Luca Speziale Un paio di mesi dopo il nostro arrivo in Inghilterra siamo stati invitati dalla diocesi a partecipare a un corso organizzato dalla Conferenza […]
    Fraternità San Carlo Borromeo
  • Esorcismi e Unione Antidemoniaca: così San Giuseppe Pallotti sfidava il diavolo
    "“Non io ma Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo comanda, o demonio, a te e ai tuoi satelliti di non sottovalutare alcun ordine" San Vincenzo Pallotti (1795-1850), protettore del clero, ebbe sempre una particolare sensibilità nella lotta contro il demonio Nei primi giorni del suo sacerdozio, il 26 maggio 1818, in una lettera a […]
    don Marcello Stanzione
  • Per chi dice che non va più in Chiesa per colpa dei preti o di alcuni cristiani…
    Ricordate che in Chiesa non si va né per la simpatia dei ministri né per la cordialità dei parrocchiani. E se delle volte un buon sacerdote o un buon cristiano sono un formidabile aiuto alla propria fede, è pur vero che ciò che conta quando si ha sete è l’acqua e non la qualità del […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Quali sono le mancanze gravi nei confronti del primo comandamento?
    Mettere Dio al secondo posto nella vita, dopo il denaro, ad esempio, è una di questeI comandamenti di Dio iniziano dicendo “Amerai Dio al di sopra di tutto”. Il primo comandamento si riferisce all’amore di Dio, e Gesù lo ha riassunto in questo modo: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con […]
    Reginaldo Manzotti
  • E voi, care donne, lasciate caricare la lavastoviglie alle amiche?
    Noi donne abbiamo una certa difficoltà a lasciare usare la lavastoviglie a qualcun altro. Eppure se imparassimo a farlo romperemmo con il perfezionismo e con la mania di volere tutto come diciamo noi. di Anita Baldisserotto Se siamo amiche mi lasci fare la tua lavastoviglie? Vi sembrerà strano ma ora vi racconto: ho notato che […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Un grande miracolo per il piccolo Gabry: trovato donatore compatibile!
    Gabriele ha 2 anni ed ha una malattia genetica rarissima: la Sifd. Finalmente è stato identificato il donatore di midollo osseo: «Non sappiamo chi sia ma gli dobbiamo tutto» le parole del padre.Gabriele, anzi, “Gabry Little Hero”, come è intitolata la pagina Facebook creata dai genitori per raccontare la sua storia, è un guerriero di […]
    Silvia Lucchetti
  • Cari genitori, 5 regole per evitare che i vostri figli siano vittime di internet e chat perverse
    Dal cyberbullismo al sexting: come prevenire adescamento e violazioni della privacy Con la ripresa della scuola e il moltiplicarsi delle occasioni delle relazioni tra pari anche tramite social e smartphone è più facile che un ragazzo possa cadere in una delle tante trappole della rete come prevaricazioni, cyberbullismo, sexting e sextortion, adescamento, violazioni della privacy, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La verità dietro gli adolescenti autolesionisti
    Gli adolescenti che effettuano il cutting o si infliggono altri tipi di ferite stanno chiedendo disperatamente aiutoL’autolesionismo tra gli adolescenti non è una moda o un tentativo di attirare l’attenzione. Quando diffondiamo punti di vista del genere, proviamo a molti adolescenti che hanno ragione a sentirsi soli di fronte ai loro problemi. L’autolesionismo ha cause […]
    Małgorzata Rybak

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 40:
    • 130:
    settembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ago    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

    Login