Se l’uomo plasma Dio a sua immagine e somiglianza a giustificazione delle sue aberrazioni

Redazione1
di Redazione1 maggio 21, 2018 18:33

Se l’uomo plasma Dio a sua immagine e somiglianza a giustificazione delle sue aberrazioni

Sono tanti i fatti che continuano a dimostrare l’esistenza di varie forme di incompatibilità e conflitto tra le due religioni monoteistiche dell’Islam e del Cristianesimo. Alcuni episodi, anche drammatici, come quello recente del padre che uccide la figlia perchè rifiuta il matrimonio preordinato e vuole invece sposare un uomo non musulmano. E così altri episodi simili in cui  giovani donne musulmane vengono bastonate o uccise in quanto troppo conformate ai costumi occidentali. Oppure le arroganti pretese di lotta al Crocifisso nelle scuole, negli ospedali, con la richiesta da parte di Istituzioni musulmane di sua abolizione nei luoghi pubblici e gesti di intolleranza pretenziosa ed offensiva verso i simboli della nostra fede.

Ebbene, tutto ciò oltre che molto spiacevole fa capire che così facendo il vecchio conflitto esistente tra Islamismo e Cristianesimo invece di essere pacificato viene piuttosto rinfocolato. Un conflitto antico e pericoloso che nei secoli scorsi ha avuto momenti molto critici e che è riesploso ultimamente, da parte musulmana, con i ben noti e gravissimi atti terroristici  messi in atto dagli integralisti fanatici che hanno provocato varie stragi a livello internazionale contro gente innocente.

Tutto ciò, naturalmente, spinge inevitabilmente a fare un confronto tra le due grandi religioni monoteistiche, e soprattutto tra le diverse modalità di rapporto che esse stabiliscono con le rispettive Divinita’ e con i seguaci di altre religioni. Sotto questo aspetto, dunque, ci sembra utile valutare  gli elementi di giudizio circa il tipo di relazione che nelle due religioni intercorre tra uomo e Dio, e tra credente e non credente.

Innanzitutto, considerando il rapporto che la Divinità riconosciuta dagli islamici stabilisce con i credenti, si nota una notevole differenza rispetto al rapporto che intercorre nel Cristianesimo. L’unico Dio infatti, che come quello dei cristiani si presenta come amore misericordioso, pace e giustizia, propone però i suoi comandamenti in modo molto diverso e contraddittorio. Infatti, mentre nel Cristianesimo la legge di Dio è proposta a tutti gli uomini in termini di libera scelta, lasciando dunque al soggetto la possibilità di rifiutarla, nell’Islamismo, invece, tale legge diventa oggetto di comando costrittivo. Inoltre nel Corano, il libro sacro scritto da Maometto per ispirazione divina, viene rimarcata la proclamazione della rivelazione profetica di carattere strettamente arabo. Pertanto l’Alleanza divina viene sancita soltanto con questo popolo, a cui Dio dà il comandamento di diffondere la sua fede, imponendola a tutti anche con la forza.

Da questo drastico mandato discende che il dovere primario di tutti gli islamici è quello di arrivare alla “Umma”, cioè allo Stato mondiale musulmano, anche, se necessario, mediante la guerra santa (jihad). E ciò viene sancito da inequivocabili versetti coranici che suscitano non poche perplessità sulle caratteristiche di una Divinità che per un verso esprime amore misericordioso, pace e giustizia, e dall’altro spinge all’imposizione anche violenta della sua legge, senza alcun rispetto della libertà dell’uomo cui è rivolta. Basta leggerne alcuni: “Uccidete gli idolatri dovunque li troviate, catturateli, assediateli, tendete loro agguati” (sura IX vers.5). “Combatteteli finchè non vi sia più ribellione e il culto sia quello del Dio” (II,193). “Combattete contro coloro che non credono in Dio e nell’Ultimo Giorno, che non vietano quel che Dio e il suo Messaggero hanno vietato. Combattete fra quelli cui fu data la Scrittura (ebrei e cristiani, ndr), coloro che non praticano la vera religione” (IX, 29). Comandamenti davvero incredibili, questi, che certamente non si addicono ad un Dio infinitamente buono e che, ovviamente, non possono non indurre forme di proselitismo segnate da orgoglio, arroganza e violenza.

Ora, facendo un confronto più’ addentro tra le due religioni, vediamo che nel Cristianesimo il comandamento di diffusione della fede va di pari passo con quello dell’amore per Dio e per il prossimo, estensibile ai diversi, ma anche ai nemici, nel pieno rispetto della loro libertà spirituale, escludendo ogni  pretesa e vendetta, mentre nell’Islamismo si osserva invece una situazione ben differente. Nei riguardi dei diversi, definiti “infedeli” anche se appartenenti ad altre fedi, prevale un atteggiamento di riprovazione e intolleranza che non esclude anche la morte di chi si oppone al dominio della fede islamica. Tutto ciò, ovviamente, non significa che ogni musulmano sia un fondamentalista violento, tuttavia questo atteggiamento fa comprendere che se l’Islamismo non può certo essere identificato col fondamentalismo, sarebbe però’ un errore escludere l’influenza di simili radici autoritarie in nome di Allah su certi comportamenti di fede musulmana nel pretendere drasticamente preclusioni, anche violente, verso i simboli di altre fedi.

Infine si rileva che nell’Islamismo, al contrario del Cristianesimo, la propensione alla violenza è favorita dalla consueta tendenza alla politicizzazione della religione, ma soprattutto dalla mancanza di unitarietà dottrinaria. Infatti, non esistendo struttura gerarchica e un magistero ufficiale, il Corano è soggetto alle diverse interpretazioni che le numerose Scuole religiose possono darne. Di conseguenza, chiunque può ergersi a interprete della volontà divina cui possono essere attribuiti intenti di parte, manipolazioni politiche, propositi di vendetta, varie proiezioni di umanità deteriore, e persino atti di fanatismo violento che nulla hanno a che vedere con la vera essenza di Dio. Che “è vita e sorgente di vita” –  come ha ribadito il Pontefice –  per cui “nessuno può uccidere in nome di Dio”, di cui va rifiutata ogni strumentalizzazione.

 

 

 

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 maggio 21, 2018 18:33


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché secondo San Paolo c’è un legame tra donne e angeli?
    L'apostolo delle genti ne parla nella Lettera ai Corinzi. Ma per puntare l'indice contro vanità e gloria personaleUna questione interessante, a lungo dibattuta in sede esegetica, riguarda il modo in cui intendere l’espressione «a motivo degli angeli» della Lettera di San Paolo ai Corinzi (1 Cor 11, 10): “Perciò la donna deve, a causa degli […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Le notti insonni di santa Teresa Couderc con le anime del Purgatorio
    Rumori strani, visioni, scambiati inizialmente per allucinazioni, si sono rivelati richieste di suffragioMarie–Victoire Curdec, nata a Mas de Sablères (Francia) nel 1805, affida il suo desiderio di vita consacrata all’abate Etienne Terme, che ad Aps (Alba) ha aperto un piccolo noviziato, preparando sotto la protezione di san Francesco Régis, alcune religiose per le scuole del […]
    don Marcello Stanzione
  • Genitori succubi delle richieste dei figli adolescenti? Ecco le conseguenze!
    Oggi più che mai il padre e la madre devono dimostrare autorevolezza e coesione per non condannare i figli ad un'eterna adolescenzaUn recente libro del professor Massimo Ammaniti dal titolo: “Adolescenti senza tempo” (Raffaello Cortina Editore) affronta la delicata tematica dell’odierna adolescenza alla luce delle rapide trasformazioni socio-culturali intervenute nella società occidentale e i suoi […]
    Silvia Lucchetti
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Libri per vivere la fede con la gioia, con il sorriso, con il buonumore anche in mezzo alla tempestaChe letture vi stanno accompagnando in questo mese di febbraio? Romanzi d’amore? Gialli? Poesie? Io ho divorato con grande piacere il libro di padre Gabriele Amorth: Dietro un sorriso  Un testo avvincente, emozionante, che racconta la vita della beata […]
    Silvia Lucchetti
  • Questa donna ha organizzato 7.000 compleanni per bambini senza una casa
    Ecco cosa succede quando una madre è decisa a far sì che tutti i bambini siano felici per il proprio compleanno Screenshot / YouTubePer molti di noi, organizzare una festa di compleanno per i figli è un’opportunità per festeggiare il giorno in cui sono arrivati nella nostra famiglia. Che sia una piccola riunione familiare o […]
    Cerith Gardiner
  • Il Ministero per l’Istruzione promuove un corso sugli esorcismi: cosa c’è di strano?
    La notizia sta facendo "scandalo". Ma tutto nasce perché (volutamente) non si dice la verità sulla iniziativaDal 6 all’11 maggio gli insegnanti italiani potranno partecipare al costo di 400 euro a un corso di “Esorcismo e preghiera di liberazione“. Il seminario, proposto dall’Istituto Sacerdos, è apparso sulla piattaforma per l’aggiornamento professionale dei docenti “Sofia” del […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La “conversione” di Lady Gaga
    8 sorprese della diva che richiamano favorevolmente l'attenzioneLady Gaga è l’icona dell’avanguardia, l’artista che rompe gli schemi, la cantante provocatrice che spopola con la sua musica. Tutti hanno questa immagine di lei, ma forse Lady Gaga sta cambiando – forse non vuole più provocare. Nel suo ultimo intervento pubblico, ai Premi Grammy 2019 per la […]
    Carmen Neira
  • Paola: “Ho unito i puntini della mia vita, ci ho visto il disegno bellissimo di Dio”
    La neurofibromatosi tipo 2 (stessa malattia di Benedetta Bianchi Porro) la aggredisce senza pietà dall'adolescenza. Lei ci racconta il trauma, gli interventi rischiosi e il corpo sempre più ferito. Ma si è inventata un lavoro, crea composizioni floreali: perché Dio si premura di far sbocciare ogni vita.Una vita perfetta e spensierata fino all’adolescenza, poi Paola […]
    Annalisa Teggi
  • Il gesto pieno di umanità di un arbitro nei confronti di un bambino Down
    Nel campionato messicano, un bimbo Down che cercava di inviare un messaggio in uno stadio gremito era nervoso, e allora...Chi ha detto che gli arbitri di calcio non possono avere dei tifosi? E cosa succederebbe se un giorno iniziassero a segnare dei goal? In Messico, un arbitro è stato applaudito da un intero stadio dopo […]
    Aleteia
  • Vita di coppia: una sana distanza è liberatoria per entrambi
    La ricerca della giusta distanza nella coppia può rivelarsi complessa. Tra le ferite e i temperamenti di ciascuno dei due, talvolta è difficile trovare un giusto equilibrio, che pure è utile da diversi punti di vista.Un giorno stuzzicavo una coppia sulla possibilità di disaccordo tra loro due. E lui mi ha bloccato al volo: «Non […]
    Sophie Lutz

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 10:
    • 57:
    febbraio: 2019
    L M M G V S D
    « Gen    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728  

    Login