La calorosa umanità di Padre Marrazzo: prete “straordinario nell’ordinario” instancabile confessore rogazionista

Redazione1
di Redazione1 maggio 15, 2018 00:46

La calorosa umanità di Padre Marrazzo: prete “straordinario nell’ordinario” instancabile confessore rogazionista

Una appassionata testimonianza sulle speciali doti di umanità dell’umile e grande confessore Rogazionista Giuseppe Marrazzo, seguace di Sant’Annibale, raccontata da un suo penitente entusiasta delle doti psicologiche dell’eroico curatore di anime, che operava nel Santuario di Sant’Antonio. Un grato ricordo manifestato a margine di un incontro di studi sulla figura del sacerdote, chiamato “il Prete del Popolo”, a conclusione del Centenario della sua nascita.

I Maestri di spiritualità insegnano che la strada attraverso cui si snoda il cammino della santità per essere più agile e proficua necessita di una valida strutturazione psichica della personalità. Per cui si può dire che la santità trova le sue più favorevoli condizioni di sviluppo in una umanità viva, equilibrata

e operante. Era quanto caratterizzava il ministero sacerdotale di Padre Marrazzo – di cui è in corso il processo di beatificazione – nato in provincia di Brindisi, ma “messinese di fatto” tanto era il suo attaccamento a questa nostra città, dove ha trascorso quasi tutta la sua vita religiosa all’ombra del Tempio della Rogazione Evangelica, Casa Madre dei Rogazionisti, figli di Sant’Annibale Maria Di Francia.

Ora, fra i molti che hanno avuto il dono di essere stati suoi penitenti, una persona (che non vuole essere menzionata), ci racconta, con gratitudine e ammirazione, la testimonianza della sua esperienza diretta con quell’instancabile e straordinario confessore, dandoci così uno spaccato significativo di alcune sue speciali caratteristiche psicologiche.

 << Ho conosciuto Padre Marrazzo nel Santuario antoniano che frequentavo saltuariamente a motivo della devozione per “il glorioso Sant’Antonio”, come lo chiamava Padre Annibale, ma anche per la presenza della tomba del venerabile Fondatore dei Rogazionisti. Mi invogliava anche il fatto che a qualunque ora della mattinata passassi da quelle parti, quella chiesa era sempre aperta. Non solo, ma se avessi avuto intenzione di confessarmi, immancabilmente, in quel confessionale subito a destra entrando, c’era sempre un sacerdote disponibile. Ed era sempre lo stesso, un confessore sempre presente e instancabile: questi era appunto Padre Marrazzo.

Ma la cosa per me ancora più importante era data dal fatto che si trattava di un confessore  che rispondeva assai bene alle mie particolari esigenze di penitente problematico. Infatti, lo trovavo sempre accogliente, sereno, paziente, discreto, comprensivo e molto incoraggiante. Lo sentivo dotato di una intensa umanità: calorosa, amorevole e soprattutto ben disposto ad ascoltare. Notavo anche che quel sacerdote, nel modo di interloquire nel confessionale, al contenuto concettuale delle sue espressioni verbali, univa una componente di carattere relazionale di notevole valore affettivo-emozionale.

Una caratteristica che, valutandola meglio col senno di poi, gli attribuiva una speciale capacità psicologica, in grado di associare ai concetti che proferiva un alto tasso di valore empatico. Era quanto gli permetteva di assumere un atteggiamento più fraterno che paterno, quindi più aperto e vicino al penitente, con l’effetto di rendere più facile e liberatorio lo scarico delle angosce di carattere interiore.

Ricordo che questo atteggiamento mi aiutava parecchio ad allentare la tensione della situazione psicologicamente poco agevole, e quindi anche ad attuare la confessione in modo proficuo e pacificante. Una facilitazione che mi colpiva molto positivamente e che trovavo tanto, tanto rasserenante. Per cui quel confessore, che aveva il dono di sciogliere facilmente i nodi di carattere spirituale, attraverso le sue doti psicologiche, era per me impareggiabile.

Ma considerando le prerogative umane di quel sacerdote, così adatte a creare un rapporto interpersonale di carattere relazionale tanto efficaci nell’intimità del confessionale, c’era un altro aspetto della sua personalità che mi colpiva, e mi incuriosiva non poco. Era per il fatto che la sua figura, per alcune caratteristiche umane del suo modello espressivo generale, fuori dal confessionale, mi apparivano allora poco rispondenti all’immagine che il Fondatore, padre Annibale, proponeva ai suoi seguaci. Infatti, nel confronto con tale modello (espresso in modo eccellente dall’affascinante figura del suo Ispiratore), padre Marrazzo sembrava timido, poco dotato dal punto di vista culturale, di intraprendenza e dinamismo operativo. Limiti, comunque, di cui si capiva che era consapevole, e che accettava serenamente.    

   In seguito, però, raccogliendo elementi informativi diretti e indiretti su quella persona speciale, cominciai a 

 

capire quale grandezza umana e spirituale c’era in quel piccolo prete, a sostegno di un compito religioso che svolgeva alla sua maniera, con umiltà e semplicità di sacerdote “straordinario nell’ordinario”, seguendo pienamente le linee fondamentali del progetto del Fondatore. Prendevo atto, infatti, con edificazione che padre Marrazzo era totalmente dedito alla carità verso i più poveri, i deboli, i bisognosi, mediante una piena disponibilità quotidiana in qualsiasi ora, pronto all’accoglienza e all’ascolto delle persone – era inteso “Il prete del popolo” – ma specialmente come confessore, il Carisma centrale del suo ministero sacerdotale. 

A proposito di questo suo fervoroso compito di curatore di anime, ebbi in seguito la felice occasione di sentire ribadita questa sua prerogativa, in modo originale e assai rappresentativo, dalla viva voce del grande Arcivescovo, “araldo e apostolo di santità” , Francesco Fasola,”. Il quale, con quella sua paterna espressività semplice e accattivante, usando una simpatica similitudine, ne diede una immagine emblematica assai efficace affermando: ‘il Santuario di S. Antonio è la clinica spirituale di Messina, della quale Padre Marrazzo è il medico di guardia’ >>.  

 

 

Redazione

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 15, 2018 00:46


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco: chi fa la guerra non sa dominare le proprie passioni
    “Quando si accoglie la Legge di Dio nel cuore si capisce che bisogna abbandonare uno stile di vita fatto di promesse non mantenute”, di passioni che travolgono. All’Angelus in Piazza San Pietro, Francesco ricorda che non amare il prossimo significa uccidere se stessi, che l’amore di Gesù aiuta a vincere i sentimenti egoistici e possessivi […]
    Vatican News
  • Nel 2022 il prossimo Sinodo dei vescovi. Il tema all’esame di Francesco
    Fra due anni, in autunno, si svolgerà la XVI Assemblea generale ordinaria. Francesco lo ha deciso in occasione della riunione della Segreteria del Sinodo. Al Pontefice è stata presentata una terna di possibili argomenti La prossima Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi è indetta “per l’autunno 2022”, in modo da assicurare un “maggior coinvolgimento” […]
    Vatican News
  • Sei frustrato per quello che ti manca e non valorizzi ciò che hai?
    Ossessionarti per quello che non hai ti acceca Il giorno in cui mi sono laureata è stato uno dei più tristi della mia vita. Avevo conseguito il titolo tanto sognato per anni prima di entrare all’università e per altrettanti studiando e lavorando per ottenerlo. E finalmente eccolo lì, ma non sapevo cosa fare. Avevo raggiunto […]
    Maria José Fuenteálamo
  • Ecco perché essere single non significa solitudine o tristezza
    di María Belén Andrada “E il fidanzato?”. Spesso negli incontri familiari qualche zia indiscreta pone questa temuta domanda. “Non c’è”, rispondiamo, e vorremmo aggiungere “Sono single, sola con me stessa, sola contro il mondo”. Beh, forse no, è un po’ esagerato. Oggi, però, vorrei parlarvi di come affrontare il tema dell’essere single, come guardarsi in […]
    Catholic Link
  • Angeli sotto forma di “personaggi misteriosi”, che hanno salvato la vita delle persone
    “Tim pregò: “Dio mio, solo voi potete venirci in aiuto”. Subito, i ragazzi scorsero una macchina che si affiancò ad essi. Da dove veniva?” Numerosi libri attuali riportano le esperienze di contemporanei che affermano di essere stati, in un modo o in un altro, contattati da un personaggio misterioso in cui essi hanno riconosciuto un […]
    don Marcello Stanzione
  • Perché la Madonna è stata concepita senza peccato?
    Comprendere il dogma dell’Immacolata Concezione L’8 dicembre la Chiesa celebra la solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria, e spiega che per essere la Madre del Salvatore Maria è stata arricchita da Dio “di doni degni di una così grande missione”. Al momento dell’Annunciazione, l’angelo Gabriele la saluta come “piena di grazia”; ovvero senza peccato, colei […]
    Felipe Aquino
  • 109 anni di normalità e una certezza: «La fede è la chiave della mia vita»
    Jewell Hutson vive in una modesta casa in Texas, è stata una maestra per 50 anni, si è sposata e ha avuto un figlio. Ora è vedova e nessuno le ha mai sentito pronunciare cose cattive sugli altri. Una troupe televisiva entra in una piccola casa di quartiere. Che sarà successo? Un efferato delitto? Ormai […]
    Annalisa Teggi
  • Casa per casa: la messa “itinerante” di don Alfredo Levis
    Il parroco, per limiti di età diventato collaboratore parrocchiale, è stato l’ “inventore”, in provincia di Belluno, di un nuovo modo di far avvicinare le famiglie indigenti a Cristo Sono tanti i parroci di montagna che d’inverno vanno a celebrare la Messa in casa di anziani o ammalati, in continuo aumento. Come a Sospirolo e […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “L’angelo era una bellissima donna”. Le visioni della veggente di Akita
    Suor Agnese Katsuko Sasagawa racconta la prima volta che ha visto uno spirito celeste, quando era in ospedale a Myoko: insieme avrebbero recitato la corona del Rosario In Giappone, in relazione coi prodigi che si produssero dal 1973 al 1981 su di una statua della Vergine Maria “Signora di tutti i popoli” nella comunità delle […]
    don Marcello Stanzione
  • 11 consigli di Santa Teresa di Gesù per una buona vita di preghiera
    “Non parlare mai male di nessuno, e non ascoltare mai, a meno che non si tratti di se stesso” Nella sua opera “Preghiere di tutti i tempi della Chiesa”, il professor Felipe Aquino elenca questi 11 consigli per la vita di preghiera, dati da una delle più grandi mistiche della storia del cristianesimo: Santa Teresa […]
    Aleteia Brasil

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 65:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login