MESSINA – Un piccolo libro che dispensa in modo originale “briciole” di immensa santità per tutti

Redazione1
di Redazione1 aprile 14, 2018 23:09

MESSINA – Un piccolo libro che dispensa in modo originale “briciole” di immensa santità per tutti

 

Per il titolo con cui si presenta, questo libro appare subito singolare e

stimolante. La presentazione che lo denota in modo originale annuncia un contenuto che incuriosisce, anche per la caratura minore che lo fa sembrare quasi riduttivo rispetto al modello di elevatissima spiritualità di cui tratta.

Per converso, però, il libro di Pietro Aliquò, “Briciole di vita spiritale – S. Eustochia Smeralda” (102 pagine, stampato da Giotto Stampa, Me – www.giottostampa.it – disponibile presso il monastero di Montevergine), potrebbe anche far pensare che l’autore, di proposito, abbia voluto rimarcare la discrepanza tra l’umiltà della forma e l’importanza del contenuto, per far risaltare maggiormente il valore di una spiritualità straordinaria. Oppure, che abbia avuto l’intento di una studiata comparazione tra l’umiltà che il titolo evidenzia con il termine “briciole”, e il tipo di spiritualità del personaggio di cui il libro parla.  Difatti nella parte inferiore della copertina, campeggia il nome della grande mistica francescana, S. Eustochia Smeralda, la clarissa di Montevergine il cui grande carisma spirituale è notoriamente improntato ad una immensa umiltà.

Queste deduzioni ipotetiche, naturalmente, spingono immediatamente a inoltrarsi nella lettura della pubblicazione, per capire meglio qual è il senso di ciò che questo libro vuol rappresentare, con una titolazione che annuncia un contenuto fatto di parti sminuzzate; forse al fine di renderne più agevole l’assimilazione?

Comunque sia, ciò che emerge con certezza dal libro in oggetto è la proposta interessante di andare a conoscere nei particolari, uno dopo l’altro, a piccoli passi, i frammenti significativi di una vita donata totalmente in offerta sacrificale a Dio per la salvezza delle anime, da parte della nostra grande concittadina. Per cui bisogna ammettere che, in ogni caso, il titolo si presta efficacemente a stuzzicare la curiosità di conoscere dettagliatamente le preziose minuzie che compongono la quantità di vissuti quotidiani, riguardanti un campo immenso e affascinante come quello rappresentato dalla santità di Eustochia Smeralda Calafato.

Ma entrando nel vivo delle pagine del libro di Pietro Aliquò, e scorrendolo nei particolari attraverso la sua particolare modalità espositiva, si nota che l’impostazione è certamente parecchio originale e assai diversa dal solito. Impostazione, in particolare, che si discosta di molto dal modello espressivo usato abitualmente nella letteratura agiografica.

Pertanto, dall’osservazione mirata di quanto si legge, appare subito come l’impianto espositivo di questa pubblicazione poggi su una base assolutamente elementare. Infatti l’autore, nel segnare i capitoli, si giova del criterio scarno e non poco inusuale suggerito dall’abbiccì. Praticamente, sono le

Pietro Aliquò

singole lettere dell’alfabeto a segnare, una per una, l’apertura di ogni capitolo in cui sono elencate le parole che dalle varie lettere derivano; e da cui si risale alle frasi che descrivono gli edificanti momenti vissuti dalla Santa.  Per cui Pietro Aliquò, iniziando dalla base dell’abecedario, quasi come in un semplice gioco consequenziale e didascalico, che parte dal basso, induce a risalire alle parole chiave da cui si attingono le “briciole” di santità, assai significative, e spiritualmente molto”nutrienti”, che sgorgano dai semplici, e molto istruttivi, comportamenti quotidiani dell’umile claustrale dell’Ordine delle “Sorelle Povere di S. Chiara”, e Copatrona di Messina.

In tal modo l’autore opera un evidente ribaltamento del comune metodo deduttivo (processo conoscitivo dal generale al particolare), abitualmente usato, per cui  nell’esporre gli elementi della santità eustochiana, segue in modo intelligente e semplificativo, il procedimento induttivo (dal particolare al generale), attraverso la descrizione delle edificanti “minuzie” conoscitive, in modo da arrivare ad afferrare con facilità il senso compiuto e unitario dell’importante verità superiore: l’immensa santità della clarissa di Montevergine.

Dunque, seguendo le “briciole” che il libro dissemina sulla strada della ricerca spirituale, da raccogliere e assimilare una per una, si percorrono a poco a poco  le tracce della santità di Eustochia attraverso un percorso semplice e proficuo. Una modalità di conoscenza fatta con umiltà, di piccoli passi, che non può non richiamare il brano evangelico delle “briciole” evocate umilmente, ma tenacemente, dalla madre cananea nel chiedere aiuto per la figlia sofferente al Salvatore; ottenendo così, anche se indegna in quanto pagana, la fede e la grazia richiesta.

 

 

 

 

Anastasio Majolino

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 14, 2018 23:09


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco su Tv2000: con i morti si può parlare, ma loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti
  • Fate la comunione spirituale a casa come ci insegnano Sant’Alfonso e Papa Francesco
    Predisponete il vostro cuore e recitate queste preghiere: riceverete così, spiritualmente, il Corpo di Cristo I cristiani, in questi giorni di forzata permanenza a casa, a causa della diffusione del coronavirus, con difficoltà riescono ad attingere sacramentalmente al Corpo e al Sangue di Cristo, ma possono ricevere spiritualmente l’Eucaristia secondo una consolidata tradizione cattolica. Predisponendosi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Durante una peste mortale, Papa Gregorio ebbe una visione consolatrice di San Michele Arcangelo
    L’apparizione fu una risposta diretta alle preghiere incessanti del Papa per il suo popolo Alla fine del VI secolo una grave peste devastò la città di Roma, reclamando anche la vita di Papa Pelagio II. Fu un’epoca difficile per i cittadini romani, e quando Papa Gregorio I venne eletto a guidare la Chiesa decise di […]
    Philip Kosloski
  • 27 anni d’amore per la moglie che non vede e non parla
    Avguštin Maučec ha lasciato il lavoro per assistere Irena, che ha subìto lesioni irreversibili a causa di un incidente poco dopo il matrimonio Quando Avguštin ha pronunciato la formula matrimoniale in cui prometteva a Irena di esserle fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarla e onorarla tutti […]
    Dolors Massot
  • Come sarà la vita dopo il Coronavirus?
    Mentre il mondo si ritrova in stato d’emergenza, un prete della diocesi di Bordeaux s’interroga su quel che succederà “dopo”, quando il mondo riprenderà la sua vita normale. A che cosa somiglierà allora la nostra vita? E tutto s’è fermato… Questo mondo lanciato come un bolide nella sua corsa folle, questo mondo di cui sapevamo […]
    Pierre Alain Lejeune
  • Camici bianchi: adesso eroi, ma dopo?
    Il prezzo a breve e lungo termine che il personale sanitario in trincea per tutti noi rischia di pagare. In questi giorni così difficili assistiamo ad uno straordinario afflato popolare verso il personale sanitario che è in prima linea ad affrontare il terribile nemico invisibile con cui il Paese sta combattendo da circa un mese. Già […]
    Silvia Lucchetti
  • L’Anima Christi, preghiera perfetta per la Comunione spirituale
    “Non permettere che io mi separi da te” Usata in genere come preghiera dopo che ci si è comunicati, l’Anima Christi può anche essere utilizzata come preghiera di Comunione spirituale quando non si può ricevere l’Eucaristia nella Santa Comunione. Si crede che questa preghiera sia stata scritta nel XIV secolo da Papa Giovanni XXIII, ma […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 41:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login