Il drammatico racconto del missionario rapito in Nigeria e liberato giorni fa

Redazione1
di Redazione1 novembre 12, 2017 18:57

Don Maurizio Pallù, il sacerdote italiano della diocesi di Roma, di 63 anni, rapito in Nigeria dov’è missionario come catechista del Cammino neocatecumenale, liberato alcuni giorni fa, racconta i drammatici momenti del suo rapimento, di cui riferisce Giacomo D’Onofrio.  

E’ uomo di profonda fede, don Pallù. In Nigeria c’era già stato, come missionario laico, a metà degli anni ‘80. Nel 2015 ha accettato di tornarvi come sacerdote impegnato nell’opera di evangelizzazione. Ed è con gli occhi della fede che legge e racconta il rapimento di cui è stato vittima il 12 ottobre scorso.

“Ero in macchina con una studentessa e un padre di famiglia nigeriano, lungo la strada che da Abuja, capitale della Nigeria, ci portava verso Benin City, dove avevamo un incontro del movimento – ha raccontato il sacerdote -. A un certo punto ci siamo trovati davanti quattro banditi armati di mitra e machete. Hanno iniziato a sparare, ci siamo trovati a terra e poi ci hanno portati nella foresta. Abbiamo camminato otto ore. È stato uno choc. Ho avuto paura e ho visto la morte in faccia”. Con sé don Pallù aveva solo un’“arma”: una corona del Rosario proveniente da Fatima.“Mi sono messo a pregare il Rosario: era l’unica cosa che potevo fare”.

“Ho avuto paura, tanta, e ho pregato molto, e in quei giorni trascorsi nella foresta ho sperimentato la mia impotenza e il timore vero di morire. Ho parlato col Signore e gli ho detto: ‘Io non sono pronto per morire, ma se tu pensi che questo sia il mio momento ti affido la mia vita. Dammi la forza di morire e di offrire la mia vita per la salvezza dei fratelli che la vita me la stanno togliendo. Se tu, però, pensi che debba stare ancora un po’ sulla terra, io ti offro gli anni che restano per raddoppiare lo zelo per annunciare il Vangelo’. Il Signore mi ha ascoltato”.

Così don Maurizio Pallù, missionario del cammino neocatecumenale, ha raccontato a Grosseto, ospite della diocesi, i drammatici giorni del suo rapimento in Nigeria, paese nel quale vive e porta avanti il servizio di annuncio del Vangelo. Padre Pallù non ha perso il suo simpatico accento fiorentino, nonostante abbia trascorso molti anni fuori dall’Italia come missionario itinerante. Ordinato prete nella diocesi di Roma a 36 anni, si trova in Nigeria dal 2015 assieme ad una famiglia romana (padre, madre e 5 figli) e a un seminarista del Camerun. “Lavoriamo nella Chiesa nigeriana per il cammino neocatecumenale – spiega -. Abbiamo comunità a Kaduna, città del centro-nord del Paese con quasi 2 milioni di abitanti, e a Calabar, città al confine col Camerun”.

La missione. Don Maurizio vive in un modesto alloggio vicino alla casa della famiglia che ha dato loro ospitalità, “mentre la famiglia che con noi svolge questa missione – racconta ancora – vive in una casa semplice di fronte a noi. Insieme preghiamo, insieme prepariamo le catechesi e insieme facciamo evangelizzazione nelle città. Se tornerò in Nigeria? Spero il più presto possibile – risponde deciso – e affido alla Madonna il proseguo di questa missione. Come diceva San Giovanni Paolo II, l’Africa è il futuro della Chiesa e personalmente vedo questo come un momento favorevole”.

 La preghiera. I rapitori volevano soldi, ma il sacerdote non ne aveva. Al collo aveva una catenina d’oro che gli è stata strappata. Solo quella. “Il secondo giorno – racconta ancora – ho potuto avviare un dialogo col capo della banda. ‘Non vi giudico – gli ho detto – siete miei fratelli e prego per voi’. Ho provato paura, mai odio, e le mie parole in qualche modo hanno provocato il capo, che si è sentito accettato da me”. Don Pallù sa che l’intercessione della Madonna è stata essenziale per la sua liberazione. “È lei assieme ai santi e alle preghiere di tante persone ad aver evitato il peggio per me. La preghiera davvero sposta le montagne!” Il rapimento è avvenuto il 12 ottobre; il giorno successivo i vescovi della Nigeria hanno celebrato Messa riconsacrando il Paese alla Vergine ed è quel 13 ottobre che è iniziato anche il dialogo coi rapitori.

“Il giorno più brutto è stato il sabato, perché tra i rapitori ce n’era uno particolarmente violento. La notte ho pregato tanto e la domenica il capo della banda ha rimandato via il suo compagno più violento e altri due. In questo gesto ho visto un segno dal cielo”.

Due giorni dopo il rilascio e la fine dell’incubo. La disavventura non ha fiaccato l’animo di don Pallù, che anzi anche a Grosseto ha offerto un’entusiasmante testimonianza di fede, assieme a cinque giovani toscani del cammino neocatecumenale, che hanno anch’essi portato la loro testimonianza di una fede viva, che può cambiare davvero il cuore e la vita.

 

Redazione, da Agenzia di informazione

 

 

  

Redazione1
di Redazione1 novembre 12, 2017 18:57


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Niente sarà come prima ma le Tue parole, Signore, non passeranno
    Niente sarà come prima. E’ un bombardamento mediatico: ci prospettano scenari e futuro già compromessi, l’economia e il lavoro; e già laceranti lamenti, dopo la perdita di persone a noi care; il vuoto ci sovrasta e dopo un inno o un canto nei balconi, le iniziative di solidarietà non possono e devono crearci il vuoto […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Due gesti ribelli di San Francesco d’Assisi che non tutti conoscono
    L’elemosina e i briganti: due racconti ricavati dalle fonti francescane in cui esce fuori un Francesco sfrontato, ma dal cuore grande Gesti rivoluzionari, «ribelli», controcorrente. Il ribelle è infatti colui che dice di «no» a sistemi iniqui, perversi, accomodanti. Che rinuncia ai «sì» sporcati dal tornaconto personale o da compromessi che non rispettano le persone. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Coronavirus – Vademecum di sopravvivenza per genitori con figli in età prescolare
    Come trasformare in un periodo difficile in un momento di crescita Chi di noi con figli piccoli, trovandosi costretto a lavorare da casa, per un periodo tanto lungo, non sta rimpiangendo la routine dell’ufficio, l’aiuto delle nonne, delle babysitter…gli asili? Ebbene, ogni situazione per quanto drammatica possa sembrare, con lo spirito giusto e alcuni accorgimenti […]
    Silvia Costantini
  • Dichiarare il falso? In quarantena, non è solo un problema di coscienza
    Le indicazioni dell’avvocato, per non commettere reato Uscire di casa in questi giorni di quarantena, potrebbe rappresentare non solo un rischio per la propria e altrui salute, ma un vero e proprio reato, specie quando nell’autocertificazione (documento necessario per poter mettere piede fuori casa) non si dichiarano i veri motivi dell’uscita. D’altra parte è sempre […]
    Silvia Costantini
  • Comunicare la fede ai tempi del coronavirus: 10 lezioni imparate
    Internet diventa un vero aiuto per vivere la vita cristiana La crisi del coronavirus ha stimolato una reazione sociale, informativa e sanitaria senza precedenti. Stiamo scoprendo nuovi modi di relazionarci agli altri, di svolgere i compiti ordinari, di vivere una normalità diversa. Anche la vita cristiana ha dovuto adeguarsi a queste difficili circostanze.  Molte delle […]
    Juan Narbona
  • Nessuno vi tolga la fede o il desiderio di offrire questa crisi come sacrificio!
    di Alvaro Díaz Da alcune settimane stiamo assistendo a una realtà che ha sorpreso molti di questa generazione. Negli ultimi decenni è raro che si sia vista una situazione del genere: un’infezione che in poco tempo è diventata oggetto della preoccupazione di tutti. Ricordo che nei mesi precedenti consideravamo questa malattia lontana, confinata in Cina, […]
    Catholic Link
  • Ha salvato 7 bambini dall’annegamento in mare ed è poi morto stremato
    Pedro Manuel Salado de Alba ha dato la vita in Ecuador, dove assisteva più di 500 bambini nella scuola che aveva fondato a Quinindé Chiclana è una città costiera della provincia di Cadice, in Spagna. Il turismo ha reso la località un noto luogo di villeggiatura. A meno di 100 chilometri da lì si trova […]
    Dolors Massot
  • La preghiera di Papa Francesco per chi piange
    Nella Messa a Santa Marta, il Papa ha pregato per quanti sono nel dolore in questo tempo di afflizione. Nell’omelia ha ricordato che anche Gesù ha pianto: tante persone oggi piangono, chiediamo la grazia di saper piangere con loro Francesco ha presieduto questa mattina la Messa a Casa Santa Marta nella V Domenica di Quaresima. […]
    Vatican News
  • Se vi costa trovare Dio in mezzo a questa crisi, vi dico io dov’è
    di Fernando Merino Se vi siete chiesti dove sia Dio ora, questo post è per voi. Sono giorni molto difficili e strani per tutti. Sembra una serie di Netflix che non possiamo mettere in pausa. Il fatto di essere chiusi tra quattro mura inizia ad essere complicato. Le notizie ci spaventano, la paura di essere […]
    Catholic Link
  • Due giovani violoncellisti si esibiscono per una vicina anziana in autoisolamento…
    … che ha subito trasmesso l’evento ai suoi nipoti, anch’essi chiusi in casa in un altro continente Con milioni di persone chiuse in casa per evitare il contagio da coronavirus, la gente sta dimostrando creatività, decisione e compassione. Dai cantanti d’opera italiani che allietano i loro vicini alla finestra agli istruttori di fitness spagnoli che […]
    Cerith Gardiner

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 120:
    • 356:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login