Papa Francesco: ferma condanna dell’uso di armi nucleari. “Il disarmo integrale non è un’utopia”

Redazione1
di Redazione1 novembre 11, 2017 18:16

Papa Francesco: ferma condanna dell’uso di armi nucleari. “Il disarmo integrale non è un’utopia”

In un tempo in cui, da mesi, il mondo assiste con paura alla ripresa di tensioni e allo scambio di minacce di un conflitto tra Corea del Nord e Usa con uso di armi nucleari, che potrebbe trascinare il pianeta in una distruttiva guerra globale, si erge con fermezza la voce di Papa Francesco.

Il Papa, ieri (10 novembre), ricevendo in udienza i partecipanti al Simposio internazionale sul disarmo, incentrato sul tema “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale”, ha condannato con decisione le intenzioni minacciose di usare ordigni atomici, ma ha anche spronato ad evitare ogni pessimismo a vantaggio di un “sano realismo”.  “Lo sviluppo – ha affermato Francesco –  è la strada del bene che la famiglia umana è chiamata a percorrere”, e quindi è importante cercare di mettere in atto quanto rientra nelle “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari”, cosa che non è da considerare come un’utopia.

Al Simposio, che si concluderà oggi in Vaticano, partecipano 11 premi Nobel per la pace, vertici di Onu e Nato, diplomatici rappresentanti degli Stati tra cui Russia, Stati Uniti, Corea del Sud, Iran, nonché massimi esperti nel campo degli armamenti ed esponenti delle fondazioni, organizzazioni e società civile impegnate attivamente sul tema. Presenti, inoltre, rappresentanti delle Conferenze episcopali e delle Chiese, a livello ecumenico e di altre fedi, e delle delegazioni di docenti e studenti provenienti dalle Università di Stati Uniti, Russia e Unione europea.

Il Papa ha tenuto pure a sottolineare che anche considerando il rischio di una detonazione accidentale di tali armi per un errore di qualsiasi genere, è da condannare con fermezza la minaccia del loro uso, nonché il loro stesso possesso, proprio perché la loro esistenza è funzionale a una logica di paura che non riguarda solo le parti in conflitto, ma l’intero genere umano”. Tanto più che la spirale della corsa agli armamenti non conosce sosta, così come i costi di ammodernamento e sviluppo delle armi – non solo nucleari – che rappresentano una voce di spesa considerevole per le nazioni, al punto da mettere in secondo piano temi come la lotta contro la povertà, la promozione della pace, la realizzazione di progetti educativi, ecologici e sanitari e lo sviluppo dei diritti umani.

“Non possiamo non provare un vivo senso di inquietudine – ha affermato Francesco – se consideriamo le catastrofiche conseguenze umanitarie e ambientali che derivano da qualsiasi utilizzo degli ordigni nucleari”, per cui le relazioni internazionali non possono essere dominate dalla forza militare, dalle intimidazioni reciproche, dall’ostentazione degli arsenali bellici”. Il senso di sicurezza – ha ribadito il Papa – nel sentirsi difesi dalle armi di distruzione di massa, in particolare quelle atomiche, è ingannevole.

Se non vogliamo compromettere il futuro dell’umanità, dobbiamo imparare dalla testimonianza degli “hibakusha”, cioè delle persone colpite dalle esplosioni di Hiroshima e Nagasaki: “Che la loro voce profetica sia un monito soprattutto per le nuove generazioni. Nonostante il “fosco pessimismo” di cui potremmo cadere vittime, “un sano realismo non cessa di accendere sul nostro mondo disordinato le luci della speranza”. E il Papa cita la recente votazione Onu sulle armi nucleari come illegittimo strumento di guerra, che colma un vuoto giuridico importante e si unisce alla messa al bando, già proibita attraverso Convenzioni internazionali, di armi chimiche, biologiche, mine antiuomo e bombe a grappolo. Risultati, questi, dovuti principalmente “a una iniziativa umanitaria promossa da una valida alleanza tra società civile, Stati, organizzazioni internazionali, Chiese, accademie e gruppi di esperti”. In questo

contesto si colloca anche il documento consegnato al Papa dagli 11 premi Nobel per la pace presenti al simposio internazionale, per il quale Francesco ha espresso il suo “grato apprezzamento”.

“Occorre dunque innanzitutto avere cura delle persone e dei popoli che soffrono le più dolorose disuguaglianze,  e privilegiare con pazienza i processi solidali rispetto all’egoismo degli interessi contingenti”. Si è concluso con questo invito il discorso del Papa, secondo il quale soltanto “un progresso effettivo e inclusivo può rendere attuabile l’utopia di un mondo privo di micidiali strumenti di offesa”.

Francesco ha poi menzionato il 50° anniversario della “Populorum progressio”, “memorabile e attualissimo documento in cui Paolo VI ha coniato la definizione di “sviluppo umano integrale”, cioè “volto alla promozione di ogni uomo e di tutto l’uomo”.

 

 

Redazione, da Agenzia di informazione

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 11, 2017 18:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Papa apre a donne lettori e accoliti? Cosa significa?
    Innovazione? Eversione? A ben guardare, il motu proprio “Spiritus Domini” del Santo Padre appare piuttosto un atto di ferma restaurazione storica e teologica. Un insigne domenicano ci guida nel capire perché. Con la Lettera Apostolica Spiritus Domini dell’11 gennaio 2021, papa Francesco ha aperto alle donne il lettorato e l’accolitato. Ci si potrebbe domandare che […]
    Thomas Michelet
  • Il Cristo di ghiaccio: in ricordo delle vittime di Rigopiano
    Padre Maurizio Patriciello nel quarto anniversario della tragedia di Rigopiano: “Fratelli e sorelle che a Rigopiano avete trovato la morte, riposate in pace” In ricordo delle vittime di Rigopiano: abbiamo sprimentato in questi giorni l’amarissimo sapore del limite. Abbiamo sofferto e pregato. Vi abbiamo tenuto compagnia di giorno e di notte, fratelli e sorelle imprigionati […]
    Padre Maurizio Patriciello
  • Don Patriciello: “Genitore 1 e Genitore 2 mi ricorda le addizioni in prima elementare”
    Bufera sulle parole del parroco giornalista di Caivano per aver bocciato il provvedimento del ministero dell’Interno che cancella “madre” e “padre” su alcuni documenti dei minorenni Don Maurizio Patriciello nell’occhio del ciclone per avere espresso contrarietà a alla nuova dicitura “Genitore 1” e “Genitore 2” al posto di “madre” e “padre”, da apporre su alcuni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il beato Alberione e la prodigiosa “semina” delle medaglie di San Giuseppe
    Il beato Giacomo Alberione era devotissimo di San Giuseppe. E’ rimasta testimonianza di un prodigio avvenuto sui terreni che ospitarono i primi istituti di vita religiosa fondati dal beato Il beato Giacomo Alberione era molto devoto a San Giuseppe. Di questa devozione sono rimaste numerose testimonianze. In particolare quella di un prodigio avvenuto su terreni […]
    don Marcello Stanzione
  • Enrico Vanzina: mio fratello è morto con il rosario donatogli dal Papa tra le mani
    Il regista racconta che la fede lo ha aiutato moltissimo quando ha perso il fratello. E nell’ultimo periodo il suo sguardo è rivolto a San Francesco Enrico Vanzina, Papa Francesco e quel regalo che fino all’ultimo ha stretto tra le mani, prima di morire, suo fratello Carlo. Lo racconta a In Terris Enrico, noto sceneggiatore, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • L’amore per i bambini di Giovanni Paolo I
    A Canale d’Agordo, nella Chiesa parrocchiale, è collocata una statua di Albino Luciani (Papa Giovanni Paolo I) con un bambino che accarezza e tiene in mano la mitria, opera di Riccardo Cenedese a dimostrazione di quanto amava ‘soprattutto i bambini’ e quanto i bambini lo aiutavano con la loro imprevedibilità e spontaneità. Da alcune testimonianze […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Blue Monday? Vieni, cara tristezza, a parlarci di noi!
    Alessandro D’Avenia, proprio di lunedì, non smette di offrirci occasione di riflettere e di tornare con una presa più forte alla nostra vita di questi giorni, così faticosi e così pieni di una grazia speciale. La tristezza è una buona notizia Oggi Alessandro D’Avenia dal suo ultimo banco sul CorSera ha parlato proprio di quello […]
    Paola Belletti
  • Comunione in mano o in bocca, cos’è che conta?
    Stiamo parlando di cose importanti ma non fondamentali, e stiamo dimenticando l’essenziale… Mia moglie ed io siamo tornati alle Messe virtuali per via della ferrea quarantena in vigore nel nostro Paese, Panama. Tutti i pomeriggi, dopo aver preso il caffè con il pane caldo con burro e marmellata, ci sediamo ad ascoltare la Messa. Questo […]
    Claudio De Castro
  • Restituiscono l’auto rubata a una disabile: “Anche noi abbiamo un cuore”
    I ladri, oltre a restituire la vettura, hanno lasciato un biglietto di scuse. La raccolta fondi per aiutare la donna derubata sarà ora impiegata per comprare un’auto che altri disabili potranno noleggiare gratuitamente. Un gesto insolito e degno di nota: un’auto rubata il 13 gennaio è stata restituita il 16 gennaio con le scuse da […]
    Annalisa Teggi
  • Cos’è il tabernacolo, e perché visitarlo dà tanta pace?
    Una risposta efficace alla domanda relativa a cosa fare nei momenti difficili che stiamo vivendo nel mondo Mi appassiona parlare e scrivere della presenza reale e vera di Gesù VIVO nel tabernacolo. Alcuni si chiedono cosa sia il tabernacolo e perché ne parlo tanto – o meglio, chi vi abita. Il tabernacolo è il punto […]
    Claudio De Castro

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 96:
    • 145:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login