Papa Francesco: ferma condanna dell’uso di armi nucleari. “Il disarmo integrale non è un’utopia”

Redazione1
di Redazione1 novembre 11, 2017 18:16

Papa Francesco: ferma condanna dell’uso di armi nucleari. “Il disarmo integrale non è un’utopia”

In un tempo in cui, da mesi, il mondo assiste con paura alla ripresa di tensioni e allo scambio di minacce di un conflitto tra Corea del Nord e Usa con uso di armi nucleari, che potrebbe trascinare il pianeta in una distruttiva guerra globale, si erge con fermezza la voce di Papa Francesco.

Il Papa, ieri (10 novembre), ricevendo in udienza i partecipanti al Simposio internazionale sul disarmo, incentrato sul tema “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale”, ha condannato con decisione le intenzioni minacciose di usare ordigni atomici, ma ha anche spronato ad evitare ogni pessimismo a vantaggio di un “sano realismo”.  “Lo sviluppo – ha affermato Francesco –  è la strada del bene che la famiglia umana è chiamata a percorrere”, e quindi è importante cercare di mettere in atto quanto rientra nelle “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari”, cosa che non è da considerare come un’utopia.

Al Simposio, che si concluderà oggi in Vaticano, partecipano 11 premi Nobel per la pace, vertici di Onu e Nato, diplomatici rappresentanti degli Stati tra cui Russia, Stati Uniti, Corea del Sud, Iran, nonché massimi esperti nel campo degli armamenti ed esponenti delle fondazioni, organizzazioni e società civile impegnate attivamente sul tema. Presenti, inoltre, rappresentanti delle Conferenze episcopali e delle Chiese, a livello ecumenico e di altre fedi, e delle delegazioni di docenti e studenti provenienti dalle Università di Stati Uniti, Russia e Unione europea.

Il Papa ha tenuto pure a sottolineare che anche considerando il rischio di una detonazione accidentale di tali armi per un errore di qualsiasi genere, è da condannare con fermezza la minaccia del loro uso, nonché il loro stesso possesso, proprio perché la loro esistenza è funzionale a una logica di paura che non riguarda solo le parti in conflitto, ma l’intero genere umano”. Tanto più che la spirale della corsa agli armamenti non conosce sosta, così come i costi di ammodernamento e sviluppo delle armi – non solo nucleari – che rappresentano una voce di spesa considerevole per le nazioni, al punto da mettere in secondo piano temi come la lotta contro la povertà, la promozione della pace, la realizzazione di progetti educativi, ecologici e sanitari e lo sviluppo dei diritti umani.

“Non possiamo non provare un vivo senso di inquietudine – ha affermato Francesco – se consideriamo le catastrofiche conseguenze umanitarie e ambientali che derivano da qualsiasi utilizzo degli ordigni nucleari”, per cui le relazioni internazionali non possono essere dominate dalla forza militare, dalle intimidazioni reciproche, dall’ostentazione degli arsenali bellici”. Il senso di sicurezza – ha ribadito il Papa – nel sentirsi difesi dalle armi di distruzione di massa, in particolare quelle atomiche, è ingannevole.

Se non vogliamo compromettere il futuro dell’umanità, dobbiamo imparare dalla testimonianza degli “hibakusha”, cioè delle persone colpite dalle esplosioni di Hiroshima e Nagasaki: “Che la loro voce profetica sia un monito soprattutto per le nuove generazioni. Nonostante il “fosco pessimismo” di cui potremmo cadere vittime, “un sano realismo non cessa di accendere sul nostro mondo disordinato le luci della speranza”. E il Papa cita la recente votazione Onu sulle armi nucleari come illegittimo strumento di guerra, che colma un vuoto giuridico importante e si unisce alla messa al bando, già proibita attraverso Convenzioni internazionali, di armi chimiche, biologiche, mine antiuomo e bombe a grappolo. Risultati, questi, dovuti principalmente “a una iniziativa umanitaria promossa da una valida alleanza tra società civile, Stati, organizzazioni internazionali, Chiese, accademie e gruppi di esperti”. In questo

contesto si colloca anche il documento consegnato al Papa dagli 11 premi Nobel per la pace presenti al simposio internazionale, per il quale Francesco ha espresso il suo “grato apprezzamento”.

“Occorre dunque innanzitutto avere cura delle persone e dei popoli che soffrono le più dolorose disuguaglianze,  e privilegiare con pazienza i processi solidali rispetto all’egoismo degli interessi contingenti”. Si è concluso con questo invito il discorso del Papa, secondo il quale soltanto “un progresso effettivo e inclusivo può rendere attuabile l’utopia di un mondo privo di micidiali strumenti di offesa”.

Francesco ha poi menzionato il 50° anniversario della “Populorum progressio”, “memorabile e attualissimo documento in cui Paolo VI ha coniato la definizione di “sviluppo umano integrale”, cioè “volto alla promozione di ogni uomo e di tutto l’uomo”.

 

 

Redazione, da Agenzia di informazione

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 11, 2017 18:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché la malattia? La risposta di Gesù
    Il coronavirus ci ha avvicinati molto alla malattia e all’agonia, alla solitudine e all’isolamento, ma in realtà questa sofferenza fa parte della vita. Ne conoscete il senso? Mi colpisce il dolore di chi soffre. Il dolore dei malati soli. Grido a Dio perché mi ascolti: “Signore, ascolta il mio grido; siano le tue orecchie attente […]
    Carlos Padilla
  • Il coronavirus si può diffondere nell’aria? L’ipotesi dell’OMS
    Ma l’Istituto Superiore di Sanità rassicura: il pericolo all’aria aperta non esiste Un gruppo di lavoro che fa capo alla Casa Bianca avrebbe formulato, dopo alcuni test, che anche la normale respirazione può fare da vettore al covid-19 e dunque non solo un colpo di tosse o uno starnuto siano capaci di trasmettere effettivamente il […]
    Lucandrea Massaro
  • E noi lo accompagnamo a morire mentre la gente chiacchiera
    Ora non possiamo metterci in processione dietro la Croce, ma la nostra memoria può ripercorrere i passi della Via Crucis: non possiamo lasciarlo solo agli insulti e agli sputi, all’indifferenza e alla distrazione. Brusio. O forse più chiacchiericcio. No, silenzio proprio no. Silenzio mai. Mentre il capo della confraternita parla e spiega come tutti gli […]
    Martha, Mary and Me
  • Ti riconosci nell’identikit delle mogli cattoliche tradizionali 2020?
    Non sono certo donne che non fanno fatica, che non sbagliano, che non cadono! Sono mogli apparentemente normali, ma per loro il matrimonio ha un orizzonte differente: la vita eterna. di Raffaella Frullone Ma poi, che significa “mogli cattoliche tradizionali”? Mi fossi fatta questa domanda a diciotto anni non avrei saputo rispondere, sono nata in […]
    Il blog di Costanza Miriano
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Mai come in questo momento di isolamento forzato si sente il desiderio di leggere! Scoprite i libri che vi consigliamo questa settimana Un articolo su La Stampa ci informa del grave momento di crisi che sta vivendo il mondo dell’editoria in questo periodo di emergenza epidemiologica.  I libri affrontano il loro momento più buio. Almeno […]
    Silvia Lucchetti
  • Chi sono i santi che proteggeranno il nuovo ospedale di Milano Fiera?
    La struttura, benedetta da monsignor Delpini, è stata posta sotto la protezione del frate Riccardo Pampuri e del monaco taumaturgo libanese Charbel Makhluf Mentre Milano affronta la sua prova più dura dai tempi della seconda guerra mondiale, le istituzioni e la popolazione non demorde e sta dando vita ad un polo ospedaliero nell’area della Fiera […]
    Lucandrea Massaro
  • Scorte alimentari gratis a più di 200 famiglie: le dona il vescovo di Catanzaro
    Monsignor Bertolone ha fatto scorta di derrate alimentari che attraverso i parroci della diocesi sta facendo arrivare nelle case dei più bisognosi Sono giorni difficili in tutta Itala. La Chiesa è in campo con molte iniziative di supporto ai più bisognosi sopratutto con le caritas diocesane. A Catanzaro però scende in campo direttamente il vescovo. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 12 modi per onorare la Santa Eucaristia ad aprile
    Cosa significa il mese di aprile per i cattolici e come onorarlo in casa propria Per i cattolici, il mese di aprile è dedicato alla Santa Eucaristia. In questo mese, però, molti di noi non potranno ricevere la Comunione per via della chiusura delle chiese nel tentativo di fermare la diffusione del nuovo coronavirus. Brucia […]
    Annabelle Moseley
  • L’alto prezzo economico del coronavirus per i cristiani di Terra Santa
    La colletta annuale del Venerdì Santo, che rappresenta l’80% delle entrate della Chiesa in Terra Santa, potrebbe essere rimandata all’estate A causa delle misure di isolamento per via della pandemia del COVID-19, i pellegrini si stanno tenendo lontani dalla Terra Santa. Le strade di Gerusalemme saranno vuote a Pasqua. La cancellazione dei pellegrinaggi avrà forti […]
    Christophe Lafontaine - ACN
  • Aborto chimico più accessibile? Uno strano contributo alla causa #andràtuttobene
    La rete italiana contraccezione aborto ha un’idea per decongestionare gli ospedali e garantire l’aborto in questo contesto di emergenza sanitaria. Aborto chimico a casa e senza controllo medico. Poveri figli, povere donne. Abortire deve essere non solo possibile, ma facile e forse nelle più idiote aspettative  (già documentate da video, Tik Tok e interviste su […]
    Paola Belletti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 5:
    • 200:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login