Bangladesh, don Luca Monti in ricordo della sorella morta nella strage di Dacca progetta la costruzione di una chiesa nella diocesi di Khulna

Redazione1
di Redazione1 ottobre 29, 2017 10:33

Il toccante racconto del fratello di una delle vittime, Don Luca Monti, che ci parla del suo impegno per i cristiani perseguitati nel Bangladesh

(M. Grazia Biasi)

Don Luca Monti è il fratello di Simona, una delle nove vittime italiane della strage di Dacca del 1° luglio 2016. Dopo l’attentato si è fatto promotore, attraverso Acs, della costruzione di una chiesa/struttura in un villaggio dell’entroterra nella diocesi di Khulna, guidata dal vescovo James Romen Boiragi.

Don Luca Monti è protagonista di un progetto per la costruzione di una chiesa in Bangladesh all’indomani del terribile evento. Trentuno anni, originario di Magliano Sabina, svolge il suo ministero sacerdotale nella diocesi di Avellino, parroco della parrocchia dei Santi Apostoli Pietro e Paolo (comune di Santa Lucia di Serino, paese natale di san Giuseppe Moscati).
Racconta il perché del suo progetto per i cristiani del Bangladesh e le riflessioni che ne sono scaturite, alla vigilia del viaggio di Papa Francesco.

Don Luca, com’è nato il progetto che ti ha portato in Bangladesh poco dopo l’attentato di Dacca in cui tua sorella ha perso la vita? 
Nel momento più forte della sofferenza appena tornate le salme in Italia, mentre si organizzavano le esequie di mia sorella Simona. Da un confronto veloce con la mia famiglia è emerso da subito il bisogno di imprimere un sigillo d’amore a quella terribile storia e coinvolgere i tanti che avrebbero partecipato al funerale.

  La ricerca e la preghiera mi hanno indirizzato alla fondazione di diritto pontificio “Aiuto alla Chiesa che soffre” che da decenni si occupa di progetti umanitari e pastorali in tutti i Paesi del mondo.
L’ho trovata una strada rassicurante, fidata… Tra i progetti attivati in Bangladesh ho individuato quello per la costruzione di una chiesa/struttura in un villaggio dell’entroterra nella diocesi di Khulna, guidata dal vescovo James Romen Boiragi. L’edificio sacro sarebbe stato dedicato all’Arcangelo Michele; quando poi mi sono ricordato che il bambino che mia sorella portava in grembo si sarebbe dovuto chiamare Michelangelo, ho colto un segno profetico nella scelta compiuta.
Il giorno delle esequie, la beneficenza dei presenti è stata piuttosto generosa e nei giorni successivi abbiamo destinato la somma per il progetto che nell’arco di pochissimo tempo è stato realizzato.

Nel concreto, di cosa si è trattato?
Alla tettoia utilizzata dai pochi e poveri cristiani di quel villaggio per la preghiera e l’accoglienza dei bambini è stata sostituita una bella chiesa in cemento, secondo una armoniosa architettura asiatica – bella vederla emergere nella foresta! – in cui oltre alle celebrazioni la comunità organizza attività pastorali ed educative.

Da una vicenda di dolore e di odio, un gesto di grande generosità. Cos’è che genera tutto questo? Che lettura siamo capaci di dare a questa reazione di fronte al dolore…?
Sin dai primi momenti della tragedia ho percepito nell’aria un “non so che” di profezia: non è un caso la visita di Papa Francesco tra non molto, e a distanza di poco tempo dall’incontro che il Pontefice ha avuto con noi familiari delle vittime di Dacca il 22 febbraio. In un verso di padre Ermes Ronchi, a me tanto caro, le parole “Tu sei per me, ciò che la primavera è per i fiori”, trovo la sintesi di tutto questo: non lo so cosa sia la primavera per i fiori, forse un’opportunità, un’energia nascosta, un amore che esplode in una stagione della vita del mondo. Linfa nascosta che chiamo carità, presenza di Dio, esperienza che supera ogni emotività passeggera e non mi lascia cadere in un eterno senso di sconfitta, di vendetta o rivendicazione.

Sei stato in Bangladesh per l’inaugurazione di questa chiesa. Che umanità hai incontrato? E quale risposta hai trovato rispetto al dono fatto?
Essere partito lo stesso giorno dell’incontro con Papa Francesco ha dato un valore aggiunto alla mia missione pastorale in Bangladesh, che ho vissuto non come una questione di orgoglio familiare, ma come la scoperta urgente di un mondo cristiano a me sconosciuto.

 Un ricordo particolare…?
Ho visto i bambini di quel villaggio correre incontro al loro vescovo con la gioia di poter abbracciare il Pastore: ho pensato ai nostri giovani annoiati e preoccupati delle omelie presumibilmente lunghe in occasione dei loro incontri in chiesa con i nostri vescovi. Accanto a quella scena felice ho rivisto quella di un occidente cristiano stanco e annoiato nei confronti del Vangelo.

Sul posto, quale sensibilità rispetto alla strage, da cui poi è scaturito il tuo dono?

 Cosa suscita tutto questo nella vita di un prete alle prese con dimensioni parrocchiali più comodamente occidentali? 
Non sono cambiato, ma di sicuro sono stato messo in discussione. Vivo una nuova stagione di amore per Cristo, tra il buio e la luce, scorgendo nel frattempo, l’aurora. Mi sento pertanto un sacerdote in cammino con una visione del mondo più realista, e di sicuro accompagnato dalla preghiera silenziosa e discreta della mia gente.

Papa Francesco sarà in Bangladesh dal 30 novembre al 2 dicembre. Cosa ti aspetti dal suo viaggio?
Porterà come sempre amore nelle periferie esistenziali e sociali. La sua, sarà ancora una volta la carezza e la spinta ad andare avanti.

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 29, 2017 10:33


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Conoscete la cappella “verde” dedicata a San Francesco?
    È un giardino verticale completamente coperto di piante e da 3.000 alberi provenienti dai boschi dell’Europa centrale Nel Giardino Botanico di Roma, dal 5 giugno 2020 si può ammirare The living Chapel. La cappella vivente è stata realizzata da un’équipe internazionale di architetti, musicisti e artisti usando materiale riciclato, ed è un giardino verticale completamente […]
    Maria Paola Daud
  • I monasteri italiani portano avanti l’antica tradizione di realizzare candele a mano
    La maggior parte delle candele usate nelle chiese oggi è prodotta a livello industriale, ma qualche monastero italiano le realizza ancora a mano Il profumo della cera che brucia e la luce scintillante delle candele sono spesso associati alla pratica della fede cattolica. Le candele assumono un significato simbolico, con la luce che indica la […]
    V. M. Traverso
  • Il demonio che Gaudí ha nascosto nella Sagrada Familia
    Antoni Gaudí ha collocato l’immagine del diavolo come appare nella Genesi in un luogo che passa quasi inosservato ma pieno di simbolismo L’architetto Antoni Gaudí voleva che la Sagrada Familia di Barcellona fosse una catechesi sulla pietra. Per questo, è in ogni punto piena di immagini e di forme che rimandano alla Bibbia, alla liturgia […]
    Dolors Massot
  • In ogni stagione c’è almeno una pianta che fiorisce
    Vivere la comunione non è essere tutti uguali dentro uno schema che si ripete: è sapere che c’è un tempo diverso per ciascuno in cui sbocciare e della cui fioritura godono tutti. Di suor Patrizia Ameli La nostra casa a Grenoble è circondata da una chiesa, da una scuola e da un palazzo. Si trova […]
    Missionarie di San Carlo
  • La famiglia è un treno in corsa da cui vorresti scendere? Ritorna all’origine
    Esiste un vaccino per questa “malattia” e siamo noi stessi, la coppia, il nostro amore che va nutrito, custodito, rimesso al centro. Prendetevi dosi consistenti di voi… Se mi guardo indietro e analizzo la mia relazione c’è “un ingrediente” che ha fatto la differenza. Qualcosa che spesso si tende a sottovalutare. Soprattutto nelle nostra vita […]
    Matrimonio cristiano
  • Il primo gesto di carità? stare di buon umore!
    Perché, anche senza accorgersene, si illumina la vita agli altri Mi sono sempre chiesto come mai alcuni sentono il bisogno di interrogarsi su Dio e di mettersi in rapporto con Lui, mentre altri sembrano refrattari e indifferenti. Con gli anni mi sono reso conto che per tutti l’appuntamento con Dio arriva in un modo o […]
    Giuseppe Corigliano
  • Se non si diventa piccoli non si intuisce la grandezza del Vangelo
    Ecco perché il più umile contadino può avere del vangelo l’interpretazione più giusta rispetto al più preparato e superbo dei teologi. In quel tempo, nacque una discussione tra i discepoli, chi di loro fosse più grande. Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo mise vicino e disse loro: «Chi […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cosa è stato della Santa Croce su cui è morto Gesù?
    E come ha fatto Sant’Elena a riconoscerla? Buona parte della croce su cui è stato inchiodato Gesù si trova nella basilica di Santa Croce in Gerusalemme, a Roma, chiamata così proprio perché venne costruita per conservare questa venerata reliquia della Passione di Cristo. Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, la fece portare a Roma in occasione di […]
    Maria Paola Daud
  • La scintilla del lunedì – Non siamo fatti per la morte
    Il rosso dell’autunno è una sentinella: se l’anima è matura e trabocca dal desiderio di bene potrà mai spegnersi nell’inverno? Il calendario ci informa che da qualche giorno siamo entrati nell’autunno e la prima immagine che ci viene in mente sono le foglie che cadono. La consideriamo la stagione del tramonto, quasi la stanza d’ingresso […]
    Annalisa Teggi
  • Da Scalia a Barrett, sprint di Trump per la Corte Suprema
    Trump sceglie l’allieva del celebre giurista italoamericano per sostituire l’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. Ma i Democratici vogliono che sia il nuovo Congresso a ratificare la nomina, che porterebbe a 6 su 9 la maggioranza conservatrice alla Corte Suprema degli Stati Uniti La sabbia che scorre nella clessidra. Il cambio delle generazioni. Il simbolismo della […]
    Agi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 118:
    • 203:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login