Adolescenti morti per droga: il doloroso episodio di Terni sia di incitamento a debellare il mortale flagello

Redazione1
di Redazione1 luglio 11, 2020 19:00

Adolescenti morti per droga: il doloroso episodio di Terni sia di incitamento a debellare il mortale flagello

Le droghe, sempre più diffuse da decenni nella nostra società, sono ormai diventate un flagello planetario che imperversa senza sosta. Un fenomeno nefasto che diffonde con sempre maggiore facilità sostanze psicotrope psicologicamente devastanti e nocive per il cervello, seminando morte soprattutto nel mondo giovanile. Come una sorta di peste moderna con grande potere di “contagio”, La droga attraverso l’euforia che produce porta la persona a diventarne dipendente, ad estranearsi dalla realtà, fino a diventare preda della malattia mentale e anche morire miseramente nell’indifferenza generale. Sono circa 40 milioni le persone che ogni anno assumono droghe; e circa 800 mila le tonnellate di cocaina che si producono, così come enorme è la produzione di eroina. In Italia a causa della droga muore in media una persona al giorno. E  solo quando si verifica un episodio doloroso come quello avvenuto a Terni, con la morte assurda di due giovanissimi, estranei a questo mondo, di cui ci racconta Aldo Buonaiuto, accade che si sollevi un moto di commozione, misto a ribellione, che scuote la sensibilità di tutti. Che sia di incitamento a debellare il mortale flagello.

Davanti a giovani vite spezzate emerge ancora più nitidamente il dilagare di un sistema di morte, radicato anche in Italia, sempre più finalizzato a liberalizzare le droghe definendole erroneamente “leggere”, stigmatizza Bonaiuto. In realtà gli scienziati, i medici, le persone che studiano seriamente il fenomeno sanno bene che non esistono sostanze “leggere” e “pesanti”. Di fatto tutte le droghe sono “pesanti”, anzi, sono macigni, perché provocano dipendenza, perdita del senso della realtà, annullamento della coscienza individuale. In una società liquida la dipendenza è diventata invisibile persino agli stessi familiari. Fino agli anni ’80 il “tossico” era un soggetto riconoscibile e quindi ci era più immediato soccorrerlo.

“Non c’è dolore più grande di quello di una madre che ha un figlio drogato. Così come non c’è gioia più grande di quella per un figlio liberato dalla droga”. Queste le parole, ricorda Aldo Bonaiuto, che don Oreste Benzi, fondatore della Comunità Giovanni XXIII, ripeteva continuamente perché nascevano da esperienze e da incontri reali e concreti. Ho pensato ai genitori dei due ragazzi di Terni uccisi dalle sostanze per quindici euro, è la commossa riflessione. Quanto dolore, strazio incontenibile possono vivere quei genitori nel perdere i figli nel momento più promettente dell’esistenza umana. Non c’è dramma più assoluto di un’alba che non potrà mai divenire giorno.

Il pericolo inaccettabile è che si riduca la vicenda ad un fatto di sola cronaca.

Davanti a giovani vite spezzate emerge ancora più nitidamente il dilagare di un sistema di morte, radicato anche in Italia, è l’amara sottolineatura, sempre più finalizzato a liberalizzare le droghe definendole erroneamente “leggere”. In realtà gli scienziati, i medici, le persone che studiano seriamente il fenomeno sanno bene che non esistono sostanze “leggere” e “pesanti”. Di fatto tutte le droghe sono “pesanti”, anzi, sono macigni, perché provocano dipendenza, perdita del senso della realtà, annullamento della coscienza individuale.

Bonaiuto poi si sofferma a sfatare l’infelice traduzione delle espressioni inglesi: “hard drugs e soft drugs” che ha soltanto agevolato i trafficanti e le varie mafie alimentando il loro business e diffondendo la menzogna di una modalità di assunzione ritenuta meno nociva. Sappiano i nuovi schiavi delle sostanze killer, è il suo incoraggiamento, che esiste sempre una via d’uscita dal loro incubo: l’ingresso in una struttura di recupero. E lamenta anche che, paradossalmente era più “visibile” lo scenario da “ragazzi dello zoo di Berlino”, quando la tossicodipendenza era agevolmente localizzabile e passibile di delimitazione sociale. Oggi la schiavitù sintetica è indefinibile e sfuggente di metadone con miscugli nocivi  come quelli che hanno stroncato due esistenze agli albori.

In una società liquida la dipendenza è diventata invisibile persino agli stessi familiari, avverte. Fino agli anni ’80 il “tossico” era un soggetto riconoscibile e quindi ci era più immediato soccorrerlo. Adesso, è la provvida avvertenza, le sostanze si possono ordinare anche con un click, sfuggono a qualsiasi controllo genitoriale e soprattutto non si accompagnano più necessariamente a condotte e frequentazioni devianti. La cultura di morte che sta dietro il primo business mondiale illegale si struttura in una filiera che dal grande trafficante arriva allo spacciatore di quartiere passando attraverso le complicità e le connivenze di astuti influencer di morte che contrabbandano per libertà la peggior forma di asservimento.

A conclusione, il monito di un interrogativo pungente: “Ma se questi due adolescenti fossero stati i figli di uno scintillante sponsor dello sballo, cosa direbbero adesso? Tutti coloro che continuano a fomentare, anche all’interno delle Istituzioni, la deriva antiproibizionista, ricordino che, evangelicamente, il sangue degli innocenti ricade sempre su chi lo ha versato”.

 

 

 Redazione da ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 luglio 11, 2020 19:00

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 98:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login