MESSINA – “Il Beato Antonio Franco”: il bel libro di mons. Pietro Aliquò che illustra in modo esauriente vita e opere del Prelato di Santa Lucia del Mela

Redazione1
di Redazione1 Ottobre 9, 2016 18:26

MESSINA – “Il Beato Antonio Franco”: il bel libro di mons. Pietro Aliquò che illustra in modo esauriente vita e opere del Prelato di Santa Lucia del Mela

Una volume snello ed elegante, che delinea in modo sintetico, preciso e completo la figura eletta di questo “Pastore secondo il cuore di Cristo”

Il nutrito gruppo di splendidi personaggi fautori di santità, che fanno capo alla città di Messina e alla sua Arcidiocesi, si è s-lucia-del-melaarricchito, tre anni fa, della beatificazione di uno spirito eletto vissuto a Santa Lucia del Mela: l’Abate Antonio Franco. Una figura luminosa che segue il cammino di numerosi altri messinesi protagonisti di vita religiosa eroicamente vissuta, fra cui alcuni già da tempo proclamati Santi (Eustochia Smeralda Calafato, Sant’Annibale M. Di Francia, San Placido e Compagni martiri), e numerosi altri avviati sulla strada della canonizzazione: tutte anime elette che fanno di Messina una privilegiata “Terra di Santi”.

Antonio Franco, iniziò il ministero di Prelato Ordinario della suddetta Prelatura nel Maggio del 1617 (era nato a Napoli il 26/09/1585; morì a S. Lucia del Mela il 02/09/1626). E proprio il 2 settembre 2013, giorno della sua morte, è stato dichiarato beato nella Cattedrale di Messina.
basilica-cattedraleLa sua esistenza  così ricca di fede, carità e preghiera, contrassegnata da profonda umiltà e spiccato senso di solidarietà – come puntualizza l’autore nella sua ben documentata pubblicazione  (titolata “Il Beato Antonio Franco” sottotitolo: “pastore secondo il cuore di Cristo”; Giotto Arte della Stampa s.a.s., reperibile nella libreria delle Paoline) – ne fa uno di quei personaggi che meritava di essere messo in luce, attraverso un libro che ne descrivesse lo straordinario stile di vita, così denso dei tanti segni di umanità e santità che lo hanno contraddistinto.

E’ quanto ha sentito di realizzare mons. Pietro Aliquò, sospinto anche dai sentimenti spirituali maturati durante la sua formazione nel seminario di Santa Lucia del Mela, dove aveva modo di percepire da vicino gli edificanti effetti derivanti dalla presenza nella cattedrale delle venerate reliquie di questo autentico “discepolo di Gesù, e di Gesù crocifisso”.seminario-c

E bisogna dire che mons. Aliquò lo ha fatto in modo egregio, con una pubblicazione sobria ed elegante, ricca di belle immagini, e di tante informazioni e riferimenti mirati, che tracciano in modo sintetico, ma esauriente, i passaggi essenziali di una vita dedicata con fedeltà irreprensibile al totale, scrupoloso e appassionato servizio verso Dio e il prossimo. Naturalmente, così come nelle sue precedenti e numerose pubblicazioni – per lo più dedicate a preziosi spunti di spiritualità e riflessioni evangeliche, molte delle quali dedicate alla spiritualità di Santa Eustochia – Aliquò, con lo stile che lo caratterizza, ha scritto in modo stringato, chiaro, preciso, ordinato e circostanziato, con una esposizione sequenziale esauriente e scorrevole, così da rendere la lettura di c-di-beato-antonio-francoquesto libro godibile sia per il contenuto che per la forma.

Un libro, dunque, che merita di essere letto per poter conoscere in maniera più approfondita la vita e le opere di questo straordinario uomo di Dio, di cui finora si è detto poco; volume che, fra l’altro, rappresenta anche un utilissimo strumento di rapida e facile consultazione per gli appassionati della materia, ma anche per tutti, vista l’accurata precisione con cui viene esposta la sequenza dei dati più significativi.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 Ottobre 9, 2016 18:26

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 201:
    • 533:
    Luglio 2024
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login