MESSINA e PROVINCIA – Appropriamoci del passato per aprirlo sull’avvenire (di Anastasio Majolino)

Redazione1
di Redazione1 settembre 28, 2016 11:19

MESSINA e PROVINCIA – Appropriamoci del passato per aprirlo sull’avvenire (di Anastasio Majolino)

Il formarsi di nuove configurazioni territoriali, richiede adeguate dinamiche di gestione integrata delle diverse risorse locali.

C’è uno strano paradosso che nell’attuale mondo postmoderrno, sempre più globalizzato per via della velocità comunicativa e di spostamento che accorcia moltissimo spazi e tempi di interconnessione tra nazioni e paesi, suscita molti interrogativi e collegamenti-globalipreoccupazioni. Riguarda il fatto che i problemi che in atto l’umanità si trova ad affrontare, nonostante i notevoli progressi di scienza, tecnologia e comunicazione, diventano sempre più complicati e resistenti alle soluzioni. Fra questi si registra anche il frequente declino, se non vere crisi, di identità e di organizzazione delle grandi città, e non solo. Conseguenza – come affermano gli esperti del settore – di società sempre più multiculturali, multietniche e multireligiose? Motivazioni abbastanza plausibili.

Ma intanto, per converso, si ha anche modo di osservare che là dove le concentrazioni sociali hanno ancora identità non patticontaminate da fattori esterni, rimanendo abbastanza compatte e salde nel segno della tradizione, le loro capacità organizzative e di sviluppo socio-economico-culturale, non sono affatto soddisfacenti; anzi, di frequente, appaiono decisamente in declino, come accade purtroppo anche dalle nostre parti.
Uno dei fattori ritenuti importanti, nel contesto di questi fenomeni sociali contraddittori – secondo gli esperti – è dato anche dal fatto che alla notevole riduzione delle distanze fisiche fra le diverse località, non corrisponde, il più spesso, una effettiva disponibilità delle stesse comunità ad instaurare rapporti solidali e fattivi con quelle vicine, per creare reti di connessioni aperte verso forme di collaborazione efficaci.

Tanto più che il sorgere di queste nuove forme di “de-territorializzazione”, da cui possono nascere configurazioni identitarie allargate, richiede adeguate dinamiche di interconnessione e di proficua gestione integrata delle diverse e confluenti risorse locali.identita-confluenti
Ma quante sono in questa prospettiva le realizzazioni, anche di piccola portata, che si possono riscontrare dalle nostre parti? E quali le idee rivolte a promuovere progettualità concrete e condivise, quindi unificanti e per ciò capaci di creare sinergie territoriali più efficaci nel produrre benessere e sviluppo? Non credo ci siano esempi che possono essere considerati significativi sotto questo aspetto. Solo qualche sporadica proposta senza seguito, o teorizzazioni astratte, senza il supporto di solide basi concettuali, capaci di disegnare progettualità rispondenti alle possibilità reali del territorio, che siano concrete e sostenibili.Eppure, nel nostro circondario ce ne sarebbe tanto bisogno.il-passato-e-lavvenire

Inoltre, c’è da considerare l’effetto controproducente di un’altra contraddizione, che tende ad impedire proficue aperture verso i centri vicini, per via di certe resistenze che generano eccessivo attaccamento alla propria circoscrizione identitaria. A causa di questo comportamento preclusivo, infatti, può accadere che, in concomitanza con una identità collettiva abbastanza coesa e robusta (che dovrebbe spingere verso azioni conformi alle nuove esigenze del tempo presente in prospettiva futura), una comunità, per il prevalere di orgoglio e gelosia per la propria appartenenza ad un dato luogo, rimanga invece sterilmente ancorata ad un atteggiamento di chiusura in se stessa.
In questi casi si ha il prevalere di un atteggiamento di tipo “introverso”, teso a difendere ed esaltare la propria differenza con attenzione rivolta solo alla “piccola patria” di cui si fa parte. Per cui si rimane ristretti in comunità omogenee, in cui si accetta solo il simile a sé, senza confrontarsi con altre prospettive e altre visioni del mondo circostante.

categoria_passatoMa questo atteggiamento improntato a dinamiche territoriali di “esclusione”, anziché di “inclusione”, producendo stagnazione, si oppone alla realizzazione di quelle nuove, e proficue, prospettive di “attività consorziali” che possono aprire nuove vie di crescita e sviluppo socio-economico-culturale (prioritaria quella del turismo identitario, culturale e religioso, tanto congeniale con la ricchezza delle nostre risorse culturali, spirituali e paesaggistiche). Dunque, non basta appropriarsi del proprio passato, tutelarlo e valorizzarlo, ma anche, e soprattutto, trovare modo di aprirlo con intelligenza sull’avvenire.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 settembre 28, 2016 11:19


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Compravendita immobile del Vaticano a Londra: svelata la truffa, arrestato broker
    In manette Gianluigi Torzi. Contestati vari episodi di estorsione, peculato, truffa aggravata e autoriciclaggio Il 5 giugno l’Ufficio del Promotore di Giustizia del Tribunale Vaticano, al termine dell’interrogatorio del broker Gianluigi Torzi, che era assistito dai propri legali di fiducia, ha spiccato nei suoi confronti mandato di cattura. Coinvolta una rete du funzionari Il provvedimento, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Litigi da fidanzati: preavviso di una possibile separazione?
    Il tempo del fidanzamento non è necessariamente questo viaggio romantico-idilliaco di cui gli sposi a volte parlano con nostalgia. Litigi, esitazioni, anche momentanei allontanamenti esistono! Ma questo non significa che bisogna pensare subito alla rottura. di Denis Sonet Durante un fidanzamento, i giovani innamorati non sempre navigano nella felicità. Lo stress, le discussioni e i […]
    Edifa
  • I 10 Comandamenti di una famiglia numerosa e felice
    Una famiglia numerosa suscita spesso ammirazione e domande: com’è la vita quotidiana? Come è organizzato lo spazio? Ognuno riesce a trovare il suo posto? La risposta è semplice: crescere quattro o cinque figli, o anche più, richiede una buona organizzazione e il rispetto di alcune regole. di Stephanie Combe I genitori di famiglie numerose sono […]
    Edifa
  • Quando l’adozione avvicina a Dio
    Sapevate che alcuni santi sono stati adottati e che altri genitori santi hanno adottato dei bambini? Una bella opportunità per chiedere, attraverso la loro intercessione, un aiuto o un sostegno per chi vive in situazioni di adozione delicate Anche se il patrono dei bambini adottati è San Guglielmo di Rochester, del XII secolo, le famiglie […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Serie tv e documentari come su Netflix. Ma con un “taglio” cristiano: è nata VatiVision
    La piattaforma multimediale, funziona con la stessa logica di Netflix e tramite un app è visibile anche sugli smartphone. Da Padre Pio a Lourdes: ecco i contenuti proposti Nasce VativVision, una piattaforma di distribuzione streaming di film, documentari e serie televisive relativi al mondo cattolico, dai Papi ai Musei vaticani, dai film per famiglie alle […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Reddito minimo garantito o reddito universale di base?
    Il Papa ha lanciato un sasso e smosso le acque, sta alle forze sociali, ai laici, ai movimenti e alla politica trovare una soluzione, specie in questo periodo In occasione della Pasqua, il Papa ha inviato un messaggio, noto come “Lettera ai movimenti popolari” con cui da tempo il pontefice ha intessuto un dialogo, parlando […]
    Lucandrea Massaro
  • «Dal luminoso verde sono stati creati cielo e terra e tutta la bellezza del mondo»
    Al mondo intero che oggi abbraccia la causa del «verde» nella Giornata Mondiale dell’Ambiente osiamo proporre la sfida di un’ecologia integra, totale e innamorata: la viriditas di Santa Ildegarda. Ho riscoperto grazie a mia figlia quanto sia bello fare i puzzle. Non dico che possa diventare una forma di preghiera, ma sicuramente può essere un’attività […]
    Annalisa Teggi
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Un giorno non lontano si troverà come il bruto delle caverne. Le caverne saranno alti grattacieli pieni di macchine meravigliose, ma lo spirito dell’uomo sarà quello del bruto delle caverne […] Signore, se è questo ciò che accadrà, cosa possiamo fare noi?”. Il Cristo sorrise: “Ciò che fa il contadino quando il fiume travolge gli […]
    Paola Belletti
  • La missione di una psichiatra sopravvissuta al virus: aiuto i miei colleghi a combattere gli incubi
    Le confidenze di Daniela Borella, una psichiatra cremonese guarita dal Covid-19, che oggi sostiene i colleghi reduci dalla trincea. “Li faccio parlare, li ascolto, cerco di aiutarli a riprendersi in mano la propria vita” Tra le tante storie di medici che si sono duramente confrontati con l’epidemia da coronavirus c’è anche quella di una psichiatra, […]
    Silvia Lucchetti
  • Giornata Mondiale dell’Ambiente, il Papa: la cura delle nostre vite e la natura sono connesse
    E i vescovi: pandemia è il segno di un mondo malato. La “Laudato Si” sia la nostra bussola! Il 5 giugno è il 46esimo anniversario del World Environment Day, la Giornata Mondiale per l’Ambiente. E’ stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 15 dicembre 1972 con la Risoluzione 2994. Il motto scelto per questa edizione […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 57:
    • 189:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login