Padre Celso Ba Shwe: “aiutateci, molte città in Myanmar stanno diventando campi di sterminio”

Redazione1
di Redazione1 marzo 13, 2021 20:23

Padre Celso Ba Shwe: “aiutateci, molte città in Myanmar stanno diventando campi di sterminio”

La situazione in Birmania si fa sempre più drammatica: la rivolta della popolazione contro il pugno di ferro del regime è continua e crescente; sono ormai migliaia i manifestanti che protestano in diverse città nel Myanmar, diventate un campo di battaglia quotidiano dove la polizia adotta una repressione feroce, sparando in alcune occasione anche contro la folla inerme: sono numerose le persone che sono già state uccise in diversi capiluoghi nel Paese. I Birmani invocano aiuto al mondo via Internet, ma la situazione continua ad aggravarsi sollecitando il drammatico richiamo del clero locale, come quello, durissimo, dell’amministratore apostolico padre Celso Ba Shwe, dalla diocesi di Loikaw .

“Molte città in Myanmar stanno diventando campi di sterminio”. Le forze di sicurezza fanno irruzione nelle case, trascinano fuori le persone. I manifestanti vengono catturati, torturati e alcuni sono morti sotto tortura. “Il mondo non deve tacere davanti alle sofferenze del popolo del Myanmar. È urgente e necessario un intervento internazionale. Quanti cadaveri sono necessari all’Onu per agire? Senza l’intervento internazionale, il Myanmar diventerà presto un cimitero. Aiutateci senza indugio”.

“Il Myanmar è ora in uno stato di anarchia. La situazione nelle strade del Paese sta peggiorando. I militari e la polizia dovrebbero proteggere i civili. Invece sono loro ad agire illegalmente. Fanno quello che vogliono. Catturano le persone con la forza di notte e le picchiano a morte senza motivo. Alcuni sono rimasti gravemente feriti”. Comincia così il lungo raccontato di padre Celso Ba Shwe, amministratore apostolico della diocesi di Loikaw, capitale dello Stato di Kayah. Il Sir lo ha raggiunto per farsi spiegare cosa sta succedendo in queste ore drammatiche nel Myanmar. È stato lui, due giorni fa, insieme ad un pastore protestante, a scendere per strada nel tentativo disperato di mediare tra la polizia e i manifestanti che stavano protestando vicino al complesso della Cattedrale di Cristo Re.

Vengono commessi crimini anche in pieno giorno, continua il racconto di padre Celso Ba Shwe, secondo quanto riportano i social media, il 3 marzo scorso, 62 civili, compresi i minorenni, sono stati uccisi brutalmente a colpi di arma da fuoco, principalmente da cecchini. Ci sono molti altri cadaveri che non sono apparsi sui media. Molte città in Myanmar stanno diventando campi di sterminio.

Stanno uccidendo persone innocenti. Nessuno può fermarli. Sembra che non abbiano più un cuore umano. Hanno già commesso gravi crimini contro l’umanità. Che tristezza! La gente sta vivendo come un incubo la situazione che la vede impotente, indifesa, in preda alla paura. Il paese non è più un luogo sicuro in cui vivere. Alcuni addirittura non se la sentono di dormire nelle proprie case. Sono sopraffatti da preoccupazioni, ansie e rabbia. Di notte la giunta militare invia criminali in città e villaggi con l’ordine di bruciare case e avvelenare l’acqua. Le forze di sicurezza fanno irruzione nelle case, trascinano fuori le persone, prendono le cose che vogliono. Lungo le strade picchiano violentemente le persone e distruggono in modo aggressivo automobili, motociclette, negozi e ristoranti. Hanno sparato gas lacrimogeni anche dentro le case ferendo bambini e anziani. I manifestanti vengono torturati e alcuni sono morti sotto tortura.

MRTV, MWD e i due giornali di Stato (Myanma Alyne & Mirror) sono ora sotto il controllo della giunta militare. Non è quindi possibile seguire fatti e informazioni reali. Le forze di sicurezza hanno fatto irruzione in molte sedi dei media locali nel tentativo di sopprimere l’informazione che si oppone al colpo di Stato.

Come è stato visto anche in Italia, l’enorme coraggio di preti, suore, vescovi impegnati nelle strade è rivolto a proteggere la pace e la sicurezza.  Si chiede alle forze di sicurezza: non fate del male e non sparate ai manifestanti armati perché stanno manifestando pacificamente e alcuni pregano per la pace e la giustizia. Siamo impegnati perché non possiamo permettere che l’ingiustizia dilaghi, non possiamo chiuderci nelle nostre stanze, cappelle e chiese mentre la nostra gente soffre per le strade, lotta per la giustizia e piange per la democrazia.

Le sofferenze della nostra gente sono le nostre sofferenze. Le grida della nostra gente sono le nostre grida. Anche noi vogliamo la democrazia, lo stato di diritto, il rispetto della dignità umana, pace e giustizia. È lo Spirito Santo che ci dà la forza. Sono i valori del Vangelo e il ricco tesoro di saggezza degli insegnamenti sociali della Chiesa cattolica che ci spingono a difendere il nostro popolo che ha bisogno di aiuto.

Siamo molto grati alla comunità internazionale e alla Chiesa nel mondo per le loro preghiere, il loro sostegno e la loro preoccupazione. Ancora una volta vorremmo chiedere: per favore, continuate a sostenere il popolo del Myanmar finché non sia ripristinata una vera democrazia nel paese. Aiutateci a combattere contro ingiustizie e crimini, a liberarci dalla dittatura militare. Il mondo non deve tacere davanti alle sofferenze del popolo del Myanmar. È urgente e necessario un intervento internazionale.

Quanti cadaveri sono necessari all’Onu per agire? Senza l’intervento internazionale, il Myanmar diventerà presto un cimitero. Aiutateci senza indugio.

È necessario anche un sostegno finanziario per i settori sanitari. La diocesi di Loikaw ha tre centri sanitari in tre diverse città per cure d’emergenza. Naturalmente, le strutture non sono all’altezza. Tuttavia, cerchiamo di offrire il miglior trattamento possibile. Dipendiamo da donatori locali per l’acquisto di medicinali e le strutture necessarie. Sarà difficile per noi continuare così a lungo”.

 

 

 

 Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 marzo 13, 2021 20:23

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 101:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login