MESSINA – Celebrata la Festività di San Giovanni Battista, Patrono dei Cavalieri di Malta

Redazione1
di Redazione1 giugno 29, 2016 00:13

MESSINA – Celebrata la Festività di San Giovanni Battista, Patrono dei Cavalieri di Malta

Commemorazione avvenuta nella storica sede messinese dell’Ordine di Malta, la prima nata, quasi in contemporanea, dopo quella di Gerusalemme 

E’ stata una celebrazione solenne e particolarmente significativa, Concelebrazione °quella che si è svolta nel tempio gerosolimitano di San Giovanni di Malta. Non solo perché intesa a festeggiare il grande Santo precursore di Gesù Cristo: uno dei più importanti profeti – anello di congiunzione tra il Vecchio e il Nuovo Testamento – ma anche perché questa cerimonia ci proietta indietro nel tempo, a più di 900 anni fa, insieme alla nobile storia del Sovrano Ordine di Malta, che fin dai suoi inizi è stato legato a questo Santo, eletto a suo protettore.S. Giovanni °

Una commemorazione, dunque, in cui si è avvertita l’eco di un passato lontano, le cui radici affondano nella storia del Cristianesimo al tempo in cui a Gerusalemme, tra l’XI e il XII secolo, nacque, ad opera dei “Frati ospedalieri”, una chiesa dedicata a S. Giovanni, e accanto una casa-ospedale dedicata ad accogliere i pellegrini e curare gli ammalati. Da allora, questa prima Comunità, divenuta nel 1113, “Ordine degli Ospedalieri” per disposizione papale, e in seguito chiamata Ordine di Malta, ha sempre prestato generosamente la propria opera per il bene materiale, oltre che spirituale, dei sofferenti e dei bisognosi.

Così, nell’antica chiesa di San Giovanni di Malta – alla presenza del rettore della chiesa, mons. Angelo Oteri, dei cappellani mons. Nino Caminiti e don Antonio Cipriano, delle autorità civili e militari cittadine, dei componenti del Consiglio della Delegazione Granpriorale e un folto pubblico – si è svolta la solenne concelebrazione liturgica, presieduta dall’Amministratore Apostolico mons. Benigno Papa, e animata dalla Corale “Eugenio Arena”, diretta da Giulio Arena, in onore del grande Santo, sotto la cui egida i Cavalieri di Malta hanno sempre operato.

Dopo il caloroso saluto che mons. AngeloSaluto Oteri ° Oteri, ha rivolto a mons. Benigno Papa, con espressioni di affetto, gratitudine, solidarietà e assicurazione di preghiera a sostegno dell’impegno che egli sta svolgendo come guida della Chiesa messinese, il presule – a sua volta – si è soffermato a spiegare l’importanza che la figura del Battista ha nell’opera di testimonianza e di preparazione alla venuta del Salvatore. Il compito fondamentale che il profeta svolge – ha spiegato mons. Papa – si sintetizza in un messaggio assai incisivo che viene trasmesso mediante l’esempio concreto di una esperienza di vita sacrificale e integerrima, da cui scaturiscono gli ammonimenti chiari e forti che invitano alla conversione e alla penitenza.

Dunque, è questa , in sintesi, la missione di Giovanni: tesa a spianare la strada all’avvento del Messia, perchè tutti abbiano ad accoglierlo e a credergli per mezzo della sua opera. Un modello esemplare – ha concluso il celebrante – da cui tutti i cristiani debbono trarre insegnamento, al fine di mettere in evidenza, attraverso la loro vita e le loro azioni, le verità e le opere evangeliche che conducono al Salvatore.Cavalieri di Malta °

Ed è proprio questo il programma che anima la volontà vocazionale dell’Ordine di Malta, fin dalla sua antica fondazione ad oggi – come ha ribadito nel suo messaggio di saluto ai presenti, a chiusura della cerimonia, il professore Giuseppe Romeo Vagliasindi, a nome della Delegazione Granpriorale di Messina.  “Una sede – ha ricordato Romeo – che può vantare una nascita quasi contemporanea a quella di Gerusalemme; la prima sorta dopo quella principale, e che, nel tempo, è stata sede del Gran Priorato di Sicilia. Ebbene, lo spirito che anima la vocazione di quest’Ordine laicale – ha affermato Romeo –  è proprio quello stesso che ci proviene da San Giovanni Battista che oggi celebriamo  quale nostro protettore, “dal cui insegnamento ci sentiamo incitati ad essere saldi nella fede ed efficaci nelle opere; quindi a mettere in pratica i due carismi dell’Ordine a lui consacrato; cioè l’efficacia nell’azione caritatevole e la fermezza nella confessione della fede”.

Una missione – ha continuato il professore Romeo – che Papa Francesco, nel suo primo incontro con il nostro Gran Maestro, con G. Romeo °l’intento di volerla incentivare, ha detto: “continuate la vostra missione con coraggio”. Ed è quanto l’Ordine di Malta ha sempre fatto, e continua a fare anche oggi, operando in più di 120 Paesi nel mondo.

Infine, A dare un contributo conclusivo alla cerimonia, quale rafforzamento delle attestazioni di religiosità organizzata, che fanno C. Marullo °parte delle finalità di un Ordine laico ricco di storia e di tradizione, con una identità  spiritualmente ben caratterizzata e ispirata alla spiccata personalità di questo grande Santo, il conte Carlo Marullo di Condojanni, ha presentato, evidenziandoli minutamente, i contenuti della “Preghiera quotidiana dei Cavalieri di Malta”, che sotto riportiamo.

 

Anastasio Majolino

 

Preghiera quotidiana dei
Cavalieri dell’Ordine di Malta ~

“Signore Gesù, che vi siete degnato farmi partecipare alla Milizia dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme, vi supplico umilmente per la intercessione della Beata Vergine di Filermo, di San Giovanni Battista e di tutti i Santi, di aiutarmi a restare fedele alle tradizioni del nostro Ordine, praticando e difendendo la Religione Cattolica, Apostolica, Romana, contro le empietà, ed esercitando la carità verso il prossimo, specialmente verso i poveri e gli infermi. Datemi infine le virtù necessarie per realizzare secondo lo spirito del Vangelo, con animo disinteressato e profondamente cristiano, questi santi desideri per la maggior gloria di Dio, la pace del mondo ed il bene dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme”

Redazione1
di Redazione1 giugno 29, 2016 00:13


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Un medico nel focolaio di Alzano Lombardo: nel volto dei miei colleghi la vittoria di Cristo
    Da primario di ortopedia, Luca Salvi viene catapultato nel pieno dell’emergenza coronavirus. Nuovi protocolli, nuovi assetti, tutto riconvertito per fronteggiare la richiesta crescente dovuta all’espandersi del contagio. E in questa prova la riscoperta di sè, del valore dei legami, del senso del lavoro e dell’amicizia. Dal carisma di Don Giussani una capacità di sguardo nuova […]
    Paola Belletti
  • Coronavirus: come accompagnare i più piccoli nel lutto
    Da diverse settimane, ogni giorno, i bambini si confrontano con la morte sugli schermi televisivi. Il Covid-19 ha infatti già mietuto molte vittime. Ma quando il dolore colpisce una persona molto cara, è una tragedia insopportabile. Più che per un adulto, la morte di una persona cara è devastante nella la vita di un bambino. […]
    Edifa
  • La Corona di Spine di Cristo è sopravvissuta a guerre, rivoluzioni e all’incendio di Notre-Dame
    Le spine della reliquia della Crocifissione si ritrovano in collezioni delle chiese e perfino al British Museum Un anno fa ci si è preoccupati molto per la Corona di Spine di Cristo. Quando un incendio ha quasi distrutto la cattedrale di Notre-Dame, a Parigi, è stato il primo oggetto che un sacerdote indomito è corso […]
    Lucien de Guise
  • Quello che Dio vuole da noi in questo momento è purificarci
    Come interpretare la Bibbia? Cosa dice all’uomo di oggi? Quali perle nascondono i suoi testi? Oscar García Aguado è un sacerdote di Madrid autore di due brevi opere: Aprende a manejar la Biblia. Aproximación al Antiguo Testamento e Aprende a manejar la Biblia. Para disfrutar del Nuevo Testamento. Si tratta di due libri nati da […]
    Alvaro Real
  • I santuari d’Europa per un tour virtuale di Pasqua
    Il COMECE lancia un nuovo servizio nei giorni del Triduo Pasquale per aiutare i fedeli d’Europa Nel contesto dell’attuale pandemia di Covid-19 e dell’impossibilità per molti di partecipare fisicamente alle celebrazioni e ai momenti di preghiera della Chiesa, giovedì 9 aprile 2020, pochi giorni prima di Pasqua, viene lanciato dal COMECE – l’unione delle conferenze […]
    Lucandrea Massaro
  • Vivete la Via Crucis a casa con i vostri figli
    Molti cristiani dovranno vivere il Venerdì Santo senza poter uscire di casa. Ecco consigli e idee per organizzare una Via Crucis a casa con i figli. di Christine Ponsard  Molte famiglie vivranno la Settimana Santa isolati nelle loro case e non potranno andare in chiesa. Tra tutto ciò che viene proposto in questa settimana per […]
    Edifa
  • Una meditazione del Venerdì Santo per trovare la via della santità
    Il Venerdì Santo la Chiesa commemora la Crocifissione e la Morte di Gesù sulla croce. Come il Buon Ladrone crocifisso accanto a Cristo imploriamo la Sua misericordia. di Christine Ponsard Non si può capire in cosa consiste la santità senza guardare all’unico santo canonizzato da Gesù stesso: il Buon Ladrone. Non sappiamo quasi nulla di […]
    Edifa
  • «Diaconato femminile: necessario un rapporto dinamico con la tradizione», parla Anne-Marie Pelletier
    «Non sono sicura che ci sia molto da guadagnare nel particolarizzare il ministero» di donne già al servizio della Chiesa, confida con prudenza Anne-Marie Pelletier, nominata membro della nuova Commissione di studio sul diaconato femminile appena creata da Papa Francesco. Abbiamo intervistato la teologa francese, che si rallegra di vedere che la questione viene ancora […]
    Claire Guigou
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    La lettura può accompagnarci a guardare quelle zone più esposte del nostro io che chiedono aiuto. Brancolare e tentennare sono i verbi che descrivono le mie giornate in quarantena con la famiglia. La fase propositiva-entusiasta del «organizzerò cose fantastiche!» è passata; pesa la fatica – oggettivamente piccola ma non insignificante – di gestire la casa, […]
    Annalisa Teggi
  • Su coronavirus e peste: Dio è con noi, non contro di noi
    La storia delle pesti ci lascia con una speranza inaspettata: in mezzo a questi mali naturali, Dio ci fa sapere che è il Signore Il 6 dicembre 1666, sulla scia dello scoppio della Morte Nera che uccise il 15% della popolazione inglese, il reverendo Josiah Hunter di York pronunciò un sermone intitolato “L’Orrore della Peste”. […]
    Gabriel Torretta, O.P.

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 206:
    • 216:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login