“Il Mondo al contrario”, Vannacci: Il diritto di discutere le idee del pensiero unico

Redazione1
di Redazione1 Agosto 27, 2023 21:53

“Il Mondo al contrario”, Vannacci: Il diritto di discutere le idee del pensiero unico

Il libro del generale Roberto Vannacci, “Il Mondo al contrario”, che su Amazon svetta al primo posto della classifica, provoca divisioni nei social media e in politica, ma non soltanto. Suscita, infatti, anche accese polemiche e persino perentorie condanne e preclusioni. Non abbiamo ancora letto il libro, che certamente leggeremo per farci un’idea realistica e senza preconcetti su ciò che il generale Roberto Vannacci ha scritto. Ma anche senza alcun timore di poter essere “contaminati” da sue asserzioni, ritenute “scandalose e insane”, con buona pace di coloro che accampano motivi giustificativi nel tentativo di impedirne la lettura, e quindi di limitare la libertà di espressione. Intanto ci soffermiamo a riflettere,  giovandoci delle considerazioni che ci fornisce la chiara e ragionata esposizione di Diego Torre su I.C.

“IL GENERALE VANNACCI ED IL POLITICAMENTE CORRETTO”

“Il Mondo al contrario”, di Roberto Vannacci, vola alla testa della classifica dei libri più venduti da Amazon. La stessa Murgia, benchè appena pubblicizzata e canonizzata dai media laicisti e da taluni “cattolici”, ha visto scavalcare il suo Accabadora. La qualcosa però non credo la interessi essendo la scrittrice al momento in tutt’altre faccende affaccendata; ben più importanti.

Il libro è uscito il 10 agosto nel programma Kindle Direct Publishing, auto pubblicato e va come il vento. Amazon si è occupata di stamparlo e distribuirlo, ma non c’è una casa editrice.

Ognuno può pensare e dire quello che vuole del libro; o almeno così dovrebbe essere. Si può essere d’accordo in tutto o in parte o per niente con quello che scrive, col quel suo stile molto forte e diretto, “da caserma”, ma c’è un dato che dovrebbe fare riflettere tutti.

Se un libro di autore sconosciuto al grande pubblico, senza casa editrice, viene famelicamente richiesto, benché esecrato e condannato, evidentemente interpreta un sentimento diffuso nella maggioranza del popolo italiano, che si sente censurato nella sua libertà d’espressione, che avverte un’autentica cappa nell’informazione e nella cultura “ufficiale” che non lascia spazio ad opinioni, o anche soltanto sentimenti, diversi.

Un conformismo di linguaggio e di pensiero nella quale il censurato opera da sé la limitazione della sua libertà di espressione sino alla proibizione o alla coatta modifica di alcuni vocaboli per timore di essere esposto alla pubblica esecrazione.

Esempi ce ne sono a volontà. Abbiamo cominciato con presidente/presidenta e in pochi anni abbiamo finito col non poter dire che un bambino ha bisogno di un papà maschio e di una mamma femmina. L’autore, consapevole di tale realtà, scrive di volere “ provocatoriamente rappresentare lo stato d’animo di tutti quelli che, come me, percepiscono negli accadimenti di tutti i giorni una dissonante e fastidiosa tendenza generale che si discosta ampiamente da quello che percepiamo come sentire comune, come logica e razionalità.”

“Il Mondo al contrario” richiama alla mente “l’Uomo Qualunque” di Giannini, la stessa insofferenza, la stessa ribellione, sia pure con uno stile più sobrio e castigato (quello di Vannacci). Giannini ce l’aveva con la partitocrazia, con lo Stato che stritolava il cittadino con il suo torchio prepotente; ed ebbe un grande successo iniziale. Vannacci ce l’ha con il pensiero unico e quella che Ratzinger chiamava la dittatura del relativismo.

Ma aldilà degli esatti moventi che hanno spinto il generale a scrivere, aldilà dello scarso apprezzamento di taluni per il suo “stile letterario”, aldilà delle sue posizioni sui singoli temi, aldilà del libro stesso e del suo autore, tre verità si stagliano nel nostro presente e minacciano sempre più il nostro futuro:

Non c’è spazio nella società distopica per l’uomo comune che vive di valori e buon senso naturali. Se qualcuno accenna a reclamare … tutti addosso. O rientri nei ranghi (non militari) o vieni ostracizzato. Ciò comincia a dare un crescente fastidio a tanti italiani che mordono il freno e trovano nel generale un possibile e passabile amplificatore della loro rabbia repressa.

Esiste un collegio di arroganti censori che decide cosa pensare, cosa si può dire e con quali parole si può dire … e guai a incorrere nelle sue ire.

E’ un fenomeno che sta uccidendo la libertà in tutto l’occidente, che di essa è stato la culla, dal quale bisognerà difendersi con tanto coraggio, rischiando l’emarginazione, ma consapevoli che è la verità a rendere liberi e che la condizione di schiavo, anche culturale, è indegna dell’uomo. Non sarà facile ma è una bella partita, quella della nostra generazione.

E’ un dato epocale sul quale tutto l’arco di centro destra, e tutti gli uomini amanti della libertà, devono interrogarsi e … decidersi. O la cultura della libertà, il buon senso, la legge naturale, o la demagogia progressista, il lavaggio del cervello, il relativismo etico, l’insoddisfazione, l’infelicità. Ci vuole spessore culturale, e motivazioni profonde per vincere; chi cede per non perdere tutto è votato al cedimento progressivo e alla resa finale, disonorevole e senza condizioni.

 

 

 

Redazione da Ag. di inf.

 

Redazione1
di Redazione1 Agosto 27, 2023 21:53

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Papa Francesco ai bambini: “vi aspetto nel settembre 2026” 26 Maggio 2024
    100 mila bambini, provenienti da oltre 100 nazioni. Sono i numeri delle due giornate in cui si è svolta la prima Giornata mondiale dei bambini – patrocinata dal Dicastero per la Cultura e l’educazione – allo Stadio Olimpico e in piazza San Pietro. La prossima – ha annunciato Papa Francesco dopo il monologo di Roberto […]
  • Giornata mondiale dei bambini: Benigni, “cercate la parola magica per fermare la guerra” 26 Maggio 2024
    “Essere profondamente buoni”. Così Roberto Benigni, nel suo monologo in piazza San Pietro davanti al Papa, con cui si è conclusa la prima Giornata mondiale dei Bambini, ha tradotto una delle beatitudini del Discorso della Montagna. “Questo ha detto Gesù”, ha spiegato: “E’ l’unica cosa sensata che abbia sentito, l’unica buona idea espressa nella storia […]
  • Giornata mondiale dei bambini: Benigni, “fate diventare il mondo più bello, noi non ci siamo riusciti” 26 Maggio 2024
    “I bambini sono il nostro futuro, la gioia di domani”. Lo ha detto Roberto Benigni, nel monologo recitato in piazza San Pietro, davanti al Papa, a conclusione della prima Giornata mondiale dei bambini. “Se non sarete come questi bambini, non entrerete nel Regno dei cieli, ha detto Gesù”, ha proseguito: “oggi noi siamo nel Regno […]
  • Papa Francesco: “la prossima Giornata mondiale dei bambini sarà nel settembre 2026” 26 Maggio 2024
    La prossima Giornata mondiale dei bambini “sarà nel settembre 2026”. Ad annunciarlo è stato il Papa, da piazza San Pietro, dopo il monologo di Roberto Benigni, che ha esordito dando un bacio al Santo Padre, a nome delle decine di migliaia di bambini presenti in piazza. “Vi aspettiamo lì”, il congedo di Francesco dai più […]
  • Papa Francesco: Angelus, “salutate i nonni, un applauso ai nonni” 26 Maggio 2024
    “Salutate i vostri genitori, i vostri amici, salutate i nonni!”. Lo ha detto il Papa, durante l’Angelus recitato in piazza San Pietro, al termine della Messa per la prima Giornata mondiale dei bambini. “Un appaluso ai nonni”, ha detto Francesco ringraziando gli organizzatori dell’evento. Poi la recita del Gloria al Padre insieme ai bambini, come […]
  • Papa Francesco: “lo Spirito Santo ci accompagna nella vita”, “pregate per la pace” 26 Maggio 2024
    “Lo Spirito Santo è quello che ci accompagna nella vita”. A farlo ripeterlo a più riprese alle migliaia di bambini presenti in piazza San Pietro, per la prima Giornata mondiale a loro dedicata, è stato il Papa, che ha tenuto un’omelia dialogante pronunciata interamente a braccio. “Il problema è chi è lo Spirito Santo”, ha […]
  • Papa Francesco: “Gesù perdona tutto e perdona sempre” 26 Maggio 2024
    “Siamo qui per pregare insieme, per pregare Dio. Preghiamo Dio, padre, figlio e Spirito Santo: uno in tre persone”. Il Papa ha cominciato così l’omelia della Messa per la prima Giornata dei bambini, pronunciata in piazza San Pietro interamente a braccio, lasciando da parte il testo scritto. “Dio, uno in tre persone”, ha proseguito: “Il […]
  • Papa Francesco: “c’è tanta gente col cuore chiuso”, “io sono felice perché voi siete gioiosi” 25 Maggio 2024
    “Quando la mia squadra vince mi sento felice, ma una volta ha vinto con una mano, e questo non è buono”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, rispondendo, durante la prima parte della Giornata mondiale dei bambini, alle domande dei piccoli che affollano lo Stadio Olimpico. “Io sono felice perché voi siete gioiosi, avete […]
  • Papa Francesco: “ci sono tanti anziani abbandonati in una casa di riposo” 25 Maggio 2024
    “Ci sono tanti anziani che hanno fatto la vita, hanno fatto una famiglia, hanno educato figli, nipotini, e che adesso si trovano soli, abbandonati in una casa di riposo”. Lo ha denunciato il Papa, dialogando con i bambini allo Stadio Olimpico durante la prima parte della Giornata mondiale dei bambini. “Dobbiamo visitare i nonni, andare […]
  • Papa Francesco: “pregate per i bambini che non hanno da mangiare”. “Il miracolo che mi piacerebbe fare è che tutti i bambini siano felici” 25 Maggio 2024
    “Tanta gente, tanti paesi spendono soldi per comprare armi, per distruggere, e c’è gente che non ha da mangiare”. A denunciarlo è stato il Papa, rispondendo alle domande dei bambini allo Stadio Olimpico. “Ci sono bambini che non hanno da mangiare, c’è gente che non ha lavoro, e questa è una colpa dell’umanità”, ha proseguito […]

Commenti recenti

     

    • 172:
    • 479:
    Maggio 2024
    L M M G V S D
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login