C.E.P. Messina, don Sergio Siracusano: il prete che invoglia i giovani “ad osare” per un futuro migliore

Redazione1
di Redazione1 Marzo 12, 2022 21:48

C.E.P. Messina, don Sergio Siracusano: il prete che invoglia i giovani “ad osare” per un futuro migliore

Una segnalazione della Cei, – Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica – accende i riflettori sulla comunità parrocchiale Sacra Famiglia del C.E.P. di Messina e sul sacerdote messinese che la guida don Sergio Siracusano. Sacerdote, indicato tra i 33 mila preti diocesani in Sicilia, responsabile della pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Messina-Lipari e Santa Lucia del Mela, e dell’intera regione, da anni in prima linea per combattere l’esodo dall’isola. Una segnalazione che è anche un grazie per il dono dei sacerdoti in mezzo a noi cui si lega il significato delle offerte deducibili con cui far sentire la nostra vicinanza.

E subito questa comunicazione spinge a fare una riflessione su quella realtà rassicurante, confermata dai fatti, che è “il valore insostituibile della parrocchia per il consolidamento del tessuto sociale, tanto più in un momento di crisi”. Specialmente per il fatto di avere la “conoscenza dei problemi reali di tutti gli appartenenti: gioie, preoccupazioni e, in particolar modo in questi tempi magri e stentati, in quanto comunità cristiana punto di riferimento affidabile, prossimo e certo”. Un caposaldo definito da Paolo VI “comunione di preghiera e di carità, microcosmo religioso in sè perfetto”,  che contribuisce a tenere insieme un tessuto sociale sempre più incerto, sfilacciato e fragile”. Una realtà, quindi, che appare particolarmente importante per un quartiere periferico come il  C.E.P. di Messina. (C.E.P. è un acronimo che sta per Coordinamento di Edilizia Popolare)

Ed è proprio al centro di questo aggregato di abitazioni popolari che don Sergio Siracusano, profondo conoscitore delle problematiche del tessuto sociale messinese, guida la comunità Sacra Famiglia, svolgendo con passione l’impegno pastorale nell’intento particolare di coinvolgere le persone perché si rendano protagoniste consapevoli che il futuro dipende in primo luogo dalle loro scelte.

Lavoro di sostegno che per don Sergio è innanzitutto vocazione, una vocazione alla vita piena nell’intento  di coinvolgere le persone con i loro talenti e con le loro responsabilità e con il ripetere che bisogna “abbandonare l’io per il noi”.

“In un quartiere come questo – dice sempre don Sergio – bisogna aiutare le persone a diventare cittadini, rifiutando la tentazione di essere sudditi. Per farlo non bisogna accontentarsi della mediocrità, ma è necessario osare”. E’ questo il suo tema dominante: ” Dobbiamo osare!”. Invogliare le persone, e specialmente i giovani, ad avere audacia e attivare le energie necessarie  all’attuazione di iniziative coraggiose, all’insegna di programmi creativi e proficui per dare al futuro una prospettiva vantaggiosa.

Un impegno costante, è la sottolineatura, va dedicato anche a sostenere ogni giorno coloro che combattono una battaglia difficile per resistere alla tentazione dell’esodo e cercano soluzioni lavorative nell’isola. Una situazione generalizzata che, visitando questo quartiere, fa avvertire il senso di precarietà e disagio sociale che vi serpeggia, indicativo di una tendenza degli abitanti a voler abbandonare quel posto per cercare un avvenire in altri luoghi. Per fortuna c’è anche la parrocchia, la Sacra Famiglia, dove don Sergio è un punto di riferimento per tanti, per coloro che si aggrappano con tutte le proprie forze e con tanta speranza a questi luoghi dove sono nati, cresciuti e dove hanno le proprie radici.

Ma in situazioni difficili come questa, “Il sacerdote per svolgere il proprio compito ha bisogno di sostegno e supporto per vivere una vita decorosa – sottolinea il responsabile del Servizio Promozione per il sostegno economico alla Chiesa cattolica, Massimo Monzio Compagnoni – Le offerte rappresentano il segno concreto dell’appartenenza ad una stessa comunità di fedeli e costituiscono un mezzo per sostenere concretamente tutti i sacerdoti, dal più lontano al nostro.

Tanto più in questo lungo periodo segnato dal Covid in cui da ormai due anni i preti diocesani continuano a tenere unite le comunità provate dalla pandemia, promuovono progetti anti-crisi per famiglie, anziani e giovani in cerca di occupazione, incoraggiano i più soli e non smettono di servire il numero crescente di nuovi poveri”.

Nonostante siano state istituite nel 1984, a seguito della revisione concordataria, le offerte deducibili sono ancora poco comprese ed utilizzate dai fedeli che ritengono sufficiente l’obolo domenicale; in molte parrocchie, però, questo non basta a garantire al parroco il necessario per il proprio fabbisogno. Da qui l’importanza di uno strumento che permette a ogni persona di contribuire, secondo un principio di corresponsabilità, al sostentamento di tutti i sacerdoti diocesani e che rappresenta un segno di appartenenza e comunione.

“I nostri sacerdoti hanno bisogno della vicinanza e dell’affetto delle comunità – aggiunge Monzio Compagnoni Oggi più che mai ci spingono a vivere il Vangelo affrontando le difficoltà con fede e generosità, rispondendo all’emergenza con la dedizione”

“I nostri sacerdoti hanno bisogno della vicinanza e dell’affetto delle comunità – aggiunge Monzio Compagnoni Oggi più che mai ci spingono a vivere il Vangelo affrontando le difficoltà con fede e generosità, rispondendo all’emergenza con la dedizione”.

 

Il filmato di Giovanni Panozzo ” Dobbiamo osare!”, si può vedere al link https://www.unitineldono.it/le-storie/al-c-e-p-di-messina-i-ragazzi-di-don-sergio-imparano-ad-osare/

 

 

 

 

Redazione da comun.  st.

Redazione1
di Redazione1 Marzo 12, 2022 21:48

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Famiglia: Cei, dal 25 al 28 aprile a Palermo la Settimana nazionale di studi sulla spiritualità 23 Aprile 2024
    “Di fronte all’altro. Sposi e presbiteri, insieme discepoli missionari” è il tema della XXV edizione della Settimana nazionale di studi sulla spiritualità coniugale e familiare, promossa dall’Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia della Cei ad Altavilla Milicia (PA), dal 25 al 28 aprile. “Non stiamo attraversando un tempo facile, soprattutto perché venti di guerra […]
  • Libri: Roma, domani la presentazione del libro di Ignazio Ingrao, “cinque domande che agitano la Chiesa” 23 Aprile 2024
    Dalle donne nella Chiesa alle riforme avviate, quali solo le prospettive della Chiesa di Francesco e i suoi interrogativi più urgenti? Delle nuove sfide che attendono la Chiesa parla Ignazio Ingrao nel suo ultimo libro, “Cinque domande che agitano la Chiesa” (Edizioni San Paolo), che verrà presentato domani, a Roma, presso il Ministero della Cultura […]
  • Fine vita: Telepace, dedicata all’Hospice la rubrica settimanale “Ospitalità è…” del Fatebenefratelli Provincia Lombardo-Veneta 23 Aprile 2024
    “Ospitalità è… Accompagnamento nel fine vita”. E’ dedicata all’Hospice e al percorso di assistenza e accompagnamento rivolto ai suoi “speciali” pazienti e alle loro famiglie la puntata settimanale della rubrica “Ospitalità è…” del  Fatebenefratelli della Provincia Lombardo-Veneta. Questa settimana su Telepace e le altre emittenti del gruppo Corallo, andrà on onda l’intervista a Mora Maria […]
  • San Pio di Pietrelcina: il 29 aprile conferenza stampa sulle sue fotografie 23 Aprile 2024
    In occasione del venticinquesimo anniversario della beatificazione di San Pio di Pietrelcina e per celebrare il decimo anniversario della Saint Pio Foundation, la suddetta Fondazione, con il patrocinio del Dicastero della Comunicazione e del Dicastero per l’Educazione e la Cultura del Vaticano, organizza una conferenza stampa “Fotografie di San Pio – Memorie di un Santo”, […]
  • San Giovanni XXIII: domenica 28 aprile, celebrazione a Sotto il Monte per i dieci anni dalla proclamazione della Sua santità 23 Aprile 2024
    Per ricordare il 10° anniversario della Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII, mons. Francesco Beschi, vescovo di Bergamo, presidierà domenica 28 aprile, alle ore 16, presso il Santuario di Sotto il Monte, una solenne celebrazione. Era la seconda domenica di Pasqua, il 27 aprile 2014, giorno della festa della Divina Misericordia. “In queste coordinate – si […]
  • Congregazioni: Missionari Vincenziani, ad aprile 2025 il quarto centenario di fondazione 23 Aprile 2024
    “Dopo il grande Giubileo dell’anno 2000, che con Giovanni Paolo II ha introdotto la Chiesa nel terzo millennio della sua storia, abbiamo vissuto il Giubileo straordinario della Misericordia (8 dicembre 2015 – 20 novembre 2016), voluto da Papa Francesco, che ci ha permesso di riscoprire la forza e la tenerezza dell’amore misericordioso del Padre, per […]
  • Santa Sede: il 6 maggio il giuramento di 34 nuove Guardie Svizzere 23 Aprile 2024
    Trentaquattro nuove reclute della Guardia Svizzera Pontificia presteranno solenne giuramento il prossimo 6 maggio, come tradizione, alle 17, nel Cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico in Vaticano. Il giuramento avviene sulla bandiera del Corpo delle Guardie Svizzere Pontificie e alla presenza del rappresentante del Santo Padre, monsignor Edgar Peña Parra, sostituto per gli Affari […]
  • Comunicazione: Vaticano, il 27 aprile commemorazione del 150° anniversario della nascita di Guglielmo Marconi 23 Aprile 2024
    Sabato prossimo, 27 aprile, presso la Palazzina Marconi, è in programma una manifestazione commemorativa del 150° anniversario della nascita di Guglielmo Marconi (1874-2024). Ad introdurre l’incontro, dopo alcune attività amatoriali – si legge in una nota – sarà alle 11.35 mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati e le Organizzazioni internazionali. […]
  • Azione cattolica: la formazione è un continuo invito alla conversione 23 Aprile 2024
    All’interno dello statuto e del progetto formativo di Azione cattolica emerge chiaramente il primario impegno dell’associazione nella cura alla formazione integrale di ogni associato, attraverso l’intreccio della vita associativa, vita ecclesiale e vita civile. Reinterpretando una preziosa intuizione di Yves Congar, potremmo dire che l’Ac ritrova il senso autentico della sua missione “nell’opera stessa che […]
  • Carceri. Don Grimaldi: “Con il convegno nazionale invitiamo a combattere l’indifferenza per promuovere la cura” 23 Aprile 2024
    È tutto pronto per il quinto convegno nazionale dei cappellani e degli operatori della pastorale penitenziaria che si svolgerà ad Assisi dal 24 al 27 aprile. Il tema prescelto per l’evento promosso dall’Ispettorato generale dei cappellani nelle carceri italiane, che ha una cadenza biennale, è “‘Lo vide e ne ebbe compassione. (Lc 10,33). Dall’indifferenza alla […]

Commenti recenti

     

    • 225:
    • 325:
    Aprile 2024
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login