Quaresima, ACS: “Il crudele Calvario dei perseguitati, l’élite della Chiesa”

Redazione1
di Redazione1 febbraio 15, 2021 22:24

Quaresima, ACS: “Il crudele Calvario dei perseguitati, l’élite della Chiesa”

L’inizio della Quaresima non può non richiamare le tante persecuzioni dei cristiani in tante parti del pianeta, perpetrate atrocemente il più delle volte mediante azioni violente e disumane. “Un tragico fenomeno che troppo spesso viene commesso nel vergognoso e complice silenzio delle potenze della terra”. Papa Francesco ha ricordato più volte “le atroci, disumane e inspiegabili persecuzioni, purtroppo ancora oggi presenti in tanti Paesi del mondo, spesso sotto gli occhi e nel disinteresse di tutti”.

Gli ultimi dati della World Watch List 2020, la lista dei Paesi in cui i cristiani vengono perseguitati, in base ai metodi di rilevazione adottati da Open Doors, riguardano un centinaio di paesi. 73 di essi presentano livelli di persecuzione che vanno da alta a estrema, mentre, complessivamente, si stima che siano non meno di 260 milioni i cristiani perseguitati nel mondo.

In Iraq la persecuzione dei cristiani è un’emergenza umanitaria gravissima. Fra gli 830mila profughi interni causati dal conflitto civile e dall’affermazione dello Stato Islamico, almeno 120mila sono cristiani, scacciati dalle loro case nella Piana di Ninive, fino a tre mesi fa considerata un “rifugio sicuro”. Per cui “si deve pensare a una strategia, che liberi la piana di Ninive dalle milizie jihadiste, consenta ai cristiani di tornare nelle loro case e ricostituisca un tessuto sociale multi-religioso che in Iraq rischia di lacerarsi definitivamente”.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del Messaggio del Papa per la Quaresima, presentato dal Cardinale Turkson, è intervenuta via web da Bruxelles Marcela Szymanski di Aiuto alla Chiesa che soffre, la quale ha raccontato l’esperienza di una famiglia cristiana di Aleppo, in Siria, perseguitata dagli integralisti islamici (AciStampa).

“I terroristi – ha spiegato Szymanski – volevano prendere tutti gli uomini e i ragazzi con loro. Le donne, ci si aspettava che rinunciassero alla loro fede e diventassero musulmane. Sono sopravvissuti solo perché l’esercito è arrivato in tempo e i terroristi sono fuggiti. Questa famiglia è stata generosa a condividere con noi la loro esperienza, perché credono fermamente che Dio era con loro lì, altrimenti… sarebbero tutti morti. La famiglia oggi è tornata a una vita normale per gli standard di Aleppo, lavorando all’asilo”.

“Cosa possiamo imparare per la Quaresima – ha chiesto la rappresentante di ACS – da una tale famiglia, che è passata attraverso un crudele Calvario ma si considera risorta in Cristo? I perseguitati sono l’élite della Chiesa, e servirli non è un dovere ma un onore. La strada per il Paradiso attraverso il martirio non è come un film di Zeffirelli, e quei testimoni hanno ancora bisogno di un sostegno psicologico. Ma anche altri sono sopravvissuti per raccontare i frutti della loro fede e della loro preghiera. Quei frutti sono il perdono e l’amore”.

Segue poi – ha aggiunto – la strada della riconciliazione “per ottenere una nuova relazione duratura in pace e armonia, con quel vicino che ti ha causato tanto dolore. Si comincia sentendosi circondati dall’Amore di Dio. Questo è l’unico combustibile che muove a perdonare il dolore della perdita dei figli, delle madri, di tutti i loro beni, della loro salute, dei loro progetti… A questa volontà di perdono, bisogna aggiungere la testimonianza delle persone buone, che ti accompagnano in questo cammino di perdono”.

Il pensiero è poi andato ai “molti sacerdoti e suore rapiti in Africa, che sono tenuti in riscatto dalle milizie. Vogliono i soldi per comprare altre armi e continuare a rapire! Così, la decisione presa dai vescovi nigeriani la scorsa settimana, insieme alle famiglie delle vittime, è di non pagare alcun riscatto per nessuno di loro. Assumersi la responsabilità di non pagare è una croce molto pesante. I nostri fratelli in Nigeria sono a digiuno di vita, nella speranza di un altro miracolo. Abbiamo molto da imparare da loro”.

 

 

Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 febbraio 15, 2021 22:24

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 28:
    • 191:
    dicembre: 2021
    L M M G V S D
    « Nov    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login