Messina – Giornalismo in lutto: l’addio a Nino Calarco, per 44 anni direttore della Gazzetta del Sud

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2020 13:08

Messina – Giornalismo in lutto: l’addio a Nino Calarco, per 44 anni direttore della Gazzetta del Sud

E’ morto a 87 anni lo storico direttore della Gazzetta del Sud Nino Calarco. Lo ha annunciato il quotidiano messinese, ricordando in un post online che «con lui se ne va davvero un pezzo importante della storia di Messina e del Sud». Rammentando anche: “Nino Calarco giornalista nato sulla strada, politico per ‘missione’, uomo di grandi idee e di ancor più grandi passioni, è stato per tutti il Direttore”

La morte di Calarco, direttore per 44 anni, chiude un’importante parentesi storica per Messina nel campo del giornalismo con particolare attenzione alla promozione sociale: un lungo periodo di guida sicura e proficua del giornale che guidava con perizia e a cui ha dedicato un’intera vita. Insieme all’editore Uberto Bonino e a Gianni Morgante è’ stato una delle colonne portanti del quotidiano messinese, che lo ha visto appassionato e instancabile promotore culturale per il bene del Sud, con l’intelligente e profetico intento di unire, con “spirito” informatico e solidale, i siciliani e i calabresi. La stessa volontà con cui “il Direttore” ha profuso tante energie quale tenace promotore dell’unione delle due sponde, con passione e lungimiranza, sostenendo strenuamente il progetto del ponte sullo Stretto. Nel 1987 fu nominato presidente della società Stretto di Messina, che guidò fino al 2002, rinunciando a qualsiasi retribuzione. E’ stato anche direttore di Rtp, presidente della fondazione Bonino-Pulejo e senatore della Repubblica eletto nelle file della Democrazia Cristiana. Terminato il mandato parlamentare tornò a dirigere il giornale con rinnovato vigore.  E’ dalla sua intelligente operosità che è nata la

creazione del centro di eccellenza Irccs Neurolesi. Inoltre ci sarebbero da citare anche tante occasioni in cui Calarco, con il temperamento che lo distingueva: energico, impetuoso, a volte spigoloso, ma anche dotato di ponderatezza autocorrettiva e di acuta intelligenza, sapeva essere veloce e risoluto nelle decisioni importanti, dimostrando tempra di direttore intraprendente e incisivo.

Nel ricordarne la prestante e poliedrica personalità, con simpatia e apprezzamento, mi piace anche fare memoria della cordiale e fiduciosa disponibilità con cui Nino Calarco mi accolse, agli esordi della mia professione di psicoterapeuta e giornalista pubblicista, come collaboratore del giornale. Permettendomi, senza alcuna esitazione, di curare una impegnativa e specifica pubblicazione culturale fino allora mai trattata dal giornale. Un impegno che mi consentì di iniziare un percorso di cooperazione pubblicistica davvero fecondo di risultati, durante il quale ho potuto dare il mio contributo di competenza professionale su svariati avvenimenti, che richiedevano uno specifico approfondimento di carattere psicologico e psicosociale. Un’esperienza entusiasmante, per me davvero stimolante e gratificante, che si è protratta ininterrottamente per circa 40 anni, con reciproca stima e soddisfazione tra un direttore esigente e un collaboratore impegnato a dare il meglio di sè .

Naturalmente, parlare del rapporto giornalistico professionale col direttore Calarco, significa anche ricollegarmi all’anima del giornale, quindi ad una serie di conoscenze ed esperienze che trovavano nel fattore umano elementi di ulteriore arricchimento e gratificazione. Sono stati numerosi, infatti, i personaggi: dirigenti, redattori e operatori del giornale che mi è stato dato di conoscere, frequentare e stimare durante tutti quei lunghi anni di collaborazione. Una galleria ricca di tante figure amiche le cui doti di competenza, cordialità e simpatia rimangono come un patrimonio di memorie care che custodisco nella mente e nel cuore.

La morte di Calarco, inoltre, non può non richiamare la cara memoria dell’altro indimenticabile personaggio, Gianni Morgante, cui mi ha legato una sincera amicizia, deceduto proprio nello stesso mese di agosto di un anno fa. Una coincidenza che fa sembrare ci sia “una mano” misteriosa nell’evento “non casuale del loro addio al mondo”: una sorta di affettuoso “rendez vous” fra due inseparabili compagni di tante battaglie per l’affermazione e la diffusione del giornale, e di tanto altro, che così tornano insieme. Nel dare l’addio a Nino Calarco, dunque, sento anche di rinnovare il commosso saluto al suo amico fraterno che lo ha preceduto, nel nostalgico ricordo di un felice rapporto con entrambi, e di una stagione entusiasmante e impareggiabile.

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2020 13:08


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Card. Cantalamessa: sorella morte ci insegna tante cose
    Il predicatore della Casa Pontificia Raniero Cantalamessa, creato cardinale nel Concistoro del 28 novembre, ha tenuto nell’Aula Paolo VI la prima meditazione d’Avvento, alla presenza del Papa Un nostro poeta, Giuseppe Ungaretti, descrive lo stato d’animo dei soldati in trincea durante la Prima guerra mondiale con una poesia fatta di solo sette parole: Si sta […]
    padre Raniero Cantalamessa
  • Cosa dire e non dire nelle conversazioni cattoliche con persone LGBTQ
    di Anna Carter Viviamo in tempi difficili per il dialogo, soprattutto sulla sessualità. Può sembrare che “verità” e “carità” si litighino la nostra attenzione e applicazione. Sappiamo che le preoccupazioni LGBTQ sono più di semplici “questioni” che emergono nelle notizie, e molti di noi hanno amici o familiari che sperimentano un’attrazione per persone dello stesso […]
    Catholic Link
  • La fiducia in Dio, la chiave del successo nella vita
    Un fallimento, un incontro, un trasferimento professionale… Come accogliere ciò che non abbiamo deciso, o addirittura ciò che ci destabilizza? di Anne Gavini Nel nostro mondo altamente organizzato, l’imprevisto si riduce a ben poco: le vacanze estive sono programmate già a gennaio, la scuola dei bambini viene scelta prima di camminare e i bambini vengono […]
    Edifa
  • Richieste di preghiere particolari su facebook: rivolgiti all’abbazia di Fossanova
    In tempo di coronavirus e tribolazioni, ogni giorno alle 15, affida le tue intenzioni di preghiera ai sacerdoti del Verbo Incarnato dell’abbazia in provincia di Latina Ogni giorno alle 15, in diretta facebook dall’Abbazia di Fossanova, preghiere on line su richiesta dei fedeli. Per aderire all’iniziativa bisogna collegarsi alla pagina facebook dell’Abbazia e fare la […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La chiesa più chic per sposarsi a Roma è una tomba?
    Scoprite un luogo unico, il mausoleo di Santa Costanza La chiesa di Santa Costanza a Roma è una delle chiese a pianta circolare più belle della città. Per questo, molte coppie la scelgono per sposarsi. In realtà è un mausoleo, la tomba di Costantina (vero nome della figlia dell’imperatore, che col tempo cambiò poi in […]
    Maria Paola Daud
  • Come vivere con un coniuge con handicap fisico o mentale?
    Per il coniuge abile è spesso una sfida trovare il proprio ruolo. Molte coppie danno testimonianza della loro vita quotidiana, fornendo preziosi consigli di Olivia de Fournas Nella foto del suo matrimonio, Sofia, 25 anni, in abito bianco, appare raggiante accanto a Eric. Ben preparati per il matrimonio, sembrano avere tutto per avere successo nella […]
    Edifa
  • Il diavolo si è innamorato del 2020, lo spot di un sito di incontri fa il boom
    È diventato virale lo spot di Ryan Reynolds per Match.com in cui il diavolo trova la sua anima gemella, una ragazza chiamata 2020. «Da dove vieni?» chiede lei. «Dall’inferno» risponde lui. «Anche io» sorride lei. Il sito di incontri Match.com ha affidato al regista Ryan Reynolds la realizzazione di uno spot e ne è nato […]
    Annalisa Teggi
  • Come fotografare l’Avvento e il Natale?
    Le foto di questo Avvento con o senza Covid e di questo Natale atipico faranno parte della storia e dei ricordi della vostra famiglia Quali sono i dettagli, gli aneddoti o le tradizioni familiari che ricordate dei Natali della vostra infanzia? Anche questo Natale e le sue foto (con o senza Covid) faranno parte della […]
    Miriam Esteban Benito
  • Venite a visitare l’interno di Notre-Dame de Paris 18 mesi dopo l’incendio
    Un anno e mezzo dopo l’incendio, il cantiere di Notre-Dame de Paris continua a lavorare e i progressi si vedono, ad esempio in occasione dello smantellamento della grande impalcatura carbonizzata. Per l’occasione, Aleteia vi propone di scoprire in una galleria lo stato attuale della cattedrale, e di penetrare nelle sue viscere. Diciotto mesi dopo l’incendio, […]
    Caroline Becker
  • Le associazioni mediche chiedono una produzione etica di vaccini contro il Covid-19
    La storia recente dei vaccini di successo che evitano l’uso di materiale abortito dovrebbe incoraggiare lo sforzo attuale per combattere il coronavirus Ci sono modi etici per produrre un vaccino per il Covid-19, e gli scienziati dovrebbero perseguirlo, hanno affermato quattro organizzazioni mediche in una dichiarazione congiunta. “Dallo scoppio della pandemia di Covid-19”, sostengono, “la […]
    John Burger

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 62:
    • 158:
    dicembre: 2020
    L M M G V S D
    « Nov    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    Login