Coronavirus e Chiesa: l’insofferenza dei cattolici per la protratta esclusione dai luoghi di culto

Redazione1
di Redazione1 aprile 23, 2020 21:32

Coronavirus e Chiesa: l’insofferenza dei cattolici per la protratta esclusione dai luoghi di culto

E’ già trascorso troppo tempo di reclusione forzata, e i cattolici, per l’esclusione dalle funzioni religiose e la chiusura delle chiese, privati dei benefici spirituali per il mancato contatto con le parrocchie, le celebrazioni liturgiche, i Sacramenti e il rapporto sociale di mutuo sostegno con i fratelli, sentono il peso di una costrizione divenuta ormai insopportabile. “Le decisioni della Cei di sospendere ogni messa e funzione religiosa in tutta Italia, in ottemperanza al  lockdown deciso dalle rigide disposizione governative per contenere l’epidemia di Coronavurus, sono state accolte dai fedeli malvolentieri”. Ma anche all’interno del mondo ecclesiastico sono state “accettate non senza attriti e disparità di vedute”. “Di fronte alla odierna situazione, che vede morire ogni giorno centinaia di persone, la Chiesa, con porte spalancate e sacerdoti disponibili a dispensare sacramenti e benedizioni, avrebbe dovuto essere in prima linea a dare il proprio fondamentale conforto e sollievo spirituale”.

La straordinaria decisione della Conferenza Episcopale Italiana (CEI) di sospendere ogni messa e funzione religiosa in ottemperanza al lockdown deciso dalle rigide disposizioni governative in tutta Italia, per contenere l’epidemia di coronavirus, – come mette in evidenza il servizio di Lupo Glori – è stata accettata malvolentieri, e anche con parecchie resistenze. Il fatto che le chiese siano state considerate luoghi da chiudere, come musei, parchi, negozi, ecc., in nome della suprema e prioritaria tutela della salute pubblica, “tanto”, si è detto, “ognuno può mettersi in contatto con Dio come e quando vuole”, non è stata accettato senza attriti anche all’interno del mondo ecclesiastico. A indicare una “disparità di posizioni”, – mette a fuoco il servizio – sono state, a suo tempo, l’arcidiocesi di

Catania, la diocesi di Acireale e quella di Caltagirone – rette, rispettivamente, da Salvatore Gristina, Antonino Raspanti (quest’ultimo tra i vicepresidenti della Cei) e Calogero Peri – che, hanno precisato di “non voler entrare in un clima di polemiche”, ma hanno lasciato aperti i luoghi di culto “per chi volesse entrare a pregare, per vivere il sacramento della Riconciliazione, per scambiare una parola con il sacerdote”.

“Tutti siamo d’accordo sulla responsabilità da esercitare – avevano affermato Gristina, Raspanti e Peri – ma sul come esercitarla, ad esempio: se chiudere totalmente le Chiese o no, c’è stata disparità di posizioni. Siamo consapevoli che ogni scelta, in situazione di grave emergenza come l’attuale, apre a considerazioni persino contrapposte; è tuttavia un atto di discernimento pastorale – la sottolineatura dei presuli – che cerchiamo di compiere ascoltando lo Spirito nella comunione della Chiesa, a servizio del Popolo di Dio”.

In sostanza, in questa straordinaria emergenza sanitaria, è successo qualcosa di eccezionale non facilmente riscontrabile negli annali: la Chiesa cattolica è stata indotta ad abdicare alla propria specifica missione di assistenza pastorale e cura della salute delle anime, “facendosi da parte” in questo momento eccezionale, in quanto non ritenuta in grado di poter dare un contributo utile alla causa. Anche se poi è stato disposto che restino “aperte le chiese parrocchiali e quelle che sono sedi di missioni con cura di anime ed equiparate”. E lo stesso Papa Francesco ha sentito la necessità di lanciare un monito ai vescovi sottolineando che “le misure drastiche non sempre sono buone”, pregando che “lo Spirito Santo dia ai pastori la capacità e il discernimento pastorale affinchè provvedano misure che non lascino da solo il santo popolo fedele di Dio”.

Di fatto però, l’impegno da dedicare al momento critico emergente è stato demandato esclusivamente alla scienza, agli “esperti”: medici e diversi tecnici della materia, mentre nessuno spazio è stato concesso alla Chiesa e ai sacerdoti, giudicati non capaci di fornire un contributo nella gestione della gravità e complessità della pandemia in corso.

La valutazione degli avvenimenti, quindi, è stata data secondo un punto di vista che guarda la realtà attraverso on’ottica puramente terrena, materialistica, senza tenere conto della dimensione soprannaturale. Sono punti di vista comprensibili se pronunciati da persone che non credono nell’esistenza di cause e fini che trascendono la realtà. Se infatti Dio non c’entra nulla con il coronavirus, i riti religiosi non servono, allora, certamente, la preghiera, i sacramenti, le benedizioni, ecc., non hanno alcun senso, in quanto non possono apportare alcun beneficio, ed è quindi logico essere d’accordo con la chiusura delle chiese alla pari della chiusura dei musei, dei cinema, dei ristoranti, ecc.

Ma se, al contrario, – è la conclusione logica – si crede nell’esistenza di una dimensione trascendente e soprannaturale, mai come in momenti come questi le persone hanno bisogno di incoraggiamento e assistenza spirituale, e quindi di chiese spalancate e sacerdoti disponibili a dispensare, ad ogni ora, sacramenti e benedizioni. Accanto alla necessaria cura del corpo vi sta infatti la ben più importante cura dell’anima e, di fronte alla odierna situazione, che vede morire ogni giorno centinaia di persone, la Chiesa con i suoi sacerdoti avrebbe dovuto essere in prima linea a dare il proprio fondamentale conforto e sollievo spirituale.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 23, 2020 21:32

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 147:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login