Natale in terra di persecuzione. P. Hanna: “Subiamo di continuo violenze”. “La nascita di Gesù è l’unica speranza che ci sostiene”.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 23, 2019 23:25

Natale in terra di persecuzione. P. Hanna: “Subiamo di continuo violenze”. “La nascita di Gesù è l’unica speranza che ci sostiene”.

Nell’approssimarsi dell’ormai vicinissima festività del Natale, viene da riflettere su alcune dolorose situazioni che, ai giorni nostri, caratterizzano la celebrazione di questa fondamentale festività cristiana. Mentre da

 Siria, Presepe di  Knayeh

un lato la maggior parte di noi, tra convivialità, pranzi, scambi di auguri e di regali, si accinge a vivere il Natale in modo gioioso, o almeno sereno, dall’altro, invece, c’è purtroppo la triste realtà dei tantissimi poveri, ammalati e sofferenti, nel grave disagio di non poter festeggiare la gioiosa ricorrenza come vorrebbero. Ma ancor peggio, c’è anche la gravissima condizione in cui versano moltissimi altri cristiani: costretti a celebrare il Natale in terra di persecuzione!  

 Le 210 famiglie cristiane dei tre villaggi dell’Oronte, nella zona di Idlib, nord della Siria, controllata dal fronte jihadista Hayat Tahrir al-Sham, filo Al-Qaeda, vivranno un Natale privo di luci e di colori. Costretti a stare dentro la loro chiesa priva di croce perché a loro è

padre Hanna Jallouf.

vietato mostrare simboli religiosi. E’ La testimonianza del loro parroco, padre Hanna Jallouf.

“La capanna di Gesù in primo piano e sullo sfondo il palazzo di Erode. Il nostro posto è vicino alla grotta del Salvatore, davanti a lui che nasce e non nel palazzo del re Erode. Siamo la gente che ha paura, che è povera, che ha freddo, ha fame. Siamo con i nostri fratelli siriani che soffrono dopo lunghi anni di una guerra che non accenna a finire”.

Il Natale dei villaggi cristiani nella valle dell’Oronte, Knayeh, Yacoubieh e Gidaideh, padre Hanna Jallouf, 66 anni, francescano siriano della Custodia di Terra Santa, lo racconta così: descrivendo al Sir il presepe posto ai piedi dell’altare della sua chiesa di san Giuseppe a Knayeh, dove è parroco. Un modo concreto per fare proprio l’appello di Papa Francesco a riscoprire questo “segno semplice e mirabile” che manifesta “il grande mistero della nostra fede” in un mondo che “cancella i segni cristiani”. Insieme al confratello Luai Bsharat, sono gli unici religiosi cristiani rimasti in queste zone.

Siamo nella zona di Idlib, nord della Siria, ultimo bastione degli oppositori al presidente siriano Assad e dei terroristi islamisti si sta combattendo, probabilmente, la battaglia finale tra l’esercito del presidente Assad, affiancato da russi e iraniani.  A farne le spese ancora una volta la popolazione civile: decine di migliaia i siriani, in maggioranza donne, anziani e bambini, in fuga dopo aver abbandonato le proprie abitazioni. In questo fronte di guerra vivono oggi circa 210 famiglie cristiane, ripartite nei tre villaggi della Valle che prima della guerra, cominciata nel 2011, avevano in tutto oltre 5000 abitanti. “Oggi – dice padre Hanna – siamo rimasti in 700. Sono tutti fuggiti a causa della guerra. Speriamo di vivere il Natale con un pizzico di serenità. Me lo auguro soprattutto per i più piccoli che sono coloro che stanno pagando il prezzo più alto della guerra”.

Senza luci ma con la Luce. Ed è proprio ai bambini che quest’anno il parroco ha pensato in maniera particolare. “Il Natale è la loro festa – dice padre Hanna -. Ognuno di loro riceverà in dono un presepe da portare in casa. Si tratta di piccoli presepi realizzati a mano che saranno anche esposti in una piccola mostra allestita dentro i locali parrocchiali. Abbiamo organizzato delle feste in cui regaleremo loro anche qualche giocattolo, dolci e vestiti. Sono gesti semplici che qui però valgono moltissimo. Significa infatti ri-assaporare un po’ di serenità, donare qualche sorriso, e ritrovarsi insieme uniti in Gesù”.

“Saranno questi gli unici segni visibili della nostra fede che non possiamo esprimere all’esterno perché ci è vietato. È per questo motivo che le nostre chiese non hanno le croci sui tetti. Non ci saranno nemmeno luminarie e alberi a dare luce al nostro Natale. Nemmeno una candela sul davanzale delle nostre case”.

I divieti non impediranno alle famiglie cristiane di ritrovarsi in chiesa. “L’appuntamento per tutti – spiega padre Hanna – è per il 24

Siria, Knayeh convento di san Giuseppe

dicembre alle 17 per la messa di Natale e alle 9.30 del mattino del giorno dopo. Il mio confratello, padre Luai, invece, celebrerà a Yacoubieh il 24 alle ore 16 e il 25 alle ore 9. I fedeli di Gidaideh verranno per le messe a Knaye. Nel loro villaggio non hanno una chiesa dove celebrare. Molte chiese, infatti, sono state trasformate in stalle”.

La grotta e il palazzo. La scelta, ancora una volta, anche per questo Natale è tra la grotta del Bambino e il Palazzo di Erode. “Il nostro cuore è pesante – ammette padre Hanna – perché in tanti anni di guerra abbiamo visto gente uccisa, rapita, ferita, case distrutte ma restiamo saldi nella speranza che un giorno tutto questo finirà, che saremo liberati dall’unico Salvatore che è Cristo. Cristo è la nostra ancora di salvezza.

Per questo preghiamo per la pace in Siria, per tutti i siriani, per la pace anche interiore, necessaria per sostenere le difficoltà del momento”. Poi una preghiera particolare: “Preghiamo anche per voi che siete in Occidente che vivete questa guerra in maniera indiretta. Preghiamo per tutte le vittime provocate da attentati compiuti sul vostro suolo”. “Non suoneremo campane, non accenderemo luci, ma faremo risuonare nelle messe di Natale il messaggio di speranza di Cristo, l’unico di cui possiamo fidarci”.

“Abbiamo visto passare tanti finti salvatori – conclude padre Hanna – Gesù invece resta e il suo regno di pace è per sempre. In lui anche la sofferenza di questi anni trova un senso. Siamo nella terra di san Paolo che ci esorta a sperare contro ogni speranza. Buon Natale”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 23, 2019 23:25

RSS aleteia

  • Ignazio di Loyola, il santo che rivela ai giovani i sentimenti di Dio
    Sant’Ignazio di Loyola è una figura potente che colpisce i giovani di oggi. Ad affermarlo è Jesús Zaglul Criado, gesuita della Repubblica Dominicana, assistente per il Nord America Latina e consigliere generale del generale della Compagnia di Gesù, che presenta la figura del santo fondatore nel giorno in cui la Chiesa ne celebra la memoria. […]
    Vatican News
  • Oltre 53mila detenuti in Italia, per Antigone l’affollamento supera il 113%
    Il numero di persone detenute, al 30 giugno scorso, si attesta a 53.637, di cui 2.228 donne (4,2%) e 17.019 stranieri (32,4%), per 50.779 posti ufficialmente disponibili e un tasso di affollamento ufficiale del 105,6%. Lo rileva l’associazione Antigone nel suo rapporto di metà anno sulle carceri italiane, sottolineando tuttavia che “il reale tasso di affollamento […]
    Agi
  • Medaglia d’oro nel surf a Tokyo, Ítalo Ferreira prega tutti i giorni alle 3 del mattino
    Il brasiliano Ítalo Ferreira ha fatto la storia nelle Olimpiadi: è il primo atleta a conquistare la medaglia d’oro nel surf, modalità inaugurata nei Giochi Olimpici di Tokyo. Ítalo è stato anche il primo sportivo a conquistare un oro per il Brasile in queste Olimpiadi. Dopo la batteria vincente, l’atleta ha rivelato uno dei “segreti” […]
    Pablo Cesio
  • 3 “segreti” vaticani che non sono affatto segreti
    È piuttosto difficile dire da dove derivi la parola “Vaticano”. È sicuramente il nome di uno dei sette colli di Roma, tutti situati sulla riva orientale del fiume Tevere, all’interno delle mura cittadine, ma ci sono diverse opinioni relative a come il Colle Vaticano ha ottenuto il suo nome. Nel primo secolo, il noto retore […]
    Daniel R. Esparza
  • In canoa con il vescovo sul fiume Po: è partito il Cammino di San Marco
    Un’avventura che, di certo, non passa inosservata quella del Vescovo Guido Gallese e di 15 ragazzi della Diocesi di Alessandria, partiti lunedì 18 luglio da Rivarone per arrivare a Venezia in canoa, seguendo il corso del Po. E’ il Cammino di San Marco, iniziativa nata nel 2019 e ripresa in questa fase di ripresa meno […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Attenti alla “truffa del vescovo”: la diocesi di Ragusa avverte i fedeli
    “Truffa del vescovo”: la Diocesi di Ragusa lancia l’allarme ai cittadini in merito a delle segnalazioni pervenute negli ultimi giorni. Pare che ultimamente qualcuno stia “bussando” alla porta delle persone con la scusa di vendere crocifissi e altri oggetti sacri porta a porta (News Sicilia, 30 luglio). “Nessuna autorizzazione” «Sono pervenute segnalazioni di tentativi di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Lottatrice di arti marziali miste devota al Santo Rosario
    Le arti marziali miste sono uno sport estremo con molti colpi anche forti, al punto che vari di quelli che lo praticano restano incoscienti o finiscono in ospedale. È quello che accade nell’Ultimate Fighting Championship (UFC), e non si può negare. Joanna, però, ha trovato in questo sport un modo onesto per vivere, e nella […]
    Jesús V. Picón
  • Perché Papa Francesco continua a nominare vescovi in Cina?
    Mercoledì 28 luglio, nella cattedrale di Pingliang, nella provincia cinese di Gansu, ha avuto luogo la cerimonia di ordinazione episcopale del sacerdote Anthony Li Hui, nominato da Papa Francesco coadiutore di Pingliang l’11 gennaio scorso. Monsignor Li è il quinto vescovo cinese nominato e ordinato in virtù dell’Accordo Provvisorio sulla Nomina dei Vescovi in Cina, […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheimer?
    Nell’articolo Nos limiares do além (Alle soglie dell’aldilà), padre Eduardo Hayen Cuarón ha riposto alla domanda relativa a cosa accade all’anima di una persona che soffre di Alzheimer, la forma più comune di demenza tra le persone che hanno superato i 60 anni. Direttore del settimanale Presencia, della diocesi messicana di Ciudad Juárez, padre Hayen […]
    ACI Digital
  • Quando Pio XII esortò i ginnasti a prendersi cura della loro salute mentale
    L’8 novembre 1952, Papa Pio XII si rivolse a vari atleti e leader sportivi sottolineando la necessità di non trascurare la salute della mente, del corpo e dell’anima. “Riponete dunque la vostra gioia nella pratica corretta della ginnastica e dello sport”, affermò in un discorso ai partecipanti al Congresso Scientifico Nazionale Italiano dedicato alle attività […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Sanificare la comunicazione 31 luglio 2021
    Un fiume di parole esondano continuamente dalla bocca di ciascuno, per dimostrare di avere ragione. Spesso l’istintività prende il sopravvento e, senza fondare le proprie ragioni anche con il confronto, ognuno lotta per vincere e affossare l’altro. Ogni occasione può diventare un campo di Marte, soprattutto quando siamo convinti che l’altro sbagli sempre. Siamo così […]
  • Meeting Rimini: gli eventi promossi dall’Università Cattolica 30 luglio 2021
    Dal ruolo della ricerca scientifica alle sfide future dell’università nell’epoca del cambiamento e dell’incertezza. Sono i temi con cui l’Università Cattolica partecipa alla 42ª edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, dedicata a “Il coraggio di dire ‘io’”, titolo tratto da un testo del filosofo danese Kierkegaard, che quest’anno si terrà in presenza alla […]
  • Istituti religiosi: Roma, morta madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa 30 luglio 2021
    È morta a Roma, dove soggiornava dal 1993, per una lunga e dolorosa malattia, madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa, istituzione ecclesiale di diritto pontificio presente oggi in Spagna, in Italia e in vari Paesi dell’Africa e dell’America Latina. Trinidad Sánchez Moreno – si ricorda in una nota – nasce […]
  • Papa Francesco: telegramma di cordoglio per la morte del card. Vanhoye, domani i funerali 30 luglio 2021
    Un “fratello” che “ha servito il Signore e la Chiesa con grande dedizione”. Così il Papa definisce il card. Albert Vanhoye, rettore emerito del Pontificio Istituto biblico e già segretario della Pontificia Commissione biblica, in un telegramma di cordoglio –  inviato oggi a padre Manuel Morujao, superiore della Residenza San Pietro Canisio a Roma – […]
  • Papa Francesco: nomina Chien-Jen Chen membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze 30 luglio 2021
    Il Papa ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze Chien-Jen Chen, docente di Epidemiologia presso l’Academia Sinica a Taipei (Taiwan). Ne dà notizia oggi la Sala Stampa della Santa Sede. Chien-Jen Chen è nato il 6 giugno 1951 a Cishan (Taiwan). Dopo aver studiato alla National Taiwan University a Taipei, ha conseguito il dottorato in genetica […]
  • Green Pass: no certificazione per andare a messa. Tutte le indicazioni per le celebrazioni liturgiche 30 luglio 2021
    “La certificazione non è richiesta per partecipare alle celebrazioni”. Lo si apprenda da una scheda informativa che accompagna la lettera ai vescovi diffusa oggi dalla Presidenza della Cei e che fa il punto sul Decreto Legge del 23 luglio 2021 che introduce l’obbligo di munirsi di certificazione verde (“Green Pass”) per usufruire di alcuni servizi […]
  • Cei: Presidenza, “non far mancare al popolo gesti di preghiera, partecipazione e speranza” in “condizioni di sicurezza” 30 luglio 2021
    “Ove ricorrano condizioni di sicurezza, non far mancare al nostro popolo questi gesti di preghiera, partecipazione e speranza perché la Chiesa sia presente in questo tempo così particolare”. Così la Presidenza della Conferenza episcopale italiana in una lettera indirizzata ai vescovi: “Sin dal giugno 2020, molte diocesi e parrocchie italiane hanno organizzato le processioni, adottando […]
  • Cei: Presidenza, “gratitudine” ai vescovi e alle comunità cristiane impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale 30 luglio 2021
    “In queste settimane le nostre Chiese sono impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale. Per questo, sentiamo di rivolgere una parola di gratitudine a tutti voi e alle vostre comunità che, nonostante le fatiche, riescono a far vedere il volto di una Chiesa madre che vive e testimonia la sua fecondità”. Lo scrive in una […]
  • Lettera a Federica Cesarini e Valentina Rodini 30 luglio 2021
    “Carissime Federica e Valentina, innanzitutto, grazie! Grazie perché avete permesso di risentire, dopo la vittoria di Vito Dell’Aquila, l’Inno di Mameli risuonare nei cieli di Tokyo! Grazie, perché ci avete creduto sino alla fine nell’arrivare al fotofinish con una medaglia destinata a voi! Grazie, perché avete inserito l’Italia nella cronotassi di vittorie in cui non […]
  • Perdono di Assisi: da oggi le meditazioni di mons. Baturi, arcivescovo di Cagliari e vicepresidente Cei 29 luglio 2021
    Prende il via oggi, con il Triduo di preparazione, il percorso di avvicinamento alla festa del Perdono di Assisi, in programma lunedì 2 agosto nel ricordo dell’indulgenza plenaria della Porziuncola voluta da san Francesco e concessa da Papa Onorio III nel 1216. Stasera alle 21.15 la prima delle meditazioni che saranno proposte da mons. Giuseppe […]

Commenti recenti

     

    • 37:
    • 146:
    agosto: 2021
    L M M G V S D
    « Lug    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login