MESSINA – Montevergine, festeggiati i sessant’anni di vita consacrata di una clarissa. Mons. Accolla: “La vita monastica un atto totale di fiducia a Dio”.

Redazione1
di Redazione1 giugno 4, 2019 00:11

MESSINA – Montevergine, festeggiati i sessant’anni di vita consacrata di una clarissa. Mons. Accolla: “La vita monastica un atto totale di fiducia a Dio”.

Straordinario traguardo di fedeltà religiosa il compimento del 60° anniversario di vita consacrata raggiunto da suor Maria Agostina, clarissa del monastero di Montevergine”, celebrato con un toccante rito commemorativo di ringraziamento a Dio per questo lungo cammino di fede. Gioiosa celebrazione durante la quale la claustrale ha riconfermato la sua ferma volontà di continuare fino alla morte la vita donativa nella povertà e nella preghiera, seguendo l’esempio di Gesù e della sua Santissima Madre. Evento significativo di grande spiritualità francescana, segno caratterizzante del grande patrimonio religioso che contraddistingue l’identità della nostra città.  Un gradevole e sintetico stralcio di vita e il report del momento celebrativo di suor Agostina, sono redatti da Rachele Gerace. (A.M.)

 (da Gazzetta del Sud)

Aveva solo 5 anni quando, rimasta orfana di madre, fu portata in collegio perché il papà, che aveva un’altra bambina di un anno e mezzo, non poteva crescerla. Fu così che Maria Agostina Sperandeo, classe 1951, entrò in contatto con il carisma dell’ordine religioso, quello delle cappuccine di Termini Imerese sua città natale. Una vocazione nata e cresciuta nella quotidianità delle piccole cose, non del tutto accettata almeno inizialmente dal padre che temeva fosse una conseguenza della mancanza della figura materna. “Crescendo capii che quella chiamata era vera; seguire l’ordine era tutto ciò che volevo, sapevo che la mia mamma, da lassù pregava per questo”.

A 15 anni decise di entrare in convento e, un anno dopo, fece la prima vestizione. Dopo un anno di noviziato, il 18 maggio 1959, emise la professione semplice e il 12 agosto 1965 quella solenne. “Il Signore ha voluto in seguito che arrivassi al monastero di Montevergine per condividere con le mie consorelle il carisma di S. Eustochia che, con

il suo esempio di vita, ha rafforzato sempre più la gioia della mia donazione”, ha detto la clarissa. Sono trascorsi 60 anni da quel giorno e suor Maria Agostina Sperandeo del Divino Amore, solare e mite, con quel sorriso che esprime una fede vissuta pienamente, ha rinnovato sabato scorso la sua promessa al Signore, nella messa solenne presieduta dall’arcivescovo e concelebrata dal cappellano di Montevergine mons. Pietro Aliquò, dal rettore del Seminario e dalla comunità religiosa dei frati francescani di Lourdes.

“La vita monastica è una scommessa che ancora oggi non si comprende, un atto totale di fiducia a Dio con l’impegno di essere per il mondo e nel mondo testimoni e profeti di un annuncio. 60 anni vissuti lontano dal frastuono del mondo, nella preghiera, la carità e la condivisione con la famiglia delle sorelle povere di S. Chiara”, ha detto mons. Accolla. Al suo fianco ieri c’era una delle due sorelle, Antonietta con la sua famiglia. Il giorno prima della celebrazione le abbiamo chiesto di raccontarci quella quotidianità che, “celata dietro quelle sbarre di ferro”, sembra essere straordinariamente fuori dalla norma.

Una vita semplice per le 18 clarisse di Montevergine dove, oltre al culto della Santa, gli impegni in cucina e in sacrestia, nel laboratorio e in lavanderia, c’è spazio per lo studio, per i momenti di preghiera con le comunità cittadine e per il relax in terrazza, tra le chiacchiere confidenziali, il suono della chitarra di suor Letizia e il gioco delle consorelle più giovani. La celebrazione è stata animata dalla corale “S. Gabriele dell’Addolorata” diretta da Manuela Marchetta.

 

 

Rachele Gerace

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 4, 2019 00:11

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 148:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login