Terremoto in Sicilia. Si valutano i danni alle pendici dell’Etna. Mons. Raspanti (Acireale): “La casa è un’esigenza primaria”

Redazione1
di Redazione1 gennaio 11, 2019 19:21

Terremoto in Sicilia. Si valutano i danni alle pendici dell’Etna. Mons. Raspanti (Acireale): “La casa è un’esigenza primaria”

Alla ripresa della quotidianità dopo il periodo festivo, il vescovo di Acireale, mons. Antonino Raspanti, si sofferma a valutare lo stato delle cose nei luoghi colpiti dal sisma del 26 dicembre: Ci sono prima di tutto le persone, con le loro esigenze e le loro difficoltà legate in primo luogo alla casa, e ci sono anche le difficoltà della Chiesa e dei parroci”.

“Dobbiamo fare i conti con grandi incertezze che, come è normale che sia, scoraggiano un po’ tutti. Per far fronte a questa situazione, ci si sta impegnando in una ricognizione dei danni più precisa e veloce possibile, che potrà aprire la via alla ricostruzione e alla ripresa”. Dopo le feste, quando la vita riprende i ritmi della quotidianità feriale, mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, fa il punto della situazione nelle zone ai piedi dell’Etna colpite dal sisma dello scorso 26 dicembre. “Ci sono prima di tutto le persone, con le loro esigenze e le loro difficoltà legate in primo luogo alla casa, e ci sono anche le difficoltà della Chiesa e dei parroci.

Per quanto riguarda le persone – dice mons. Raspanti -, la macchina della Protezione civile, pur con qualche piccolo disguido, funziona, ma non basta a frenare lo scoramento. Molte case sono rimaste in piedi, ma sono lesionate, anche gravemente”. C’è, dunque, ancora un forte disagio e, con la fine delle festività, cresce la voglia di far presto. “Le richieste di controllo degli immobili fioccano e le squadre, formate da Vigili del fuoco, Genio civile, Protezione civile e Comune, sono a un quinto rispetto alle richieste presentate. Non si sa quanto tempo sarà necessario e anche il dopo è incerto. Gli anziani e i pensionati riusciranno a ricostruire? E la ricostruzione – prosegue il presule – potrà avvenireneglistessi luoghi?”.

Le incognite sono tante e al disagio si aggiunge l’insicurezza. Il vescovo di Acireale racconta come “nella frazione di Aci Platani, la spaccatura lungo le strade e sulle case si è aperta 12 ore dopo la scossa. C’è stata gente che è rimasta bloccata in casa a causa delle crepe che si sono aperte lungo le pareti. Tuttora è possibile seguire le lesioni in un avanzare che taglia l’asfalto, raggiunge gli edifici tagliandoli a metà e prosegue oltre. Per cui proviamo tutti disagio, incertezza e ansia. In questo momento – per mons. Raspanti – l’emergenza non è solo né tanto il cibo, il vestito o l’alloggio, perché a queste prime necessità ha risposto lo Stato e, in parte, anche la Caritas: quella di Catania in prima persona, quella di Acireale tramite l’operato diretto di Agesci e Misericordie. Ma la casa è una esigenza primaria”.

 

Gli stessi sentimenti sono condivisi dai parroci, “anche loro rimasti sgomenti da quanto è accaduto”. Mons. Raspanti evidenzia che “insieme alle abitazioni, sono rimaste ferite chiese, canoniche e oratori. In alcune strutture i danni sono stati subito evidenti perché seri e strutturali. Richiederanno interventi lunghi e costosi.

In altre ci sono lesioni, ma occorre aspettare i sopralluoghi. Una squadra è al lavoro di continuo, insieme con la Soprintendenza, perché si tratta spesso di beni culturali ed artistici. Dove sono semplici distacchi di soffitti gessati o di stucchi, saranno riaperte al più presto. Ma gente – dice il vescovo – ci chiede di avere un posto in cui pregare”.

Il presule cita casi simbolo: “Ad Aci Platani pare che la Chiesa tenda a scivolare: il processo era già in corso, ma adesso ha subito

un’accentuazione. A Santa Maria la Stella, parrocchia di 6.000 abitanti, che già aveva una chiesa piccolissima costruita quando era solo un borgo, oggi non è neanche quella. Probabilmente faremo una grande tenda che ospiterà il culto. Per quanto? Per qualche mese? Per qualche anno? Ad Aci Catena tutte le parrocchie sono chiuse: un comune di 30.000 abitanti ha ormai una sola parrocchia che funziona. A Santa Venerina, solo due stanno riaprendo. Stiamo cercando di assicurare la celebrazione in posti alternativi”.

Così a Pennisi e Findaca, dove don Mirco Barillari, per le festività, ha celebrato messa all’interno di un plesso scolastico. Il campanile della sua chiesa è crollato, distruggendo anche la canonica e lasciandolo illeso solo perché il muro al quale era appoggiato il suo letto ha retto al colpo. “Dormo nella casa del clero, ad un quarto d’ora di distanza da Pennisi, ma – dice il sacerdote – praticamente vivo ospite delle famiglie della frazione. Loro hanno bisogno di una parola di conforto, di una presenza, ed io ho bisogno di loro: non voglio stargli lontano. Mi fermo nelle loro case, li ascolto e cerco di dare loro consolazione, come cerco di darla a me stesso. Anche io sono terremotato. Nei prossimi giorni – conclude – saremo anche in uno degli hotel che ospitano la maggior parte dei nostri concittadini. Condivideremo la cena e anche il Signore: chi vorrà, infatti, potrà celebrare messa con noi all’interno dello stesso albergo”.

 

 

 

Redazione da A. di I.

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 11, 2019 19:21

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 123:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login