MESSINA – Padre Annibale M. Di Francia

admin
di admin maggio 28, 2015 22:45

MESSINA – Padre Annibale M. Di Francia

Statua_S_Annibale_001Nasce a Messina il 5 luglio 1851, orfano di padre in tenera età, cresce mantenendo il suo stile elegante e nobile che gli deriva dalle sue origini familiari.
Ancora giovanissimo, mentre si trova nella chiesa di S. Giovanni di Malta, in adorazione dinanzi al Santissimo Sacramento, intuisce la necessità di una preghiera tutta speciale, quella per le vocazioni. Esperienza definita in seguito “intelligenza del Rogate”, che segna in modo intimo, radicale, determinante la sua vita. Quando qualche tempo dopo, scopre nel Vangelo il comando di Gesù: Rogate ergo Dominum messis, ut mittat operarios in messem suam (Mt 9,38; Lc 10,2), vede in questa preghiera la risposta alle necessità della Chiesa e dell’umanità per cui decide di dedicarvi tutte le sue energie e la sua intera esistenza.Annibale_di Francia_002

Egli stesso si lascia cogliere dalla Divina Grazia e, improvvisamente, decide di diventare sacerdote cattolico.
Una vocazione “improvvisa, irresistibile e sicurissima” affermerà in seguito.

Il giorno 8 dicembre 1869, mentre a Roma si apre il Concilio Vaticano I, Annibale Maria e il fratello Francesco cominciano la formazione specifica per diventare sacerdoti.
Il 26 maggio 1877, nella chiesa di Montevergine, il giovane Annibale Maria diventa diacono per imposizione delle mani dell’Arcivescovo, Mons. Giuseppe Guarino.
Nel marzo del 1878, un provvidenziale incontro con il mendicante Francesco Zancone gli apre le porte del quartiere più povero e malfamato della città, il ghetto delle “Case Avignone”. In questo quartiere Annibale Maria, già consacrato sacerdote, comincia il suo faticoso apostolato di rinnovamento umano, sociale e cristiano dei tanti poveri che vi abitavano. In essi vede e riconosce il volto di Gesù Cristo e vi si dedica con grande fede e amore.

Ed è proprio questo quartiere a costituire il seme fecondo da cui sbocciano, nel 1882, gli Orfanotrofi Antoniani e, in seguito, le due Congregazioni: le Figlie del Divino Zelo e i Rogazionisti del Cuore di Gesù, che per volere di Padre Annibale Maria, avrebbero avuto come Fondatore e Superiore assoluto, immediato ed effettivo il Cuore Eucaristico di Gesù.
Si preoccupa di dare da mangiare ai bambini e ai poveri, ma anche e soprattutto di dar loro una educazione completa e la possibilità di sostenersi lavorando. La sua personalità eclettica e la sua carità creativa gli permettono di introdurre, in quel quartiere, attività produttive come la tipografia, la sartoria, il mulino, il panificio… capaci di dare un prezioso sostegno all’intera opera.

Rogate e carità sono i solidi pilastri che animano l’azione del Di Francia. Scrive: «La parola del Vangelo: Rogate ergo Dominum messis, ut mittat operarios in messem suam, preoccupava incessantemente i miei pensieri. Vi era da riflettere: che cosa sono questi pochi orfani che si salvano, e questi pochi poveri che si evangelizzano, dinanzi a milioni che se ne perdono e che giacciono abbandonati come gregge senza pastore? Consideravo la limitatezza delle mie miserrime forze, e la piccolissima cerchia della mia capacità, e cercavo un’uscita, e la trovavo ampia, immensa, in quelle adorabili parole di G.C.N.S.: Rogate ergo Dominum messis, ut mittat operarios in messem suam. Allora mi pareva di aver trovato il segreto di tutte le opere buone e della salvezza di tutte le anime». Diffonde questa preghiera mediante numerose iniziative, istituisce la Sacra Alleanza per il clero e la Pia Unione della Rogazione Evangelica per tutti i fedeli. Fonda il periodico dal titolo significativo «Dio e il Prossimo» per condividere con la gente il Rogate e la Carità.

Muore a Messina, in Contrada Fiumara Guardia, il 1 giugno 1927. Qui si conservano le stanze in cui ha vissuto gli ultimi giorni della sua vita e dove ebbe l’apparizione della Madonna Bambina, che tanto aveva amato in vita.

Annibale M. è proclamato Beato il 7 ottobre 1990 e Santo il 16 maggio 2004 da Giovanni Paolo II.
Del Rogate aveva scritto: «È tutta la Chiesa che ufficialmente deve pregare a questo scopo, poiché la missione della preghiera per ottenere i buoni operai è tale da dovere interessare vivamente ogni fedele, ogni cristiano, cui sta a cuore il bene di tutte le anime, ma in modo particolare i vescovi, i pastori del mistico gregge, ai quali sono affidate le anime e che sono gli apostoli viventi di Gesù Cristo».

 

Marcella Pistacchio fdz

 

 

admin
di admin maggio 28, 2015 22:45
Scriva un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti ancora, ma Lei potrebbe essere il primo a commentare questo articolo

Scriva un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare gli articoli.

RSS aleteia

  • I pericoli dell’attivismo nella vita interiore
    È cosa lodevole lavorare per Dio, ma attenzione a non ricadere nell’attivismo – come se volessimo “dimostrare di meritarci” la salvezza. Cerchiamo piuttosto di consolidare il nostro essere interiore prima di lanciarci nelle opere esteriori. The post I pericoli dell’attivismo nella vita interiore appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Jean-Michel Castaing
  • Un innamorato che non ha conosciuto le distanze, ma le ha percorse: san Domenico di Guzman
    O lumen Ecclesiae1 Luce della Chiesa, Dottore di verità, Rosa di pazienza, Avorio di castità,gratuitamente hai effuso l’acqua della sapienza:predicatore della grazia, ricongiungi anche noi tra i beati del cielo. Prega per noi, Santo padre Domenico.E saremo degni delle promesse di Cristo. PreghiamoTi supplichiamo Dio onnipotente, per intercessione di San Domenico nostro Padre, di sollevarci […]
    Padre Bruno Esposito, OP
  • Emma Torre: “Mio padre ha vinto questo premio anche se non c’è più”
    Si è svolta ieri sera la 66ima edizione della cerimonia dei David di Donatello, kermesse che celebra il meglio del cinema italiano. Uno dei momenti più commoventi della serata è stato quando la giovanissima Emma Torre è salita sul palco per ritirare il premio al posto del papà, lo sceneggiatore Mattia Torre, morto nel 2019. Un […]
    Annalisa Teggi
  • Pronti per un tour virtuale di una cappella in onore di San Giuseppe?
    Il 6 maggio, il Santuario Nazionale di Nostra Signora Aparecida è stato il luogo scelto per la preghiera mondiale per la fine della pandemia. Su Aleteia avete potuto seguire questa celebrazione dal vivo dall’emblematico santuario situato a San Paolo, in Brasile, come tutta la “maratona” convocata da Papa Francesco per il mese di maggio. Il […]
    Pablo Cesio
  • 5 idee ispiratrici sull’amicizia tratte dalle Scritture
    Il Vangelo ci ricorda quanto sia rivoluzionario il rapporto di Cristo con l’umanità. Egli ci ha offerto un modello radicalmente nuovo per accostarci a Dio attraverso l’amicizia. Comprendere il ruolo spirituale dell’amicizia ha un grande impatto sul modo in cui pratichiamo la nostra fede. La maggior parte delle culture antiche credeva in molti dèi, e […]
    Theresa Civantos Barber
  • La Santa Sede chiede di vaccinare i sacerdoti esposti a rischi
    “Un sacerdote che sia fedele alla sua vocazione e alla sua missione, e che quindi si spenda esercitando il proprio ministero in parrocchia, nelle carceri, negli ospedali, potrebbe essere considerato come parte di una ‘categoria a rischio’, per lo svolgimento di un servizio ‘socialmente utile’”. Lo afferma il Cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per […]
    Mirko Testa
  • Il Papa all’udienza generale: è bello rivedersi faccia a faccia
    Il Papa torna a presiedere l’udienza generale con la presenza dei fedeli. Le sue parole risuonano, tra volti di pellegrini di vari Paesi del mondo, dal Cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico. Sono contento di riprendere questo incontro faccia a faccia, perché vi dico una cosa: non è bello parlare davanti al niente, a […]
    Vatican News
  • La lettera di dimissioni di un’addetta alle pulizie diventa virale per una ragione importante
    Dopo 35 anni in cui ha pulito uffici, Julie Cousins è finalmente andata in pensione, ma prima di andarsene voleva essere certa che i suoi datori di lavoro comprendessero l’importanza di trattare con rispetto qualsiasi persona. Secondo suo figlio Joe, la donna ha lasciato una lettera che ha sottolineato gli atteggiamenti che l’hanno addolorata portandola […]
    Cerith Gardiner
  • Qual è il nostro destino? avere la stessa gloria di Cristo
    In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cristiano morto a 7 anni di tumore: mamma, come si fa ad andare in Paradiso?
    Oggi vi racconto la storia di Cristiano, un bambino salito al Cielo a soli sette anni a causa di un tumore al cervello, il 5 aprile 2016. Cristiano era appassionato di pittura e colori, ha disegnato fino al giorno prima di morire. Ultimo di sei fratelli, adorava andare a scuola, giocare a calcio, e non […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 13:
    • 111:
    maggio: 2021
    L M M G V S D
    « Apr    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login