Anno di San Giuseppe, Teresa d’Avila e il santo Patrono delle Carmelitane scalze

Redazione1
di Redazione1 luglio 31, 2021 22:08

Anno di San Giuseppe, Teresa d’Avila e il santo Patrono delle Carmelitane scalze

Il momento storico di postmodernità che stiamo attraversando, ci fa prendere atto di vivere in un tempo che segna la fine di un’epoca, e ne apre un’altra in cui assistiamo a inconsueti e accelerati cambiamenti in campo scientifico, sociale, politico e anche spirituale. Una realtà sociale in cui tende a prevalere laicismo, relativismo e specialmente una potente tecnologia che ha abolito tempi e spazi nella comunicazione e ha portato l’uomo a dominare la natura, spesso a violentarla, e perfino a volerla trasformare mediante potenzialità fantasiose, esposte però a conseguenze negative imprevedibili. Lo dimostrano certi effetti eclatanti e molto dolorosi, che mostrano la fragilità di un mondo soggetto a condizioni problematiche e persino a gravi emergenze, come quella drammatica della pandemia da Covid-19.

Momenti di grave difficoltà come quest’ultima calamità, in grado di mettere in serio pericolo anche il dono prezioso della vita, fanno sentire più forte l’attrattiva della spiritualità, che spinge a far leva sull’enorme risorsa della religiosità che “richiama l’uomo alla sua vera natura in relazione all’esistenza di Dio, con cui ha possibilità di entrare in comunione nell’amore ed essere aiutato a regolare e indirizzare la propria condotta personale e l’andamento storico della propria vita”.

Concorrono a percepire il richiamo della fede, che è anche appello alla speranza, certe pratiche religiose e particolari devozioni che aprono l’accesso prodigioso ad un più facile rapporto con la Divinità, mediante anche l’intercessione dei santi. A questo proposito, l’8dicembre scorso, Papa Francesco ha indetto un “Anno di san Giuseppe” allo scopo “di accrescere l’amore verso questo grande Santo, essere spinti ad implorare la sua intercessione e per imitare le sue virtù e il suo slancio”. Un desiderio quello del papa “cresciuto durante questi mesi di pandemia”, che sollecita a rivolgersi all’aiuto confortante proveniente dal mondo misterioso, ma interiormente molto appagante della santità, e quindi dell’affascinante  mondo della mistica.

Il culto a san Giuseppe “ha visto alternarsi fasi di nascondimento e di oscurità a periodi di riscoperta e di luce”. La sua figura, definita nel Vangelo di umile falegname promesso sposo di Maria, è quella di un uomo giusto dalla personalità robusta, capace di prendere decisioni importanti e coraggiose in difesa di Maria e Gesù, ma nel contempo un personaggio silenzioso e nascosto, che sa mettersi da parte di fronte all’imprevedibile disegno di Dio su di lui”.

La venerazione verso san Giuseppe si interseca felicemente con i Carmelitani, che “già dalla seconda metà del XV secolo celebravano la festa del grande Santo e furono i primi, nella chiesa latina, a comporre un ufficio liturgico dedicato al santo Patriarca. Un pregevole posto nella spiritualità carmelitana san Giuseppe lo acquisisce in seguito alla Riforma di santa Teresa di Gesù, diventando uno degli elementi più caratteristici del carisma teresiano.

La devozione a san Giuseppe si manifesta nel corso di una grave infermità che colpì Teresa d’Avila a 25 anni, rendendola sofferente per tanto tempo. “Non trovando rimedio nei medici della terra, e spinta da un’ispirazione interiore, Teresa si era rivolta a San Giuseppe come medico celeste (Vita 6,6),

ottenendo in seguito la guarigione”. Da quel momento ella testimonia di “sentire effettivamente la misteriosa presenza del santo al suo fianco a difesa dai pericoli del corpo e dell’anima”. Scrive la Santa: “Ho visto che il suo aiuto fu sempre più grande di quello che avrei potuto sperare. Non mi ricordo finora di averlo mai pregato di una grazia senza averla subito ottenuta”.  Per cui Teresa sostiene che san Giuseppe è il santo più potente nell’intercedere, in virtù dell’essere stato padre putativo di Gesù. Ma l’intervento principale di cui ella sentiva l’influenza era nella sua missione ecclesiale di fondatrice, per cui alle consorelle monache additerà il Santo come “Fondatore e Patrono della Riforma”.

Nel libro della Vita, raccontando la fondazione del primo monastero di carmelitane scalze, Teresa rivela che il Signore le ordinò che “il monastero doveva essere dedicato a san Giuseppe da una parte, e nostra Signora dall’altra, mentre Egli, il Signore, sarebbe stato con noi”. Questa la significativa immagine ideale del Carmelo Teresiano che la contemplativa di Avila vede quale riproduzione della Sacra Famiglia di Nazaret. Per cui “in san Giuseppe le carmelitane scalze trovano lo specchio della mistica che anima l’Ordine carmelitano, un’icona evangelica alla quale guardare per non smarrirsi”.

Infatti la parola chiave della dottrina teresiana è “orazione”, intesa come “intimo rapporto di amicizia con Colui da cui sappiamo di essere amati”. E Teresa, innamorata del mistero dell’incarnazione, “trova in san Giuseppe un aiuto

potente per restare ancorata, nella preghiera e nella vita, a Gesù incarnato, al Gesù del Vangelo.

Secondo il pensiero della Fondatrice, “la Famiglia di Nazaret è icona della comunità teresiana ‘la piccola e santa compagnia’ nella quale si cerca di vivere rapporti fraterni improntati a carità, mettendo Cristo al centro”. Così come ha ricordato Papa Francesco nella Patris Corde, quando afferma che san Giuseppe “ha saputo decentrarsi, ha saputo mettere al centro della sua vita Maria e Gesù”, e ci insegna che, in mezzo alle tempeste della vita, non dobbiamo temere di lasciare a Dio il timone della nostra barca”.

      Amuel

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 31, 2021 22:08

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 158:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login