il Papa in Iraq: “il terrorismo non prevarrà mai”, perché “l’ultima parola appartiene a Dio”

Redazione1
di Redazione1 marzo 10, 2021 22:00

il Papa in Iraq: “il terrorismo non prevarrà mai”, perché “l’ultima parola appartiene a Dio”

Papa Francesco è tornato dal suo viaggio in Iraq, dai luoghi della persecuzione dei cristiani per mano dell’Isis. E‘ stato a Baghdad e a Mosul, dove si è soffermato a pregare tra le macerie della guerra e, in particolare, nella chiesa di Qaraqosh devastata dalla furia dei terroristi. Nello lo stadio di Erbil, ha celebrato la messa davanti a 10 mila persone.

“Oggi, posso vedere e toccare con mano che la Chiesa in Iraq è viva, che Cristo vive e opera in questo suo popolo santo e fedele”. Sono le parole del Papa nell’omelia finale durante la Messa celebrata ad Erbil, che testimoniano la sua soddisfazione per l’esito del primo viaggio apostolico dopo lo scoppio della pandemia. Un viaggio difficile, incerto fino all’ultimo e che gli è costato non solo fatica fisica, ma anche qualche critica.

Ne valeva la pena, però, soprattutto per via dell’incontro con la sofferente Chiesa irachena così lontana dalle “nefaste suggestioni del potere e del denaro” biasimate nell’omelia. Francesco ha plaudito al popolo cristiano dell’Iraq, definito “strumento della pace di Dio e della sua misericordia, artigiano paziente e coraggioso di un nuovo ordine sociale”. Nel saluto finale nello stadio Hariri il Pontefice ha fatto accenno all’ecumenismo del sangue, affermando di voler abbracciare “i cristiani delle varie confessioni” che in tanti “hanno versato il sangue sullo stesso suolo” e “risplendono insieme, stelle nello stesso cielo”.

Alla fine dell’ultimo impegno pubblico della sua tre giorni (+1) in Iraq, Francesco è apparso stanco ma felice ed ha salutato i presenti portandosi la mano sul cuore. Nell’omelia ha ripetuto alcuni dei temi a lui più cari, spiegando poi di aver voluto così fortemente questo pellegrinaggio anche per la solidarietà dimostrata dalla Chiesa irachena nei confronti dei poveri e dei sofferenti.

Prima di Erbil c’era stata la visita alla comunità di Qaraqosh, villaggio dove storicamente la presenza cristiana è sempre stata massiccia. Nella cattedrale siro-cattolica dell’Immacolata Concezione, devastata dai terroristi dell’Isis che ne fecero un poligono da tiro e rimessa a nuovo dopo la liberazione del 2017, il Pontefice ha detto che l’incontro di ieri “dimostra che il terrorismo e la morte non hanno mai l’ultima parola” perché “l’ultima parola appartiene a Dio”. Ai fedeli reduci dalle sofferenze dell’occupazione islamista, Francesco ha predicato il perdono che “è necessario per rimanere cristiani”, pur dicendosi consapevole di quanto questo sia difficile.

Non è mancato un invito a dire no al terrorismo e alla strumentalizzazione della religione. A ridosso dell’8 marzo, il Papa ha avuto un pensiero speciale per le donne, le principali vittime di questi ultimi decenni di guerra: “a tutte le madri e le donne di questo Paese, donne coraggiose che continuano a donare vita nonostante i soprusi e le ferite – ha detto Bergoglio – che le donne siano rispettate e tutelate! Che vengano loro date attenzione e opportunità”.

Il primo impegno del suo terzo giorno iracheno era stato, invece, a Mosul, città-simbolo prima dell’avanzata dell’Isis e poi della sua sconfitta. Qui Francesco ha presieduto una preghiera di suffragio per le vittime di guerra a Hosh al-Bieaa ed ha sollevato la questione della scomparsa dei cristiani nel Medioriente, affermando che “il tragico ridursi dei discepoli di Cristo è un danno incalcolabile non solo per le persone e le comunità interessate, ma per la stessa società che si lasciano alle spalle”. Il Santo Padre ha ribadito anche la sua convinzione che “la fraternità è più forte del fratricidio, che la speranza è più forte della morte, che la pace è più forte della guerra”. Una convinzione che, ha detto il Papa, “mai potrà essere soffocata nel sangue versato da coloro che pervertono il nome di Dio percorrendo strade di distruzione”.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 marzo 10, 2021 22:00

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 69:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login