Carlo Acutis, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco, il 10 ottobre

Redazione1
di Redazione1 ottobre 8, 2020 22:25

Carlo Acutis, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco, il 10 ottobre

Carlo Acutis, sabato 10 ottobre, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco. Nella sua breve vita, 15 anni, sono tanti i segni che ha lasciato. C’è tanta voglia e curiosità di conoscere nel profondo Carlo, nuovo piccolo “esempio di santità”. Sono le parole di Nicola Gori, postulatore della Causa di Beatificazione di Carlo in una intervista ad Acistampa.

“La beatificazione era stata solamente rimandata a causa della pandemia. Dopo il riconoscimento del miracolo, attribuito all’intercessione di Carlo Acutis, della guarigione di un bambino che vive in Brasile affetto da una patologia congenita al pancreas, adesso gli verrà conferita.

Il mio incontro con Carlo è nato dalla richiesta di scrivere una sua biografia, afferma Gori. Il dover immergersi nella conoscenza di questo giovane mi ha aperto un orizzonte fino ad allora impensabile, quello della santità quotidiana. Ciò che ho imparato da Carlo è la familiarità con Dio e con tutto quanto riguarda la dimensione ultraterrena. Per lui Gesù e Maria erano persone vive e presenti accanto a lui. Egli viveva con la certezza di essere inserito in una realtà che trova il suo inizio in questo mondo, ma si getta con slancio nell’eternità. Posso assicurare che chiunque venga a contatto con questo giovane non può rimanere indifferente. Egli richiama i cristiani a essere coerenti, a diventare testimoni del Risorto. Scuote le coscienze.

In vista di questo evento, riferisce il postulatore, molte persone si sono già messe in fila per pregare sulla sua tomba nel Santuario della Spogliazione. E’ il segno di una devozione che oltrepassa i limiti delle nostre regioni e si estende a Paesi anche lontani dal nostro. Purtroppo, l’epidemia in corso da Covid-19 ha impedito un afflusso notevole di pellegrini che avrebbero voluto partecipare alla beatificazione, ma grazie ai nuovi mezzi di comunicazione sociale, sarà possibile seguire il rito e unirsi alla Messa che verrà celebrata nella Basilica superiore di San Francesco.

 Molti conoscono questo ragazzo di 15 anni per le sue capacità informatiche. In una intervista a EWTN, il postulatore spiega: “Carlo Acutis riusciva a programmare, e a sviluppare, idee o siti internet partendo da testi universitari quando faceva le scuole medie, e le elementari. Quindi immaginate già su questo sfondo un genio per l’informatica portato per queste materie e vi ha inserito lo spirito e la spinta per l’evangelizzazione. Ha usato i nuovi mezzi di comunicazione sociale al servizio del bene, al servizio del Vangelo a insieme anche alla parrocchia e alcuni gruppi di volontariato dei siti internet per far conoscere il Vangelo. Lui amava definirsi un catechista e fin da piccolo voleva fare il catechismo; aveva anche ottenuto dal suo parroco la possibilità di fare il catechista in anticipo sull’età. E questo suo desiderio di fare catechismo di catechizzare gli altri si è riversato su Internet”.

Un uso sempre positivo del mezzo e per questo dovrebbe esserne il patrono. Prosegue Gori: “Durante la causa di beatificazione sono state fatte analisi dai tecnici informatici sul suo computer per vedere che siti avesse visitato. Tutte le ricerche fatte erano a fin di bene, e soprattutto per realizzare un progetto che gli stava a cuore: la mostra sui Miracoli Eucaristici. Questa mostra, lo ha impegnato un’estate intera, un’estate prima della morte. Si è messo alla ricerca dei luoghi dove sono avvenuti grandi miracoli eucaristici nel mondo quelli riconosciuti dalla Chiesa”.

Lo scopo della mostra per Carlo era avvicinare le persone all’Eucarestia. Carlo fin da piccolo era un trascinatore di folle, era un trascinatore di persone: “Pensate, riusciva a trascinare i parenti, i genitori alla messa tutti i giorni. Carlo ha saputo coinvolgere intorno a sé gli amici, quelli che venivano a contatto con lui e nessuno rimaneva come dire indifferente, perché poneva degli interrogativi”.

L’altro grande amore di Carlo era Maria: “Lui diceva che l’appuntamento più grande di tutta la sua giornata era la recita del Rosario. Sicuramente lui avrebbe ideato anche un rosario che lui avrebbe disegnato con qualche corona particolare. Sicuramente avrebbe diffuso ancora di più il rosario attraverso internet”.

E con queste basi non aveva nessun timore di esporsi in prima persona per difendere la dottrina della Chiesa, “non temeva e ribadiva comunque il suo pensiero, e quello che credeva nella fede ma anche sulla morale della Chiesa. E non aveva nessun timore a ribadire il suo punto di vista, quindi credo che effettivamente Carlo sarebbe stato adatto ai nostri tempi, sia come modello sia come persona da seguire, da ascoltare”.

Nicola Gori ha una certezza: “Carlo Acutis ha lasciato in tutti una sensazione che c’è qualcosa al di là della vita terrena. Lascia quel bisogno e quel desiderio di andare oltre di trovare Dio di trovare un’altra dimensione, ecco Carlo Acutis scuote le coscienze, e dice che c’è un’altra vita dopo questa.

 

 

Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 8, 2020 22:25

RSS aleteia

  • Il coraggioso ministero di Madre Czacka a favore dei non vedenti
    Róża Czacka era nata il 22 ottobre 1876 in una nobile famiglia polacca, avendo il titolo ufficiale di contessa. Ricevette un’ottima istruzione, ma poi un incidente cambiò radicalmente la sua vita. A 22 anni cadde da cavallo, rimanendo immediatamente cieca. Vennero consultati vari medici, ma fu presto evidente che non si poteva fare nulla. Il […]
    Philip Kosloski
  • Gruppo pro-vita denuncia la censura di Google
    Live Action, un gruppo attivista pro-vita, sostiene di essere oggetto della censura di Google. In un comunicato stampa, il presidente di Live Action, Lila Rose, ha affermato che Google ha smesso di gestire gli annunci pubblicitari pro-vita del gruppo. “Su richiesta di attivisti abortisti, Google ha BANDITO tutti gli annunci pro-vita di Live Action, inclusi […]
    Zelda Caldwell
  • Il sacerdote 30enne che è anche pompiere volontario
    Padre Pierre Fouquier, vicario parrocchiale e pompiere volontario negli ultimi tre anni, non impiega molto ad arrivare dalla caserma dei vigili del fuoco di Joué-lès-Tours alla sua parrocchia di Saint Marc, a Indre-et-Loire (Francia centro-occidentale). Il sacerdote dedica quasi 75 ore al mese al suo impegno volontario tra i vigili del fuoco, e bisogna andare […]
    Lauriane Vofo Kana
  • Come potrà Dio far sì che io raggiunga l’impossibile?
    Una fede senza opere è una fede morta. Ascolto oggi: “A che serve, fratelli miei, se uno dice di aver fede ma non ha opere? Può la fede salvarlo? Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e mancano del cibo quotidiano, e uno di voi dice loro: «Andate in pace, scaldatevi e saziatevi», […]
    Carlos Padilla
  • Stati Uniti: fino a settembre, già 40 attacchi contro chiese cattoliche
    Sono già 40 gli attacchi registrati contro chiese cattoliche in territorio statunitense nel corso del 2021. La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) ha divulgato sul suo sito un rapporto che elenca le chiese cattoliche attaccate nel Paese dal maggio 2020, giungendo ad almeno 95 episodi, considerando solo i casi conosciuti e confermati. […]
    Francisco Vêneto
  • Vite ascetiche, passioni azzerate, corpi poco curati: così è l’Uomo Angelico
    Vivere come gli angeli: il cristiano che aspira alla perfezione, non può fermarsi su niente. Allontana tutti gli ostacoli, rompe tutti i lacci che gli impediscono di correre verso la patria. San Giovanni Crisostomo ci invita a contemplare lo splendido esempio delle tre grandi figure di asceti: Elia, Eliseo e San Giovanni Battista, modelli di […]
    don Marcello Stanzione
  • Il tabernacolo più alto del mondo si trova a Madrid?
    Al 33° piano di uno dei grattacieli che costituiscono parte dello skyline della capitale spagnola si trova una cappella decisamente singolare. Per sette anni ho vissuto con la mia famiglia nella zona settentrionale di Madrid. Spesso dovevo prendere la macchina per arrivare al centro della città per qualche questione amministrativa. Accedendo dalla strada di Burgos […]
    Pilar Velilla Flores
  • Frodo, Sam e gli Hobbit esistono e vivono in Abruzzo
    Tolkien, più realtà che fantasia In una caverna sotto terra viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca, umida, piena di resti di vermi e di trasudo fetido, e neanche una caverna arida, spoglia, sabbiosa, con dentro niente per sedersi o da mangiare: era una caverna hobbit, cioè comodissima. Da Lo Hobbit Lo Hobbit […]
    Annalisa Teggi
  • Hanno perso le due figlie negli attentati di Parigi: “Non abbiamo conosciuto Dio fino alla loro morte”
    L’11 novembre 2015, Anna si è recata a Parigi da Barcellona, dove risiedeva, per fare una sorpresa alla madre per il suo compleanno. Arrivata nella Ville Lumière, è uscita a cena con la sorella, ma sono state crivellate a colpi di kalashnikov dai terroristi. I genitori, rendendosi contro che l’attacco aveva avuto luogo vicino alla […]
    Violeta Tejera
  • Affetto da paralisi cerebrale, è tassista, papà e scrittore. E voi, di cosa vi lamentate? (FOTO)
    Salvador percorre le strade di Guadalajara (Jalisco, Messico) sul suo taxi nel traffico intenso, portando i passeggeri da un lato all’altro della metropoli. Le persone si sorprendono per il fatto che una persona affetta da paralisi sia il loro autista, alcune oppongono resistenza, ad altre non importa l’aspetto di questo eroe, altre ancora vanno molto […]
    Jesús V. Picón

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 179:
    • 150:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login