Centenario della nascita di Wojtyla celebrato da Papa Francesco

Redazione1
di Redazione1 maggio 19, 2020 19:14

Centenario della nascita di Wojtyla celebrato da Papa Francesco

Lunedì 18 maggio, Papa Francesco ha celebrato la messa per i cento anni della nascita di Karol Wojtyla, all’altare della tomba di San Giovanni Paolo II nella Basilica di San Pietro, alla presenza di circa 30 fedeli. (report di Michel Gangne).

Bergoglio ha indicato i tre tratti, “La preghiera, la vicinanza al popolo e l’amore per la giustizia”, che hanno caratterizzato San Giovanni Paolo II. Wojtyla, ha detto Bergoglio, “era un uomo di Dio perché pregava e pregava tanto. Ma come mai un uomo che aveva tanto lavoro per guidare la Chiesa pregava tanto? Lui sapeva bene – ha sottolineato – che il primo compito di un vescovo e’ pregare. Non lo ha detto Vaticano II ma San Pietro”, il “primo compito di un vescovo è pregare e lui lo faceva e ci ha insegnato che quando un vescovo fa l’esame di coscienza la sera deve domandarsi quante ore ha pregato”. Wojtyla era “un uomo di preghiera”.

Secondo tratto di Giovanni Paolo II: era “un uomo di vicinanza”. “Non era un uomo distaccato dal popolo anzi, andava a trovare il suo popolo e giro’ il mondo intero trovando, cercando il suo popolo, facendosi vicino”, ha detto Francesco precisando che “la vicinanza e’ uno dei tratti di Dio con il suo popolo”, vicinanza che si fa forte in Gesù. “Un pastore e’ vicino al popolo – ha poi continuato – al contrario non e’ pastore e’ un gerarca, un amministratore, forse buono, ma non è pastore”.

“Giovanni Paolo II ci ha dato l’esempio di questa vicinanza, ai grandi e ai piccoli, ai vicini e ai lontani. Si faceva vicino”. Wojtyla era un uomo che “amava la giustizia, ma la giustizia piena. Un uomo – ha sottolineato il Papa – che voleva la giustizia sociale, dei popoli”, la giustizia “che caccia via le guerre”, la “giustizia piena”.

E Giovanni Paolo II “era l’uomo della misericordia, perché giustizia e misericordia vanno insieme, non si possono distinguere – ha precisato -. L’una senza l’altra non si trova”. Wojtyla “ha fatto tanto perché la gente capisse la Misericordia di Dio, ha portato avanti la devozione a Santa Faustina”. Giovanni Paolo II “aveva sentito che la giustizia di Dio aveva la faccia di misericordia e questo – ha proseguito – e’ un dono che ci ha lasciato: la giustizia misericordia e la misericordia giustizia”. “Preghiamolo oggi – è la sua preghiera finale – che dia a tutti noi, soprattutto ai pastori della Chiesa, la grazia della preghiera, la grazia della vicinanza e la grazia della giustizia che e’ misericordia e della misericordia che è giustizia”

Questa è stata l’ultima delle Messe del mattino celebrate in diretta streaming da Francesco dal 9 marzo scorso in seguito alla sospensione delle celebrazioni con la partecipazione del popolo a causa della pandemia del  Covidid-19. Con la ripresa in Italia e in altri Paesi delle celebrazioni con i fedeli, cessa, dal 19 maggio, la trasmissione in diretta della Messa delle 7 da Casa Santa Marta.

=======

Il Pontificato di Giovanni Paolo II è stato esemplare, condotto con passione, dedizione e fede straordinarie. Wojtyla è stato per tutta la sua vita un costruttore e sostenitore della pace; uno straordinario comunicatore, un uomo dalla volontà di acciaio, un leader e un esempio per tutti, soprattutto per i giovani, ai quali si sentiva particolarmente vicino. La sua figura è considerata una delle più significative e influenti per il corso della storia contemporanea.

La sua beatificazione, acclamata da tutti fin dai primi giorni seguiti alla sua morte, arriva in tempi record: il suo successore Papa Benedetto XVI lo proclama beato il giorno 1 maggio 2011. Viene canonizzato da Papa Francesco in una cerimonia condivisa con il papa emerito Benedetto XVI, insieme a Papa Giovanni XXIII il 27 aprile 2014.

=======

Un altro evento si intreccia con le celebrazioni del centenario della nascita di papa Wojtyla: a Wadowice, inizia la causa di beatificazione dei genitori di San Giovanni Paolo II

La fase diocesana di questa causa si è aperta ufficialmente a Wadowice, in Polonia, il 17 maggio scorso. Primo giudice della causa è l’arcivescovo di Cracovia Marek Jedraszewski, rappresentato come delegato da padre Andzej Scaber. «Tecnicamente – ha spiegato don Scaber – saranno due processi separati, uniti però dall’obiettivo di dimostrare che entrambi, praticarono le virtù cristiane in modo eroico”.

 

 

 

Redazione

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 19, 2020 19:14

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 426:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login