MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55

MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

E’ stato un momento celebrativo di particolare gioiosità, cui, alla abituale partecipazione affettiva dei messinesi verso la loro storica Patrona, si sono aggiunti altri motivi di contentezza per la presenza dell’amato concittadino, il Cardinale mons. Francesco Montenegro, tornato a Messina dopo 2 anni, e per la professione di fede emessa dal neo vescovo ausiliare mons. Cesare Di Pietro.

In una cattedrale gremita di fedeli, Messina ha celebrato con gioia la festività della Patrona, posticipandone i festeggiamenti per l’esigenza prioritaria della solennità del Corpus Domini. Gioia che per i messinesi, in questa speciale ricorrenza, è stata più intensamente vissuta per la presenza del Cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, tornato per l’occasione nella sua città. E la città tutta, festante, si è stretta a lui manifestandogli con entusiasmo il proprio affetto, nel grato ricordo del suo cammino di fede, che, come ha tenuto a evidenziare l’arcivescovo mons. Giovanni Accolla, lo ha visto operare fin dall’inizio della sua esperienza sacerdotale in un lungo e fecondo percorso pastorale nella Caritas diocesana, e nel generoso e costante servizio per gli ultimi e i poveri.

Con un’omelia dotta e centrata “Padre Franco”, come ancora lo chiamano  affettuosamente i parrocchiani di San Clemente, ha espresso con toni commossi i suoi sentimenti di felicità nel rivedere tanti cari amici e per averne potuto riabbracciare parecchi, insieme ai confratelli. Un particolare segno di contentezza e gratitudine, mons. Montenegro ha inteso manifestarlo affermando: “Se sono un prete che ha camminato e continua a farlo è merito di questa Chiesa”. Precisando, con umile e fraterno spirito di compartecipazione: “Oggi, a Messina, vengo da pellegrino ai piedi di Maria, per onorarla insieme a voi nel segno di una tradizione antichissima a cui ci piace legare la nostra vita”.

Riguardo a questa festività così cara ai messinesi, il Cardinale Montenegro, richiamandone il senso più significativo, ha poi sottolineato che alla Lettera di Maria ognuno di noi dovrebbe saper corrispondere scrivendo personalmente, col proprio esempio di vita, le parole amore, benevolenza, carità, attenzione, rispetto, amicizia.  Ha chiesto poi ai messinesi di pregare anche per l’Arcidiocesi di Agrigento a lui affidata, e ha rivolto il suo caloroso auspicio al neo vescovo ausiliare, mons. Cesare Di Pietro, che nel corso della celebrazione ha emesso la professione di fede, incoraggiandolo a continuare sulla scia di quanto finora ha compiuto con coraggio e abnegazione.

Montenegro ha richiamato anche l’attenzione sulla sofferta “consapevolezza di vivere una stagione difficile a causa delle drammatiche problematiche sociali, soprattutto in questa nostra isola, e le incertezze per il futuro”, ponendo l’interrogativo: “Ma noi in proposito quale impegno manifestiamo?”. Facendo rilevare, come spesso accade, che si rimanga inermi di fronte a quei processi di regressione che intaccano vari ambiti della vita nelle nostre Comunità, come se si trattasse di questioni non riguardanti la nostra fede. Mentre “il domicilio della Chiesa – ha ribadito Montenegro  – è la strada ed è legato all’impegno verso gli ultimi, i poveri, che non hanno bisogno soltanto di pane e vestiti, ma di amicizia e soprattutto del diritto di vivere, come tutti noi, le gioie e le emozioni”.

Al solenne pontificale, presieduto da Montenegro, e concelebrato dall’arcivescovo mons. Accolla, da mons. Vittorio Mondello, arcivescovo emerito di Reggio Calabria e Bova, e dal neo vescovo ausiliare mons. Di Pietro  – che sarà consacrato il prossimo 2 luglio –  erano presenti innumerevoli sacerdoti e religiosi dell’Arcidiocesi, e le varie autorità civili, militari e accademiche. Ad animare la celebrazione è stata il coro diocesano “S. Maria della Lettera”, diretto dal maestro Nazzareno De Benedetto e accompagnato all’organo da don Giovanni Lombardo

 

 

 

A. Majolino

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Assemblea Cei: obbligo morale di denunciare gli abusi sui minori
    Oltre alla tutela dei minori l'Assemblea Cei ha affrontato la difficile situazione nelle zone terremotate: il premier italiano Conte vedrà i 26 vescovi del Centro Italia. Il card. Bassetti: un Sinodo della Chiesa italiana richiede tempi lunghiLa Chiesa italiana intensifica la lotta agli abusi su minori e soggetti deboli. Si è chiusa in Vaticano l’Assemblea […]
    Vatican News
  • Le danze irlandesi producono sorprendenti benefici per chi soffre di Parkinson
    Un altro incontro virtuoso tra scienza e tradizione: il ritmo dei balli comunitari irlandesi tramandati dal medioevo aiuta il cervello a superare alcuni impedimenti neurologici nell'andatura.La tradizione è considerata spesso una fantasma da cui le nostre case dovrebbero essere disinfestate. Roba vecchia e stantia, zavorra ormai desueta di cui liberarsi. Chesterton era di altro parere […]
    Annalisa Teggi
  • Don Fabio Rosini, Abramo, i migranti: la Bibbia secondo Neri Marcorè
    L'attore e regista marchigiano racconta in che modo è stato ispirato dalle Sacre Scritture Ospite lo scorso 2 maggio alla serata inaugurale del Festival Biblico di Vicenza, il regista e attore Neri Marcorè è un cultore delle Sacre Scritture. Marcorè, intervistato da Famiglia Cristiana (23 maggio), cita una sua recente lettura: «Ho appena concluso un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Anime e clichés: c’è un professionista che “aggiusta” la gente fotografandola
    Veterano della fotografia formatosi trent’anni fa presso l’istituto Louis Lumière, Pedro Lombardi ha scelto di mettere il suo talento a servizio dell’umano. Nel 2009 l’Associazione ASMAE di suor Emmanuelle si rivolge a lui: fu l’elemento scatenante di un’avventura al cuore dell’anima umana. Grazie a un atelier fotografico appositamente concepito e realizzato, l’artista riesce a riparare, […]
    Louise Alméras
  • Crocifissa e flagellata come Gesù: Santa Giulia ha resistito a chi le chiedeva di rinnegare la sua fede
    Il martirio è da brividi. Ma non tutti gli storici concordano su come si sarebbero svolti i fatti In Italia quello di Giulia è uno dei nomi femminili più popolari. Della Santa omonima (420-450), però, poco o nulla si sa, se non l’ essenziale: all’abiura della fede cristiana preferì il martirio. È una Passio alquanto […]
    Gelsomino Del Guercio
  • FOTO ESCLUSIVE: Volete dare un’occhiata all’interno di una clausura domenicana?
    In soli 12 mesi, le religiose del New Jersey sono riuscite a progettare e finanziare l'espansione del loro monastero“E come pensate di raccogliere il denaro necessario per questo progetto, sorella?”, hanno chiesto riferendosi alla proposta di espandere il loro antico monastero. La religiosa ha risposto sorridendo: “Dio provvederà!” E così è stato. Il 17 maggio, […]
    Jeffrey Bruno
  • La bellezza è inutile: è per questo che vale così tanto!
    L’amore non conserva, non calcola, non pensa a quello che resta, e per questo è bello. L’amore richiede uno spreco, la bellezza è uno spreco, ma per questo è così importante, perché ci fa comprendere come ragiona Dio.di Anna Mazzitelli Copio dal libro scritto da un mio amico, che inviterò tutti a comprare appena vedrà […]
    Piovono Miracoli 2.0
  • I testimoni che hanno visto lottare Natuzza Evolo contro il demonio
    Le ricostruzioni di Italia Giampà e del professore Marinelli sono agli atti del processo di beatificazione della mistica calabrese Natuzza Evolo, la mistica calabrese morta in concetto di santità il primo novembre 2009, nelle sua lunga vita, non ebbe a che fare solo con gli angeli buoni, ma purtroppo anche con gli spiriti maligni. Natuzza […]
    don Marcello Stanzione
  • Studenti di un’università cattolica vivono per un semestre in un monastero trecentesco
    Gli allievi dell'Università Francescana di Steubenville vanno ad abitare nella Kartause, un monastero certosino sulle Alpi austriacheIl pittoresco villaggio di Gaming è adagiato alle pendici delle Alpi austriache. Ogni anno centinaia di studenti dell’Università Francescana di Steubenville vi si recano per il loro semestre all’estero. Gli allievi vivono, pregano e imparano nel gioiello di Gaming, […]
    Carissa Pluta
  • E mentre l’uomo parla di eutanasia, la Madonna va in visita agli ammalati
    Il mese di maggio è tempo di processioni, la Madonna che visita le nostre strade e si avvicina alle nostre ferite ci ricorda che la ricerca del bene ci porta a incontrare Dio, mentre la venerazione del benessere ci chiude in trappole mortali.Ogni anno qui a Crotone potete assistere ad una processione davvero significativa. È […]
    Sposi&spose di Cristo

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 0:
    • 122:
    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login