MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55

MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

E’ stato un momento celebrativo di particolare gioiosità, cui, alla abituale partecipazione affettiva dei messinesi verso la loro storica Patrona, si sono aggiunti altri motivi di contentezza per la presenza dell’amato concittadino, il Cardinale mons. Francesco Montenegro, tornato a Messina dopo 2 anni, e per la professione di fede emessa dal neo vescovo ausiliare mons. Cesare Di Pietro.

In una cattedrale gremita di fedeli, Messina ha celebrato con gioia la festività della Patrona, posticipandone i festeggiamenti per l’esigenza prioritaria della solennità del Corpus Domini. Gioia che per i messinesi, in questa speciale ricorrenza, è stata più intensamente vissuta per la presenza del Cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, tornato per l’occasione nella sua città. E la città tutta, festante, si è stretta a lui manifestandogli con entusiasmo il proprio affetto, nel grato ricordo del suo cammino di fede, che, come ha tenuto a evidenziare l’arcivescovo mons. Giovanni Accolla, lo ha visto operare fin dall’inizio della sua esperienza sacerdotale in un lungo e fecondo percorso pastorale nella Caritas diocesana, e nel generoso e costante servizio per gli ultimi e i poveri.

Con un’omelia dotta e centrata “Padre Franco”, come ancora lo chiamano  affettuosamente i parrocchiani di San Clemente, ha espresso con toni commossi i suoi sentimenti di felicità nel rivedere tanti cari amici e per averne potuto riabbracciare parecchi, insieme ai confratelli. Un particolare segno di contentezza e gratitudine, mons. Montenegro ha inteso manifestarlo affermando: “Se sono un prete che ha camminato e continua a farlo è merito di questa Chiesa”. Precisando, con umile e fraterno spirito di compartecipazione: “Oggi, a Messina, vengo da pellegrino ai piedi di Maria, per onorarla insieme a voi nel segno di una tradizione antichissima a cui ci piace legare la nostra vita”.

Riguardo a questa festività così cara ai messinesi, il Cardinale Montenegro, richiamandone il senso più significativo, ha poi sottolineato che alla Lettera di Maria ognuno di noi dovrebbe saper corrispondere scrivendo personalmente, col proprio esempio di vita, le parole amore, benevolenza, carità, attenzione, rispetto, amicizia.  Ha chiesto poi ai messinesi di pregare anche per l’Arcidiocesi di Agrigento a lui affidata, e ha rivolto il suo caloroso auspicio al neo vescovo ausiliare, mons. Cesare Di Pietro, che nel corso della celebrazione ha emesso la professione di fede, incoraggiandolo a continuare sulla scia di quanto finora ha compiuto con coraggio e abnegazione.

Montenegro ha richiamato anche l’attenzione sulla sofferta “consapevolezza di vivere una stagione difficile a causa delle drammatiche problematiche sociali, soprattutto in questa nostra isola, e le incertezze per il futuro”, ponendo l’interrogativo: “Ma noi in proposito quale impegno manifestiamo?”. Facendo rilevare, come spesso accade, che si rimanga inermi di fronte a quei processi di regressione che intaccano vari ambiti della vita nelle nostre Comunità, come se si trattasse di questioni non riguardanti la nostra fede. Mentre “il domicilio della Chiesa – ha ribadito Montenegro  – è la strada ed è legato all’impegno verso gli ultimi, i poveri, che non hanno bisogno soltanto di pane e vestiti, ma di amicizia e soprattutto del diritto di vivere, come tutti noi, le gioie e le emozioni”.

Al solenne pontificale, presieduto da Montenegro, e concelebrato dall’arcivescovo mons. Accolla, da mons. Vittorio Mondello, arcivescovo emerito di Reggio Calabria e Bova, e dal neo vescovo ausiliare mons. Di Pietro  – che sarà consacrato il prossimo 2 luglio –  erano presenti innumerevoli sacerdoti e religiosi dell’Arcidiocesi, e le varie autorità civili, militari e accademiche. Ad animare la celebrazione è stata il coro diocesano “S. Maria della Lettera”, diretto dal maestro Nazzareno De Benedetto e accompagnato all’organo da don Giovanni Lombardo

 

 

 

A. Majolino

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • “Mi raccomando, fai il bravo e sii prudente!”
    Lo ripetiamo sempre ai nostri figli e loro sbuffano, ma anche Dio nella Bibbia ci educa con parole simili e tanta pazienza.Quante volte faccio questa raccomandazione ai miei figli: “Stai attento! Sii prudente, tieni gli occhi aperti!” … e la risposta unanime è sempre un sì strascicato che ti fa sentire tutta la pesantezza delle […]
    Mogli e mamme per vocazione
  • Astro del ciel compie 200 anni ed è patrimonio dell’umanità (lo sapevate?)
    La leggenda dell'origine di questo canto comincia con alcuni topolini che rompono un organo poco prima della Messa di Natale e poi grazie a una chitarra nasce una melodia di pace.Buon pomeriggio, il nostro avvento quest’anno sarà tutto a suon di musica, come già scritto nel gruppo e nella pagina facebook, ogni settimana vi proponiamo […]
    Stile di vita di una folle donna cattolica
  • Una famiglia normale alle prese col S.Natale: non siamo perfetti, ma ci siamo “quasi”!
    Il resto lo compie il Signore, piccolo e onnipotente. L'imperfezione è il pretesto giusto per ricordarci che è Gesù Cristo che compie. Erica Bassi, moglie di Davide, mamma di Marco, Chiara e Pietro, autrice del libro “La porta gialla”, amica del Movimento Pro Sanctitate, ci racconta il suo Natale in famiglia. Natale, santità, famiglia: tre […]
    Erica Bassi
  • Io nel presepe voglio stare tra i pastori
    I pastori sono i primi che accorrono alla Grotta su invito degli angeli. Erano ignoranti, ma sono i primi chiamati. Nella loro semplicità, capiscono. Io mi metto fra loro.Un mio amico napoletano è un attivo organizzatore di pellegrinaggi in Terra Santa. Dopo l’ultimo viaggio mi ha raccontato che alcuni partecipanti, all’inizio, si erano dichiarati atei: […]
    Pippo Corigliano
  • Sacerdote belga arrestato per non aver rivelato i pensieri suicidi di un uomo
    Il tribunale ha stabilito che il segreto della Confessione non poteva essere usato come difesaUn tribunale belga ha arrestato un sacerdote cattolico per non aver cercato aiuto per un uomo che gli aveva confessato i suoi pensieri suicidi, ha riferito la Reuters. Padre Alexander Stroobandt ha ricevuto una condanna a un mese di carcere, poi […]
    Zelda Caldwell
  • Si può ottenere un’indulgenza pregando l’angelo custode: ecco come si fa
    San Giovanni Bosco ha riportato il numero e i giorni di preghiera per avere la plenaria o quella di 100 giorniSi può ottenere un’indulgenza plenaria pregando l’angelo custode? La risposta è affermativa. Ce lo insegna San Giovanni Bosco. Come riporta Don Marcello Stanzione in “Gli angeli di San Giovanni Bosco” (La Fontana di Siloe), il […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Per essere santi non basta essere giusti bisogna avere fiducia in Dio, come San Giuseppe
    Come ci si può fidare di un sogno? Eppure Giuseppe si fida. Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Il fondatore dell’Opus Dei aveva un angelo custode “orologiaio”
    Lo risvegliava sempre con estrema puntualità. San Josémaria Escrivà riusciva ad entrare in contatto anche con gli angeli custodi delle altre personeSan Josémaria Escrivà (1902-1975), il fondatore dell’Opus Dei, aveva una fede enorme nel suo Angelo Custode, che gli ha reso immensi servizi, tra cui quello di salvargli la vita. Notiamo che la fondazione dell’Opus […]
    don Marcello Stanzione
  • 6 prodigi inspiegabili compiuti da San Giovanni Battista de La Salle
    Il santo, fondatore dei Fratelli delle Scuole Cristiane, è stato protagonista di miracoli e guarigioni straordinarieAlmeno sei guarigioni prodigiose, quando era ancora in vita, vengono attribuire al santo francese Giovanni Battista de La Salle (1651-1719), De La Salle è stato l’educatore per eccellenza tra i santi, ha fondato le scuole cristiane in Francia, e avvicinato […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Mara Santangelo: ho vinto tanto ma ero infelice. A Medjugorje è cambiata la mia vita
    L'ex campionessa di tennis è fiorita veramente quando ha incontrato l'amore di Cristo. "Mettere in pratica ciò che Gesù ci chiede non è semplice, ma il tragitto verso la santità non è una competizione e tutti possiamo aspirare al traguardo"Mara Santangelo ha due occhi azzurri accesi di gioia, basta scorrere alcune delle foto che pubblica […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 31:
    • 62:
    dicembre: 2018
    L M M G V S D
    « Nov    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login