MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55

MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

E’ stato un momento celebrativo di particolare gioiosità, cui, alla abituale partecipazione affettiva dei messinesi verso la loro storica Patrona, si sono aggiunti altri motivi di contentezza per la presenza dell’amato concittadino, il Cardinale mons. Francesco Montenegro, tornato a Messina dopo 2 anni, e per la professione di fede emessa dal neo vescovo ausiliare mons. Cesare Di Pietro.

In una cattedrale gremita di fedeli, Messina ha celebrato con gioia la festività della Patrona, posticipandone i festeggiamenti per l’esigenza prioritaria della solennità del Corpus Domini. Gioia che per i messinesi, in questa speciale ricorrenza, è stata più intensamente vissuta per la presenza del Cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, tornato per l’occasione nella sua città. E la città tutta, festante, si è stretta a lui manifestandogli con entusiasmo il proprio affetto, nel grato ricordo del suo cammino di fede, che, come ha tenuto a evidenziare l’arcivescovo mons. Giovanni Accolla, lo ha visto operare fin dall’inizio della sua esperienza sacerdotale in un lungo e fecondo percorso pastorale nella Caritas diocesana, e nel generoso e costante servizio per gli ultimi e i poveri.

Con un’omelia dotta e centrata “Padre Franco”, come ancora lo chiamano  affettuosamente i parrocchiani di San Clemente, ha espresso con toni commossi i suoi sentimenti di felicità nel rivedere tanti cari amici e per averne potuto riabbracciare parecchi, insieme ai confratelli. Un particolare segno di contentezza e gratitudine, mons. Montenegro ha inteso manifestarlo affermando: “Se sono un prete che ha camminato e continua a farlo è merito di questa Chiesa”. Precisando, con umile e fraterno spirito di compartecipazione: “Oggi, a Messina, vengo da pellegrino ai piedi di Maria, per onorarla insieme a voi nel segno di una tradizione antichissima a cui ci piace legare la nostra vita”.

Riguardo a questa festività così cara ai messinesi, il Cardinale Montenegro, richiamandone il senso più significativo, ha poi sottolineato che alla Lettera di Maria ognuno di noi dovrebbe saper corrispondere scrivendo personalmente, col proprio esempio di vita, le parole amore, benevolenza, carità, attenzione, rispetto, amicizia.  Ha chiesto poi ai messinesi di pregare anche per l’Arcidiocesi di Agrigento a lui affidata, e ha rivolto il suo caloroso auspicio al neo vescovo ausiliare, mons. Cesare Di Pietro, che nel corso della celebrazione ha emesso la professione di fede, incoraggiandolo a continuare sulla scia di quanto finora ha compiuto con coraggio e abnegazione.

Montenegro ha richiamato anche l’attenzione sulla sofferta “consapevolezza di vivere una stagione difficile a causa delle drammatiche problematiche sociali, soprattutto in questa nostra isola, e le incertezze per il futuro”, ponendo l’interrogativo: “Ma noi in proposito quale impegno manifestiamo?”. Facendo rilevare, come spesso accade, che si rimanga inermi di fronte a quei processi di regressione che intaccano vari ambiti della vita nelle nostre Comunità, come se si trattasse di questioni non riguardanti la nostra fede. Mentre “il domicilio della Chiesa – ha ribadito Montenegro  – è la strada ed è legato all’impegno verso gli ultimi, i poveri, che non hanno bisogno soltanto di pane e vestiti, ma di amicizia e soprattutto del diritto di vivere, come tutti noi, le gioie e le emozioni”.

Al solenne pontificale, presieduto da Montenegro, e concelebrato dall’arcivescovo mons. Accolla, da mons. Vittorio Mondello, arcivescovo emerito di Reggio Calabria e Bova, e dal neo vescovo ausiliare mons. Di Pietro  – che sarà consacrato il prossimo 2 luglio –  erano presenti innumerevoli sacerdoti e religiosi dell’Arcidiocesi, e le varie autorità civili, militari e accademiche. Ad animare la celebrazione è stata il coro diocesano “S. Maria della Lettera”, diretto dal maestro Nazzareno De Benedetto e accompagnato all’organo da don Giovanni Lombardo

 

 

 

A. Majolino

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 5 buoni motivi per guardare la serie Suits
    Per una volta un contenuto tv è davvero buono, equilibrato, positivo. I buoni sono buoni, i cattivi non sono per niente affascinanti, l'amore è nella coppia, l'amicizia è un valore.Accendere la televisione è come passeggiare in trincea, non sai quando e dove, ma sicuramente ti spareranno. Tutto è ideologizzato, tutto è costruito affinché menti ingenue […]
    Martha, Mary and Me
  • Come posso accettare e perdonare la mia debolezza?
    Serve molta umiltà per accettare il perdono...È sempre possibile rinascere. Posso sempre tornare all’inizio del cammino già percorso. Servono sforzo, lotta e dedizione, è vero. È una decisione di testa, della volontà che dice che vuole e del cuore che abbraccia il primo passo compiuto. Ho mai dovuto tornare sui miei passi? Ho dovuto tornare […]
    Carlos Padilla
  • La missione è dire al mondo che la Verità ci tiene per mano
    Dissuaso dall'usare la parola "verità" per testimoniare il Vangelo, un sacerdote riscopre coi suoi alunni la grande novità del Cristianesimo: essere testimoni di un'esperienza di bene che cambia la vita.di Luca Speziale Un paio di mesi dopo il nostro arrivo in Inghilterra siamo stati invitati dalla diocesi a partecipare a un corso organizzato dalla Conferenza […]
    Fraternità San Carlo Borromeo
  • Esorcismi e Unione Antidemoniaca: così San Giuseppe Pallotti sfidava il diavolo
    "“Non io ma Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo comanda, o demonio, a te e ai tuoi satelliti di non sottovalutare alcun ordine" San Vincenzo Pallotti (1795-1850), protettore del clero, ebbe sempre una particolare sensibilità nella lotta contro il demonio Nei primi giorni del suo sacerdozio, il 26 maggio 1818, in una lettera a […]
    don Marcello Stanzione
  • Per chi dice che non va più in Chiesa per colpa dei preti o di alcuni cristiani…
    Ricordate che in Chiesa non si va né per la simpatia dei ministri né per la cordialità dei parrocchiani. E se delle volte un buon sacerdote o un buon cristiano sono un formidabile aiuto alla propria fede, è pur vero che ciò che conta quando si ha sete è l’acqua e non la qualità del […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Quali sono le mancanze gravi nei confronti del primo comandamento?
    Mettere Dio al secondo posto nella vita, dopo il denaro, ad esempio, è una di questeI comandamenti di Dio iniziano dicendo “Amerai Dio al di sopra di tutto”. Il primo comandamento si riferisce all’amore di Dio, e Gesù lo ha riassunto in questo modo: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con […]
    Reginaldo Manzotti
  • E voi, care donne, lasciate caricare la lavastoviglie alle amiche?
    Noi donne abbiamo una certa difficoltà a lasciare usare la lavastoviglie a qualcun altro. Eppure se imparassimo a farlo romperemmo con il perfezionismo e con la mania di volere tutto come diciamo noi. di Anita Baldisserotto Se siamo amiche mi lasci fare la tua lavastoviglie? Vi sembrerà strano ma ora vi racconto: ho notato che […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Un grande miracolo per il piccolo Gabry: trovato donatore compatibile!
    Gabriele ha 2 anni ed ha una malattia genetica rarissima: la Sifd. Finalmente è stato identificato il donatore di midollo osseo: «Non sappiamo chi sia ma gli dobbiamo tutto» le parole del padre.Gabriele, anzi, “Gabry Little Hero”, come è intitolata la pagina Facebook creata dai genitori per raccontare la sua storia, è un guerriero di […]
    Silvia Lucchetti
  • Cari genitori, 5 regole per evitare che i vostri figli siano vittime di internet e chat perverse
    Dal cyberbullismo al sexting: come prevenire adescamento e violazioni della privacy Con la ripresa della scuola e il moltiplicarsi delle occasioni delle relazioni tra pari anche tramite social e smartphone è più facile che un ragazzo possa cadere in una delle tante trappole della rete come prevaricazioni, cyberbullismo, sexting e sextortion, adescamento, violazioni della privacy, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La verità dietro gli adolescenti autolesionisti
    Gli adolescenti che effettuano il cutting o si infliggono altri tipi di ferite stanno chiedendo disperatamente aiutoL’autolesionismo tra gli adolescenti non è una moda o un tentativo di attirare l’attenzione. Quando diffondiamo punti di vista del genere, proviamo a molti adolescenti che hanno ragione a sentirsi soli di fronte ai loro problemi. L’autolesionismo ha cause […]
    Małgorzata Rybak

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 40:
    • 130:
    settembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ago    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

    Login