MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55

MESSINA – Celebrata la Festività della Madonna della Lettera, presieduta dal Cardinale Francesco Montenegro

E’ stato un momento celebrativo di particolare gioiosità, cui, alla abituale partecipazione affettiva dei messinesi verso la loro storica Patrona, si sono aggiunti altri motivi di contentezza per la presenza dell’amato concittadino, il Cardinale mons. Francesco Montenegro, tornato a Messina dopo 2 anni, e per la professione di fede emessa dal neo vescovo ausiliare mons. Cesare Di Pietro.

In una cattedrale gremita di fedeli, Messina ha celebrato con gioia la festività della Patrona, posticipandone i festeggiamenti per l’esigenza prioritaria della solennità del Corpus Domini. Gioia che per i messinesi, in questa speciale ricorrenza, è stata più intensamente vissuta per la presenza del Cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, tornato per l’occasione nella sua città. E la città tutta, festante, si è stretta a lui manifestandogli con entusiasmo il proprio affetto, nel grato ricordo del suo cammino di fede, che, come ha tenuto a evidenziare l’arcivescovo mons. Giovanni Accolla, lo ha visto operare fin dall’inizio della sua esperienza sacerdotale in un lungo e fecondo percorso pastorale nella Caritas diocesana, e nel generoso e costante servizio per gli ultimi e i poveri.

Con un’omelia dotta e centrata “Padre Franco”, come ancora lo chiamano  affettuosamente i parrocchiani di San Clemente, ha espresso con toni commossi i suoi sentimenti di felicità nel rivedere tanti cari amici e per averne potuto riabbracciare parecchi, insieme ai confratelli. Un particolare segno di contentezza e gratitudine, mons. Montenegro ha inteso manifestarlo affermando: “Se sono un prete che ha camminato e continua a farlo è merito di questa Chiesa”. Precisando, con umile e fraterno spirito di compartecipazione: “Oggi, a Messina, vengo da pellegrino ai piedi di Maria, per onorarla insieme a voi nel segno di una tradizione antichissima a cui ci piace legare la nostra vita”.

Riguardo a questa festività così cara ai messinesi, il Cardinale Montenegro, richiamandone il senso più significativo, ha poi sottolineato che alla Lettera di Maria ognuno di noi dovrebbe saper corrispondere scrivendo personalmente, col proprio esempio di vita, le parole amore, benevolenza, carità, attenzione, rispetto, amicizia.  Ha chiesto poi ai messinesi di pregare anche per l’Arcidiocesi di Agrigento a lui affidata, e ha rivolto il suo caloroso auspicio al neo vescovo ausiliare, mons. Cesare Di Pietro, che nel corso della celebrazione ha emesso la professione di fede, incoraggiandolo a continuare sulla scia di quanto finora ha compiuto con coraggio e abnegazione.

Montenegro ha richiamato anche l’attenzione sulla sofferta “consapevolezza di vivere una stagione difficile a causa delle drammatiche problematiche sociali, soprattutto in questa nostra isola, e le incertezze per il futuro”, ponendo l’interrogativo: “Ma noi in proposito quale impegno manifestiamo?”. Facendo rilevare, come spesso accade, che si rimanga inermi di fronte a quei processi di regressione che intaccano vari ambiti della vita nelle nostre Comunità, come se si trattasse di questioni non riguardanti la nostra fede. Mentre “il domicilio della Chiesa – ha ribadito Montenegro  – è la strada ed è legato all’impegno verso gli ultimi, i poveri, che non hanno bisogno soltanto di pane e vestiti, ma di amicizia e soprattutto del diritto di vivere, come tutti noi, le gioie e le emozioni”.

Al solenne pontificale, presieduto da Montenegro, e concelebrato dall’arcivescovo mons. Accolla, da mons. Vittorio Mondello, arcivescovo emerito di Reggio Calabria e Bova, e dal neo vescovo ausiliare mons. Di Pietro  – che sarà consacrato il prossimo 2 luglio –  erano presenti innumerevoli sacerdoti e religiosi dell’Arcidiocesi, e le varie autorità civili, militari e accademiche. Ad animare la celebrazione è stata il coro diocesano “S. Maria della Lettera”, diretto dal maestro Nazzareno De Benedetto e accompagnato all’organo da don Giovanni Lombardo

 

 

 

A. Majolino

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 9, 2018 21:55


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Domenica delle Palme: tutorial per realizzare in casa i rami con i vostri bambini
    Prendete carta, forbici, colori, spillatrice… chiamate i bambini e mettetevi all’opera! Proprio ieri raccontavo a mia figlia Linda Maria che la prima messa a cui ha partecipato nella sua vita è stata quella della domenica delle palme di due anni fa. Glielo dicevo con un pizzico di nostalgia perché ora, con la pandemia in corso, non […]
    Silvia Lucchetti
  • Una quarentena per parlare con mia moglie
    La vita serena di una coppia che vive l’isolamento in casa per evitare il contagio del coronavirus Ricordo quando mi hai detto “Andiamo a salutare il sole” e ti ho accompagnata in giardino, dove hai chiuso gli occhi inspirando la brezza mattutina mentre io iniziavo a pensare alla fitta agenda che mi aspettava quel giorno. […]
    Orfa Astorga
  • Non tornano a casa per prendersi cura degli anziani
    Eroi che danno il meglio di sé. Uomini e donne mostrano in questi giorni tristi la loro umanità più luminosa Navighiamo in un mare di dubbi che ci tolgono la tranquillità. Stiamo soffrendo disorientati di fronte a una pandemia di dimensioni planetarie e non sappiamo dove stiamo andando. Incertezza, paura, la macchina produttiva che decelera […]
    Ignasi de Bofarull
  • “Veglierò su di te per quello che hai fatto”: le ultime parole all’infermiera che l’ha assistita
    Una signora ricoverata all’Ospedale San Luigi di Orbassano di Torino sta per morire a causa del Covid. L’infermiera le permette di salutare la sua famiglia tramite videochiamata dal suo cellulare. “Grazie, veglierò su di te per quello che hai fatto” le dice e poco dopo chiude gli occhi. Il sindaco di Volvera, un piccolo comune […]
    Silvia Lucchetti
  • Don Paolo, sull’auto del Comune, gira per i paesi a recitare il Rosario
    “E’ un modo per essere presente, per farmi sentire”. Un’iniziativa, molto utile al tempo del coronavirus, che è stata gradita dai fedeli “Passerò io, da solo, a portare la preghiera del Rosario! Voi, se volete, aprite le finestre e uscite sui balconi…” – ha scritto Don Paolo Padrini in un post sulla sua pagina Facebook. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Don Alberto Ravagnani: digiuna dal cellulare, torna libero! (VIDEO)
    Basta un’ora. Questo è l’esercizio che ci propone. Eh, dai, ma cosa vuoi che cambi? Prova. Tirarsi la zappa sui piedi: parlare di digiuno dallo smartphone e vivere di visualizzazioni? Certo, non siamo sprovveduti, dai. Aleteia “vive” sui social, con collegamenti più da mobile che da desktop, per giunta. Raggiungiamo milioni di persone con i […]
    Paola Belletti
  • 12 santi che vi faranno innamorare dell’Eucaristia
    La Messa ri-presenta l’unico sacrificio di Cristo, e celebrarla significa tornare misticamente nel Cenacolo e sul Golgota. L’effetto di questo mistero tuttavia non è un intimistico solipsismo, bensì il rafforzamento dell’unione ecclesiale (detta appunto “comunione”). In un momento gravemente critico anche sul piano spirituale è bene saper scegliere guide sicure. È degno di nota come […]
    Giovanni Marcotullio
  • “Cristo” di oggi: 4 storie di dedizione fino alla morte
    Álvaro Iglesias, Anas al Basha, Maximiliano Kolbe, Ignacio Echeverría: esistono ancora persone “normali” che danno tutto L’amore è sempre una scelta. Una scelta che coinvolge tutta la nostra vita. Nell’enciclica Deus Caritas Est, Papa Benedetto XVI segnala: “Siccome Dio ci ha amati per primo (cfr 1 Gv 4, 10), l’amore adesso non è più solo […]
    Luisa Restrepo
  • Breve preghiera per la guarigione spirituale
    Non dimenticate di chiedere a Dio di guarire la vostra anima e di riportare la pace nella vostra vita Se la salute del corpo è estremamente importante, quello che è ancora più vitale è la salute dell’anima. Il nostro destino eterno dipende dallo stato della nostra anima quando moriremo, e dal fatto di essere aperti […]
    Philip Kosloski
  • Un sacerdote ti ha bloccato su Facebook. Ha peccato di poca carità?
    Padre Gabriel Vila Verde: “Ogni profilo è privato. Appartiene a quel qualcuno che non può diventare un bersaglio” Sul suo profilo personale di Facebook, rete sociale in cui è piuttosto popolare tra i cattolici, padre Gabriel Vila Verde ha spiegato che è giusto bloccare le persone che non sanno comportarsi con rispetto e civiltà: “Lo […]
    Gabriel Vila Verde

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 8:
    • 278:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login