MESSINA – Montevergine, l’emozionante “Rito di vestizione” di due giovani che entrano nella Famiglia delle “Sorelle povere di S. Chiara”.

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2018 23:35

MESSINA –  Montevergine, l’emozionante “Rito di vestizione” di due giovani che entrano nella Famiglia delle “Sorelle povere di S. Chiara”.

Un commovente rito di iniziazione mediante cui due giovani Novizie entrano a far parte della Comunità delle claustrali “Sorelle povere di S. Chiara”, di Montevergine, perchè verifichino la vocazione alla quale il Signore le ha chiamate; un avvenimento di grande significato spirituale che onora e rafforza l’identità religioso culturale di Messina, Terra di santi

Ci sono eventi di elevato valore culturale riguardanti la vita religiosa della nostra città, come quello avvenuto di recente nell’intimità del Monastero di clausura di Montevergine, che meritano di essere messi in luce perchè onorano e arricchiscono la nostra collettività. Rappresentano infatti momenti di alto significato spirituale e identitario che concorrono, fra l’altro, a dimostrare quanto Messina sia da considerare una Terra promotrice di santità.

Il fatto che due giovani donne iniziano il Noviziato nella Fraternità delle Sorelle povere di S. Chiara per verificare, con un’esperienza di vita claustrale, la vocazione alla quale il Signore le ha chiamate, è un segno importante di arricchimento del patrimonio di religiosità che caratterizza e dà valore all’identità culturale messinese. Tanto più perché un progetto di vita donativa sacrificale così totalizzante per il bene delle anime, acquista maggior valore in una società in cui profitto egoistico ed edonismo tendono di gran lunga a prevalere.

Dimostra inoltre che la nostra città può vantare una Comunità monastica claustrale di grande tradizione secolare che, nonostante la sua lunga storia, nel segno della Fondatrice Eustochia Calafato, mostra una vitale continuità e crescita del suo potenziale di religiosità contemplativa, a rafforzamento e sostegno del nostro ricco patrimonio spirituale.

 L’importante evento di iniziazione è stato celebrato, in forma riservata, con un rito avvincente di alto significato religioso, nella Chiesa di Montevergine alla presenza di una ristretta cerchia di partecipanti. Nella mistica atmosfera del Tempio di Santa Eustochia Smeralda si è vissuta un’esperienza di fede toccante, ricca di intense emozioni spirituali, durante la quale le due giovani donne: Chiara Serafini, di 28 anni, e Cinzia Vinci, di 45, hanno indossato l’abito delle Novizie che le ha introdotte nella Famiglia delle claustrali Sorelle Povere di S. Chiara.

E’ stata una liturgia intima e coinvolgente – presieduta dal Cappellano mons. Pietro Aliquò, insieme alla Comunità delle Clarisse guidate dalla abbadessa madre Agnese Pavone – che ha sancito il passaggio dallo stato di postulanti a quello di novizie delle due donne che, nel pieno della loro giovinezza, hanno deciso di intraprendere il cammino di donazione a Dio, mediante l’esperienza sacrificale della vita di clausura, in povertà, preghiera e nascondimento.

E così, nella mistica atmosfera del tempio di Montevergine, al canto d’ingresso, accompagnate dai genitori e biancovestite come novie, Chiara e Cinzia sono salite all’altare per compiere l’atto di introduzione alla vita religiosa. Subito dopo, in preparazione all’atto rituale centrale delle “promesse spose” all’Amato divino, si è levato il canto cadenzato dei salmi, tra le cui implorazioni sono risuonate quelle particolarmente significative: “Si, io sono il tuo servo, Signore, / a te offrirò sacrifici di lode /…“Adempirò i miei voti al Signore, / davanti a tutto il suo popolo, / negli atri della casa del Signore,/. 

Immediatamente dopo, entrando nel vivo del suo svolgimento, il rituale si è snodato attraverso i passaggi salienti che hanno rappresentato la centralità dell’azione liturgica. La rinuncia della veste mondana; la vestizione dell’abito di penitenza; il taglio dei capelli; la consegna del Vangelo e del libro della liturgia delle Ore, quale impegno di orazione e devozione.

Poi l’assegnazione del nuovo nome: per Chiara Serafini quello di “Sr. Chiara Maria Eustochia, della Passione, per Cinzia Vinci il nome di Sr. Maria Chiara Amata, dell’Eucarestia. In tal modo, le due giovani novizie, messinese la prima, milazzese la seconda, sull’esempio di Chiara di Assisi, – come ha sottolineato mons. Aliquò – vestendo l’abito nuovo di un’esistenza rivolta all’esperienza claustrale “si  avviano ad un incontro di amore senza tempo, rispondendo al “Ti Amo” incrollabile rivolto a ciascuna di loro da Gesù, che le chiama ad un amore vocazionale infinito, mediante una vita dedicata per sempre a Dio nel nascondimento e nella contemplazione, ma al tempo stesso aperta verso una dimensione di  carattere universale”.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2018 23:35


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Conoscete la cappella “verde” dedicata a San Francesco?
    È un giardino verticale completamente coperto di piante e da 3.000 alberi provenienti dai boschi dell’Europa centrale Nel Giardino Botanico di Roma, dal 5 giugno 2020 si può ammirare The living Chapel. La cappella vivente è stata realizzata da un’équipe internazionale di architetti, musicisti e artisti usando materiale riciclato, ed è un giardino verticale completamente […]
    Maria Paola Daud
  • I monasteri italiani portano avanti l’antica tradizione di realizzare candele a mano
    La maggior parte delle candele usate nelle chiese oggi è prodotta a livello industriale, ma qualche monastero italiano le realizza ancora a mano Il profumo della cera che brucia e la luce scintillante delle candele sono spesso associati alla pratica della fede cattolica. Le candele assumono un significato simbolico, con la luce che indica la […]
    V. M. Traverso
  • Il demonio che Gaudí ha nascosto nella Sagrada Familia
    Antoni Gaudí ha collocato l’immagine del diavolo come appare nella Genesi in un luogo che passa quasi inosservato ma pieno di simbolismo L’architetto Antoni Gaudí voleva che la Sagrada Familia di Barcellona fosse una catechesi sulla pietra. Per questo, è in ogni punto piena di immagini e di forme che rimandano alla Bibbia, alla liturgia […]
    Dolors Massot
  • In ogni stagione c’è almeno una pianta che fiorisce
    Vivere la comunione non è essere tutti uguali dentro uno schema che si ripete: è sapere che c’è un tempo diverso per ciascuno in cui sbocciare e della cui fioritura godono tutti. Di suor Patrizia Ameli La nostra casa a Grenoble è circondata da una chiesa, da una scuola e da un palazzo. Si trova […]
    Missionarie di San Carlo
  • La famiglia è un treno in corsa da cui vorresti scendere? Ritorna all’origine
    Esiste un vaccino per questa “malattia” e siamo noi stessi, la coppia, il nostro amore che va nutrito, custodito, rimesso al centro. Prendetevi dosi consistenti di voi… Se mi guardo indietro e analizzo la mia relazione c’è “un ingrediente” che ha fatto la differenza. Qualcosa che spesso si tende a sottovalutare. Soprattutto nelle nostra vita […]
    Matrimonio cristiano
  • Il primo gesto di carità? stare di buon umore!
    Perché, anche senza accorgersene, si illumina la vita agli altri Mi sono sempre chiesto come mai alcuni sentono il bisogno di interrogarsi su Dio e di mettersi in rapporto con Lui, mentre altri sembrano refrattari e indifferenti. Con gli anni mi sono reso conto che per tutti l’appuntamento con Dio arriva in un modo o […]
    Giuseppe Corigliano
  • Se non si diventa piccoli non si intuisce la grandezza del Vangelo
    Ecco perché il più umile contadino può avere del vangelo l’interpretazione più giusta rispetto al più preparato e superbo dei teologi. In quel tempo, nacque una discussione tra i discepoli, chi di loro fosse più grande. Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo mise vicino e disse loro: «Chi […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cosa è stato della Santa Croce su cui è morto Gesù?
    E come ha fatto Sant’Elena a riconoscerla? Buona parte della croce su cui è stato inchiodato Gesù si trova nella basilica di Santa Croce in Gerusalemme, a Roma, chiamata così proprio perché venne costruita per conservare questa venerata reliquia della Passione di Cristo. Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, la fece portare a Roma in occasione di […]
    Maria Paola Daud
  • La scintilla del lunedì – Non siamo fatti per la morte
    Il rosso dell’autunno è una sentinella: se l’anima è matura e trabocca dal desiderio di bene potrà mai spegnersi nell’inverno? Il calendario ci informa che da qualche giorno siamo entrati nell’autunno e la prima immagine che ci viene in mente sono le foglie che cadono. La consideriamo la stagione del tramonto, quasi la stanza d’ingresso […]
    Annalisa Teggi
  • Da Scalia a Barrett, sprint di Trump per la Corte Suprema
    Trump sceglie l’allieva del celebre giurista italoamericano per sostituire l’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. Ma i Democratici vogliono che sia il nuovo Congresso a ratificare la nomina, che porterebbe a 6 su 9 la maggioranza conservatrice alla Corte Suprema degli Stati Uniti La sabbia che scorre nella clessidra. Il cambio delle generazioni. Il simbolismo della […]
    Agi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 130:
    • 203:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login