La “funzione morale e spirituale” dello sport, strumento di “riscatto sociale ed educativo”

Redazione1
di Redazione1 febbraio 18, 2021 22:05

La “funzione morale e spirituale” dello sport, strumento di “riscatto sociale ed educativo”

Lo sport è più di un semplice passatempo: uno vero e proprio stile di vita che con i suoi valori assolve una chiara funzione morale e spirituale, in grado di guidare e sostenere i giovani di fronte ad una società logora e mediocre oramai sempre più rivolta verso il basso. Sport non soltanto come attività agonistica e competitiva propriamente intesa, ma soprattutto come riscatto sociale ed educativo a fronte di stimoli quotidiani non sempre idonei alla promozione dello sviluppo psicofisico della persona.

Sport che insegna come nella vita si possa vincere o perdere, nell’ottica di un procedimento che permetta all’individuo di apprendere l’arte del vivere, nel rispetto di sè

e del prossimo, e di affrontare i problemi e le difficoltà quotidiane con una marcia in più. In effetti, le difficoltà non hanno paternità: siano esse propriamente di tipo sportivo o di qualsiasi altro genere, sono pur sempre delle difficoltà. Ciò che conta, e che fa la differenza, è il modo in cui vengono percepite dalla nostra mente e di conseguenza affrontate. Sicuramente, avere un approccio positivo ai problemi può aiutarci meglio a ragionare per trovare una possibile soluzione.

Nella quotidianità, spesso questo approccio manca, siamo portati probabilmente per natura, ad avere una visione sconfortante dell’esistenza, a lamentarci, a vedere il bicchiere sempre mezzo vuoto. L’uomo per sua natura tende a concentrarsi su ciò che non va, spesso in preda allo sconforto, perdendo di vista il traguardo e, spesso, abbandonando un obiettivo un’ora prima del miracolo del suo conseguimento.

Convinzioni limitanti, il pensare di non potercela fare, dell’essere fatto così e di non poter cambiare, la mancanza di autostima, il condizionamento sociale, sono tutti fattori che spengono l’entusiasmo, la gioia di vivere, la curiosità che è il motore di ogni esperienza, della crescita. Ed ecco che la motivazione spesso viene meno, soffocata da una mediocrità sociale e negativista che porta al buio, alla morte. In realtà, siamo fatti per splendere. In questo senso, lo sport insegna molto: partire dal presupposto che nella vita le difficoltà sono una cosa assolutamente normale.

È il modo in cui accogliamo le difficoltà a fare la differenza: i campioni dello sport hanno una marcia in più perché capaci di accogliere le difficoltà quasi come una benedizione, ringraziandola e chiedendo cosa possono imparare da questa difficoltà per divenire degli atleti e delle persone migliori. In tutto questo, avere la consapevolezza di aver dato il massimo che potevamo, di aver messo tutto il nostro impegno, di aver utilizzato ogni fibra muscolare ed ogni neurone ci aiuterà a vivere in modo soddisfacente e senza alcun rammarico.

E’ un dato di fatto: una maggiore auto consapevolezza, che ci permetta di valutare in concreto il nostro impatto sugli altri, è un enorme vantaggio per ottenere equilibrio in tutti gli aspetti della nostra vita. In questo, le analogie con il mondo spirituale sono numerose: Lo sport è per la vita.

Nella sua accezione più pura esso è manifestazione di gioia, propositiva di valori autentici, in grado di elevare l’atleta verso forme di comportamento di alta qualità spirituale ed etica con il riconoscimento delle proprie virtù, dei propri talenti, come quelli di cui parla la famosa Parabola. Intesi come doni da coltivare e promuovere, senza pretese di superbia bensì nel rispetto di quell’umiltà tanto voluta dalla religione cristiana, che non conduce all’annullamento di sé ma alla valorizzazione delle proprie abilità nel rispetto dell’altro e nel riconoscimento dei propri limiti. Che, ben inteso, non rappresentino un punto di arrivo ma uno stimolo a fare di meglio, nell’ottica di quella idea di perfezione a cui l’uomo essere imperfetto aspiri nella dimensione di Dio, mantenendosi fedele nelle scelte e maturando in modo libero e consapevole ma soprattutto responsabile.

 

Gabriella Forlese

 

Redazione1
di Redazione1 febbraio 18, 2021 22:05


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La trasfigurazione di Gesù è avvenuta sul monte Tabor?
    Dopo sei giorni, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e discorrevano con Gesù. Prendendo […]
    padre Paweł Rytel-Andrianik
  • Nuovo rapimento in Nigeria, ma i media pensano ai cani di Lady Gaga
    Rapiti ieri 317 studenti dal dormitorio del liceo statale di Jangebe, nello stato nigeriano del Zamfara: è il terzo rapimento di massa in tre mesi. Su Twitter Obianuju Ekeocha ha denunciato: «C'è più attenzione mediatica per i cani rapiti di una star che per dei giovani nigeriani». Ieri, proprio mentre traducevamo l’intervista al pastore Gideon […]
    Giovanni Marcotullio
  • No dei vescovi USA all’Equality Act sul gender
    I leader religiosi mettono in guardia contro l'“imposizione di punti di vista nuovi e divisivi relativi al gender”L’Equality Act, che emenderebbe il Civil Rights Act del 1964 impedendo esplicitamente la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, verrà votato questa settimana alla Camera dei Rappresentanti. Mercoledì, i vescovi cattolici degli Stati Uniti hanno diffuso […]
    John Burger
  • “Spero di riuscirci fino in fondo”. Il digiuno quaresimale di Etty Hillesum
    Fratel Semeraro ci racconta la Quaresima vissuta da Etty. L'intellettuale ebrea ebbe una vita libertina, ma nonostante ciò, tenne ferme le sue convinzioni religiose Il digiuno quaresimale di Etty Hillesum è un digiuno “libero”, “spontaneo”. Lo ha praticato persino nel campo di concentramento dove lavorava come assistente sociale, cioè a Westerbroke, in Olanda. Fratel Michael […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Una visione davvero terrificante della crocifissione di Gesù
    Un'ombra della Croce è l'unica indicazione della barbarie che ha appena avuto luogoI 40 giorni che Cristo ha trascorso nel deserto devono essere stati un tormento grande quasi quanto la crocifissione. Trovare immagini che combinino questi due aspetti delle ultime settimane di Nostro Signore è quasi impossibile. Questo dipinto del 1867 ospitato nel Museo d’Orsay, […]
    Lucien de Guise
  • Posso fare ciò che voglio a patto di non ferire gli altri?
    La vera giustizia è quindi, per essenza, una specie di generosità: va al di là della leggePosso davvero fare ciò che voglio? A volte non capiamo realmente il significato delle regole che ci vengono imposte, perché non riusciamo a vedere quanto siano utili e possano proteggerci. Non parlo solo del fatto di dover indossare una […]
    Jeanne Larghero
  • La basilica di San Pietro: nel cuore della Chiesa, ai piedi dell’apostolo
    Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”Il primo sabato di Quaresima ci porta nel cuore della cristianità: la basilica di S. Pietro. Siamo sulle pendici del Colle Vaticano. La basilica è stata costruita intorno al 325 dall’imperatore Costantino sul luogo del martirio e della sepoltura del “principe degli apostoli”. […]
    Marinella Bandini
  • La scienziata di 26 anni che ha lasciato tutto per Dio
    La storia di una giovane spagnola che si è dedicata alla Terapia Cellulare ma non seguirà il cammino abitualeMaría del Carmen Martín Astorga è di Málaga (Spagna) e ha 26 anni. Mentre leggete questo articolo, ‘Maricarmen’ – come la chiamano i suoi amici – si dedica alla ricerca in Terapia Cellulare in Medicina veterinaria e […]
    Javier González García
  • “Francesco nella Terra di Abramo”
    Rai Premium propone un reportage che anticipa i temi e i luoghi dello storico viaggio di Papa Francesco in IraqLa prima volta di un Papa in Iraq, la prima volta di un Papa nella terra di Abramo. Una visita storica. Domenica 28 febbraio alle 15.15, a pochi giorni dal viaggio di Francesco in Iraq, previsto […]
    Lucandrea Massaro
  • Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
    Grazie e miracoli sono stati riferiti dai pellegrini che si sono bagnati nelle acque del Santuario dell'Amore Misericorioso a Collevalenza “Non come un giudice per condannare la gente e infliggerle la Sua punizione, ma come un Padre amorevole che la perdona, che dimentica e non tiene conto delle offese commesse contro di LUI”. Madre Speranza […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 18:
    • 181:
    febbraio: 2021
    L M M G V S D
    « Gen    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

    Login