Talitha kum: vitalità giovanile delle religiose anti-tratta, le opere di prevenzione e liberazione

Redazione1
di Redazione1 Maggio 24, 2024 23:12

Talitha kum: vitalità giovanile delle religiose anti-tratta, le opere di prevenzione e liberazione

La seconda Assemblea generale e il 15° anniversario della rete internazionale Talitha Kum, svolta dal 18 maggio a Sacrofano, in provincia di Roma, che ha riunito 5.500 religiose, religiosi e laici, tra cui almeno 600 giovani, nella mission comune di lottare contro la tratta di persone, è stata ravvivata questa volta da Balli, canti ed esperienze innovative. Nella stessa occasione, a Sacrofano, si s è celebrato anche il 15° anniversario della rete che riunisce 5.500 religiose, religiosi e laici, tra cui almeno 600 giovani. E proprio gli Youth Ambassador dei vari continenti hanno portato questa mattina la loro testimonianza: storie vive di impegno, creatività, motivazione, per lottare contro la piaga mondiale dello sfruttamento sessuale e lavorativo, che coinvolge sempre più donne, uomini e bambini, cambiando volti e forme.

Ora l’attenzione è puntata sui social, luogo pericoloso dove vengono adescate le vittime. Annullata l’udienza privata che domattina i 153 delegati all’Assemblea provenienti da 71 Paesi, tra cui decine di giovani, avrebbero dovuto avere con Papa Francesco: il Santo Padre invierà un suo messaggio. “In cammino insieme per porre fine alla tratta di esseri umani: compassione in azione per la trasformazione” è il tema scelto per l’evento. Nel 2023 con la loro azione di prevenzione, sensibilizzazione, sostegno e advocacy le coraggiose religiose anti-tratta hanno raggiunto nel mondo almeno 793.000 persone.

Durante lo svolgimento dell’Assemblea è stata presentata una dichiarazione finale sulle strategie per i prossimi cinque anni (2025-2030). Tre le priorità: il cambiamento sistemico di fronte alle nuove vulnerabilità; mettere al centro i sopravvissuti con azioni per la messa in sicurezza, l’accoglienza, l’educazione e l’inserimento lavorativo; ampliare le collaborazioni e il partenariato.

Le storie di riscatto e liberazione sono all’ordine del giorno. Akinyi Pauline Juma, 29 anni, keniana, madre di tre figli di 9, 6 e 2 anni, ha vissuto una durissima esperienza di tratta nella baraccopoli di Kibera a Nairobi. È stata vittima di sfruttamento sessuale dai 16 ai 19 anni, poi è caduta nelle mani di un marito violento ma ha avuto la forza d’animo di liberarsi. “A 24 anni sono fuggita da Kibera con mia madre e i miei tre figli – racconta al Sir –. Siamo andati a Kajiado”. Lì ha fondato Rebirth of a queen, una organizzazione che in 5 anni anni ha liberato 225 donne. Hanno una casa rifugio protetta dove possono ospitare fino a 38 persone inviate dai servizi sociali o dalle forze dell’ordine e fanno una azione di riabilitazione a tutto campo.

“Oltre ad offrire protezione cerchiamo di formare le donne perché raccontino la loro esperienza. Facciamo corsi di storytelling e fotografia, abbiamo un laboratorio per produrre borse in pelle. Vogliamo che si costruiscano una propria indipendenza economica, per essere veramente libere”. Purtroppo due mesi fa c’è stata una fuga di notizie da parte delle forze dell’ordine. I trafficanti sono venuti a sapere la località segreta della casa rifugio. “Sono entrati e ci hanno rubato delle cose. Ci siamo molto spaventate, è stato un trauma. La sicurezza per noi è il primo problema, perché non abbiamo i soldi per pagare agenti privati, come necessario nelle nostre zone”. Rebirth of a queen vive di donazioni e sostegno da parte di organizzazioni più grandi, tra cui il network di Talitha kum I giovani di Asia, Oceania, Americhe, Africa ed Europa – Youth Ambassador – hanno raccontato in sintesi le iniziative che portano avanti nei rispettivi territori.

La prevenzione e sensibilizzazione è presente ovunque, come pure la formazione e l’azione di advocacy presso le istituzioni per promuovere leggi anti-tratta più repressive nei confronti dei trafficanti e maggiori tutele per le sopravvissute. Anche la preghiera viene considerata una “forza potente”: frequenti sono le marce, le veglie e le celebrazioni organizzate, ad esempio, in occasione della festività della schiava diventata santa Bakhita, l’8 febbraio, quando la Chiesa celebra la Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani.

Spiccano, tra le tante iniziative, lo shop che produce e vende bagel a Tirana, Albania, dove lavorano decine di donne sopravvissute alla tratta; i flash mob, le manifestazioni per sensibilizzare i bambini in Canada, i progetti con le madri in Nuova Zelanda, il lavoro di prevenzione dei matrimoni forzati e della tratta nelle dure realtà delle baraccopoli in India, i programmi nelle scuole in Giappone, i progetti multidimensionali in Colombia, El Salvador, Brasile, Thailandia, Zimbabwe.

Per adeguarsi alle nuove insidie dei social e di internet e usare nuovi linguaggi, il network di Talitha Kum ha perfino lanciato alcuni mesi fa una App in cinque lingue, “Walking in dignity”, scaricata finora da 500 persone. “È stata pensata come un gioco, per far capire l’importanza della prevenzione”, spiega al Sir suor Abby Avelino, filippina, delle suore di Maryknoll, coordinatrice internazionale di Talitha Kum. Prima ha lavorato in Giappone e Thailandia. “Il nostro obiettivo ora è raggiungere più giovani possibili – afferma suor Avelino –. In questi anni siamo molto cresciuti: nell’assemblea del 2019 eravamo 30 reti locali, ora sono 60. I cambiamenti climatici, i conflitti, lo sfruttamento sessuale on line di bambini e donne sono oggi le nostre principali sfide. La priorità è proteggere e aiutare le sopravvissute ma anche fare opera di prevenzione e contrastare la domanda da parte degli uomini, in continuo aumento. Vogliamo collaborare ancora di più tra di noi e con i leader religiosi, i governi, i legislatori, le organizzazioni internazionali, le Ong e le persone che lavorano sul campo”.

A conclusione dei lavori, è stata  celebrata una liturgia dal card. Michael Czerny nella basilica di San Pietro e nel pomeriggio è avvenuta la cerimonia di premiazione del “Sisters Against Trafficking Award” all’auditorium Augustinianum di Roma. Tre suore sono state premiate per l’eccezionale coraggio, la creatività, la collaborazione e i risultati ottenuti nella protezione delle loro comunità.

 

 

 

 

 

Redazione da Ag. di inf.

Redazione1
di Redazione1 Maggio 24, 2024 23:12

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Unità dei cristiani: card. Grech, “non possiamo parlare di primato e collegialità senza ricollegarli alla sinodalità” 13 Giugno 2024
    “Se c’è un luogo, un contesto che oggi può manifestare – anzi, sta manifestando – una modalità nuova di esercitare il primato, questo è proprio il processo sinodale”. Ne è convinto il card. Mario Grech, segretario della Segreteria generale del Sinodo, intervenuto alla presentazione – in sala stampa vaticana – del documento “Il vescovo di […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “continuare il dialogo sull’infallibilità” 13 Giugno 2024
    “Tutti parlano dell’infallibilità del Papa, ma al Concilio Vaticano II si è detto dell’infallibilità della Chiesa”. A precisarlo è stato il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per la promozione dell’unità dei cristiani, rispondendo alle domande dei giornalisti, durante la presentazione – in sala stampa vaticana – del Documento di studio “Il vescovo di Roma. […]
  • Giornata mondiale dei poveri: Dicastero per l’evangelizzazione, il 17 novembre la messa del Papa e il pranzo con i poveri 13 Giugno 2024
    “I poveri hanno un posto privilegiato nel cuore di Dio, che è attento e vicino a ognuno di loro”. A ribadirlo è il Papa, nel messaggio per la VIII Giornata mondiale dei poveri, in programma il 17 novembre sul tema: “La preghiera del povero sale fino a Dio”.  “Dio ascolta la preghiera dei poveri e, […]
  • Papa Francesco: domani al G7, il programma ufficiale 13 Giugno 2024
    Domani Papa Francesco sarà il primo papa della storia a partecipare ad un G7. Alle 11 – informa la Sala Stampa della Santa Sede, che ne ha diffuso oggi il programma ufficiale – il Santo Padre partirà dall’eliporto del Vaticano per atterrare alle 12.30 nel campo sportivo di Borgo Egnazia, dove è accolto dal presidente […]
  • Pace: da oggi a domenica il card. Zuppi in Terra Santa 13 Giugno 2024
    Da questa mattina e fino al 16 giugno l’arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Matteo Zuppi, parteciperà a un Pellegrinaggio di comunione e pace in Terra Santa. “Pace a voi!”, questo il titolo e il tema del pellegrinaggio proposto dalla Chiesa di Bologna in comunione con il Patriarcato di Gerusalemme dei […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “primato e sinodalità non sono due dimensioni ecclesiali concorrenti” 13 Giugno 2024
    “Tutti i documenti concordano sulla necessità di un servizio di unità a livello universale, anche se i fondamenti e le modalità di questo servizio sono oggetto di diverse interpretazioni”. Lo ha detto il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per l’unità dei cristiani, presentando – in sala stampa vaticana – il documento di studio “Il […]
  • Unità dei cristiani: serve “esercizio sinodale del primato petrino” 13 Giugno 2024
    Il primato petrino dovrebbe essere inteso come “esercizio di un primato universale basato sul riconoscimento dell’interdipendenza reciproca tra primato e sinodalità a ogni livello della vita della Chiesa: locale, regionale e universale”. È una delle proposte contenute nel Documento di studio “Il vescovo di Roma”, in cui si fa presente la “necessità di un ministero […]
  • Unità dei cristiani: “la questione del primato non è più un problema, ma un’opportunità” 13 Giugno 2024
    “A differenza delle polemiche del passato, la questione del primato non è più vista semplicemente come un problema, ma anche come un’opportunità per una riflessione comune sulla natura della Chiesa e sulla sua missione nel mondo”. È quanto si legge nel Documento di studio “Il vescovo di Roma. Primato e sinodalità nei dialoghi ecumenici e […]
  • Papa Francesco: “i movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali” 13 Giugno 2024
    “I movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, ricevendo in udienza i partecipanti all’Incontro annuale con i Moderatori delle associazioni di fedeli, dei movimenti ecclesiali e delle nuove comunità, promosso dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita sul tema: “La sfida della sinodalità per la […]
  • Università salesiana: aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per la Facoltà di scienze della comunicazione sociale 13 Giugno 2024
    Sono ufficialmente aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per i corsi di Laurea e Laurea Magistrale in Comunicazione sociale, Media digitali e Cultura erogati dalla Facoltà di scienze della comunicazione sociale (Fsc) dell’Università pontificia salesiana per l’anno accademico 2024/2025. Per iniziare il percorso di studi in comunicazione in Fsc è necessario, infatti, sostenere un esame […]

Commenti recenti

     

    • 213:
    • 358:
    Giugno 2024
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login