MESSINA – Celebrata la Festività di San Giovanni Battista, Patrono dei Cavalieri di Malta

Redazione1
di Redazione1 giugno 29, 2016 00:13

MESSINA – Celebrata la Festività di San Giovanni Battista, Patrono dei Cavalieri di Malta

Commemorazione avvenuta nella storica sede messinese dell’Ordine di Malta, la prima nata, quasi in contemporanea, dopo quella di Gerusalemme 

E’ stata una celebrazione solenne e particolarmente significativa, Concelebrazione °quella che si è svolta nel tempio gerosolimitano di San Giovanni di Malta. Non solo perché intesa a festeggiare il grande Santo precursore di Gesù Cristo: uno dei più importanti profeti – anello di congiunzione tra il Vecchio e il Nuovo Testamento – ma anche perché questa cerimonia ci proietta indietro nel tempo, a più di 900 anni fa, insieme alla nobile storia del Sovrano Ordine di Malta, che fin dai suoi inizi è stato legato a questo Santo, eletto a suo protettore.S. Giovanni °

Una commemorazione, dunque, in cui si è avvertita l’eco di un passato lontano, le cui radici affondano nella storia del Cristianesimo al tempo in cui a Gerusalemme, tra l’XI e il XII secolo, nacque, ad opera dei “Frati ospedalieri”, una chiesa dedicata a S. Giovanni, e accanto una casa-ospedale dedicata ad accogliere i pellegrini e curare gli ammalati. Da allora, questa prima Comunità, divenuta nel 1113, “Ordine degli Ospedalieri” per disposizione papale, e in seguito chiamata Ordine di Malta, ha sempre prestato generosamente la propria opera per il bene materiale, oltre che spirituale, dei sofferenti e dei bisognosi.

Così, nell’antica chiesa di San Giovanni di Malta – alla presenza del rettore della chiesa, mons. Angelo Oteri, dei cappellani mons. Nino Caminiti e don Antonio Cipriano, delle autorità civili e militari cittadine, dei componenti del Consiglio della Delegazione Granpriorale e un folto pubblico – si è svolta la solenne concelebrazione liturgica, presieduta dall’Amministratore Apostolico mons. Benigno Papa, e animata dalla Corale “Eugenio Arena”, diretta da Giulio Arena, in onore del grande Santo, sotto la cui egida i Cavalieri di Malta hanno sempre operato.

Dopo il caloroso saluto che mons. AngeloSaluto Oteri ° Oteri, ha rivolto a mons. Benigno Papa, con espressioni di affetto, gratitudine, solidarietà e assicurazione di preghiera a sostegno dell’impegno che egli sta svolgendo come guida della Chiesa messinese, il presule – a sua volta – si è soffermato a spiegare l’importanza che la figura del Battista ha nell’opera di testimonianza e di preparazione alla venuta del Salvatore. Il compito fondamentale che il profeta svolge – ha spiegato mons. Papa – si sintetizza in un messaggio assai incisivo che viene trasmesso mediante l’esempio concreto di una esperienza di vita sacrificale e integerrima, da cui scaturiscono gli ammonimenti chiari e forti che invitano alla conversione e alla penitenza.

Dunque, è questa , in sintesi, la missione di Giovanni: tesa a spianare la strada all’avvento del Messia, perchè tutti abbiano ad accoglierlo e a credergli per mezzo della sua opera. Un modello esemplare – ha concluso il celebrante – da cui tutti i cristiani debbono trarre insegnamento, al fine di mettere in evidenza, attraverso la loro vita e le loro azioni, le verità e le opere evangeliche che conducono al Salvatore.Cavalieri di Malta °

Ed è proprio questo il programma che anima la volontà vocazionale dell’Ordine di Malta, fin dalla sua antica fondazione ad oggi – come ha ribadito nel suo messaggio di saluto ai presenti, a chiusura della cerimonia, il professore Giuseppe Romeo Vagliasindi, a nome della Delegazione Granpriorale di Messina.  “Una sede – ha ricordato Romeo – che può vantare una nascita quasi contemporanea a quella di Gerusalemme; la prima sorta dopo quella principale, e che, nel tempo, è stata sede del Gran Priorato di Sicilia. Ebbene, lo spirito che anima la vocazione di quest’Ordine laicale – ha affermato Romeo –  è proprio quello stesso che ci proviene da San Giovanni Battista che oggi celebriamo  quale nostro protettore, “dal cui insegnamento ci sentiamo incitati ad essere saldi nella fede ed efficaci nelle opere; quindi a mettere in pratica i due carismi dell’Ordine a lui consacrato; cioè l’efficacia nell’azione caritatevole e la fermezza nella confessione della fede”.

Una missione – ha continuato il professore Romeo – che Papa Francesco, nel suo primo incontro con il nostro Gran Maestro, con G. Romeo °l’intento di volerla incentivare, ha detto: “continuate la vostra missione con coraggio”. Ed è quanto l’Ordine di Malta ha sempre fatto, e continua a fare anche oggi, operando in più di 120 Paesi nel mondo.

Infine, A dare un contributo conclusivo alla cerimonia, quale rafforzamento delle attestazioni di religiosità organizzata, che fanno C. Marullo °parte delle finalità di un Ordine laico ricco di storia e di tradizione, con una identità  spiritualmente ben caratterizzata e ispirata alla spiccata personalità di questo grande Santo, il conte Carlo Marullo di Condojanni, ha presentato, evidenziandoli minutamente, i contenuti della “Preghiera quotidiana dei Cavalieri di Malta”, che sotto riportiamo.

 

Anastasio Majolino

 

Preghiera quotidiana dei
Cavalieri dell’Ordine di Malta ~

“Signore Gesù, che vi siete degnato farmi partecipare alla Milizia dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme, vi supplico umilmente per la intercessione della Beata Vergine di Filermo, di San Giovanni Battista e di tutti i Santi, di aiutarmi a restare fedele alle tradizioni del nostro Ordine, praticando e difendendo la Religione Cattolica, Apostolica, Romana, contro le empietà, ed esercitando la carità verso il prossimo, specialmente verso i poveri e gli infermi. Datemi infine le virtù necessarie per realizzare secondo lo spirito del Vangelo, con animo disinteressato e profondamente cristiano, questi santi desideri per la maggior gloria di Dio, la pace del mondo ed il bene dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme”

Redazione1
di Redazione1 giugno 29, 2016 00:13

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 145:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login