Edith Stein: filosofa, mistica e martire alla ricerca della verità

Redazione1
di Redazione1 agosto 10, 2021 23:08

Edith Stein: filosofa, mistica e martire alla ricerca della verità

In questo mese ricorre il 79° anno da quando suor Teresa Benedetta della Croce, mistica dell’Ordine delle Carmelitane Scalze, fu prelevata dalla Gestapo il 2 agosto del 1942, poichè ebrea, e deportata nel campo di sterminio di Auschwitz – Birkenau, dove il 9 agosto è morta nella camera a gas. Giovanni Paolo II la definì “una personalità che portò nella sua intensa vita una sintesi drammatica del nostro secolo”. Nel 1998 San Giovanni Paolo II la proclamò santa e l’anno successivo la dichiarò copatrona d’Europa. Di fronte alla persecuzione nazista, difese la sua origine ebraica, la sua fede cristiana e non vacillò quando dovette affrontare il sacrificio supremo donando la propria vita.

(Acistampa) Edith Stein prima di abbracciare l’ordine religioso del Carmelo è stata donna di studio, donna coraggiosa, che avrebbe segnato le pagine della storia contemporanea anche se non fosse divenuta santa. Nella sua densa vita, ha avuto la possibilità di entrare in contatto con alcune delle più brillanti menti del Novecento come Edmund Husserl, Max Scheler, Martin Heidegger a Jacques Maritain.

Edith Stein era l’allieva e assistente prediletta del filosofo tedesco Husserl, a Friburgo.  Da lui, assorbì il metodo di ricerca e di indagine filosofica. Edith, descriverà così il suo maestro: “Il suo modo di guidare lo sguardo sulle cose stesse e di educare a coglierle intellettualmente con assoluto rigore, a descriverle in maniera sobria, fedele e coscienziosa, ha liberato i suoi allievi da ogni arbitrio e da ogni fatuità nella conoscenza, portandoli a un atteggiamento cognitivo semplice, sottomesso all’oggetto e perciò umile”. La figura del filosofo tedesco per la Stein fu così fondamentale che contribuì – inconsciamente, forse – non solo alla sua formazione accademica, ma anche a quella della sua personalità.

L’opera filosofica più importante della Stein rimane “Essere finito ed Essere eterno”: un libro che rappresenta una sublime sintesi di filosofia e mistica. La sua ricerca è incentrata – soprattutto – sullo studio della condizione antropologica dell’uomo in riferimento all’Eternità. La visione metafisica della Stein, le pone alcune domande che rappresenteranno il punto d’inizio della sua ricerca di studiosa: “Che cos’è l’uomo?” e “Qual è la sua natura?”. “Quando noi parliamo di natura dell’uomo intendiamo l’essenza dell’uomo in quanto tale e in essa è incluso il fatto che egli è persona”, così scriverà Edith nel citato trattato. Questa sua attenzione all’uomo, alla “persona” diverrà – poi – l’incipit per approfondire la Persona (con la “P” maiuscola) Una e Trina: Dio.

Stein comprende attraverso l’approfondimento del pensiero cristiano che non si può cogliere la realtà autentica dell’essere umano senza prendere in considerazione l’Essere “primo” dal quale l’uomo stesso trae origine e vita. Inoltre, questo Essere si pone per ogni uomo come fine ultimo del suo agire e del suo esistere. Inevitabilmente, l’uomo diventa – così – egli stesso specchio di quell’Essere trinitario che è Dio. E, poiché l’anima dell’uomo è spirito, si innalza sopra se stessa nella sua vita spirituale. Questa, in estrema sintesi, la teoria espressa nell’importante volume “Essere finito ed Essere eterno” che rimane una pietra miliare del pensiero filosofico contemporaneo.

Nella vita della Stein avviene, poi, un qualcosa di straordinario: l’incontro con Dio. Per Edith questo fondamentale incontro passa per la ragione, per la lettura, e – soprattutto – per una incessante ricerca della verità. Tutto il suo studio filosofico, il suo travaglio interiore, andrà ad accompagnarsi – sempre più – a un senso mistico dell’esistenza umana. Il punto cruciale della sua conversione non solo religiosa ma anche intellettuale, sarà l’incontro con una grande figura del Cristianesimo: Santa Teresa d’Avila.

Era il 1921. Edith trascorre un periodo di vacanza nella casa di campagna di alcuni suoi amici: che    le lasciano le chiavi della biblioteca perché si devono assentare brevemente. In una notte in cui   Edith non riesce a dormire, si aggira per la casa fino a quando si addentra nella biblioteca. E’ lei stessa a raccontare l’episodio: “Presi casualmente un libro dalla biblioteca; portava il titolo “Vita di santa Teresa narrata da lei stessa”. Cominciai a leggere e non potei più lasciarlo finché non ebbi finito. Quando lo richiusi, mi dissi: questa è la verità”. Dopo tanto peregrinare, dopo tanto studio, dopo tanta ricerca per la verità, Edith riesce ad approdare all’unica grande Verità: Cristo.

Solo allora comprende che la verità non è un’idea, un concetto, ma una persona, anzi quella Persona che è Dio fatto uomo. Così la giovane filosofa ebrea, la brillante assistente di Husserl, nel gennaio del 1922 riceveva il Battesimo. La filosofia “perderà” una brillante mente, la Chiesa “acquisterà” un’aureola.

 

 

Redazione da Ag. di inf.

Redazione1
di Redazione1 agosto 10, 2021 23:08

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 143:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login