Chiesa dal “volto gentile”, il Card. De Donatis ai presbiteri: “Amore di amicizia per superare divisioni”

Redazione1
di Redazione1 ottobre 3, 2020 00:29

Chiesa dal “volto gentile”, il Card. De Donatis ai presbiteri: “Amore di amicizia per superare divisioni”

Il volto sorridente nelle relazioni di chi è dedicato al sostegno del prossimo – è il dettato sia psicologico che religioso – costituisce uno strumento di grande efficacia nell’effondere senso di vicinanza, accoglienza e amorevole amicizia. Rappresenta un’espressione contagiosa di amore gratuito, come ha detto Papa Francesco, di grande valore umano e spirituale che rende efficace i tentativi di aprire un dialogo attrattivo, convincente e benefico sia verso gli afflitti, i bisognosi di aiuto, come anche per vivere in pace con i fratelli nel rispetto reciproco. Un atteggiamento di cui c’è bisogno per tutti, ma specialmente per le persone consacrate “nel loro servizio fattivo e di testimonianza, quale segno riconoscibile e credibile di amore evangelico”.   

Il vicario del Papa per la diocesi di Roma incontra i presbiteri, dopo l’incontro con gli operatori pastorali. Si sofferma a sottolineare l’importanza di una “Chiesa dal volto gentile” che contribuisca a superare “le divisioni tra le persone, gli individualismi, gli odi sociali (AciStampa). Per rilanciare un rinnovamento all’amicizia tra le persone”. Il Cardinale Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma, incontra i presbiteri per delineare il cammino dell’anno, il primo dopo crisi pandemia e nella pandemia. E annuncia: dalla prima domenica di Avvento la diocesi di Roma comincerà ad usare la nuova traduzione del Messale in italiano.

C’era già stato, il 26 settembre, un incontro con gli operatori pastorali, e già in quel caso aveva parlato della necessità di un “amore di amicizia”. Ora, il cardinale De Donatis reitera l’obiettivo pastorale, guardando ad una Chiesa del dopo pandemia che deve un po’ rifarsi all’esperienza di Nazareth, anzi “al mistero di Nazareth”. “Quel paesino – afferma il Cardinale De Donatis – era una realtà geografica umana di periferia e in questa realtà per 30 anni Gesù non ha fatto miracoli, guarigioni, predicazioni e possiamo ricavare impressione di spreco di tempo e di energie, insieme all’imprevedibilità del disegno di Dio”. E allo stesso modo, aggiunge, “parte della pastorale ordinaria del cammino di questi anni può sembrarci uno spreco di tempo, di azioni, ma in realtà proprio quel che Gesù ha vissuto a Nazareth illumina quello che siamo chiamati a vivere in questo periodi”.

Parlando ai presbiteri, il Cardinale De Donatis ricorda i quattro verbi che faranno da guida all’anno pastorale – respirare, uscire, incontrare, abbracciare – che descrivono tutti la Chiesa nel giorno di Pasqua, e sottolinea che la vera questione è “l’evangelizzazione degli adulti e dei giovani”. Una evangelizzazione che deve partire proprio dall’incontro con Gesù, perché è da lì che “nasce la gioia di evangelizzare. È dal primato della grazia, dal respiro di Dio che nasce la missione”.

Il cardinale tratteggia gli obiettivi degli anni pastorali passati: dall’analisi sincera delle malattie vissute (le peggiori: autoreferenzialità, pessimismo, sterile, guerra tra di noi) alla memoria di come Dio ha guidato la storia delle comunità cristiane a Roma; dalla necessità di chiedere perdono a quella di scendere in mezzo al popolo e ascoltarne il grido; fino ad avere i sentimenti di Cristo”.

Dopo la pandemia, sottolinea il Cardinale De Donatis, dobbiamo comprendere che “nulla è come prima, è cambiato il mondo. Ci sentiamo delusi. Alcuni degli abituali non sono tornati, ma ne abbiamo accolti di nuovi”.

Il Cardinale propone di intensificare la pastorale “a tu per tu”. “Quello che c’è da fare – dice – è incontrare famiglie e ragazzi nei loro ambienti di vita, andare a visitare anziani e malati, farsi vicini a chi versa in stato di povertà economica. Non dobbiamo aver timore che questo tempo ci appaia insignificante, forse dovremmo tenere un po’ più presente Nazareth e il suo mistero”. Il compito è dunque quello di “far diventare normale l’amore e non l’odio e per rendere normale l’amore occorre riconoscere Gesù Cristo presente, fargli posto”. Il cardinale si raccomanda “lo stile: non significherà il quanto, ma il come”.

E lo stile è l’amore di amicizia, che ha “ben altra logica di chi cerca di imporre la propria ideologia o l’interesse della propria parte e non sempre siamo consapevoli della nostra tendenza di essere superiori e comportarci di conseguenza. Il cambiamento di epoca che stiamo vivendo ci porta in una situazione di essere lievito”.

E così , conclude, “cercheremo di sostenerci coltivando le relazioni nuove e la passione di annuncio del Vangelo e la passione educativa e vorremmo vivere quella rivoluzione della tenerezza e mistica della fraternità di cui tanto ci ha parlato il nostro vescovo. Puntiamo molto sulle famiglie, che hanno rivelato da una parte la loro fragilità, ma in altri casi hanno rivelato la loro forza, la loro capacità di farsi prossimi agli altri e di testimoniare il Vangelo”.

 

 

Redazione da Ag di i.

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 3, 2020 00:29

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 146:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login