Messina – Giornalismo in lutto: l’addio a Nino Calarco, per 44 anni direttore della Gazzetta del Sud

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2020 13:08

Messina – Giornalismo in lutto: l’addio a Nino Calarco, per 44 anni direttore della Gazzetta del Sud

E’ morto a 87 anni lo storico direttore della Gazzetta del Sud Nino Calarco. Lo ha annunciato il quotidiano messinese, ricordando in un post online che «con lui se ne va davvero un pezzo importante della storia di Messina e del Sud». Rammentando anche: “Nino Calarco giornalista nato sulla strada, politico per ‘missione’, uomo di grandi idee e di ancor più grandi passioni, è stato per tutti il Direttore”

La morte di Calarco, direttore per 44 anni, chiude un’importante parentesi storica per Messina nel campo del giornalismo con particolare attenzione alla promozione sociale: un lungo periodo di guida sicura e proficua del giornale che guidava con perizia e a cui ha dedicato un’intera vita. Insieme all’editore Uberto Bonino e a Gianni Morgante è’ stato una delle colonne portanti del quotidiano messinese, che lo ha visto appassionato e instancabile promotore culturale per il bene del Sud, con l’intelligente e profetico intento di unire, con “spirito” informatico e solidale, i siciliani e i calabresi. La stessa volontà con cui “il Direttore” ha profuso tante energie quale tenace promotore dell’unione delle due sponde, con passione e lungimiranza, sostenendo strenuamente il progetto del ponte sullo Stretto. Nel 1987 fu nominato presidente della società Stretto di Messina, che guidò fino al 2002, rinunciando a qualsiasi retribuzione. E’ stato anche direttore di Rtp, presidente della fondazione Bonino-Pulejo e senatore della Repubblica eletto nelle file della Democrazia Cristiana. Terminato il mandato parlamentare tornò a dirigere il giornale con rinnovato vigore.  E’ dalla sua intelligente operosità che è nata la

creazione del centro di eccellenza Irccs Neurolesi. Inoltre ci sarebbero da citare anche tante occasioni in cui Calarco, con il temperamento che lo distingueva: energico, impetuoso, a volte spigoloso, ma anche dotato di ponderatezza autocorrettiva e di acuta intelligenza, sapeva essere veloce e risoluto nelle decisioni importanti, dimostrando tempra di direttore intraprendente e incisivo.

Nel ricordarne la prestante e poliedrica personalità, con simpatia e apprezzamento, mi piace anche fare memoria della cordiale e fiduciosa disponibilità con cui Nino Calarco mi accolse, agli esordi della mia professione di psicoterapeuta e giornalista pubblicista, come collaboratore del giornale. Permettendomi, senza alcuna esitazione, di curare una impegnativa e specifica pubblicazione culturale fino allora mai trattata dal giornale. Un impegno che mi consentì di iniziare un percorso di cooperazione pubblicistica davvero fecondo di risultati, durante il quale ho potuto dare il mio contributo di competenza professionale su svariati avvenimenti, che richiedevano uno specifico approfondimento di carattere psicologico e psicosociale. Un’esperienza entusiasmante, per me davvero stimolante e gratificante, che si è protratta ininterrottamente per circa 40 anni, con reciproca stima e soddisfazione tra un direttore esigente e un collaboratore impegnato a dare il meglio di sè .

Naturalmente, parlare del rapporto giornalistico professionale col direttore Calarco, significa anche ricollegarmi all’anima del giornale, quindi ad una serie di conoscenze ed esperienze che trovavano nel fattore umano elementi di ulteriore arricchimento e gratificazione. Sono stati numerosi, infatti, i personaggi: dirigenti, redattori e operatori del giornale che mi è stato dato di conoscere, frequentare e stimare durante tutti quei lunghi anni di collaborazione. Una galleria ricca di tante figure amiche le cui doti di competenza, cordialità e simpatia rimangono come un patrimonio di memorie care che custodisco nella mente e nel cuore.

La morte di Calarco, inoltre, non può non richiamare la cara memoria dell’altro indimenticabile personaggio, Gianni Morgante, cui mi ha legato una sincera amicizia, deceduto proprio nello stesso mese di agosto di un anno fa. Una coincidenza che fa sembrare ci sia “una mano” misteriosa nell’evento “non casuale del loro addio al mondo”: una sorta di affettuoso “rendez vous” fra due inseparabili compagni di tante battaglie per l’affermazione e la diffusione del giornale, e di tanto altro, che così tornano insieme. Nel dare l’addio a Nino Calarco, dunque, sento anche di rinnovare il commosso saluto al suo amico fraterno che lo ha preceduto, nel nostalgico ricordo di un felice rapporto con entrambi, e di una stagione entusiasmante e impareggiabile.

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2020 13:08

RSS aleteia

  • I pericoli dell’attivismo nella vita interiore
    È cosa lodevole lavorare per Dio, ma attenzione a non ricadere nell’attivismo – come se volessimo “dimostrare di meritarci” la salvezza. Cerchiamo piuttosto di consolidare il nostro essere interiore prima di lanciarci nelle opere esteriori. The post I pericoli dell’attivismo nella vita interiore appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Jean-Michel Castaing
  • Un innamorato che non ha conosciuto le distanze, ma le ha percorse: san Domenico di Guzman
    O lumen Ecclesiae1 Luce della Chiesa, Dottore di verità, Rosa di pazienza, Avorio di castità,gratuitamente hai effuso l’acqua della sapienza:predicatore della grazia, ricongiungi anche noi tra i beati del cielo. Prega per noi, Santo padre Domenico.E saremo degni delle promesse di Cristo. PreghiamoTi supplichiamo Dio onnipotente, per intercessione di San Domenico nostro Padre, di sollevarci […]
    Padre Bruno Esposito, OP
  • Emma Torre: “Mio padre ha vinto questo premio anche se non c’è più”
    Si è svolta ieri sera la 66ima edizione della cerimonia dei David di Donatello, kermesse che celebra il meglio del cinema italiano. Uno dei momenti più commoventi della serata è stato quando la giovanissima Emma Torre è salita sul palco per ritirare il premio al posto del papà, lo sceneggiatore Mattia Torre, morto nel 2019. Un […]
    Annalisa Teggi
  • Pronti per un tour virtuale di una cappella in onore di San Giuseppe?
    Il 6 maggio, il Santuario Nazionale di Nostra Signora Aparecida è stato il luogo scelto per la preghiera mondiale per la fine della pandemia. Su Aleteia avete potuto seguire questa celebrazione dal vivo dall’emblematico santuario situato a San Paolo, in Brasile, come tutta la “maratona” convocata da Papa Francesco per il mese di maggio. Il […]
    Pablo Cesio
  • 5 idee ispiratrici sull’amicizia tratte dalle Scritture
    Il Vangelo ci ricorda quanto sia rivoluzionario il rapporto di Cristo con l’umanità. Egli ci ha offerto un modello radicalmente nuovo per accostarci a Dio attraverso l’amicizia. Comprendere il ruolo spirituale dell’amicizia ha un grande impatto sul modo in cui pratichiamo la nostra fede. La maggior parte delle culture antiche credeva in molti dèi, e […]
    Theresa Civantos Barber
  • La Santa Sede chiede di vaccinare i sacerdoti esposti a rischi
    “Un sacerdote che sia fedele alla sua vocazione e alla sua missione, e che quindi si spenda esercitando il proprio ministero in parrocchia, nelle carceri, negli ospedali, potrebbe essere considerato come parte di una ‘categoria a rischio’, per lo svolgimento di un servizio ‘socialmente utile’”. Lo afferma il Cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per […]
    Mirko Testa
  • Il Papa all’udienza generale: è bello rivedersi faccia a faccia
    Il Papa torna a presiedere l’udienza generale con la presenza dei fedeli. Le sue parole risuonano, tra volti di pellegrini di vari Paesi del mondo, dal Cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico. Sono contento di riprendere questo incontro faccia a faccia, perché vi dico una cosa: non è bello parlare davanti al niente, a […]
    Vatican News
  • La lettera di dimissioni di un’addetta alle pulizie diventa virale per una ragione importante
    Dopo 35 anni in cui ha pulito uffici, Julie Cousins è finalmente andata in pensione, ma prima di andarsene voleva essere certa che i suoi datori di lavoro comprendessero l’importanza di trattare con rispetto qualsiasi persona. Secondo suo figlio Joe, la donna ha lasciato una lettera che ha sottolineato gli atteggiamenti che l’hanno addolorata portandola […]
    Cerith Gardiner
  • Qual è il nostro destino? avere la stessa gloria di Cristo
    In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cristiano morto a 7 anni di tumore: mamma, come si fa ad andare in Paradiso?
    Oggi vi racconto la storia di Cristiano, un bambino salito al Cielo a soli sette anni a causa di un tumore al cervello, il 5 aprile 2016. Cristiano era appassionato di pittura e colori, ha disegnato fino al giorno prima di morire. Ultimo di sei fratelli, adorava andare a scuola, giocare a calcio, e non […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 20:
    • 111:
    maggio: 2021
    L M M G V S D
    « Apr    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login