Messina – Giornalismo in lutto: l’addio a Nino Calarco, per 44 anni direttore della Gazzetta del Sud

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2020 13:08

Messina – Giornalismo in lutto: l’addio a Nino Calarco, per 44 anni direttore della Gazzetta del Sud

E’ morto a 87 anni lo storico direttore della Gazzetta del Sud Nino Calarco. Lo ha annunciato il quotidiano messinese, ricordando in un post online che «con lui se ne va davvero un pezzo importante della storia di Messina e del Sud». Rammentando anche: “Nino Calarco giornalista nato sulla strada, politico per ‘missione’, uomo di grandi idee e di ancor più grandi passioni, è stato per tutti il Direttore”

La morte di Calarco, direttore per 44 anni, chiude un’importante parentesi storica per Messina nel campo del giornalismo con particolare attenzione alla promozione sociale: un lungo periodo di guida sicura e proficua del giornale che guidava con perizia e a cui ha dedicato un’intera vita. Insieme all’editore Uberto Bonino e a Gianni Morgante è’ stato una delle colonne portanti del quotidiano messinese, che lo ha visto appassionato e instancabile promotore culturale per il bene del Sud, con l’intelligente e profetico intento di unire, con “spirito” informatico e solidale, i siciliani e i calabresi. La stessa volontà con cui “il Direttore” ha profuso tante energie quale tenace promotore dell’unione delle due sponde, con passione e lungimiranza, sostenendo strenuamente il progetto del ponte sullo Stretto. Nel 1987 fu nominato presidente della società Stretto di Messina, che guidò fino al 2002, rinunciando a qualsiasi retribuzione. E’ stato anche direttore di Rtp, presidente della fondazione Bonino-Pulejo e senatore della Repubblica eletto nelle file della Democrazia Cristiana. Terminato il mandato parlamentare tornò a dirigere il giornale con rinnovato vigore.  E’ dalla sua intelligente operosità che è nata la

creazione del centro di eccellenza Irccs Neurolesi. Inoltre ci sarebbero da citare anche tante occasioni in cui Calarco, con il temperamento che lo distingueva: energico, impetuoso, a volte spigoloso, ma anche dotato di ponderatezza autocorrettiva e di acuta intelligenza, sapeva essere veloce e risoluto nelle decisioni importanti, dimostrando tempra di direttore intraprendente e incisivo.

Nel ricordarne la prestante e poliedrica personalità, con simpatia e apprezzamento, mi piace anche fare memoria della cordiale e fiduciosa disponibilità con cui Nino Calarco mi accolse, agli esordi della mia professione di psicoterapeuta e giornalista pubblicista, come collaboratore del giornale. Permettendomi, senza alcuna esitazione, di curare una impegnativa e specifica pubblicazione culturale fino allora mai trattata dal giornale. Un impegno che mi consentì di iniziare un percorso di cooperazione pubblicistica davvero fecondo di risultati, durante il quale ho potuto dare il mio contributo di competenza professionale su svariati avvenimenti, che richiedevano uno specifico approfondimento di carattere psicologico e psicosociale. Un’esperienza entusiasmante, per me davvero stimolante e gratificante, che si è protratta ininterrottamente per circa 40 anni, con reciproca stima e soddisfazione tra un direttore esigente e un collaboratore impegnato a dare il meglio di sè .

Naturalmente, parlare del rapporto giornalistico professionale col direttore Calarco, significa anche ricollegarmi all’anima del giornale, quindi ad una serie di conoscenze ed esperienze che trovavano nel fattore umano elementi di ulteriore arricchimento e gratificazione. Sono stati numerosi, infatti, i personaggi: dirigenti, redattori e operatori del giornale che mi è stato dato di conoscere, frequentare e stimare durante tutti quei lunghi anni di collaborazione. Una galleria ricca di tante figure amiche le cui doti di competenza, cordialità e simpatia rimangono come un patrimonio di memorie care che custodisco nella mente e nel cuore.

La morte di Calarco, inoltre, non può non richiamare la cara memoria dell’altro indimenticabile personaggio, Gianni Morgante, cui mi ha legato una sincera amicizia, deceduto proprio nello stesso mese di agosto di un anno fa. Una coincidenza che fa sembrare ci sia “una mano” misteriosa nell’evento “non casuale del loro addio al mondo”: una sorta di affettuoso “rendez vous” fra due inseparabili compagni di tante battaglie per l’affermazione e la diffusione del giornale, e di tanto altro, che così tornano insieme. Nel dare l’addio a Nino Calarco, dunque, sento anche di rinnovare il commosso saluto al suo amico fraterno che lo ha preceduto, nel nostalgico ricordo di un felice rapporto con entrambi, e di una stagione entusiasmante e impareggiabile.

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2020 13:08

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 77:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login