Anche a S. Teresa è capitato di vivere una pandemia, ma con fermo “piglio pasquale”

Redazione1
di Redazione1 Aprile 11, 2020 23:42

Anche a S. Teresa è capitato di vivere una pandemia, ma con fermo “piglio pasquale”

In momenti difficili e dolorosi come quelli che stiamo vivendo, in cui sentimenti di tristezza, paura, solitudine, abbandono e sconforto, generano pensieri assai cupi, è certamente incoraggiante ascoltare come momenti simili sono stati vissuti da una santa fiduciosa e appassionata come S. Teresina di Lisieux. Ce ne fornisce un quadro sintetico ma significativo F. Iacopo Iadarola ocd.

Nell’anniversario dell’ingresso di Teresina al Carmelo (9 aprile 1888, da lei accuratamente annoverato fra «i Giorni di Grazie concessi dal Signore alla sua piccola sposa»), condivido coi nostri lettori due paginette di Storia di un’anima (Ms A 79r°-79v°) di tremenda attualità. Confesso che, nonostante abbia letto Storia di un’anima almeno tre o quattro volte, le avevo candidamente dimenticate e ritrovarle ora è stato come leggerle per la prima volta.

Effettivamente anche Teresina non si dilunga sui fatti raccontati in queste due pagine del suo diario, e ne tratta quasi en passant, per quanto certo non si può dire che non dia loro importanza: «Mai potrò dire tutto ciò che ho visto, cosa mi è sembrata la vita e tutto ciò che passa […] la morte regnava ovunque». Teresina sta parlando di quella maledetta “influenza russa” che nella sola Francia avrebbe falciato 70.000 vittime in un solo inverno, e che nel Carmelo di Lisieux avrebbe ucciso tre consorelle nel giro di pochi giorni e prostrato fisicamente e psicologicamente tutte le altre.

Siamo nell’inverno 1891-1892, Teresina aveva appena compiuto 19 anni; ma come non pensare a quanto stiamo attraversando oggi, e che consolazione prendere atto che la nostra Teresina conosce fin troppo bene ciò che stiamo vivendo, dal momento che subì una pandemia sulla propria pelle, in condizioni igieniche e in un’emergenza sanitaria di gran lunga peggiori dell’attuale.

Quanto fa bene dunque rileggere queste pagine oggi e applicare la Weltanschauung della piccola via a questa grande tragedia che stiamo attraversando: con lo sguardo di Teresina, lo sguardo di una bambina di cui è il Regno dei Cieli, lo sguardo di una sposa appassionata che ha saputo guardare in faccia la morte e non averne paura, perché certa e fiduciosa che «tutto è grazia» e che tutto è nelle Sue amorevoli mani (non dimentichiamo che Teresina avrebbe pronunciato questa celebre frase nell’ultima primavera della sua vita, il 5 giugno 1897, in un frangente in cui non potendo ricevere i sacramenti comprese che anche ciò era una grazia: grande insegnamento per noi oggi…).

Solo con questo piglio di bambina e di sposa può esser tenuta ferma la speranza nella tragedia, rimboccandosi le maniche all’occorrenza e piangendo con chi piange; solo con questo piglio può esser “festeggiato” interiormente un compleanno con una morte; può esser intravista la gioia e la pace nel trapasso delle sorelle e ci si può sentire “viziati” da Gesù in circostanze in cui altri – proprio perché magari non han ricevuto la testimonianza luminosa della nostra fede – si sarebbero depressi o suicidati: perché è il piglio innamorato della Vita che vince la morte.

È il piglio della Pasqua.

Ecco qui di seguito le due pagine del Manoscritto A (79r°-79v°):

“[…] Un mese dopo la dipartita della nostra Santa Madre, l’influenza si manifestò nella comunità:[1] io ero la sola in piedi con altre due sorelle, mai potrò dire tutto ciò che ho visto, cosa mi è sembrata la vita e tutto ciò che passa… Il giorno dei miei 19 anni fu festeggiato da una morte, seguita ben presto da altre due.[2] In quel periodo ero sola in sacrestia, perché la mia maggiore di ufficio era gravemente ammalata, ero io che dovevo preparare i funerali, aprire le grate del coro alla messa, ecc. Il Buon Dio mi ha donato molte grazie di fortezza in quel momento, adesso mi chiedo come ho potuto fare senza spaventarmi tutto ciò che ho fatto, la morte regnava ovunque, le più malate erano curate da quelle che si trascinavano a fatica, appena una sorella aveva reso l’ultimo respiro eravamo costrette a lasciarla sola”.  

“…La sera della morte della Madre Sottopriora, ero sola con l’infermiera:[3] è impossibile immaginarsi il triste stato della comunità in quel momento, solo quelle che erano in piedi possono farsene un’idea, ma in mezzo a quell’abbandono, sentivo che il Buon Dio vegliava su di noi. Era senza fatica che le morenti passavano a una vita migliore: subito dopo la loro morte, un’espressione di gioia e di pace si effondeva sui loro volti, si sarebbe detto un dolce sonno; e tale era veramente poiché dopo che la scena di questo mondo sarà passata, si risveglieranno per godere eternamente le delizie riservate agli eletti. Per tutto il tempo in cui la comunità fu provata così, potei avere l’ineffabile consolazione di fare tutti i giorni, la Santa Comunione… Ah! come era dolce!…Gesù mi viziò per molto tempo, più a lungo delle sue spose fedeli, perché permise che me Lo donassero senza che le altre avessero la felicità di riceverlo. Ero anche tanto felice di toccare i vasi sacri, di preparare i piccoli lini destinati a ricevere Gesù, sentivo che dovevo essere molto fervente e mi ricordavo spesso di questa parola rivolta a un santo diacono: “Siate santi, voi che toccate i vasi del Signore” […][4].

 

 

Redazione da ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 Aprile 11, 2020 23:42

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Unità dei cristiani: card. Grech, “non possiamo parlare di primato e collegialità senza ricollegarli alla sinodalità” 13 Giugno 2024
    “Se c’è un luogo, un contesto che oggi può manifestare – anzi, sta manifestando – una modalità nuova di esercitare il primato, questo è proprio il processo sinodale”. Ne è convinto il card. Mario Grech, segretario della Segreteria generale del Sinodo, intervenuto alla presentazione – in sala stampa vaticana – del documento “Il vescovo di […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “continuare il dialogo sull’infallibilità” 13 Giugno 2024
    “Tutti parlano dell’infallibilità del Papa, ma al Concilio Vaticano II si è detto dell’infallibilità della Chiesa”. A precisarlo è stato il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per la promozione dell’unità dei cristiani, rispondendo alle domande dei giornalisti, durante la presentazione – in sala stampa vaticana – del Documento di studio “Il vescovo di Roma. […]
  • Giornata mondiale dei poveri: Dicastero per l’evangelizzazione, il 17 novembre la messa del Papa e il pranzo con i poveri 13 Giugno 2024
    “I poveri hanno un posto privilegiato nel cuore di Dio, che è attento e vicino a ognuno di loro”. A ribadirlo è il Papa, nel messaggio per la VIII Giornata mondiale dei poveri, in programma il 17 novembre sul tema: “La preghiera del povero sale fino a Dio”.  “Dio ascolta la preghiera dei poveri e, […]
  • Papa Francesco: domani al G7, il programma ufficiale 13 Giugno 2024
    Domani Papa Francesco sarà il primo papa della storia a partecipare ad un G7. Alle 11 – informa la Sala Stampa della Santa Sede, che ne ha diffuso oggi il programma ufficiale – il Santo Padre partirà dall’eliporto del Vaticano per atterrare alle 12.30 nel campo sportivo di Borgo Egnazia, dove è accolto dal presidente […]
  • Pace: da oggi a domenica il card. Zuppi in Terra Santa 13 Giugno 2024
    Da questa mattina e fino al 16 giugno l’arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Matteo Zuppi, parteciperà a un Pellegrinaggio di comunione e pace in Terra Santa. “Pace a voi!”, questo il titolo e il tema del pellegrinaggio proposto dalla Chiesa di Bologna in comunione con il Patriarcato di Gerusalemme dei […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “primato e sinodalità non sono due dimensioni ecclesiali concorrenti” 13 Giugno 2024
    “Tutti i documenti concordano sulla necessità di un servizio di unità a livello universale, anche se i fondamenti e le modalità di questo servizio sono oggetto di diverse interpretazioni”. Lo ha detto il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per l’unità dei cristiani, presentando – in sala stampa vaticana – il documento di studio “Il […]
  • Unità dei cristiani: serve “esercizio sinodale del primato petrino” 13 Giugno 2024
    Il primato petrino dovrebbe essere inteso come “esercizio di un primato universale basato sul riconoscimento dell’interdipendenza reciproca tra primato e sinodalità a ogni livello della vita della Chiesa: locale, regionale e universale”. È una delle proposte contenute nel Documento di studio “Il vescovo di Roma”, in cui si fa presente la “necessità di un ministero […]
  • Unità dei cristiani: “la questione del primato non è più un problema, ma un’opportunità” 13 Giugno 2024
    “A differenza delle polemiche del passato, la questione del primato non è più vista semplicemente come un problema, ma anche come un’opportunità per una riflessione comune sulla natura della Chiesa e sulla sua missione nel mondo”. È quanto si legge nel Documento di studio “Il vescovo di Roma. Primato e sinodalità nei dialoghi ecumenici e […]
  • Papa Francesco: “i movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali” 13 Giugno 2024
    “I movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, ricevendo in udienza i partecipanti all’Incontro annuale con i Moderatori delle associazioni di fedeli, dei movimenti ecclesiali e delle nuove comunità, promosso dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita sul tema: “La sfida della sinodalità per la […]
  • Università salesiana: aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per la Facoltà di scienze della comunicazione sociale 13 Giugno 2024
    Sono ufficialmente aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per i corsi di Laurea e Laurea Magistrale in Comunicazione sociale, Media digitali e Cultura erogati dalla Facoltà di scienze della comunicazione sociale (Fsc) dell’Università pontificia salesiana per l’anno accademico 2024/2025. Per iniziare il percorso di studi in comunicazione in Fsc è necessario, infatti, sostenere un esame […]

Commenti recenti

     

    • 197:
    • 358:
    Giugno 2024
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login