Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15

Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Sono diverse e di varia entità le disuguaglianze che, per diversi gravi disagi, frammentano le fasce sociali nel mondo, facendo riflettere con amarezza su quanti sono nell’impossibilità di vivere pienamente certe festività, di speciale significato religioso e gioioso come quella del Natale. Ma la riflessione si fa consapevolezza assai dolorosa, se il momento festivo che per i cristiani merita di essere celebrato con sentimenti di gioia, viene invece trasformato addirittura nella orrenda condizione di poter essere trucidati a causa di persecuzione.      

Dalle tristissime notizie giunte alcuni giorni fa dalla Nigeria. Sono stati 11 i cristiani fucilati e decapitati nel giorno di Natale in una località imprecisata, mentre altri cristiani sono stati uccisi in una località imprecisata nel Nord Est del Paese. Attentati rivendicati dai miliziani dello Stato Islamico nella provincia dell’Africa Occidentale (Iswap), una fazione di Boko Haram particolarmente fedele al cosiddetto Stato Islamico. Una notizia che non è una sorpresa per don Mario Alexis Portella, Cancelliere dell’arcidiocesi di Firenze che ha studiato l’Islam, ha scritto un libro intitolato “Islam, religione di pace?” e tra luglio ed agosto dello scorso anno è stato nella regione di Maiduguri, nel Nord Est della Nigeria, a raccogliere storie e volti di quella che è una persecuzione dimenticata dai media.

Quando Boko Haram nel 2014 rapì 276 studentesse nigeriane, e l’attenzione del mondo era focalizzata sulla Nigeria, partì la campagna “Bring back our girls”. Ma nel febbraio 2018 c’è stato un nuovo rapimento, di cui pochissimi parlano. “Quello che sta succedendo in Nigeria – racconta ad ACI Stampa don Portella – è simile a un genocidio. Un genocidio nascosto, perché non viene data visibilità alla situazione in Africa, non ci sono gli stessi riflettori che ci sono sul Medio Oriente. Così, il genocidio, la persecuzione, stanno già succedendo”.

Nel suo soggiorno nel Paese, don Portella è stato accompagnato da un sacerdote dell’area che sta studiando Comunicazioni Sociali, ed è potuto arrivare, scortato dai militari, a visitare le scuole private cattoliche e “mostrare loro il mio supporto, incoraggiarli. Tutti sorridevano, portavano la croce”. Molte le storie, alcune terribili. “C’era una donna – racconta don Portella – che è stata rapita da Boko Haram tre anni fa allo scopo di farne la loro schiava sessuale. Stuprata da quattro uomini, era rimasta incinta. Ha dato il bambino alla luce, sebbene questo fosse considerato impuro. Ma lei ha trovato un modo di portare avanti il tutto, anche con l’aiuto del vescovo”.

La situazione in Nigeria è molto dura. Boko Haram è basato nella zona Nord Est del Paese, nella zona economicamente più vantaggiosa. “Sono molto attivi – sottolinea don Portella – continuano ad uccidere Si parla di loro perché sono musulmani, ma non si parla dei cristiani che vengono perseguitati”.

Don Portella ricorda che la persecuzione dei cristiani in Nigeria risale già al XIX secolo, sotto il califfato di Sokoto, mentre la Shari’a (la legge islamica) è stata ufficialmente stabilita nella regione nel 1999, e la violenza islamista è cresciuta da quando Muhammadu Buhari è stato eletto presidente nel 2015. Tra gli episodi di violenza dimenticati, don Portella ricorda “l’uccisione, lo scorso 1 agosto, di Padre Paul Offu nella Nigeria del Sud, per mano del gruppo islamico Fulani che Buhari ancora deve condannare come terroristi”. Una situazione che ha fatto paventare all’ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo la possibilità di un “genocidio in stile ruandese”. Don Portella ricorda anche il tempo che ha trascorso con “una donna il cui marito, Yohanna, è stato rapito da Boko Haram e poi ucciso. Anche questa, una storia di cui pochi parlano”.

Per don Portella, il problema sta proprio nella “shari’a”, che va ad indottrinare anche gli “Almajiri” ovvero gli emigranti che sono chiamati ad emigrare per causa di Allah e portare il suo messaggio. Per molti, questo sistema è “una attraente alternativa a mandare i propri figli nelle scuole statali, che costano soldi e buona parte delle scuole religiose in Nigeria forniscono istruzione gratuita. Ma gli Alamjiri devono prendersi cura dei loro bisogni quotidiani, in molti vanno a chiedere l’elemosina quando non studiano, e circa 7 milioni di Almajiri (sono dati del Consiglio per il Welfare di Nigeria) popolano le strade della Nigeria del nord, esposti a violenza, traffico di esseri umani, fame, mentre quelli che sopravvivono prendono lavori di basso livello. È un grande serbatoio per l’estremismo islamico”.

Don Portella non nega che ci siano anche musulmani tra le vittime di Boko Haram e dei Fulani, ma in quel caso il governo ha lavorato per aiutarli e ricostruire le case, mentre “i cristiani sono lasciati fuori al freddo” e viene anche loro “negato di costruire una chiesa, considerando che l’ultimo Certificato di Occupazione per una chiesa a Maiduguri risale al 1979”. Gli studenti cristiani poi non possono avere “curricula religiosi cristiani alle elementari e medie, e sono forzati a studiare l’Islam. Vengono anche loro negati lavori e promozioni in agenzie parastatali del governo”.

Questa discriminazione si unisce alle violenze, che hanno portato ad un vero e proprio eccidio: nel solo 2018, ci sono state almeno 1200 persone uccise e 200 mila sfollate a causa  della violenza islamica. Per questo, il massacro di Natale non è una sorpresa per don Portella. Piuttosto, sarebbe bene che i riflettori si accendessero anche sull’Africa, lì dove la persecuzione anti-cristiana è comunque fortissima. E non viene raccontata.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15

RSS aleteia

  • I nuovi proletari e il dovere per il Papa di essere “avvocato dei poveri”
    Parole profetiche su quelli che oggi il suo successore Francesco chiama “gli scartati”. Un’analisi realistica sui grandi squilibri e sulle conseguenze dell’esodo verso i grandi agglomerati urbani. Una critica all’ideologia marxista e al suo materialismo ateo, ma anche una critica all’ideologia liberale che meno di vent’anni dopo avrebbe prevalso aprendo definitivamente la strada al turbo-capitalismo. […]
    Andrea Tornielli
  • “L’amore mi ha insegnato ogni cosa”. Un corto animato che offre preziose lezioni di vita
    di Franco Lanata Vi presentiamo un cortometraggio di Fred e Sam Gillaume intitolato “La volpe e l’uccellino”, che ci mostra in modo artistico, allegorico e semplice il valore e la bellezza delle relazioni personali. Come si vede, la trama non è complessa, ma la realtà umana che rappresenta sì. La storia narrata è quella di […]
    Catholic Link
  • Emozioni e “trucchetti da santi” (4/5): combattere la pigrizia con Girolamo di Stridone
    Come i santi più grandi hanno gestito le loro emozioni? Sulla scia di Edwige Billot (autrice in Francia di “Et si les saints nous coachaient sur nos émotions ?” [Téqui]), Aleteia vi propone di scoprire ogni giorno per cinque giorni un “trucchetto da santo” per orientare un’emozione secondo il cuore di Dio. The post Emozioni […]
    Mathilde De Robien
  • Il Papa, vaccini: sospendere a tempo la proprietà intellettuale
    È il tema del momento della politica, che deve fare i conti con economia ed interessi. È il tema di sempre di Francesco, che guarda costantemente agli esseri umani, specie se interessano a pochi. Los Angeles si illumina per uno spettacolo su YouTube, che vuole avere la forza di un movimento d’opinione in grado di […]
    Vatican News
  • Affidate tutte le vostre preoccupazioni alla Vergine Maria per camminare meglio verso il Signore
    Gesù ci ha dato Sua Madre, e non in un qualsiasi momento ma poco prima di morire (Gv 19, 26-27). Maria è anche nostra, sotto la Croce è diventata Madre della Chiesa. Lei ci è data per essere vicina a noi come segno discreto della sollecitudine del Padre, per condurci a Gesù, per aprirci all’azione […]
    Edifa
  • Come aiutare il figlio a trovare la sua vocazione?
    È sempre Dio che chiama. Ma Egli chiama con discrezione, come “un mendicante che bussa alla porta”. Affinché i nostri figli sentano la chiamata di Dio, è necessario che la loro attenzione si concentri su quest’unica domanda: qual è il piano d’amore che Dio ha per me? Non spingere il figlio a scegliere una strada […]
    Edifa
  • Festa della mamma: non dimentichiamo di celebrare la maternità spirituale di Maria e quella della Chiesa
    La festa della mamma ci invita a pensare non solo a colei che ci ha dato la vita e ci ha cresciuti, ma anche alla maternità spirituale di cui beneficiamo incessantemente: quella di Maria e quella della Chiesa. Come la Vergine Maria e la Chiesa esercitano la maternità? Attraverso il Suo “Fiat”, Maria acconsente al […]
    Edifa
  • Una mamma su due lascia il lavoro per la cura dei figli
    Oltre una mamma su due (53,3%) che si licenzia lo fa perché non riesce a conciliare con il proprio lavoro la cura dei figli, il tempo fuori casa e gli orari di scuole e asili nido. E’ quanto emerge dall’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati dell’Ispettorato nazionale del lavoro in occasione della Festa della […]
    Agi
  • Lettera aperta in risposta a una mamma agnostica
    di Will Wright Questa lettera aperta è stata scritta in risposta a un articolo virale scritto da Amelia Kibbie e che si può leggere qui. Cara Amelia, nel momento in cui scrivo questo testo il tuo articolo è stato condiviso 20.928 volte solo su Facebook. È quindi chiaro che questo sentimento risuoni nel cuore di […]
    Catholic Link
  • Adrienne, una comunicatrice cattolica alla NASA
    Adrienne Alessandro O’Brien ha concluso gli studi presso la Facoltà di Comunicazione della Pontificia Università della Santa Croce nel 2007-2008. Dopo gli studi è stata scelta per lavorare non in un’organizzazione cattolica ma alla NASA, come responsabile della comunicazione del Goddard Space Flight Center. Il Goddard è un laboratorio di ricerca scientifica sul cosmo al […]
    Dolors Massot

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 20:
    • 145:
    maggio: 2021
    L M M G V S D
    « Apr    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login